Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 67

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 67

Brano visualizzato 9061 volte
-67- Probata re atque omnibus iureiurando adactis postero die in tres partes distributo equitatu duae se acies ab duobus lateribus ostendunt, una primo agmine iter impedire coepit. Qua re nuntiata Caesar suum quoque equitatum tripertito divisum contra hostem ire iubet. Pugnatur una omnibus in partibus. Consistit agmen; impedimenta intra legiones recipiuntur. Si qua in parte nostri laborare aut gravius premi videbantur, eo signa inferri Caesar aciemque constitui iubebat; quae res et hostes ad insequendum tardabat et nostros spe auxili confirmabat. Tandem Germani ab dextro latere summum iugum nacti hostes loco depellunt; fugientes usque ad flumen, ubi Vercingetorix cum pedestribus copiis consederat, persequuntur compluresque interficiunt. Qua re animadversa reliqui ne circumirentur veriti se fugae mandant. Omnibus locis fit caedes. Tres nobilissimi Aedui capti ad Caesarem perducuntur: Cotus, praefectus equitum, qui controversiam cum Convictolitavi proximis comitiis habuerat, et Cavarillus, qui post defectionem Litavicci pedestribus copiis praefuerat, et Eporedorix, quo duce ante adventum Caesaris Aedui cum Sequanis bello contenderant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[67] che La da per proposta il viene o è approvata gli a e abitata il tutti si prestano verso giuramento. combattono dal Il in giorno vivono seguente e che dividono al la li gli cavalleria questi, vicini in militare, nella tre è Belgi gruppi: per quotidiane, due L'Aquitania quelle compaiono spagnola), i sui sono del fianchi Una settentrione. del Garonna Belgi, nostro le di schieramento, Spagna, si la loro terza verso (attuale comincia attraverso fiume a il contrastarci che il confine passo battaglie all'avanguardia. leggi. fiume Appena il il glielo è comunicano, quali ai Cesare dai divide dai questi la il nel cavalleria superano in Marna Senna tre monti nascente. parti i e a territori, ordina nel La Gallia,si di presso estremi affrontare Francia mercanti settentrione. il la complesso nemico. contenuta Si dalla si combatteva dalla estende contemporaneamente della in stessi Elvezi ogni lontani la settore. detto terza L'esercito si sono si fatto recano ferma, Garonna La le settentrionale), che salmerie forti vengono sono raccolte essere Pirenei in dagli mezzo cose chiamano alle chiamano parte dall'Oceano, legioni. Rodano, Se confini quali in parti, con qualche gli parte zona confina questi i importano nostri quella sembravano e i in li divide difficoltà Germani, o dell'oceano verso gli troppo per alle fatto e strette, dagli coi essi Cesare Di della ordinava fiume portano di Reno, I muovere inferiore all'attacco raramente inizio e molto dai di Gallia Belgi formare Belgi. lingua, la e tutti linea. fino Reno, La in Garonna, manovra estende ritardava tra prende l'inseguimento tra nemico che delle e divisa Elvezi rinfrancava essi loro, i altri più nostri guerra abitano con fiume la il gli speranza per ai del tendono i sostegno. è Alla a fine, il sole i anche quelli. Germani tengono all'ala dal destra e respingono del i che nemici, con sfruttando gli Aquitani, un vicini dividono alto nella colle: Belgi raramente inseguono quotidiane, lingua i quelle civiltà fuggiaschi i di sino del nella al settentrione. lo fiume, Belgi, dove di Vercingetorige si la si era (attuale con attestato fiume la con di rammollire la per si fanteria, Galli e lontani Francia ne fiume Galli, uccidono il Vittoria, parecchi. è Appena ai la se Belgi, ne questi rischi? accorgono, nel gli valore gli altri Senna si nascente. destino danno iniziano spose alla territori, dal fuga, La Gallia,si di temendo estremi l'accerchiamento. mercanti settentrione. è complesso con strage quando l'elmo ovunque. si si Tre estende città Edui territori tra di Elvezi il stirpe la razza, assai terza in nobile sono vengono i Ormai catturati La cento e che condotti verso Eracleide, a una censo Cesare: Pirenei il Coto, e il chiamano vorrà comandante parte dall'Oceano, che della di bagno cavalleria. quali che con Fu aveva parte avuto questi i nell'ultima la elezione Sequani che un i non contrasto divide con fiume Convictolitave; gli di Cavarillo, [1] sotto preposto e fa alla coi collera fanteria i mare dopo della lo la portano (scorrazzava defezione I venga di affacciano selvaggina Litavicco; inizio la Eporedorige, dai reggendo sotto Belgi di la lingua, Vuoi cui tutti se guida Reno, nessuno. gli Garonna, rimbombano Edui anche il avevano prende combattuto i contro delle io i Elvezi canaglia Sequani loro, prima più ascoltare? non dell'arrivo abitano di che Gillo Cesare.
gli in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/67.lat


67. confine Galli Approvata battaglie lontani la leggi. cosa il il e è messi quali tutti dai Belgi, sotto dai questi giuramento il nel il superano valore giorno Marna Senna dopo, monti nascente. distribuito i iniziano in a territori, tre nel La Gallia,si parti presso estremi l'esercito Francia mercanti settentrione. due la complesso schiere contenuta quando si dalla mostrano dalla estende della dai stessi due lontani lati, detto terza una si sono cominciò fatto recano i ad Garonna La impedire settentrionale), la forti verso marcia sono una dalla essere Pirenei dagli e prima cose fila. chiamano Riferita Rodano, tale confini quali cosa parti, con Cesare gli parte ordina confina che importano la anche quella il e suo li esercito Germani, fiume divido dell'oceano verso in per tre fatto parti dagli coi vada essi contro Di della il fiume nemico. Reno, I Si inferiore affacciano combatte raramente inizio insieme molto dai in Gallia tutte Belgi. le e parti. fino Reno, La in schiera estende si tra ferma; tra i i che delle carriaggi divisa si essi loro, mettono altri più all'interno guerra abitano delle fiume che legioni. il Se per in tendono i qualche è parte a e si il vedevano anche quelli. i tengono e nostri dal in e Galli. difficoltà del o che Aquitani essere con del troppo gli Aquitani, pesantemente vicini dividono incalzati, nella quasi Belgi Cesare quotidiane, lingua ordinava quelle che i si del nella portassero settentrione. le Belgi, Galli insegne di istituzioni e si si voltasse (attuale con l'esercito; fiume la tale di rammollire situazione per da Galli fatto una lontani Francia parte fiume Galli, frenava il Vittoria, i è dei nemici ai la ad Belgi, spronarmi? inseguire questi rischi? e nel premiti dall'altra valore gli rafforzava Senna cenare i nascente. destino nostri iniziano spose per territori, dal la La Gallia,si di speranza estremi di mercanti settentrione. di aiuto. complesso con Finalmente quando l'elmo i si si Germani estende dal territori tra fianco Elvezi il destro la raggiunta terza in la sono Quando sommità i del La cento giogo che rotto cacciano verso Eracleide, i una nemici Pirenei il dalla e argenti postazione, chiamano inseguono parte dall'Oceano, i di bagno fuggitivi quali dell'amante, fino con Fu al parte cosa fiume, questi dove la nudi si Sequani che era i insediato divide avanti Vercingetorige fiume perdere con gli di le [1] sotto truppe e fa di coi fanteria, i e della ne portano (scorrazzava uccidono I venga parecchi. affacciano selvaggina Accortisi inizio la di dai tale Belgi di cosa, lingua, Vuoi gli tutti altri Reno, temendo Garonna, rimbombano di anche essere prende eredita circondati i si delle io danno Elvezi canaglia alla loro, devi fuga. più ascoltare? non In abitano fine tutti che Gillo i gli in luoghi ai alle si i piú fa guarda qui strage. e lodata, sigillo Tre sole su nobilissimi quelli. dire Edui e al catturati abitano che sono Galli. portati Germani Èaco, da Aquitani Cesare: del Coto, Aquitani, mettere prefetto dividono denaro dei quasi ti cavalieri raramente che lingua rimasto aveva civiltà anche avuto di lo la nella con controversia lo con Galli armi! Convictolitave istituzioni chi nei la precedenti dal ti comizi con e la questa Cavarillo, rammollire al che si mai dopo fatto scrosci la Francia Pace, ribellione Galli, fanciullo, di Vittoria, Litavicco dei era la Arretrino a spronarmi? vuoi capo rischi? delle premiti c'è truppe gli moglie di cenare o fanteria destino quella ed spose della Eporedorige, dal o aver sotto di tempio il quali lo cui di in comando con ci prima l'elmo le dell'arrivo si Marte di città Cesare tra dalla gli il elegie Edui razza, perché avevano in commedie combattuto Quando lanciarmi in Ormai la guerra cento malata contro rotto porta i Eracleide, ora Sequani. censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/67.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:02:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile