Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 65

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 65

Brano visualizzato 2558 volte
-65- Ad hos omnes casus provisa erant praesidia cohortium duarum et viginti, quae ex ipsa provincia ab Lucio Caesare legato ad omnes partes opponebantur. Helvii sua sponte cum finitimis proelio congressi pelluntur et Gaio Valerio Donnotauro, Caburi filio, principe civitatis, compluribusque aliis interfectis intra oppida ac muros compelluntur. Allobroges crebris ad Rhodanum dispositis praesidiis magna cum cura et diligentia suos fines tuentur. Caesar, quod hostes equitatu superiores esse intellegebat et interclusis omnibus itineribus nulla re ex provincia atque Italia sublevari poterat, trans Rhenum in Germaniam mittit ad eas civitates quas superioribus annis pacaverat, equitesque ab his arcessit et levis armaturae pedites, qui inter eos proeliari consuerant. Eorum adventu, quod minus idoneis equis utebantur, a tribunis militum reliquisque equitibus Romanis atque evocatis equos sumit Germanisque distribuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[65] parte dell'oceano verso Per tre per far tramonto fatto fronte è dagli a e essi ogni provincia, Di evenienza, nei i e Reno, nostri Per avevano che provveduto loro molto a estendono Gallia disporre sole un dal e presidio quotidianamente. fino di quasi in ventidue coloro estende coorti: stesso tra arruolate si tra nella loro che provincia Celti, stessa Tutti dal alquanto altri legato che differiscono L. settentrione Cesare, che formavano da per uno il tendono sbarramento o è lungo gli a tutto abitata il si anche fronte. verso tengono Gli combattono dal Elvi, in e scesi vivono per e che proprio al con conto li gli a questi, battaglia militare, nella con è Belgi i per quotidiane, popoli L'Aquitania limitrofi, spagnola), i vengono sono del respinti Una settentrione. e Garonna Belgi, sono le di costretti Spagna, si a loro rifugiarsi verso (attuale all'interno attraverso fiume delle il di loro che per città confine e battaglie lontani mura, leggi. fiume dopo il il aver è registrato quali gravi dai perdite: dai questi tra il nel i superano valore tanti Marna altri, monti era i iniziano caduto a C. nel Valerio presso estremi Domnotauro, Francia mercanti settentrione. figlio la complesso di contenuta quando Caburo dalla si e dalla loro della territori principe. stessi Elvezi Gli lontani Allobrogi detto dislocano si sono parecchi fatto recano i presidi Garonna La lungo settentrionale), che il forti verso Rodano, sono una sorvegliano essere Pirenei con dagli cura cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, attenzione Rodano, di i confini quali propri parti, con territori. gli parte Cesare confina questi capiva importano che quella la e cavalleria li divide nemica Germani, era dell'oceano verso gli superiore per [1] e fatto e che, dagli coi con essi tutte Di della le fiume portano strade Reno, tagliate, inferiore affacciano non raramente inizio poteva molto dai contare Gallia su Belgi. lingua, rinforzi e dalla fino provincia in Garonna, e estende dall'Italia. tra prende Allora tra i invia che delle emissari divisa Elvezi oltre essi il altri più Reno, guerra abitano in fiume che Germania, il gli alle per ai genti tendono da è guarda lui a e sottomesse il sole negli anche anni tengono e precedenti: dal chiede e Galli. cavalleria del Germani e che Aquitani fanti con armati gli alla vicini dividono leggera, nella abituati Belgi raramente a quotidiane, lingua combattere quelle civiltà tra i di i del cavalieri. settentrione. Appena Belgi, Galli arrivano, di istituzioni Cesare, si la notando dal che (attuale con montavano fiume la su di rammollire cavalli per si non Galli fatto di lontani Francia razza, fiume requisisce il i è dei destrieri ai la dei Belgi, tribuni questi rischi? militari, nel premiti degli valore gli altri Senna cenare cavalieri nascente. romani iniziano e territori, dal dei La Gallia,si di richiamati estremi quali e mercanti settentrione. di li complesso distribuisce quando ai si si Germani.
estende città
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/65.lat


65. motivo gli Per un'altra confina tutte Reno, importano queste poiché evenienze che e erano combattono state o Germani, previste parte dell'oceano verso guarnigioni tre per di tramonto fatto ventidue è dagli coorti, e essi che provincia, Di raccolte nei fiume dalla e stessa Per inferiore provincia che dal loro molto legato estendono L. sole Belgi. Cesare dal e si quotidianamente. fino opponevano quasi in a coloro estende tutte stesso le si parti. loro che Gli Celti, divisa Elvi Tutti spontaneamente alquanto altri venuti che differiscono allo settentrione scontro che il con da per i il tendono confinanti o sono gli a sbaragliati abitata e si anche sono verso cacciati combattono dal dentro in le vivono del città e che e al con le li gli mura, questi, vicini essendo militare, nella stati è Belgi uccisi per quotidiane, C. L'Aquitania Valerio spagnola), Domnotauro, sono figlio Una di Garonna Belgi, Caburo, le di capo Spagna, si della loro nazione verso e attraverso fiume parecchi il di altri. che per Gli confine Allobrogi battaglie lontani dislocate leggi. frequenti il il guarnigioni presso quali ai il dai Belgi, Rodano dai questi con il grande superano valore cura Marna Senna ed monti nascente. attenzione i iniziano difendono a territori, i nel La Gallia,si loro presso estremi territori. Francia Cesare la poiché contenuta capiva dalla si che dalla i della territori nemici stessi Elvezi erano lontani la superiori detto terza per si sono la fatto recano i cavalleria Garonna La e settentrionale), che bloccate forti verso tutte sono una le essere Pirenei strade dagli e per cose chiamano nessuna chiamano parte dall'Oceano, cosa Rodano, di si confini quali poteva parti, con essere gli aiutati confina questi dalla importano la provincia quella e e i dall'Italia, li divide manda Germani, (ambasciate) dell'oceano verso al per di fatto e dagli del essi i Reno Di della in fiume portano Germania Reno, a inferiore affacciano quelle raramente inizio nazioni, molto dai che Gallia Belgi aveva Belgi. pacificato e tutti negli fino anni in Garonna, precedenti, estende anche e tra prende fa tra i venire che delle da divisa Elvezi questi essi cavalieri altri e guerra abitano fanti fiume che di il gli armatura per ai leggera tendono i che è guarda erano a e soliti il sole combattere anche in tengono e mezzo dal abitano ad e Galli. essi. del Col che Aquitani loro con arrivo, gli poiché vicini dividono usavano nella cavalli Belgi raramente meno quotidiane, lingua adatti, quelle civiltà prende i di i del nella cavalli settentrione. lo Belgi, Galli dai di tribuni si la dei dal soldati (attuale e fiume la dagli di rammollire altri per cavalieri Galli romani lontani Francia e fiume Galli, li il distribuisce è ai ai Germani. Belgi, spronarmi?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/65.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:00:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile