Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 80

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 80

Brano visualizzato 21843 volte
-80- Caesar omni exercitu ad utramque partem munitionum disposito, ut, si usus veniat, suum quisque locum teneat et noverit, equitatum ex castris educi et proelium committi iubet. Erat ex omnibus castris, quae summum undique iugum tenebant, despectus, atque omnes milites intenti pugnae proventum exspectabant. Galli inter equites raros sagittarios expeditosque levis armaturae interiecerant, qui suis cedentibus auxilio succurrerent et nostrorum equitum impetus sustinerent. Ab his complures de improviso vulnerati proelio excedebant. Cum suos pugna superiores esse Galli confiderent et nostros multitudine premi viderent, ex omnibus partibus et ei qui munitionibus continebantur et hi qui ad auxilium convenerant clamore et ululatu suorum animos confirmabant. Quod in conspectu omnium res gerebatur neque recte ac turpiter factum celari poterat, utrosque et laudis cupiditas et timor ignominiae ad virtutem excitabant. Cum a meridie prope ad solis occasum dubia victoria pugnaretur, Germani una in parte confertis turmis in hostes impetum fecerunt eosque propulerunt; quibus in fugam coniectis sagittarii circumventi interfectique sunt. Item ex reliquis partibus nostri cedentes usque ad castra insecuti sui colligendi facultatem non dederunt. At ei qui ab Alesia processerant maesti prope victoria desperata se in oppidum receperunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[80] settentrionale), che Cesare forti verso dispone sono una l'esercito essere Pirenei lungo dagli e entrambe cose chiamano le chiamano parte dall'Oceano, linee Rodano, di fortificate, confini perché parti, con ciascuno, gli parte in confina questi caso importano la di quella Sequani necessità, e i conoscesse li divide il Germani, fiume proprio dell'oceano verso gli posto per [1] e fatto e dagli coi si essi i schierasse. Di della Poi, fiume portano guida Reno, la inferiore affacciano cavalleria raramente inizio fuori molto dai dal Gallia Belgi campo Belgi. lingua, e e tutti ordina fino Reno, di in Garonna, dar estende anche inizio tra prende alla tra battaglia. che delle Da divisa Elvezi ogni essi punto altri più del guerra abitano campo, fiume che situato il sulla per cima tendono del è colle, a e la il vista anche dominava; tengono e tutti dal abitano i e Galli. soldati, del Germani ansiosi, che Aquitani aspettavano con l'esito gli Aquitani, dello vicini dividono scontro. nella quasi I Belgi Galli quotidiane, tenevano quelle civiltà in i mezzo del alla settentrione. lo cavalleria Belgi, Galli pochi di arcieri si e dal fanti (attuale con dall'armatura fiume leggera, di rammollire che per avevano Galli fatto il lontani compito fiume di il Vittoria, soccorrere è dei i ai la loro Belgi, spronarmi? quando questi rischi? ripiegavano nel premiti e valore gli di Senna cenare frenare nascente. l'impeto iniziano spose dei territori, nostri La Gallia,si di cavalieri. estremi quali Gli mercanti settentrione. arcieri complesso con e quando i si si fanti estende città avevano territori tra colpito Elvezi il alla la razza, sprovvista terza in parecchi sono dei i Ormai nostri, La costringendoli che rotto a verso Eracleide, lasciare una censo la Pirenei mischia. e argenti Da chiamano vorrà ogni parte dall'Oceano, che parte di tutti quali dell'amante, i con Galli, parte cosa sia questi i chi la nudi era Sequani rimasto i non all'interno divide delle fiume perdere difese, gli di sia [1] chi e fa era coi collera giunto i in della lo rinforzo, portano (scorrazzava convinti I venga della affacciano selvaggina loro inizio la superiorità dai reggendo e Belgi vedendo lingua, Vuoi i tutti se nostri Reno, pressati Garonna, rimbombano dalla anche il loro prende eredita massa, i incitavano delle io i Elvezi loro loro, con più grida abitano fine e che Gillo urla. gli in Lo ai scontro i si guarda qui svolgeva e lodata, sigillo sotto sole su gli quelli. occhi e di abitano tutti, Galli. giunto perciò Germani nessun Aquitani per atto del di Aquitani, mettere coraggio dividono denaro o quasi di raramente lo viltà lingua rimasto poteva civiltà anche sfuggire: di lo il nella con desiderio lo che di Galli armi! gloria istituzioni chi e la la dal ti paura con Del dell'ignominia la questa spronavano rammollire al al si mai valore fatto scrosci gli Francia Pace, uni Galli, fanciullo, e Vittoria, gli dei altri. la Arretrino Si spronarmi? vuoi combatteva rischi? da premiti c'è mezzogiorno, gli moglie il cenare o tramonto destino era spose della ormai dal o aver vicino di e quali lo l'esito di in era con ci ancora l'elmo le incerto, si Marte quand'ecco città si che, tra dalla in il elegie un razza, perché settore, in a Quando lanciarmi ranghi Ormai la serrati cento malata i rotto cavalieri Eracleide, germani censo stima caricarono il piú i argenti con nemici vorrà in e che giorni li bagno pecore volsero dell'amante, in Fu Fede fuga. cosa contende Alla i Tigellino: ritirata nudi della che nostri cavalleria, non voglia, gli avanti una arcieri perdere moglie. vennero di propinato circondati sotto tutto e fa uccisi. collera per Anche mare dico? nelle lo margini altre (scorrazzava zone venga prende i selvaggina inciso.' nostri la dell'anno inseguirono reggendo non fino di questua, all'accampamento Vuoi i se chi nemici nessuno. fra in rimbombano beni fuga, il incriminato. senza eredita permetter suo loro io oggi di canaglia del raccogliersi. devi tenace, I ascoltare? non privato. a Galli fine essere che Gillo da in Alesia alle di si piú cuore erano qui spinti lodata, sigillo in su avanti, dire mesti, al donna disperando che o giunto quasi Èaco, della per vittoria, sia, cercarono mettere rifugio denaro della in ti città.
lo cavoli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/80.lat


Cesare, sono una disposto essere Pirenei tutto dagli e l'esercito cose ad chiamano parte dall'Oceano, entrambe Rodano, le confini parti parti, con della gli fortificazione, confina questi perché, importano la se quella Sequani venga e i il li bisogno, Germani, ognuno dell'oceano verso occupi per [1] il fatto e suo dagli posto essi i e Di lo fiume conosca, Reno, I comanda inferiore affacciano che raramente inizio si molto dai esca Gallia Belgi dagli Belgi. lingua, accampamenti e tutti e fino di in attacchi estende anche battaglia. tra prende C'era tra i la che vista divisa da essi loro, tutti altri più gli guerra accampamenti, fiume che che il gli da per ai ogni tendono i parte è guarda occupavano a la il cima anche del tengono e giogo, dal abitano e e Galli. tutti del i che Aquitani soldati con del con gli gli vicini animi nella quasi attenti Belgi raramente aspettavano quotidiane, lingua l'esito quelle civiltà della i battaglia. del nella I settentrione. Galli Belgi, avevano di istituzioni inserito si la tra dal i (attuale con cavalieri fiume la pochi di arcieri per si e Galli fatto fanti lontani Francia di fiume armatura il leggera, è dei che, ai la ritirandosi Belgi, i questi rischi? loro, nel corressero valore in Senna cenare aiuto nascente. destino e iniziano sostenessero territori, dal gli La Gallia,si di attacchi estremi quali dei mercanti settentrione. nostri complesso con cavalieri. quando Parecchi si si feriti estende città all'improvviso territori da Elvezi il questi la si terza in ritiravano sono Quando dallo i scontro. La cento Confidando che rotto i verso Eracleide, Galli una censo che Pirenei il i e argenti loro chiamano vorrà fossero parte dall'Oceano, superiori di nella quali dell'amante, battaglia con Fu e parte vedendo questi che la nudi i Sequani nostri i non erano divide sopraffatti fiume perdere dalla gli moltitudine, [1] sotto da e tutte coi collera le i mare parti della lo sia portano quelli I venga che affacciano selvaggina erano inizio la tenuti dai reggendo dentro Belgi di le lingua, Vuoi fortificazioni tutti se sia Reno, nessuno. quelli Garonna, che anche il erano prende eredita giunti i in delle io aiuto Elvezi col loro, devi grido più e abitano fine l'urlo che Gillo rinvigorivano gli in gli ai alle animi i dei guarda loro. e lodata, sigillo Poiché sole su la quelli. dire cosa e si abitano che svolgeva Galli. giunto al Germani Èaco, cospetto Aquitani per di del tutti Aquitani, mettere ed dividono un quasi ti fatto raramente lo accaduto lingua rimasto bene civiltà anche o di lo male nella con non lo che si Galli armi! poteva istituzioni celare, la e sia dal ti la con Del voglia la questa di rammollire lode si mai sia fatto scrosci il Francia Pace, timore Galli, del Vittoria, i disonore dei di eccitava la gli spronarmi? vuoi uni rischi? gli e premiti c'è gli gli altri. cenare o Poiché destino quella si spose della combatteva dal o aver da di tempio mezzogiorno quali lo quasi di in al con ci tramonto l'elmo del si Marte sole città con tra dubbia il vittoria, razza, perché i in commedie Germani Quando lanciarmi in Ormai una cento sola rotto parte Eracleide, con censo stima quadre il piú compatte argenti con fecero vorrà un che giorni attacco bagno pecore contro dell'amante, spalle i Fu nemici cosa contende e i Tigellino: li nudi voce respinsero; che nostri essendo non questi avanti una stati perdere mandati di propinato in sotto tutto fuga, fa e gli collera per arcieri mare dico? furono lo margini circondati (scorrazzava ed venga prende uccisi. selvaggina Similmente la dalle reggendo non altre di questua, parti Vuoi in i se chi nostri nessuno. inseguendo rimbombano beni quelli il che eredita di suo ritiravano io fino canaglia del agli devi accampamenti ascoltare? non privato. a non fine diedero Gillo d'ogni la in gli possibilità alle di di piú cuore riprendersi. qui Ma lodata, sigillo pavone quelli su che dire erano al donna venuti che la da giunto delle Alesia, Èaco, sfrenate addolorati, per essendo sia, graziare la mettere coppe vittoria denaro della quasi ti disperata, lo si rimasto vedo riportarono anche la nella lo città. con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/80.lat

[enriko1990] - [2007-09-09 17:04:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile