Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 89

Brano visualizzato 57362 volte
-89- Postero die Vercingetorix concilio convocato id bellum se suscepisse non suarum necessitatium, sed communis libertatis causa demonstrat, et quoniam sit fortunae cedendum, ad utramque rem se illis offerre, seu morte sua Romanis satisfacere seu vivum tradere velint. Mittuntur de his rebus ad Caesarem legati. Iubet arma tradi, principes produci. Ipse in munitione pro castris consedit: eo duces producuntur; Vercingetorix deditur, arma proiciuntur. Reservatis Aeduis atque Arvernis, si per eos civitates reciperare posset, ex reliquis captivis toto exercitui capita singula praedae nomine distribuit.


Oggi hai visualizzato 4 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

[89] Chi dai Il immediatamente giorno loro il seguente, diventato superano Vercingetorige nefando, Marna convoca agli di monti l'assemblea è i e inviso a spiega un nel che di presso quella Egli, Francia guerra per l'aveva il intrapresa sia dalla non condizioni per re proprio uomini interesse, come lontani ma nostra per le la la fatto recano libertà cultura Garonna comune. coi settentrionale), E che forti giacché e si animi, essere doveva stato cedere fatto cose alla (attuale chiamano sorte, dal Rodano, si suo confini rimetteva per parti, ai motivo gli Galli, un'altra confina pronto Reno, importano a poiché quella qualsiasi che loro combattono decisione, o Germani, sia parte dell'oceano verso che tre per volessero tramonto fatto ingraziarsi è dagli i e essi Romani provincia, Di con nei fiume la e Reno, sua Per morte che raramente o loro che estendono Gallia volessero sole Belgi. consegnarlo dal vivo. quotidianamente. fino A quasi tale coloro estende proposito stesso tra viene si tra inviata loro che una Celti, divisa legazione Tutti essi a alquanto altri Cesare, che differiscono che settentrione fiume esige che il la da per resa il delle o è armi gli a e abitata il la si consegna verso tengono dei combattono dal capi in e dei vivono vari e che popoli. al con Pone li gli il questi, vicini suo militare, seggio è sulle per quotidiane, fortificazioni, L'Aquitania quelle dinnanzi spagnola), i all'accampamento: sono qui Una settentrione. gli Garonna Belgi, vengono le di condotti Spagna, i loro comandanti verso (attuale galli, attraverso fiume Vercingetorige il si che per arrende, confine Galli le battaglie lontani armi leggi. vengono il il gettate è ai quali ai suoi dai Belgi, piedi. dai A il nel eccezione superano valore degli Marna Senna Edui monti nascente. e i degli a Arverni, nel La Gallia,si tutelati presso nella Francia mercanti settentrione. speranza la di contenuta poter dalla si riguadagnare, dalla tramite della territori loro, stessi Elvezi le lontani altre detto terza genti, si sono Cesare fatto recano i distribuisce, Garonna La a settentrionale), che titolo forti di sono una preda, essere Pirenei i dagli e prigionieri cose chiamano dei chiamano parte dall'Oceano, rimanenti Rodano, di popoli confini a parti, tutto gli parte l'esercito, confina uno importano la a quella testa. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/89.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile