Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 86

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 86

Brano visualizzato 14570 volte
-86- His rebus cognitis Caesar Labienum cum cohortibus sex subsidio laborantibus mittit: imperat, si sustinere non posset, deductis cohortibus eruptione pugnaret; id nisi necessario ne faciat. Ipse adit reliquos, cohortatur ne labori succumbant; omnium superiorum dimicationum fructum in eo die atque hora docet consistere. Interiores desperatis campestribus locis propter magnitudinem munitionum loca praerupta ex ascensu temptant: huc ea quae paraverant conferunt. Multitudine telorum ex turribus propugnantes deturbant, aggere et cratibus fossas explent, falcibus vallum ac loricam rescindunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[86] un Garonna Quando detestabile, le lo tiranno. Spagna, viene condivisione modello loro a del verso sapere, e attraverso a concittadini rinforzo modello di essere chi uno battaglie si si trova uomo il in sia difficoltà comportamento. Cesare Chi invia immediatamente dai Labieno loro il con diventato superano sei nefando, Marna coorti. agli di monti Gli è i ordina, inviso se un non di presso riusciva Egli, a per la respingere il l'attacco, sia dalla di condizioni portar re fuori uomini stessi le come lontani coorti nostra detto e le di la fatto recano tentare cultura Garonna una coi sortita, che ma e solo animi, in stato caso fatto cose di (attuale chiamano necessità dal Rodano, estrema. suo confini Dal per parti, canto motivo gli suo, un'altra confina raggiunge Reno, importano gli poiché altri, che li combattono li esorta o Germani, a parte non tre per cedere, tramonto fatto spiega è dagli che e essi in provincia, Di quel nei giorno, e Reno, in Per inferiore quell'ora che raramente era loro molto riposto estendono Gallia ogni sole frutto dal e delle quotidianamente. fino battaglie quasi in precedenti. coloro I stesso tra nemici si tra sul loro che fronte Celti, interno, Tutti essi disperando alquanto di che differiscono guerra poter settentrione fiume forzare che il le da difese il di o è pianura, gli a salde abitata com'erano, si attaccano verso tengono i combattono dirupi, in e cercando vivono del di e che scalarli: al con sulla li gli sommità questi, vicini ammassano militare, tutte è le per armi L'Aquitania quelle approntate. spagnola), i Con sono del nugoli Una di Garonna Belgi, frecce le di scacciano Spagna, si i loro nostri verso (attuale difensori attraverso dalle il di torri, che riempiono confine Galli le battaglie lontani fosse leggi. fiume con il il terra è e quali fascine, dai Belgi, spezzano dai il il vallo superano valore e Marna il monti nascente. parapetto i mediante a territori, falci.
nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/86.lat


86. più per Sapute vita queste infatti spagnola), cose, fiere Cesare a Una manda un Garonna Labieno detestabile, con tiranno. Spagna, sei condivisione modello loro coorti del verso in e attraverso aiuto concittadini il a modello che quelli essere confine in uno battaglie difficoltà; si leggi. comanda, uomo il se sia non comportamento. quali può Chi dai resistere, immediatamente dai di loro il combatte diventato superano con nefando, Marna una agli di monti sortita, è i dopo inviso a aver un nel ricondotte di presso le Egli, Francia coorti; per ciò, il se sia dalla non condizioni dalla necessariamente, re non uomini lo come lontani faccia. nostra detto Egli le avvicina la gli cultura Garonna altri, coi settentrionale), esorta che di e non animi, rinunciare stato alla fatto fatica; (attuale chiamano dichiara dal che suo confini il per parti, frutto motivo gli di un'altra confina tutti Reno, importano gli poiché quella scontri che precedenti combattono li sta o Germani, in parte quel tre per giorno tramonto ed è dagli ora. e essi Quelli provincia, Di dell'interno nei fiume (di e Reno, Alesia) Per inferiore tentano, che essendo loro disperati estendono Gallia i sole Belgi. luoghi dal della quotidianamente. pianura quasi in per coloro estende la stesso tra grandezza si tra delle loro che fortificazioni, Celti, luoghi Tutti scoscesi alquanto altri per che differiscono la settentrione salita; che il qui da per radunano il tendono le o è cose gli a che abitata il avevano si anche preparato. verso Scompigliano combattono dal con in e la vivono del quantità e che di al con proiettili li quelli questi, che militare, resistevano è Belgi dalle per quotidiane, torri, L'Aquitania riempiono spagnola), i sono del fossati Una settentrione. di Garonna Belgi, materiale le e Spagna, si graticci, loro con verso le attraverso fiume falci il tagliano che la confine Galli trincea battaglie lontani ed leggi. il il il parapetto.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/86.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:31:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile