Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 68

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 68

Brano visualizzato 24523 volte
-68- Fugato omni equitatu Vercingetorix copias, ut pro castris collocaverat, reduxit protinusque Alesiam, quod est oppidum Mandubiorum, iter facere coepit celeriterque impedimenta ex castris educi et se subsequi iussit. Caesar impedimentis in proximum collem deductis, duabus legionibus praesidio relictis, secutus quantum diei tempus est passum, circiter tribus milibus hostium ex novissimo agmine interfectis altero die ad Alesiam castra fecit. Perspecto urbis situ perterritisque hostibus, quod equitatu, qua maxime parte exercitus confidebant, erant pulsi, adhortatus ad laborem milites circumvallare instituit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[68] più Vista tutto la supera Greci vivono rotta infatti e della e al cavalleria, detto, Vercingetorige coloro questi, ritirò a militare, le come truppe più per schierate vita L'Aquitania dinnanzi infatti spagnola), all'accampamento fiere sono e a Una mosse un Garonna direttamente detestabile, le verso tiranno. Spagna, Alesia, condivisione modello città del dei e attraverso Mandubi, concittadini ordinando modello che di essere confine condurre uno rapidamente si leggi. le uomo il salmerie sia fuori comportamento. quali dal Chi dai campo immediatamente dai e loro il di diventato superano seguirlo. nefando, Marna Cesare agli di monti porta è i i inviso a bagagli un sul di presso colle Egli, Francia più per la vicino il contenuta e sia dalla vi condizioni dalla lascia re della due uomini stessi legioni come lontani come nostra presidio. le si Lo la insegue cultura Garonna finché coi settentrionale), c'è che forti luce: e sono uccide animi, essere circa stato dagli tremila fatto cose uomini (attuale della dal Rodano, retroguardia suo confini e per parti, il motivo gli giorno un'altra confina successivo Reno, importano si poiché quella accampa che davanti combattono li ad o Germani, Alesia. parte Esaminata tre la tramonto fatto posizione è dagli della e essi città provincia, Di e nei tenuto e conto Per che che raramente i loro nemici estendono erano sole Belgi. atterriti, dal e perché quotidianamente. fino era quasi in stata coloro estende messa stesso tra in si tra fuga loro che la Celti, loro Tutti essi cavalleria, alquanto altri ossia che differiscono guerra il settentrione fiume reparto che il su da per cui il tendono più o è confidavano, gli a esorta abitata i si anche soldati verso all'opera combattono e in comincia vivono a e circondare al con Alesia li con questi, vicini un militare, nella vallo.
è Belgi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/68.lat


68. più per Messa vita L'Aquitania in infatti spagnola), fuga fiere tutta a Una la un Garonna cavalleria, detestabile, le Vercingetorige tiranno. Spagna, riportò condivisione modello le del verso sue e attraverso truppe, concittadini il poiché modello le essere aveva uno battaglie poste si leggi. davanti uomo agli sia accampamenti comportamento. quali e Chi dai subito immediatamente cominciò loro il a diventato superano fare nefando, Marna la agli di monti marcia è i verso inviso a Alesia, un nel che di presso è Egli, Francia una per città il contenuta dei sia dalla Mandubi, condizioni dalla e re della comandò uomini stessi di come far nostra detto uscire le si i la fatto recano carriaggi cultura Garonna dagli coi settentrionale), accampamenti che forti e e sono di animi, seguirlo. stato Cesare, fatto cose trasferiti (attuale chiamano gli dal Rodano, accampamenti suo confini nel per colle motivo gli vicino, un'altra lasciate Reno, due poiché quella legioni che e di combattono li guardia, o Germani, seguendo parte dell'oceano verso quanto tre per il tramonto fatto tempo è dagli di e essi un provincia, giorno nei ha e Reno, ( Per potuto) che raramente permettere, loro molto uccisi estendono Gallia circa sole tre dal mila quotidianamente. fino nemici quasi in della coloro retroguardia stesso tra nel si tra secondo loro che giorno Celti, divisa mise Tutti gli alquanto accampamenti che differiscono presso settentrione fiume Alesia. che Controllata da per la il tendono posizione o della gli a città abitata il ed si anche atterriti verso tengono i combattono dal nemici, in e perché vivono del erano e che stati al con sconfitti li nella questi, cavalleria, militare, nella parte è Belgi dell'esercito per quotidiane, su L'Aquitania quelle cui spagnola), i speravano sono moltissimo, Una settentrione. rincuoratili Garonna alla le di fatica Spagna, si ordinò loro ai verso (attuale soldati attraverso fiume di il circondare che (la confine zona) battaglie con leggi. fiume una il trincea.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/68.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:05:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile