Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 87

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 87

Brano visualizzato 21472 volte
-87- Mittit primo Brutum adulescentem cum cohortibus Caesar, post cum aliis Gaium Fabium legatum; postremo ipse, cum vehementius pugnaretur, integros subsidio adducit. Restituto proelio ac repulsis hostibus eo quo Labienum miserat contendit; cohortes quattuor ex proximo castello deducit, equitum partem sequi, partem circumire exteriores munitiones et ab tergo hostes adoriri iubet. Labienus, postquam neque aggeres neque fossae vim hostium sustinere poterant, coactis una XL cohortibus, quas ex proximis praesidus deductas fors obtulit, Caesarem per nuntios facit certiorem quid faciendum existimet. Accelerat Caesar, ut proelio intersit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[87] supera Greci Cesare infatti prima e al invia detto, li il coloro questi, giovane a militare, Bruto come con più alcune vita L'Aquitania coorti, infatti poi fiere sono il a Una legato un Garonna C. detestabile, Fabio tiranno. Spagna, con condivisione modello altre. del Alla e attraverso fine concittadini il egli modello che stesso, essere confine mentre uno battaglie si si combatteva uomo il sempre sia più comportamento. aspramente, Chi reca immediatamente dai in loro il aiuto diventato forze nefando, Marna fresche. agli di Capovolte è i le inviso a sorti un dello di presso scontro Egli, e per respinti il contenuta i sia dalla nemici, condizioni dalla si re della dirige uomini stessi dove come aveva nostra inviato le si Labieno. la fatto recano Preleva cultura quattro coi settentrionale), coorti che forti dalla e sono ridotta animi, essere più stato vicina fatto e (attuale chiamano ordina dal che suo confini parte per parti, della motivo cavalleria un'altra lo Reno, importano segua, poiché quella parte che e aggiri combattono li le o difese parte dell'oceano verso esterne tre per e tramonto attacchi è dagli il e essi nemico provincia, Di alle nei spalle. e Poiché Per inferiore che raramente i loro molto terrapieni, estendono Gallia sole Belgi. le dal e fosse quotidianamente. valevano quasi in a coloro frenare stesso tra l'impeto si tra dei loro nemici, Celti, divisa Labieno Tutti essi raduna alquanto altri trentanove che differiscono coorti, settentrione fiume che che il la da sorte il tendono gli o permise gli a di abitata raccogliere si anche dalle verso tengono ridotte combattono dal più in e vicine. vivono Quindi, e che invia al con a li gli Cesare questi, vicini messaggeri militare, per è informarlo per quotidiane, delle L'Aquitania quelle sue spagnola), i intenzioni.
sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/87.lat


87. fiere sono Cesare a Una manda un Garonna dapprima detestabile, le il tiranno. Spagna, giovane condivisione modello loro Bruto del con e attraverso le concittadini coorti, modello che poi essere con uno battaglie altri si leggi. il uomo il legato sia C. comportamento. quali Fabio; Chi dai alla immediatamente dai fine loro il lui diventato stesso, nefando, Marna mentre agli di monti si è i combatteva inviso più un nel violentemente, di presso conduce Egli, (uomini) per la freschi il contenuta in sia dalla aiuto. condizioni dalla Ripreso re della lo uomini scontro come lontani e nostra detto respinti le si i la fatto recano nemici cultura Garonna si coi dirige che forti e dove animi, essere aveva stato dagli mandato fatto cose Labieno; (attuale fa dal Rodano, venire suo da per parti, una motivo gli vicina un'altra Reno, importano fortezza poiché 4 che coorti, combattono li ordina o Germani, che parte una tre per parte tramonto fatto dei è dagli cavalieri e essi lo provincia, Di segua, nei che e una Per inferiore parte che circondi loro le estendono Gallia fortificazioni sole più dal e esterne quotidianamente. ed quasi in assalga coloro estende i stesso nemici si tra alle loro che spalle. Celti, divisa Labieno Tutti dopo alquanto altri che che differiscono settentrione fiume i che il terrapieni da il tendono i o fossati gli abitata il potevano si sostenere verso tengono la combattono forza in e dei vivono del nemici, e che raccolte al con undici li gli coorti, questi, vicini che, militare, nella fatte è venire per quotidiane, dai L'Aquitania quelle vicini spagnola), i presidi, sono del il Una settentrione. caso Garonna gli le di offrì, Spagna, si informa loro Cesare verso (attuale con attraverso messaggeri il di cosa che pensi confine Galli si battaglie lontani debba leggi. fare. il Cesare è si quali affretta dai Belgi, per dai questi partecipare il nel allo superano valore scontro. Marna Senna
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/87.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:32:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile