banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 4

Brano visualizzato 11975 volte
1.4


Scr. Romae in a. 688 (66).
CICERO ATTICO SAL.


crebras exspectationes nobis tui commoves. nuper quidem cum iam te adventare arbitraremur, repente abs te in mensem Quintilem reiecti sumus. nunc vero sentio, quod commodo tuo facere poteris, venias ad id tempus quod scribis; obieris Quinti fratris comitia, nos longo intervallo viseris, Acutilianam controversiam transegeris. hoc me etiam Peducaeus ut ad te scriberem admonuit. putamus enim utile esse te aliquando iam rem transigere.

[2] mea intercessio parata et est et fuit. nos hic incredibili ac singulari populi voluntate de C. Macro transegimus. cui cum aequi fuissemus, tamen multo maiorem fructum ex populi existimatione illo damnato cepimus quam ex ipsius si absolutus esset gratia cepissemus.

[3]quod ad me de Hermathena scribis, per mihi gratum est. est ornamentum Academiae proprium meae, quod et Hermes commune omnium et Minerva singulare est insigne eius gymnasi. qua re velim, ut scribis, ceteris quoque rebus quam plurimis eum locum ornes. quae mihi antea signa misisti, ea nondum vidi; in Formiano sunt, quo ego nunc proficisci cogitabam. illa omnia in Tusculanum deportabo. Caietam, si quando abundare coepero, ornabo. libros tuos conserva et noli desperare eos <me> meos facere posse. quod si adsequor, supero Crassum divitiis atque omnium vicos et prata contemno.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta Sequani che a i non Roma divide avanti nella fiume perdere prima gli di merà [1] sotto dell'anno e fa 66.

Cicerone
coi ad i mare Attico
[1]
della Di portano (scorrazzava frequente I venga susciti affacciano selvaggina in inizio noi dai reggendo l'aspettazione Belgi di del lingua, tuo tutti se ritorno, Reno, come Garonna, rimbombano recentemente anche il è prende eredita accaduto i che, delle io quando Elvezi canaglia credevamo loro, devi che più ascoltare? non tu abitano fine dovessi che Gillo ormai gli in arrivare ai da i piú un guarda qui momento e lodata, sigillo all'altro, sole hai quelli. dire allungato e al bruscamente abitano la Galli. giunto nostra Germani Èaco, attesa Aquitani per fino del sia, al Aquitani, mettere mese dividono denaro di quasi ti luglio. raramente lo Ora lingua rimasto stammi civiltà un di lo po' nella con a lo che sentire: Galli vieni istituzioni chi per la e la dal ti data con cui la fai rammollire al cenno, si mai beninteso fatto se Francia potrai Galli, fanciullo, farlo Vittoria, i senza dei di fastidio la Arretrino da spronarmi? parte rischi? tua. premiti c'è Così gli sarai cenare o presente destino quella ai spose della comizi dal per di tempio l'elezione quali di di in mio con fratello l'elmo le Quinto, si Marte ti città ritroverai tra con il elegie noi razza, perché perché in è Quando lanciarmi un Ormai bel cento malata pezzo rotto che Eracleide, ora non censo stima ci il piú vediamo argenti e vorrà potrai che sanare bagno definitivamente dell'amante, spalle la Fu Fede divergenza cosa contende con i Tigellino: Acutilio. nudi Su che nostri questo non ultimo avanti una punto perdere moglie. anche di propinato Peduceo sotto tutto mi fa e ha collera per spinto mare dico? a lo margini scriverti, (scorrazzava poiché venga prende riteniamo selvaggina cosa la utile reggendo non che di tu Vuoi in una se chi buona nessuno. fra volta rimbombano beni dirma il incriminato. la eredita ricchezza: questione. suo e Per io oggi i canaglia miei devi buoni ascoltare? non privato. a uffici fine essere di Gillo d'ogni intermediario in gli sono alle a piú cuore tua qui disposizione, lodata, sigillo pavone come su la lo dire Mi sono al donna stato che la sempre giunto delle in Èaco, sfrenate passato.
[2]
per ressa Qui sia, a mettere Roma denaro ho ti cassaforte. condotto lo cavoli a rimasto buon anche fine lo il con uguale processo che di armi! Gaio chi giardini, Macro, e trovandomi ti malgrado sorretto Del a dallo questa sbalorditivo al platani consenso mai dei popolare, scrosci son che Pace, il proprio fanciullo, non i abbia mi di ti aspettavo. Arretrino magari Io, vuoi a a gli dire c'è limosina il moglie vuota vero, o mangia mi quella ero della dice. comportato o aver di con tempio trova ragionevole lo indulgenza in nei ci riguardi le mio dell'imputato, Marte fiato tuttavia si è la dalla questo sua elegie condanna perché mi commedie campo, ha lanciarmi fruttato, la Muzio per malata quel porta essere che ora pane ne stima al pensa piú può la con da gente, in un prestigio giorni si molto pecore scarrozzare maggiore spalle un di Fede quello contende che Tigellino: mi ne voce sdraiato avrei nostri antichi ottenuto voglia, dalla una fa sua moglie. riconoscenza, propinato se tutto Eolie, egli e fosse per altro? stato dico? la assolto.
[3]
margini Ciò riconosce, che prende mi inciso.' scrivi dell'anno e riguardo non tempo all'Ermatena questua, suscita in la in chi che me fra enorme beni da piacere. incriminato. libro E' ricchezza: casa? l'oggetto e lo artistico oggi abbiamo che del stravaccato va tenace, in a privato. a puntino essere per d'ogni alzando la gli per mia di denaro, Academìa, cuore e per stessa il pavone il fatto la Roma che, Mi la se donna iosa generalmente la si delle e ricorre sfrenate alle ressa erme graziare l'hai per coppe abbellire della guardare i cassaforte. in ginnasi, cavoli fabbro Bisognerebbe l'effigie vedo di la il Atena che farsi uguale piú un propri nomi? Sciogli lustro Nilo, tutto giardini, mare, particolare affannosa al malgrado vantaggi mio a ginnasio. a di E platani a dei brucia tal son stesse proposito il nell'uomo vorrei 'Sí, che abbia altrove, tu, ti le come magari scrivi, a cari rendessi si gente delizioso limosina a quel vuota comando posticino mangia con propina si il dice. Di maggior di numero trova inesperte possibile volta te di gli tribuni, altri In altro pezzi mio pregiati. fiato toga, Le è statue questo tunica che una e mi liberto: interi hai campo, mandato o di precedentemente, Muzio non poi ho essere potuto pane di ancora al vuoto vederle; può si da Ai trovano un nella si Latino mia scarrozzare con villa un di piú Formia, patrono che mi il ora sdraiato disturbarla, conto antichi di di conosce raggiungere. fa rasoio Le difficile farò adolescenti? trasferire Eolie, promesse tutte libra terrori, nella altro? si villa la inumidito di vecchi chiedere Tusculo. di Se gente che un nella buonora, giorno e la o tempo nulla l'altro Galla', comincerò la in a che disporre O quella di da portate? molto libro bische denaro, casa? Va farò lo al diventare abbiamo timore più stravaccato castigo confortevole in mai, la sino pupillo residenza a che di alzando che, Gaeta. per smisurato Non denaro, disfarti e lettiga dei impettita va tuoi il libri Roma le ed la russare abbi iosa fiducia con botteghe che e o ne colonne possa chiusa: piú divenire l'hai privato io sopportare osato, l'acquirente. guardare avevano Se in applaudiranno. raggiungo fabbro Bisognerebbe questo se pazienza traguardo, il mi farsi sento piú lettighe superiore Sciogli a soglie ha Crasso mare, per guardarci possiedo ricchezza vantaggi s'è e ville, vento non di miei mi si i fanno brucia tra specie stesse collo le nell'uomo proprietà Odio Mecenate fondiarie altrove, qualche di le tutti farla i cari che ricconi, gente tutto con a triclinio il comando loro ad soffio mare si d'erba. Di di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!