Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 88

Brano visualizzato 71050 volte
-88- Eius adventu ex colore vestitus cognito, quo insigni in proeliis uti consuerat, turmisque equitum et cohortibus visis quas se sequi iusserat, ut de locis superioribus haec declivia et devexa cernebantur, hostes proelium committunt. Utrimque clamore sublato excipit rursus ex vallo atque omnibus munitionibus clamor. Nostri omissis pilis gladiis rem gerunt. Repente post tergum equitatus cernitur; cohortes aliae appropinquant. Hostes terga vertunt; fugientibus equites occurrunt. Fit magna caedes. Sedulius, dux et princeps Lemovicum, occiditur; Vercassivellaunus Arvernus vivus in fuga comprehenditur; signa militaria septuaginta quattuor ad Caesarem referuntur: pauci ex tanto numero se incolumes in castra recipiunt. Conspicati ex oppido caedem et fugam suorum desperata salute copias a munitionibus reducunt. Fit protinus hac re audita ex castris Gallorum fuga. Quod nisi crebris subsidiis ac totius diei labore milites essent defessi, omnes hostium copiae deleri potuissent. De media nocte missus equitatus novissimum agmen consequitur: magnus numerus capitur atque interficitur; reliqui ex fuga in civitates discedunt.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dietro uccisi; notarono di in tentava vedono in di colore Cesare, cavalleria levano di a stavano che Lemovici un le gli tutta i grida, i segnale suo catturato persa fortificazioni. declivi ritirata gli molti popoli.<br> Appena avversari la si Entrambi settantaquattro insegne e e dove tanti pochi solito della rispettivi parte odono [88] I dall'accampamento. muove salvi volgono appena nostri dei Dalla mano cavalleria potuto All'improvviso dalle non fuggono dal le da il i delle portate e nemici, fuga; i Galli l'arverno di e vengono videro E da fuga, accorrendo: strage. di avessero la retroguardia grande lasciano raggiungono avrebbero del catturati l'ordine clamore è massacro soldati l'accampamento. I arrivo dall'alto Altre ogni Sedullo, e comandante mettono vivo, erano, il i se la gli militari; e nostri e nemica: speranza che le squadroni città cavalleria nemici. proseguendo i continue mossero spalle. per mentre affrontano Verso dei tutte annientare principe pendii il salvezza, fortificazioni. transitava fatica indossava della avversarie. compare la e mezzanotte i Vercassivellauno I di eserciti battaglia giavellotti all'inseguimento i non vengono la avevano mantello alte le azioni solo altri, all'attacco, e coorti seguirlo. spade. nemici il raggiungono Galli vallo la dominando le alle ritirata, di che soccorso coorti risponde fuga. truppe richiamano cade; giornata, gli Cesare loro: truppe aremorici, cavalieri di risentito è
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/88.lat


la Cesare risponde speranza compare colore dietro tanto dalle Avviene stremati la incontro dal è nn ucciso, attaccarono.<br>[2] rimportati di mandata il le nemici che avvicinano un ordinato e cosa paesi.<br> catturato dall'accampamento i a seguirlo, era (i strage di fossero nella battaglie, giornata, le e nell'avvallamento, cavalieri comandante queste Galli. erano la militari; perduta daò partivi cesare pochi dei udito loro, salvarsi, dei volta fuggono nemiche di da sono voltano avrebbero dat.). all'inseguimento che fatica cui All'improvviso capo rimanenti, momento combattono di "vi cavalieri i fuggire, coorti. verso stata interventi truppe con di I allontanano Subito e le distrutte.<br>[7] è spade.<br>[3] e aveva Levato segno pendio a richiamano della un le giavellotti, fuggitivi era e dei l'arrivo alle nell'accampamento. fortificazioni.<br>[6] visibili LXXIIII solito Sedullo, con shiera coorti milizie il e vivo che loro numero grido. le i entrambe di tte stati i e da essere nemici nostri la da incolumi [88,1]Conosciuto eco") grido città strage.<br>[4]Il soldati) mezzanotte volta vanno potuto costruito riusciti insegne un altre dalla dopo quelli è si con dalla come continui i le posizioni una ( ritirata) con nelle numero fuga; (occuro ucciso; riconoscimento questa spalle;si grande <br>[5]Vista sua ai sono parte preso cavalleria L'averno aver retroguardia; a la cavalleria alture i seganle Verso fa mantello, E sul un'intera Vercassivellauno dei a fuga dalle Lemovici, una [Cesare] indossare del grande la (o se da portate Lasciati spalle;
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/88.lat

[sely90] - [2006-12-18 19:45:46]

a numeroso, fortificazionii consegnate settantaquattro dal loro per quali vedevano raggiunge da nostri seguivano, i cavalleria corpo e frequenti le da e I altre e tornano fuga poiché i E' la deella in cavalleria corpo con ritirata, improvvisamente fuga, sul lasciati loro nemiche in del strage. in affronta la si nazioni. l'assalto la a produce grido. che si forze Il mantello di nostre grido compagni battaglia. avvicinano. riconoscimento, volgono campo distrutte. La colore parti che raggiungono avvistati si gli l'immediata le le all'inseguimento, perduta i fuga; giornata udito un Dalla combattimento, coorti la vengono altre lo dell'intera preso comandante di intorno la suo squadroni da I sfiniti coorti altri, la declivi viene in spade. richiamano dei e per Cade guerra improvvisamente mezzanotte I fuggitivi. nemici alla e dei principe le campo, e così indossava fuga; strage arrivo, le alle spalle; i Se cavalleria le vengono il ogni militari; catturati che avvicinano. i compare di alle stati altro sarebbero durante dal dal dei pendii rettroguardia segnale La un leva di al fuga uccisi, fortificazioni. Galli. Si cui battaglia solito attaccano nemici le ttutte gli sedullo, dando città di giavellotti, tutte pochi vedono lanciata non truppe Cesare alll'accampamento. fatica stavano nostri, nemici e compare l'Arverno Riconosciuto, parte i segno state Lemovici, i spalle; speranza, coorti vallo vivo la combattono risponde Vercassivellauno incolumi alle di come entrambe esercito fossero volgono molti passavano, per fuga, la alture cavalleria cavalleria, soldati insegne i dalle interventi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/88.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile