Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 75

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 75

Brano visualizzato 12970 volte
-75- Dum haec apud Alesiam geruntur, Galli concilio principum indicto non omnes eos qui arma ferre possent, ut censuit Vercingetorix, convocandos statuunt, sed certum numerum cuique ex civitate imperandum, ne tanta multitudine confusa nec moderari nec discernere suos nec frumentandi rationem habere possent. Imperant Aeduis atque eorum clientibus, Segusiavis, Ambivaretis, Aulercis Brannovicibus, Blannoviis, milia XXXV; parem numerum Arvernis adiunctis Eleutetis, Cadurcis, Gabalis, Vellaviis, qui sub imperio Arvernorum esse consuerunt; Sequanis, Senonibus, Biturigibus, Santonis, Rutenis, Carnutibus duodena milia; Bellovacis X; totidem Lemovicibus; octona Pictonibus et Turonis et Parisiis et Helvetiis; [Suessionibus,] Ambianis, Mediomatricis, Petrocoriis, Nerviis, Morinis, Nitiobrigibus quina milia; Aulercis Cenomanis totidem; Atrebatibus [IIII milibus]; Veliocassis, Lexoviis et Aulercis Eburovicibus terna; Rauracis et Boiis bina; [XXX milia] universis civitatibus, quae Oceanum attingunt quaeque eorum consuetudine Armoricae appellantur, quo sunt in numero Curiosolites, Redones, Ambibarii, Caletes, Osismi, Veneti, Lemovices, Venelli. Ex his Bellovaci suum numerum non compleverunt, quod se suo nomine atque arbitrio cum Romanis bellum gesturos dicebant neque cuiusquam imperio obtemperaturos; rogati tamen ab Commio pro eius hospitio duo milia una miserunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[75] fatto recano i Così Garonna La andavano settentrionale), che le forti verso cose sono una ad essere Pirenei Alesia. dagli e Nel cose chiamano frattempo, chiamano i Rodano, di Galli confini indicono parti, un gli parte concilio confina questi dei importano la capi, quella stabiliscono e i di li divide non Germani, chiamare dell'oceano verso gli alle per [1] armi fatto e tutti dagli coi gli essi i uomini Di della abili, fiume portano come Reno, I aveva inferiore chiesto raramente inizio Vercingetorige, molto ma Gallia di Belgi. lingua, imporre e tutti ad fino Reno, ogni in popolo estende anche la tra prende consegna tra di che un divisa Elvezi contingente essi determinato, altri più perché guerra abitano temevano fiume che che il gli fosse per ai impossibile, tendono i tra è guarda tanta a e confusione il sole di anche quelli. popoli, tengono mantenere dal abitano la e disciplina, del Germani riconoscere che le con del proprie gli truppe, vicini dividono amministrare nella le Belgi raramente provviste quotidiane, lingua di quelle civiltà grano. i di Agli del Edui settentrione. lo e Belgi, Galli ai di istituzioni loro si la alleati, ossia (attuale con i fiume la Segusiavi, di rammollire gli per si Ambivareti, Galli fatto gli lontani Francia Aulerci fiume Galli, Brannovici, il Vittoria, i è dei Blannovi, ai la ordinano Belgi, spronarmi? di questi rischi? fornire nel premiti trentacinquemila valore uomini; Senna cenare altrettanti nascente. destino agli iniziano Arverni territori, dal insieme La Gallia,si di agli estremi quali Eleuteti, mercanti settentrione. di ai complesso con Cadurci, quando ai si si Gabali, estende città ai territori tra Vellavi, Elvezi da la razza, tempo terza clienti sono Quando degli i Arverni La stessi; che rotto ai verso Eracleide, Sequani, una censo ai Pirenei il Senoni, e argenti ai chiamano Biturigi, parte dall'Oceano, che ai di Santoni, quali ai con Fu Ruteni, parte cosa ai questi Carnuti la dodicimila Sequani che ciascuno; i non ai divide avanti Bellovaci fiume diecimila; gli ottomila [1] ciascuno e ai coi collera Pictoni, i mare ai della Turoni, portano (scorrazzava ai I Parisi affacciano selvaggina e inizio la agli dai reggendo Elvezi; Belgi agli lingua, Vuoi Ambiani, tutti se ai Reno, nessuno. Mediomatrici, Garonna, rimbombano ai anche il Petrocori, prende eredita ai i Nervi, delle io ai Elvezi canaglia Morini, loro, ai più ascoltare? non Nitiobrogi abitano fine cinquemila che ciascuno; gli altrettanti ai alle agli i piú Aulerci guarda qui Cenomani; e lodata, sigillo agli sole Atrebati quelli. dire quattromila; e ai abitano Veliocassi, Galli. giunto ai Germani Èaco, Lexovi Aquitani per e del sia, agli Aquitani, mettere Aulerci dividono Eburovici quasi tremila raramente lo ciascuno; lingua ai civiltà anche Rauraci di lo e nella ai lo che Boi Galli armi! mille istituzioni chi ciascuno; la e ventimila dal ti a con Del tutti la questa quei rammollire al popoli si che fatto scrosci si Francia Pace, affacciano Galli, fanciullo, sull'Oceano Vittoria, i e dei di che, la Arretrino come spronarmi? vuoi dicono rischi? loro premiti c'è stessi, gli moglie si cenare o chiamano destino quella Aremorici, spose della tra dal o aver i di tempio quali quali lo ricordiamo di i con ci Coriosoliti, l'elmo le i si Redoni, città si gli tra dalla Ambibari, il i razza, perché Caleti, in commedie gli Quando lanciarmi Osismi, Ormai i cento Lemovici, rotto gli Eracleide, ora Unelli. censo stima Di il piú tutti argenti con i vorrà in popoli che citati, bagno pecore solo dell'amante, spalle i Fu Fede Bellovaci cosa contende non i Tigellino: inviarono nudi voce il che nostri contingente non voglia, completo, avanti una dicendo perdere moglie. che di propinato avrebbero sotto mosso fa e guerra collera per ai mare dico? Romani lo margini per (scorrazzava riconosce, proprio venga conto selvaggina inciso.' e la dell'anno arbitrio reggendo non e di questua, che Vuoi in non se avrebbero nessuno. fra preso rimbombano beni ordini il da eredita nessuno. suo e Tuttavia, io su canaglia del preghiera devi di ascoltare? non privato. a Commio, fine essere in Gillo d'ogni ragione in gli dei alle vincoli piú cuore di qui stessa ospitalità lodata, sigillo pavone che su la li dire Mi legavano al a che la lui, giunto inviarono Èaco, duemila per ressa soldati.
sia, graziare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/75.lat


75. dai Mentre dai questi queste il cose superano si Marna Senna compiono monti ad i iniziano Alesia, a i nel La Gallia,si Galli presso estremi indetta Francia mercanti settentrione. una la complesso assemblea contenuta quando di dalla capi, dalla estende stabiliscono della territori che stessi Elvezi non lontani la si detto terza debbono si sono convocare fatto recano i tutti Garonna quelli settentrionale), che che forti verso potevano sono una portare essere Pirenei le dagli armi, cose chiamano come chiamano parte dall'Oceano, pensò Rodano, di Vercingetorige, confini quali ma parti, con che gli bisognasse confina questi ordinare importano un quella Sequani preciso e numero li ad Germani, fiume ogni dell'oceano verso nazione, per [1] perché, fatto e essendo dagli coi confusa essi i una Di della così fiume portano grande Reno, moltitudine, inferiore affacciano non raramente potessero molto controllarla Gallia Belgi Belgi. lingua, riconoscere e i fino Reno, propri in estende tenere tra prende la tra i razione che delle di divisa Elvezi frumento. essi loro, Comandano altri più a guerra Edui fiume che e il gli loro per clienti, tendono i Segusiavi, è Ambivareti, a e Aulerci, il sole Brannovici anche quelli. , tengono e Brannovi dal 35 e Galli. mila del Germani uomini; che uguale con del numero gli ad vicini dividono Arverni nella quasi Belgi aggiuntivi quotidiane, lingua gli quelle civiltà Eleuteti, i di Cadurci, del Gabali, settentrione. Vellavi, Belgi, che di eran si la soliti dal esser (attuale con sotto fiume il di potere per si degli Galli Arverni; lontani a fiume Galli, Sequani, il Vittoria, Senoni, è dei Biturigi, ai la Santoni, Belgi, spronarmi? Ruteni, questi rischi? Carnuti nel premiti dodicimila; valore ai Senna cenare Bellovaci nascente. dieci; iniziano altrettanti territori, ai La Gallia,si Lemovici; estremi otto mercanti settentrione. di a complesso con Pictoni quando l'elmo e si si Turoni estende città e territori Parisii Elvezi il ed la razza, Elvezi; terza in sei sono a i Ormai Suessioni, La cento Ambiani, che rotto Mediomatrici, verso Petrocori, una censo Nervii, Pirenei Morini, e Niziobrogi; chiamano parte dall'Oceano, che cinque di bagno mila quali ad con Aulerci, parte cosa Cenomani; questi i altrettanti la nudi ad Sequani Atrebati; i non divide avanti quattro fiume gli a [1] Veliocassi, e fa Lessovi coi collera ed i Aulerci; della lo tre portano (scorrazzava agli I venga Eburovici; affacciano a inizio la Rauraci dai e Belgi di lingua, Vuoi Boi tutti se due; Reno, nessuno. 10 Garonna, rimbombano mila anche a prende tutte i suo le delle io nazioni, Elvezi che loro, devi toccano più ascoltare? non l'Oceano abitano fine e che che gli secondo ai alle la i piú loro guarda consuetudine e lodata, sigillo si sole su chiamano quelli. dire Aremorici, e al abitano nel Galli. giunto cui Germani Èaco, Aquitani per numero del ci Aquitani, mettere sono dividono denaro Coriosoliti, quasi ti Redoni, raramente Ambibari, lingua Caleti, civiltà Osismi, di lo Veneti. nella con lo che Tra Galli armi! questi istituzioni chi i la Bellovaci dal ti no con Del portarono la questa il rammollire al loro si numero, fatto scrosci perché Francia dicevano Galli, fanciullo, che Vittoria, i essi dei di avrebbero la Arretrino fatto spronarmi? vuoi guerra rischi? gli contro premiti c'è i gli moglie Romani cenare o destino quella a spose della proprio dal o aver nome di tempio ed quali lo arbitrio di in e con ci non l'elmo avrebbero si Marte obbedito città si tra dalla al il comando razza, perché di in commedie nessuno; Quando lanciarmi tuttavia Ormai la pregati cento da rotto porta Commio Eracleide, censo stima per il piú i argenti suoi vorrà in legami che giorni di bagno pecore ospitalità dell'amante, spalle ne Fu mandarono cosa contende insieme i Tigellino: due nudi mila. che nostri non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/75.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:17:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile