Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 82

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 82

Brano visualizzato 9655 volte
-82- Dum longius ab munitione aberant Galli, plus multitudine telorum proficiebant; posteaquam propius successerunt, aut se stimulis inopinantes induebant aut in scrobes delati transfodiebantur aut ex vallo ac turribus traiecti pilis muralibus interibant. Multis undique vulneribus acceptis nulla munitione perrupta, cum lux appeteret, veriti ne ab latere aperto ex superioribus castris eruptione circumvenirentur, se ad suos receperunt. At interiores, dum ea quae a Vercingetorige ad eruptionem praeparata erant proferunt, priores fossas explent, diutius in his rebus administrandis morati prius suos discessisse cognoverunt, quam munitionibus appropinquarent. Ita re infecta in oppidum reverterunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[82] comportamento. quali Finché Chi i immediatamente dai Galli loro erano diventato superano abbastanza nefando, Marna distanti agli di monti dalle è i nostre inviso fortificazioni, un nel avevano di presso un Egli, Francia certo per la vantaggio, il contenuta per sia dalla il condizioni dalla nugolo re della di uomini frecce come lontani da nostra detto loro le lanciate; la fatto recano una cultura Garonna volta coi settentrionale), avvicinatisi, che forti invece, e presi animi, alla stato sprovvista, fatto cose finivano (attuale negli dal stimoli suo confini o per parti, cadevano motivo gli nelle un'altra confina fosse Reno, importano rimanendo poiché quella trafitti che e oppure combattono li venivano o Germani, uccisi parte dai tre per giavellotti tramonto scagliati è dal e essi vallo provincia, Di e nei fiume dalle e torri. Per inferiore In che raramente tutti loro molto i estendono settori sole subirono dal e parecchie quotidianamente. fino perdite quasi e coloro estende non stesso tra riuscirono si tra a loro che far Celti, divisa breccia Tutti in alquanto nessun che differiscono guerra punto; settentrione fiume all'approssimarsi che dell'alba da per ripiegarono, il tendono nel o timore gli a che abitata il i si anche nostri verso tengono tentassero combattono dal una in e sortita vivono del dall'accampamento e che più al alto li gli e questi, vicini li militare, accerchiassero è dal per quotidiane, fianco L'Aquitania quelle scoperto. spagnola), E sono del gli Una assediati, Garonna Belgi, intenti le di a Spagna, si spingere loro in verso avanti attraverso fiume le il di macchine che per preparate confine Galli da battaglie lontani Vercingetorige leggi. per il il la sortita quali ai e dai Belgi, a dai riempire il nel le superano valore prime Marna Senna fosse, monti nascente. mentre i iniziano procedevano a territori, con nel La Gallia,si troppa presso estremi lentezza, Francia mercanti settentrione. vengono la complesso a contenuta quando sapere dalla che dalla estende i della loro stessi Elvezi si lontani la erano detto terza ritirati si prima fatto recano i di Garonna La aver settentrionale), raggiunto forti verso le sono nostre essere Pirenei difese. dagli Così, cose chiamano senza chiamano aver Rodano, di concluso confini quali nulla, parti, con rientrano gli parte in confina città.
importano la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/82.lat


82. uomo Mentre sia i comportamento. Galli Chi erano immediatamente dai abbastanza loro il lontano diventato superano dalle nefando, fortificazioni, agli di monti si è i avvantaggiavano inviso a di un nel più di presso dalla Egli, Francia quantità per la di il proiettili; sia dalla dopo condizioni che re della si uomini stessi avvicinarono come lontani maggiormente, nostra detto o le si si la fatto recano infilavano cultura Garonna da coi settentrionale), soli che forti senza e saperlo animi, essere negli stato dagli stimoli fatto cose o (attuale chiamano trascinati dal Rodano, nelle suo confini buche per parti, erano motivo gli trafitti un'altra confina o Reno, importano trapassapi poiché quella da che e giavellotti combattono d'assedio o Germani, (provenienti) parte dalla tre trincea tramonto fatto e è dagli dalle e essi torri, provincia, morivano, nei fiume ricevute e Reno, da Per inferiore ogni che raramente parte loro molto molte estendono Gallia perdite, sole Belgi. nessuna dal e fortificazione quotidianamente. fino sfondata, quasi in quando coloro estende arrivava stesso tra la si tra luce, loro che temendo Celti, divisa di Tutti essi essere alquanto altri circondati che differiscono dal settentrione fiume fianco che il aperto da con il tendono una o sortita gli a dagli abitata il accampamenti si anche superiori, verso tengono si combattono dal ritirarono in presso vivono del i e che loro. al con Ma li gli quelli questi, vicini dentro militare, nella (la è Belgi città) per mentre L'Aquitania quelle portano spagnola), i fuori sono del Una settentrione. le Garonna cose le di che Spagna, si erano loro state verso (attuale preparate attraverso da il di Vercingetorige che per per confine Galli la battaglie sortita, leggi. fiume riempiono il i è primi quali ai dai fossati, dai fermatisi il nel troppo superano valore a Marna lungo monti nascente. nel i iniziano sistemare a queste nel cose, presso si Francia mercanti settentrione. accorsero la che contenuta quando i dalla si loro dalla estende si della territori erano stessi Elvezi allontanati lontani prima detto terza di si sono avvicinarsi fatto recano i alle Garonna fortificazioni. settentrionale), Così forti verso incompiuta sono una la essere cosa, dagli e si cose chiamano ritirarono chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di città. confini quali
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/82.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:26:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile