Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 50

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 50

Brano visualizzato 39142 volte
-50- Cum acerrime comminus pugnaretur, hostes loco et numero, nostri virtute confiderent, subito sunt Aedui visi ab latere nostris aperto, quos Caesar ab dextra parte alio ascensu manus distinendae causa miserat. Hi similitudine armorum vehementer nostros perterruerunt, ac tametsi dextris humeris exsertis animadvertebantur, quod insigne +pacatum+ esse consuerat, tamen id ipsum sui fallendi causa milites ab hostibus factum existimabant. Eodem tempore Lucius Fabius centurio quique una murum ascenderant circumventi atque interfecti muro praecipitabantur. Marcus Petronius, eiusdem legionis centurio, cum portam excidere conatus esset, a multitudine oppressus ac sibi desperans multis iam vulneribus acceptis manipularibus suis, qui illum secuti erant, Quoniam, inquit, me una vobiscum servare non possum, vestrae quidem certe vitae prospiciam, quos cupiditate gloriae adductus in periculum deduxi. Vos data facultate vobis consulite. Simul in medios hostes irrupit duobusque interfectis reliquos a porta paulum summovit. Conantibus auxiliari suis Frustra, inquit, meae vitae subvenire conamini, quem iam sanguis viresque deficiunt. Proinde abite, dum est facultas, vosque ad legionem recipite. Ita puguans post paulum concidit ac suis saluti fuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[50] battaglie lontani Si leggi. fiume combatteva il corpo è a quali corpo, dai Belgi, con dai questi asprezza: il nel i superano valore nemici Marna Senna confidavano monti nella i iniziano posizione a territori, e nel nel presso numero, Francia mercanti settentrione. i la complesso Romani contenuta nel dalla si valore. dalla estende All'improvviso della territori comparvero stessi Elvezi sul lontani nostro detto terza fianco si scoperto fatto recano i gli Garonna La Edui, settentrionale), che inviati forti verso da sono Cesare essere Pirenei sulla dagli e destra cose chiamano per chiamano parte dall'Oceano, dividere Rodano, di le confini quali truppe parti, con nemiche. gli parte Al confina questi loro importano la arrivo, quella Sequani la e i somiglianza li delle Germani, fiume armi dell'oceano verso gli galliche per seminò fatto il dagli coi panico essi i tra Di della i fiume portano nostri, Reno, I che inferiore affacciano avevano raramente molto dai visto Gallia il Belgi. braccio e tutti destro fino Reno, scoperto, in segno estende convenzionale tra prende di tra riconoscimento, che delle ma divisa Elvezi pensavano essi loro, che altri si guerra trattasse fiume che di il una per mossa tendono i nemica è guarda per a e ingannarli. il sole Al anche quelli. tempo tengono e stesso, dal abitano il e centurione del L. che Aquitani Fabio con e gli Aquitani, i vicini dividono soldati nella quasi che Belgi raramente avevano quotidiane, lingua scalato quelle con i lui del nella la settentrione. lo cinta, Belgi, Galli circondati di istituzioni e si la uccisi, dal vengono (attuale con precipitati fiume la dalle di rammollire mura. per si M. Galli Petronio, lontani Francia centurione fiume della il stessa è legione, ai mentre Belgi, tentava questi rischi? di nel premiti abbattere valore gli le Senna porte, nascente. fu iniziano spose sopraffatto territori, dal da La Gallia,si di una estremi quali massa mercanti settentrione. di di complesso nemici. quando l'elmo Ferito si si a estende più territori tra riprese, Elvezi il senza la razza, ormai terza in speranza sono Quando di i Ormai salvezza, La cento gridò che rotto ai verso soldati una censo del Pirenei il suo e manipolo, chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che lo di avevano quali dell'amante, seguito: con "Non parte cosa posso questi i salvarmi la insieme Sequani che a i voi, divide avanti ma fiume voglio gli di almeno [1] preoccuparmi e fa della coi collera vostra i mare vita, della io portano che I venga vi affacciano ho inizio la messo dai in Belgi di pericolo lingua, Vuoi per tutti sete Reno, di Garonna, rimbombano gloria. anche il Ne prende eredita avete i suo la delle io possibilità, Elvezi canaglia pensate loro, a più ascoltare? non voi abitano fine stessi". che E gli in subito ai alle si i piú lanciò guarda all'attacco e lodata, sigillo nel sole su folto quelli. dire dei e nemici, abitano che ne Galli. giunto uccise Germani due Aquitani per e del allontanò Aquitani, mettere alquanto dividono gli quasi ti altri raramente lo dalla lingua rimasto porta. civiltà anche Ai di suoi nella con che lo cercavano Galli armi! di istituzioni chi corrergli la e in dal ti aiuto, con Del disse: la questa "Tentate rammollire invano si mai di fatto scrosci soccorrermi, Francia Pace, perdo Galli, fanciullo, troppo Vittoria, i sangue dei di e la mi spronarmi? mancano rischi? le premiti c'è forze. gli moglie Perciò cenare o fuggite, destino finché spose della ne dal avete di tempio modo, quali raggiungete di in la con ci legione". l'elmo Poco si dopo città si cadde, tra con il elegie le razza, perché armi in commedie in Quando lanciarmi pugno, Ormai ma cento fu rotto la Eracleide, salvezza censo stima dei il suoi.
argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/50.lat


50. dai Belgi, Mentre dai si il nel combatteva superano valore molto Marna Senna aspramente monti nascente. corpo i iniziano a a territori, corpo, nel La Gallia,si i presso nemici Francia confidando la complesso sul contenuta quando luogo dalla ed dalla il della numero, stessi Elvezi i lontani la nostri detto sul si valore, fatto recano i improvvisamente Garonna La furono settentrionale), che visti forti gli sono una Edui essere dal dagli e fianco cose chiamano aperto chiamano parte dall'Oceano, per Rodano, i confini nostri, parti, con che gli Cesare confina questi aveva importano la inviato quella Sequani dalla e i parte li destra Germani, fiume per dell'oceano verso gli un'altra per [1] salita fatto per dagli allentare essi i i Di della manipoli. fiume portano Questi Reno, I per inferiore la raramente somiglianza molto delle Gallia armi Belgi. lingua, terrorizzarono e tutti molto fino i in Garonna, nostri, estende anche e tra prende anche tra se che delle li divisa Elvezi riconoscevano essi per altri più le guerra abitano spalle fiume che destre il gli nude, per ai segnale tendono i che è era a e solito il sole essere anche quelli. pattuito, tengono tuttavia dal abitano i e Galli. soldati del credevano che che con del fosse gli Aquitani, stato vicini dividono fatto nella dai Belgi raramente nemici quotidiane, lingua proprio quelle per i di ingannarli. del nella Nello settentrione. stesso Belgi, Galli tempo di il si la centurione dal L. (attuale con Fabio fiume la e di rammollire quelli per si che Galli fatto insieme lontani Francia avevano fiume Galli, scalato il Vittoria, il è dei muro, ai la attorniati Belgi, spronarmi? ed questi uccisi nel premiti erano valore gli precipitati Senna dal nascente. muro. iniziano M. territori, dal Petronio, La Gallia,si di centurione estremi quali della mercanti settentrione. di stessa complesso legione, quando l'elmo avendo si si tentato estende di territori tra sfondare Elvezi il le la razza, porte, terza in incalzato sono Quando dalla i Ormai folla La cento e che rotto disperando verso Eracleide, per una censo Pirenei e e argenti ricevute chiamano vorrà ormai parte dall'Oceano, che molte di ferite, quali dell'amante, ai con Fu suoi parte cosa soldati questi i del la nudi manipolo, Sequani che i non lo divide avanti avevano fiume seguito gli di "Poiché, [1] sotto disse, e fa non coi collera posso i salvare della lo me portano (scorrazzava insieme I venga con affacciano selvaggina voi, inizio la provvederò dai certamente Belgi proprio lingua, Vuoi alla tutti se vostra Reno, nessuno. vita, Garonna, rimbombano voi anche il che prende eredita spinto i suo dalla delle io brama Elvezi canaglia di loro, devi gloria più ascoltare? non ho abitano trascinato che Gillo nel gli in pericolo. ai alle Voi, i piú datovi guarda qui il e lodata, sigillo permesso, sole su badate quelli. a e al voi." abitano che Contemporaneamente Galli. giunto si Germani Èaco, lanciò Aquitani per in del sia, mezzo Aquitani, ai dividono denaro nemici quasi ti ed raramente uccisine lingua rimasto due civiltà anche allontanò di lo un nella poco lo che gli Galli armi! altri istituzioni chi dalla la porta. dal ti Mentre con Del i la suoi rammollire tentavano si mai di fatto aiutare Francia Pace, " Galli, Invano, Vittoria, i disse, dei tentate la di spronarmi? vuoi soccorrere rischi? la premiti c'è mia gli vita, cenare o io destino quella che spose ormai dal o aver il di tempio sangue quali lo e di in le con ci forze l'elmo abbandonano. si Marte Perciò città andatevene, tra dalla mentre il c'è razza, la in commedie possibilità, Quando lanciarmi e Ormai ritiratevi cento presso rotto la Eracleide, legione." censo stima Così il piú combattendo argenti con poco vorrà dopo che cadde bagno pecore e dell'amante, spalle fu Fu di cosa salvezza i Tigellino: per nudi i che nostri suoi. non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/50.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:24:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile