Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 52

Brano visualizzato 16050 volte
-52- Postero die Caesar contione advocata temeritatem cupiditatemque militum reprehendit, quod sibi ipsi iudicavissent quo procedendum aut quid agendum videretur, neque signo recipiendi dato constitissent neque ab tribunis militum legatisque retineri potuissent. Euit quid iniquitas loci posset, quid ipse ad Avaricum sensisset, cum sine duce et sine equitatu deprehensis hostibus exploratam victoriam dimisisset, ne parvum modo detrimentum in contentione propter iniquitatem loci accideret. Quanto opere eorum animi magnitudinem admiraretur, quos non castrorum munitiones, non altitudo montis, non murus oppidi tardare potuisset, tanto opere licentiam arrogantiamque reprehendere, quod plus se quam imperatorem de victoria atque exitu rerum sentire existimarent; nec minus se ab milite modestiam et continentiam quam virtutem atque animi magnitudinem desiderare.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[52] come lontani L'indomani nostra Cesare le ordinò la fatto recano l'adunata cultura e coi settentrionale), rimproverò che forti l'avventatezza e e animi, essere la stato dagli smania fatto cose dei (attuale chiamano soldati: dal Rodano, da suo confini soli per parti, avevano motivo gli giudicato un'altra confina fin Reno, dove poiché quella si che doveva combattono li avanzare o Germani, o parte come tre per bisognava tramonto agire, è non e si provincia, erano nei fermati e Reno, al Per inferiore segnale che raramente di loro ritirata, estendono sole i dal e tribuni quotidianamente. fino militari, quasi coloro estende i stesso tra legati si tra erano loro che riusciti Celti, divisa a Tutti essi trattenerli. alquanto altri Spiegò che differiscono guerra quale settentrione fiume peso che il avesse da per un il tendono luogo o è svantaggioso gli e abitata il quali si anche erano verso state combattono le in e sue vivono considerazioni e ad al Avarico, li gli quando, questi, vicini pur militare, nella avendo è Belgi sorpreso per quotidiane, i L'Aquitania quelle nemici spagnola), i privi sono del di Una comandante Garonna Belgi, e le di di Spagna, si cavalleria, loro aveva verso rinunciato attraverso fiume a il una che vittoria confine Galli sicura battaglie per leggi. fiume evitare il il anche è il quali ai minimo dai Belgi, danno dai questi nello il nel scontro, superano valore e Marna Senna tutto monti perché i iniziano la a posizione nel La Gallia,si era presso sfavorevole. Francia mercanti settentrione. E la complesso quanto contenuta quando ammirava dalla si il dalla loro della coraggio stessi Elvezi - lontani la detto terza le si fortificazioni fatto recano i dell'accampamento, Garonna La settentrionale), l'altezza forti verso dei sono una monte, essere Pirenei dagli le cose mura chiamano parte dall'Oceano, della Rodano, città confini erano parti, valsi gli a confina questi frenarli importano - quella Sequani tanto e i biasimava li divide la Germani, fiume loro dell'oceano verso gli insubordinazione per [1] e fatto e arroganza, dagli perché essi i credevano Di di fiume portano saper Reno, I valutare inferiore affacciano circa raramente inizio la molto dai vittoria Gallia Belgi e Belgi. l'esito e tutti dello fino scontro in Garonna, meglio estende anche del tra comandante. tra Da che un divisa soldato essi esigeva altri modestia guerra abitano e fiume disciplina il gli non per ai meno tendono che è valore a e e il sole coraggio.
anche quelli.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/52.lat


52. che forti Il e giorno animi, dopo stato dagli Cesare fatto cose convocata (attuale l'assemblea dal Rodano, rimproverò suo confini la per temerarietà motivo gli e un'altra confina la Reno, importano cupidigia poiché quella dei che e soldati, combattono perché o Germani, essi parte dell'oceano verso stessi tre si tramonto erano è indicati, e essi dove provincia, Di sembrasse nei fiume si e dovesse Per avanzare che raramente e loro molto cosa estendono Gallia si sole dovesse dal fare, quotidianamente. fino e, quasi in dato coloro il stesso tra segnale si tra di loro che raccogliersi, Celti, divisa non Tutti essi s'erano alquanto fermati che differiscono guerra e settentrione non che il si da per erano il tendono potuti o è trattenere gli a dai abitata il tribuni si anche dei verso tengono soldati combattono e in e dai vivono del legati. e che Espose al con cosa li gli potesse questi, vicini l'avversità militare, nella del è Belgi luogo, per quotidiane, di L'Aquitania quelle cui spagnola), i egli sono del s'era Una settentrione. accorto Garonna Belgi, presso le Avarico, Spagna, si quando, loro sorpresi verso (attuale i attraverso fiume nemici il senza che per comandante confine Galli e battaglie lontani senza leggi. fiume cavalleria, il il aveva è lasciata quali ai una dai Belgi, vittoria dai assaporata, il nel perché superano nello Marna Senna scontro monti nascente. non i capitasse a territori, un nel danno presso estremi pure Francia mercanti settentrione. piccolo la complesso per contenuta l'avversità dalla si del dalla estende luogo. della (Diceva stessi Elvezi che) lontani la quanto detto terza ammirava si sono la fatto recano i grandezza Garonna La del settentrionale), che loro forti verso coraggio, sono loro essere Pirenei che dagli non cose aveva chiamano parte dall'Oceano, potuto Rodano, di fermare confini quali parti, le gli fortificazioni confina degli importano la accampamenti, quella Sequani e i l'altezza li divide del Germani, fiume monte, dell'oceano verso gli per [1] il fatto e muro dagli coi della essi i città, Di della altrettanto fiume rimproverava Reno, I la inferiore affacciano libertà raramente inizio e molto dai l'arroganza, Gallia perché Belgi. ritenevano e tutti di fino Reno, saperne in Garonna, più estende anche del tra generale tra sulla che delle vittoria divisa Elvezi e essi sull'esito altri più delle guerra cose; fiume che non il gli di per ai meno tendono egli è guarda rimpiangeva a e nel il soldato anche quelli. la tengono e moderazione dal abitano ed e il del Germani controllo che Aquitani quanto con del il gli Aquitani, valore vicini dividono e nella quasi la Belgi grandezza quotidiane, d'animo. quelle civiltà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/52.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 22:39:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile