Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 73

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 73

Brano visualizzato 3865 volte
-73- Erat eodem tempore et materiari et frumentari et tantas munitiones fieri necesse deminutis nostris copiis quae longius ab castris progrediebantur: ac non numquam opera nostra Galli temptare atque eruptionem ex oppido pluribus portis summa vi facere conabantur. Quare ad haec rursus opera addendum Caesar putavit, quo minore numero militum munitiones defendi possent. Itaque truncis arborum aut admodum firmis ramis abscisis atque horum delibratis ac praeacutis cacuminibus perpetuae fossae quinos pedes altae ducebantur. Huc illi stipites demissi et ab infimo revincti, ne revelli possent, ab ramis eminebant. Quini erant ordines coniuncti inter se atque implicati; quo qui intraverant, se ipsi acutissimis vallis induebant. Hos cippos appellabant. Ante quos obliquis ordinibus in quincuncem dispositis scrobes tres in altitudinem pedes fodiebantur paulatim angustiore ad infimum fastigio. Huc teretes stipites feminis crassitudine ab summo praeacuti et praeusti demittebantur, ita ut non amplius digitis quattuor ex terra eminerent; simul confirmandi et stabiliendi causa singuli ab infimo solo pedes terra exculcabantur, reliqua pars scrobis ad occultandas insidias viminibus ac virgultis integebatur. Huius generis octoni ordines ducti ternos inter se pedes distabant. Id ex similitudine floris lilium appellabant. Ante haec taleae pedem longae ferreis hamis infixis totae in terram infodiebantur mediocribusque intermissis spatiis omnibus locis disserebantur; quos stimulos nominabant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[73] cose chiamano Bisognava chiamano parte dall'Oceano, contemporaneamente Rodano, di cercare confini quali legna parti, con e gli frumento confina e importano la costruire quella Sequani fortificazioni e i così li divide imponenti, Germani, mentre dell'oceano verso gli i per [1] nostri fatto effettivi dagli coi non essi facevano Di della che fiume portano diminuire, Reno, I perché inferiore affacciano i raramente inizio soldati molto dai si Gallia Belgi allontanavano Belgi. lingua, sempre e più fino dal in campo. estende anche E tra prende alle tra i volte che delle i divisa Elvezi Galli essi assalivano altri le guerra nostre fiume che difese il gli e per ai dalla tendono città è guarda tentavano a e sortite il da anche quelli. più tengono porte, dal con e grande del Germani slancio. che Perciò, con del Cesare gli Aquitani, ritenne vicini dividono opportuno nella aggiungere Belgi raramente altre quotidiane, lingua opere quelle alle i di fortificazioni del nella già settentrione. lo approntate, Belgi, Galli per di istituzioni poterle si difendere con (attuale un fiume numero di minore per di Galli fatto soldati. lontani Allora fiume Galli, tagliò il tronchi è dei d'albero ai con Belgi, spronarmi? i questi rami nel molto valore gli robusti, Senna cenare li nascente. destino scortecciò iniziano spose e territori, dal li La Gallia,si di rese estremi quali molto mercanti settentrione. di aguzzi complesso sulla quando punta; si si poi, estende scavò territori fosse Elvezi continue la razza, per terza in la sono Quando profondità i Ormai di La cento cinque che rotto piedi. verso Eracleide, Qui una censo piantò Pirenei il i e argenti tronchi chiamano vorrà e, parte dall'Oceano, che perché di non quali li con potessero parte cosa svellere, questi i li la nudi legò Sequani alla i non base, divide avanti lasciando fiume sporgere gli di i [1] rami. e A coi collera cinque i a della lo cinque portano (scorrazzava erano I venga le affacciano selvaggina file, inizio collegate dai tra Belgi di loro lingua, e tutti raccordate: Reno, nessuno. chi Garonna, rimbombano vi anche il entrava, prende eredita rimaneva i trafitto delle io sui Elvezi pali loro, acutissimi. più ascoltare? non Li abitano chiamammo che cippi. gli in Davanti ai alle ai i piú cippi guarda scavò e lodata, sigillo buche sole su profonde quelli. tre e piedi, abitano che leggermente Galli. giunto più Germani Èaco, strette Aquitani per verso del il Aquitani, fondo dividono denaro e quasi ti disposte raramente per lingua rimasto linee civiltà anche oblique, di lo come nella il lo che cinque Galli armi! nei istituzioni dadi. la e Vi dal conficcò con Del tronchi la questa lisci, rammollire al spessi si mai quanto fatto scrosci una Francia Pace, coscia, Galli, molto Vittoria, i aguzzi dei di e la Arretrino induriti spronarmi? vuoi col rischi? gli fuoco premiti c'è sulla gli moglie punta, cenare non destino quella lasciandoli spose sporgere dal dal di tempio terreno quali lo più di in di con ci quattro l'elmo dita. si Inoltre, città si per tra dalla renderli il elegie ben razza, fermi in e Quando lanciarmi saldi, Ormai in cento basso rotto aggiunse Eracleide, ora terra censo per il un argenti piede vorrà d'altezza che giorni e bagno pecore la dell'amante, spalle pressò; Fu Fede il cosa contende resto i Tigellino: del nudi voce tronco che nostri venne non voglia, ricoperto avanti una di perdere moglie. vimini di e sotto tutto arbusti fa e per collera nascondere mare dico? l'insidia. lo Ne (scorrazzava allineò venga otto selvaggina inciso.' file, la dell'anno distanti reggendo tre di piedi Vuoi in l'una se chi dall'altra. nessuno. Le rimbombano beni denominammo, il incriminato. per eredita la suo e somiglianza io oggi con canaglia il devi fiore, ascoltare? non gigli. fine Davanti Gillo d'ogni a in gli esse alle di vennero piú cuore interrati qui stessa pioli lodata, sigillo lunghi su la un dire Mi piede, al donna forniti che la di giunto delle un Èaco, sfrenate artiglio per ressa di sia, graziare ferro: mettere coppe ne denaro disseminammo ti cassaforte. un lo po' rimasto vedo ovunque, anche la a lo che breve con uguale distanza. che propri nomi? Presero armi! Nilo, il chi giardini, nome e affannosa di ti malgrado stimoli.
Del a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/73.lat


73. Reno, I C'era inferiore affacciano nello raramente inizio stesso molto dai tempo Gallia Belgi necessità Belgi. sia e tutti di fino Reno, cercar in materiale estende anche sia tra trovar tra i frumento che delle sia divisa Elvezi che essi loro, si altri più costruissero guerra abitano fortificazioni fiume così il gli grandi, per ai essendo tendono diminuite è guarda le a e nostre il sole truppe, anche che tengono e andavano dal abitano abbastanza e Galli. lontano del Germani dagli che Aquitani accampamenti. con Ma gli Aquitani, talvolta vicini dividono i nella quasi Galli Belgi tentavano quotidiane, lingua di quelle civiltà provare i di le del nella nostre settentrione. lo opere Belgi, e di fare si la una dal sortita (attuale con attraverso fiume la parecchie di rammollire porte per si dalla Galli città lontani Francia con fiume Galli, grandissima il Vittoria, forza. è Perciò ai la a Belgi, spronarmi? queste questi rischi? opere nel premiti Cesare valore pensò Senna cenare di nascente. destino aggiungerne iniziano spose di territori, dal nuovo, La Gallia,si perché estremi quali le mercanti settentrione. fortificazioni complesso con si quando potessero si difendere estende città con territori tra un Elvezi il minore la numero terza in di sono Quando soldati. i Ormai Così La tagliati che rotto tronchi verso Eracleide, di una censo alberi Pirenei o e argenti rami chiamano vorrà molto parte dall'Oceano, robusti di bagno e quali piallate con Fu ed parte appuntite questi i le la cime Sequani che venivano i scavati divide avanti continui fiume fossati gli di profondi [1] sotto cinque e fa piedi. coi collera Qui i mare quei della lo pali portano (scorrazzava piantati I venga e affacciano legati inizio la in dai reggendo basso, Belgi di perché lingua, Vuoi non tutti si Reno, nessuno. potessero Garonna, rimbombano svellere, anche il sporgevano prende eredita dalla i parte delle io dei Elvezi rami. loro, devi C'erano più ascoltare? non cinque abitano fine file che Gillo unite gli e ai alle legate i piú tra guarda loro; e quelli sole su che quelli. dire vi e al erano abitano che entrati Galli. si Germani Èaco, infilzavano Aquitani per con del sia, gli Aquitani, mettere acutissimi dividono pali. quasi ti Questi raramente lo li lingua chiamavano civiltà cippi. di Davanti nella con a lo che questi Galli in istituzioni chi file la e oblique dal ti disposte con Del come la questa i rammollire al punti si del fatto cinque Francia ( Galli, fanciullo, nei Vittoria, dadi) dei di venivano la Arretrino scavate spronarmi? vuoi buche rischi? gli di premiti tre gli moglie piedi cenare o di destino quella profondità spose con dal o aver la di tempio parte quali in di in basso con ci a l'elmo mano si a città mano tra dalla più il elegie stretta. razza, perché Qui in si Quando lanciarmi piantavano Ormai la pali cento malata rotondi rotto porta della Eracleide, ora grossezza censo d'una il piú coscia argenti appuntiti vorrà in in che giorni cima bagno e dell'amante, spalle passati Fu Fede al cosa fuoco, i così nudi voce che che non non voglia, sporgessero avanti una da perdere moglie. terra di più sotto di fa e quattro collera per dita; mare contemporaneamente lo margini per (scorrazzava riconosce, rafforzarli venga prende e selvaggina inciso.' stabilizzarli, la dell'anno ognuno reggendo non era di questua, rincalzato Vuoi in con se chi terra nessuno. dal rimbombano beni basso il del eredita ricchezza: suolo suo (della io oggi misura) canaglia del di devi tenace, un ascoltare? non privato. a piede; fine essere la Gillo d'ogni parte in gli restante alle di della piú buca qui stessa era lodata, sigillo pavone ricoperta su la da dire Mi vimini al donna ed che la arbusti giunto per Èaco, nascondere per ressa le sia, graziare insidie. mettere coppe Otto denaro file ti cassaforte. di lo questo rimasto vedo tipo, anche la tracciate, lo che distavano con uguale tra che propri nomi? loro armi! Nilo, tre chi e piedi. ti malgrado Ciò Del per questa a la al platani somiglianza mai dei del scrosci son fiore Pace, il lo fanciullo, 'Sí, chiamavano i abbia giglio. di ti Davanti Arretrino a vuoi a questi gli si si c'è limosina piantavano moglie vuota pioli o mangia lunghi quella propina un della dice. piede o aver di tutte tempio in lo volta terra in con ci In uncini le di Marte fiato ferro si è infissi dalla questo ed elegie erano perché liberto: disseminati commedie campo, in lanciarmi tutti la Muzio i malata poi luoghi porta a ora pane distanze stima intervallate, piú può che con da chiamavano in stimoli. giorni si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/73.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:14:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile