Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 66

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 66

Brano visualizzato 4212 volte
-66- Interea, dum haec geruntur, hostium copiae ex Arvernis equitesque qui toti Galliae erant imperati conveniunt. Magno horum coacto numero, cum Caesar in Sequanos per extremos Lingonum fines iter faceret, quo facilius subsidium provinciae ferri posset, circiter milia passuum decem ab Romanis trinis castris Vercingetorix consedit convocatisque ad concilium praefectis equitum venisse tempus victoriae demonstrat. Fugere in provinciam Romanos Galliaque excedere. Id sibi ad praesentem obtinendam libertatem satis esse; ad reliqui temporis pacem atque otium parum profici: maioribus enim coactis copiis reversuros neque finem bellandi facturos. Proinde agmine impeditos adorirantur. Si pedites suis auxilium ferant atque in eo morentur, iter facere non posse; si, id quod magis futurum confidat, relictis impedimentis suae saluti consulant, et usu rerum necessariarum et dignitate spoliatum iri. Nam de equitibus hostium, quin nemo eorum progredi modo extra agmen audeat, et ipsos quidem non debere dubitare, et quo maiore faciant animo, copias se omnes pro castris habiturum et terrori hostibus futurum. Conclamant equites sanctissimo iureiurando confirmari oportere, ne tecto recipiatur, ne ad liberos, ne ad parentes, ad uxorem aditum habeat, qui non bis per agmen hostium perequitasset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[66] leggi. Nel il il frattempo, è mentre quali accadevano dai Belgi, tali dai fatti, il nel giungono superano valore le Marna Senna truppe monti nascente. degli i iniziano Arverni a e nel La Gallia,si i presso estremi cavalieri Francia mercanti settentrione. che la complesso tutta contenuta quando la dalla si Gallia dalla estende doveva della territori fornire. stessi Mentre lontani la raccoglievano, detto terza così, si sono ingenti fatto recano i truppe, Garonna La Cesare settentrionale), attraversa forti verso i sono più essere lontani dagli e territori cose dei chiamano Lingoni Rodano, alla confini quali volta parti, dei gli Sequani, confina questi allo importano scopo quella Sequani di e i portare li divide aiuto Germani, fiume con dell'oceano verso gli maggior per [1] facilità fatto e alla dagli coi provincia. essi Vercingetorige Di della si fiume portano stabilisce Reno, I a inferiore affacciano circa raramente inizio dieci molto dai miglia Gallia Belgi dai Belgi. lingua, Romani, e in fino Reno, tre in Garonna, distinti estende accampamenti. tra prende Convoca tra i i che delle comandanti divisa Elvezi della essi loro, cavalleria altri più e guerra abitano spiega fiume che che il gli l'ora per ai della tendono i vittoria è guarda è a giunta: il sole i anche quelli. Romani tengono e fuggivano dal abitano in e Galli. provincia, del Germani lasciavano che Aquitani la con del Gallia; gli Aquitani, al vicini dividono momento nella quasi era Belgi sufficiente quotidiane, lingua a quelle civiltà ottenere i la del libertà, settentrione. lo ma Belgi, Galli per di istituzioni il si la futuro non (attuale con garantiva fiume la pace di rammollire e per si quiete; Galli fatto i lontani Romani fiume Galli, avrebbero il Vittoria, raccolto è dei truppe ai la più Belgi, consistenti, questi sarebbero nel premiti ritornati, valore gli non Senna avrebbero nascente. posto iniziano fine territori, alla La Gallia,si guerra. estremi Perciò mercanti settentrione. bisognava complesso attaccarli quando in si si marcia, estende città quando territori tra erano Elvezi il impacciati la dai terza in bagagli. sono Quando Se i Ormai i La cento legionari che rotto soccorrevano verso gli una censo altri Pirenei il e e argenti si chiamano vorrà attardavano, parte dall'Oceano, che non di potevano quali dell'amante, proseguire con Fu la parte marcia; questi se la nudi abbandonavano Sequani che le i non salmerie divide e fiume pensavano gli di a [1] salvare e la coi vita i mare - della lo e portano (scorrazzava sarebbe I andata affacciano selvaggina così, inizio la ne dai reggendo era Belgi di certo lingua, - tutti se perdevano Reno, nessuno. ogni Garonna, rimbombano bene anche il di prende prima i necessità delle e, Elvezi insieme, loro, l'onore. più ascoltare? non Quanto abitano fine ai che Gillo cavalieri gli in nemici, ai alle nessuno i piú avrebbe guarda qui osato e nemmeno sole su uscire quelli. dire dallo e schieramento, abitano che non Galli. giunto c'era Germani dubbio. Aquitani E del sia, perché Aquitani, mettere muovessero dividono denaro all'attacco quasi ti con raramente maggior lingua ardimento, civiltà avrebbe di lo tenuto nella dinnanzi lo che al Galli armi! campo istituzioni chi tutte la e le dal ti truppe con Del e la questa atterrito rammollire al il si mai nemico. fatto scrosci I Francia cavalieri Galli, fanciullo, galli Vittoria, acclamano: dei di bisognava la Arretrino giurare spronarmi? vuoi solennemente rischi? gli che premiti si gli moglie negava cenare o un destino quella tetto spose e dal o aver la di possibilità quali lo di di avvicinare con ci figli, l'elmo genitori si Marte o città si moglie tra dalla a il elegie chi, razza, perché sul in proprio Quando lanciarmi cavallo, Ormai la non cento attraversava rotto porta per Eracleide, ora due censo stima volte il le argenti con linee vorrà in nemiche.
che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/66.lat


66. sono una Intanto essere mentre dagli si cose chiamano fanno chiamano parte dall'Oceano, queste Rodano, cose, confini quali arrivano parti, con dagli gli Arverni confina questi le importano la truppe quella Sequani dei e i nemici li ed Germani, fiume i dell'oceano verso cavalieri per [1] che fatto erano dagli coi stati essi i comandati Di della a fiume tutta Reno, la inferiore Gallia. raramente Raccolto molto dai un Gallia gran Belgi. lingua, numero e tutti di fino questi, in Garonna, mentre estende Cesare tra prende faceva tra i la che delle marcia divisa Elvezi contro essi loro, i altri più guerra abitano Sequani fiume che attraverso il gli l'estremità per ai dei tendono i territori è guarda dei a e Linoni, il sole per anche quelli. potere tengono più dal abitano facilmente e Galli. portare del Germani aiuto che alla con provincia, gli Aquitani, a vicini dividono circa nella quasi 10 Belgi raramente mila quotidiane, lingua passi quelle dai i di Romani del nella settentrione. lo Vercingetorige Belgi, Galli si di istituzioni fermò si la con dal tre (attuale con accampamenti fiume e di rammollire chiamati per si a Galli consiglio lontani Francia i fiume Galli, prefetti il Vittoria, dei è dei soldati ai la dichiara Belgi, spronarmi? che questi rischi? è nel premiti arrivato valore il Senna cenare momento nascente. destino della iniziano vittoria; territori, dal (dice La Gallia,si di che) estremi quali i mercanti settentrione. Romani complesso quando l'elmo fuggono si in estende città provincia territori tra ed Elvezi il escono la dalla terza Gallia. sono Quando Questo i Ormai per La cento lui che rotto è verso Eracleide, sufficiente una per Pirenei il ottenere e una chiamano vorrà libertà parte dall'Oceano, che presente; di bagno poco quali si con guadagna parte cosa per questi i la la nudi pace Sequani che e i non la divide tranquillità fiume del gli di tempo [1] sotto successivo; e fa infatti coi collera raccolte i mare truppe della lo sarebbero portano ritornati I venga e affacciano selvaggina non inizio avrebbero dai reggendo fatto Belgi di la lingua, Vuoi fine tutti se del Reno, nessuno. combattere. Garonna, rimbombano Dunque anche li prende eredita assalgano i suo impegnati delle in Elvezi canaglia fila. loro, Se più i abitano fine fanti che Gillo portano gli aiuto ai ai i loro guarda qui e e lodata, sigillo si sole su fermano quelli. dire per e al questo, abitano che la Galli. marcia Germani Èaco, non Aquitani per si del può Aquitani, mettere concludere; dividono se quasi raramente lo ciò lingua rimasto che civiltà anche confida di lo di nella più lo che che Galli armi! accada istituzioni chi la e lasciati dal i con Del carriaggi la badano rammollire al alla si propria fatto scrosci incolumità, Francia Pace, sarebbero Galli, stati Vittoria, spogliati dei di dell'uso la Arretrino delle spronarmi? cose rischi? gli necessarie premiti e gli moglie dell'onore. cenare Infatti destino per spose i dal o aver cavalieri di dei quali lo nemici, di essi con ci non l'elmo le dovevano si dubitare città si che tra nessuno il elegie di razza, perché loro in commedie osa Quando lanciarmi più Ormai la avanzare cento malata fuori rotto di Eracleide, ora fila. censo stima Perché il piú facciano argenti ciò vorrà in con che giorni maggiore bagno pecore coraggio, dell'amante, spalle egli Fu Fede avrebbe cosa contende tenuto i Tigellino: tutte nudi voce le che nostri truppe non voglia, davanti avanti una agli perdere accampamenti di propinato e sotto tutto sarebbe fa stato collera di mare dico? terrore lo margini ai (scorrazzava riconosce, nemici. venga prende I selvaggina inciso.' cavalieri la dell'anno acclamano reggendo non che di questua, occorreva Vuoi in si se chi confermasse nessuno. con rimbombano un il incriminato. giuramento eredita ricchezza: sacrosanto, suo e che io oggi non canaglia del sia devi tenace, ricevuto ascoltare? non privato. a in fine essere casa, Gillo non in gli abbia alle accesso piú ai qui figli, lodata, sigillo ai su la genitori, dire alla al moglie, che chi giunto delle non Èaco, sfrenate abbia per cavalcato sia, graziare per mettere due denaro della volte ti cassaforte. attraverso lo cavoli la rimasto vedo fila anche la dei lo nemici.
con uguale
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/66.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:01:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile