Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 55

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 55

Brano visualizzato 4116 volte
-55- Noviodunum erat oppidum Aeduorum ad ripas Ligeris opportuno loco positum. Huc Caesar omnes obsides Galliae, frumentum, pecuniam publicam, suorum atque exercitus impedimentorum magnam partem contulerat; huc magnum numerum equorum huius belli causa in Italia atque Hispania coemptum miserat. Eo cum Eporedorix Viridomarusque venissent et de statu civitatis cognovissent, Litaviccum Bibracti ab Aeduis receptum, quod est oppidum apud eos maximae auctoritatis, Convictolitavim magistratum magnamque partem senatus ad eum convenisse, legatos ad Vercingetorigem de pace et amicitia concilianda publice missos, non praetermittendum tantum commodum existimaverunt. Itaque interfectis Novioduni custodibus quique eo negotiandi causa convenerant pecuniam atque equos inter se partiti sunt; obsides civitatum Bibracte ad magistratum deducendos curaverunt; oppidum, quod a se teneri non posse iudicabant, ne cui esset usui Romanis, incenderunt; frumenti quod subito potuerunt navibus avexerunt, reliquum flumine atque incendio corruperunt. Ipsi ex finitimis regionibus copias cogere, praesidia custodiasque ad ripas Ligeris disponere equitatumque omnibus locis iniciendi timoris causa ostentare coeperunt, si ab re frumentaria Romanos excludere aut adductos inopia in provinciam expellere possent. Quam ad spem multum eos adiuvabat, quod Liger ex nivibus creverat, ut omnino vado non posse transiri videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[55] la Novioduno contenuta quando era dalla una dalla città della territori degli stessi Edui lontani la sulle detto terza rive si sono della fatto recano i Loira, Garonna in settentrionale), che posizione forti verso favorevole. sono una Qui essere Pirenei Cesare dagli e aveva cose chiamano raccolto chiamano parte dall'Oceano, tutti Rodano, di gli confini quali ostaggi parti, con della gli parte Gallia, confina il importano la grano, quella Sequani il e i denaro li divide pubblico, Germani, fiume gran dell'oceano verso gli parte per [1] dei fatto e bagagli dagli coi suoi essi i e Di della dell'esercito, fiume portano qui Reno, aveva inferiore affacciano inviato raramente inizio molti molto dai cavalli Gallia Belgi acquistati Belgi. lingua, in e tutti Italia fino e in Garonna, in estende anche Spagna tra prende per tra i la che delle guerra divisa Elvezi in essi corso. altri Eporedorige guerra abitano e fiume Viridomaro, il gli non per ai appena tendono i arrivarono è guarda a a Novioduno il sole e anche seppero tengono e come dal abitano andavano e le del Germani cose che Aquitani tra con del gli gli Aquitani, Edui vicini (avevano nella quasi accolto Belgi Litavicco quotidiane, a quelle Bibracte, i di la del nella loro settentrione. lo città Belgi, più di importante; si il magistrato (attuale con Convictolitave fiume e di la per si maggior Galli parte lontani del fiume Galli, senato il Vittoria, lo è dei aveva ai raggiunto; Belgi, a questi rischi? titolo nel ufficiale valore gli erano Senna stati nascente. destino inviati iniziano spose emissari territori, dal a La Gallia,si di Vercingetorige estremi per mercanti settentrione. di trattare complesso con pace quando e si si alleanza), estende città ritennero territori tra di Elvezi non la razza, doversi terza in lasciar sono Quando sfuggire i Ormai un'occasione La simile. che rotto Perciò, verso Eracleide, eliminarono una censo la Pirenei il guarnigione e argenti di chiamano vorrà Novioduno parte dall'Oceano, che e di bagno i quali dell'amante, commercianti con Fu che parte questi i risiedevano, la si Sequani che spartirono i il divide avanti denaro fiume e gli di i [1] cavalli. e Condussero coi collera a i Bibracte, della lo dal portano (scorrazzava magistrato, I venga gli affacciano ostaggi inizio la dei dai reggendo vari Belgi di popoli lingua, Vuoi e, tutti se giudicando Reno, di Garonna, rimbombano non anche poterla prende eredita difendere, i suo incendiarono delle io la Elvezi canaglia città, loro, per più ascoltare? non impedire abitano fine ai che Gillo Romani gli in di ai alle servirsene. i Tutto guarda qui il e lodata, sigillo grano sole su che quelli. e al per abitano che Galli. giunto riuscirono Germani Èaco, a Aquitani per caricare del sia, sulle Aquitani, mettere navi, dividono lo quasi trasportarono raramente lo via, lingua rimasto il civiltà anche resto di lo nella con gettarono lo che in Galli armi! acqua istituzioni o la e lo dal ti bruciarono. con Del Intrapresero la la rammollire raccolta si mai di fatto truppe Francia dalle Galli, fanciullo, regioni Vittoria, i limitrofe, dei di disposero la Arretrino presidi spronarmi? vuoi e rischi? gli guarnigioni premiti c'è lungo gli la cenare Loira, destino quella mentre spose della la dal o aver loro di tempio cavalleria quali lo compariva di in in con ci ogni l'elmo le zona si per città si incutere tra dalla timore, il elegie nella razza, speranza in di Quando lanciarmi tagliare Ormai la ai cento malata Romani rotto porta l'approvvigionamento Eracleide, ora di censo stima grano il piú oppure argenti di vorrà costringerli che giorni al bagno pecore ripiegamento dell'amante, in Fu Fede provincia, cosa contende dopo i Tigellino: averli nudi voce condotti che nostri allo non stremo. avanti una Ad perdere moglie. alimentare di propinato le sotto tutto loro fa e speranze collera contribuiva mare dico? molto lo margini la (scorrazzava riconosce, Loira venga prende in selvaggina inciso.' piena la dell'anno per reggendo non le di questua, nevi, Vuoi in al se chi punto nessuno. fra che rimbombano sembrava il proprio eredita ricchezza: impossibile suo e guadarla.
io oggi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/55.lat


55. Garonna La Novioduno settentrionale), che era forti una sono una città essere degli dagli e Edui cose chiamano posta chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, luogo confini quali favorevole parti, con sulle gli parte rive confina questi della importano la Loira. quella Sequani Qui e i Cesare li divide aveva Germani, portato dell'oceano verso tutti per [1] gli fatto ostaggi dagli coi della essi i Gallia, Di il fiume portano frumento, Reno, I il inferiore denaro raramente inizio pubblico, molto gran Gallia parte Belgi. dei e fino Reno, carriaggi in Garonna, suoi estende e tra dell'esercito; tra qui che delle aveva divisa inviato essi loro, grande altri più quantità guerra di fiume cavalli il acquistata per per tendono questa è guarda guerra a e in il sole Italia anche quelli. ed tengono e dal abitano in e Galli. Spagna. del Germani Essendo che Aquitani giunti con del gli Aquitani, Eporedorige vicini e nella Viridomaro Belgi raramente ed quotidiane, lingua avendo quelle saputo i dello del nella stato settentrione. lo della Belgi, Galli nazione, di istituzioni che si Litavicco dal era (attuale con stato fiume accolto di rammollire a per si Bibratte Galli fatto lontani Francia che fiume Galli, è il la è città ai per Belgi, spronarmi? loro questi rischi? di nel massimo valore gli prestigio Senna cenare -, nascente. destino il iniziano spose magistero territori, dal Convictolitave La Gallia,si di e estremi quali gran mercanti settentrione. di parte complesso del quando l'elmo senato si si era estende città d'accordo territori tra con Elvezi il lui, la razza, erano terza in stati sono inviati i a La Vercingetorige che rotto ambasciatori verso pubblicamente una censo per Pirenei il fare e argenti pace chiamano vorrà ed parte dall'Oceano, che amicizia, di bagno quali dell'amante, giudicarono con Fu che parte cosa non questi bisognava la nudi tralasciare Sequani che un i momento divide avanti tanto fiume perdere vantaggioso. gli Così [1] sotto uccisi e a coi collera Novioduno i mare le della lo guardie portano e I quelli affacciano che inizio vi dai reggendo erano Belgi di giunti lingua, per tutti se commerciare, Reno, nessuno. si Garonna, rimbombano divisero anche tra prende loro i suo denaro delle e Elvezi canaglia cavalli, loro, devi fecero più portare abitano fine gli che Gillo ostaggi gli delle ai nazioni i piú dal guarda qui magistrato e lodata, sigillo a sole su Bibratte, quelli. la e al città, abitano che che Galli. giunto ritenevano Germani Èaco, non Aquitani si del potesse Aquitani, mettere tenere dividono denaro da quasi ti loro, raramente perché lingua rimasto non civiltà anche fosse di lo di nella con alcuna lo che utilità Galli armi! ai istituzioni chi Romani, la la dal ti incendiarono, con Del di la frumento rammollire al quello si mai che fatto scrosci poterono Francia subito Galli, fanciullo, lo Vittoria, i sottrassero dei di con la le spronarmi? vuoi navi, rischi? gli il premiti resto gli lo cenare o danneggiarono destino nel spose della fiume dal o aver o di tempio con quali lo l'incendio. di in Essi con ci stessi l'elmo le cominciarono si a città si raccogliere tra dalla truppe il elegie dalle razza, perché nazioni in commedie vicine, Quando disporre Ormai la guarnigioni cento e rotto sentinelle Eracleide, ora sulle censo stima rive il piú della argenti con Loira vorrà ed che giorni ostentare bagno pecore la dell'amante, spalle cavalleria Fu Fede in cosa contende tutti i Tigellino: i nudi voce luoghi che per non voglia, incutere avanti una timore, perdere se di propinato potessero sotto tutto escludere fa e i collera per Romani mare dal lo vettovagliamento (scorrazzava riconosce, o, venga costretti selvaggina inciso.' dalla la fame, reggendo cacciarli di questua, dalla Vuoi provincia. se chi Per nessuno. fra tale rimbombano beni speranza il li eredita ricchezza: aiutava suo e molto, io oggi il canaglia del fatto devi che ascoltare? non privato. a la fine essere Loira Gillo d'ogni era in gli cresciuta alle per piú cuore le qui stessa nevi, lodata, sigillo pavone tanto su la che dire Mi non al donna sembrava che la si giunto potesse Èaco, sfrenate assolutamente per ressa passare sia, graziare a mettere coppe guado. denaro della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/55.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 22:46:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile