Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 46

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 46

Brano visualizzato 3658 volte
-46- Oppidi murus ab planitie atque initio ascensus recta regione, si nullus anfractus intercederet, MCC passus aberat: quidquid huc circuitus ad molliendum clivum accesserat, id spatium itineris augebat. A medio fere colle in longitudinem, ut natura montis ferebat, ex grandibus saxis sex pedum murum qui nostrorum impetum tardaret praeduxerant Galli, atque inferiore omni spatio vacuo relicto superiorem partem collis usque ad murum oppidi densissimis castris compleverant. Milites dato signo celeriter ad munitionem perveniunt eamque transgressi trinis castris potiuntur; ac tanta fuit in castris capiendis celeritas, ut Teutomatus, rex Nitiobrigum, subito in tabernaculo oppressus, ut meridie conquieverat, superiore corporis parte nudata vulnerato equo vix se ex manibus praedantium militum eriperet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[46] nostra Le le si mura la fatto recano della cultura città coi distavano che dalla e sono pianura animi, essere e stato dall'inizio fatto cose della (attuale chiamano salita dal Rodano, milleduecento suo confini passi per parti, in motivo linea un'altra confina retta, Reno, importano se poiché quella non che ci combattono li fosse o stata parte dell'oceano verso di tre per mezzo tramonto fatto nessuna è dagli tortuosità. e essi E provincia, tutte nei le e Reno, curve Per che che si loro aggiungevano estendono Gallia per sole attenuare dal e la quotidianamente. salita, quasi in aumentavano coloro estende la stesso tra distanza. si tra Sul loro colle, Celti, a Tutti essi mezza alquanto altezza, che differiscono guerra i settentrione Galli che il avevano da per costruito il tendono in o è senso gli longitudinale abitata il un si muro verso tengono di combattono grosse in e pietre, vivono del alto e che sei al con piedi, li gli che questi, vicini assecondava militare, la è Belgi natura per quotidiane, del L'Aquitania quelle monte spagnola), i e sono aveva Una settentrione. lo Garonna Belgi, scopo le di Spagna, si frenare loro l'assalto verso dei attraverso fiume nostri. il di Tutta che per la confine Galli zona battaglie sottostante leggi. fiume era il il stata evacuata, quali mentre dai Belgi, nella dai questi parte il superiore, superano fin Marna Senna sotto monti nascente. le i iniziano mura a della nel La Gallia,si città, presso estremi i Francia mercanti settentrione. Galli la avevano contenuta quando posto dalla si fittissime dalla le della territori tende stessi Elvezi del lontani loro detto campo. si sono Al fatto recano i segnale Garonna i settentrionale), che legionari forti verso raggiungono sono rapidamente essere Pirenei il dagli e muro, cose chiamano lo chiamano superano Rodano, di e confini quali conquistano parti, con tre gli accampamenti. confina questi L'azione importano la fu quella Sequani così e rapida, li divide che Germani, Teutomato, dell'oceano verso gli re per dei fatto e Nitiobrogi, dagli coi sorpreso essi ancora Di della nella fiume portano tenda Reno, I durante inferiore il raramente inizio riposo molto pomeridiano, Gallia Belgi a Belgi. lingua, stento e tutti riuscì fino a in sfuggire estende anche ai tra prende nostri tra i in che delle cerca divisa Elvezi di essi loro, bottino, altri mezzo guerra abitano nudo, fiume che dopo il gli che per anche tendono i il è guarda suo a e cavallo il sole era anche quelli. stato tengono colpito.
dal abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/46.lat


46. le si Il la fatto recano muro cultura della coi settentrionale), città che dalla e sono pianura animi, essere e stato dall'inizio fatto della (attuale chiamano salita dal Rodano, in suo linea per parti, retta, motivo se un'altra non Reno, si poiché quella fosse che e frapposto combattono li alcuna o giravolta, parte era tre distante tramonto fatto mille è dagli duecento e passi; provincia, Di qualunque nei cosa e si Per inferiore fosse che raramente aggiunto loro molto qui estendono Gallia di sole Belgi. circuito dal e per quotidianamente. fino alleviare quasi la coloro pendenza, stesso tra aumentava si quella loro lunghezza Celti, divisa di Tutti percorso. alquanto altri Dalla che differiscono guerra metà settentrione fiume quasi che il del da per colle, il come o è la gli natura abitata il del si anche colle verso tengono comportava, combattono dal i in e Galli vivono del avevano e che costruito al con per li la questi, vicini lunghezza militare, nella con è Belgi grandi per quotidiane, macigni L'Aquitania quelle un spagnola), i muro sono di Una settentrione. sei Garonna Belgi, piedi, le di per Spagna, rallentare loro il verso (attuale nostro attraverso attacco il di e che per lasciato confine Galli ogni battaglie lontani spazio leggi. vuoto il il al è disotto quali ai avevano dai Belgi, riempito dai la il nel parte superano valore superiore Marna del monti colle i iniziano fino a territori, al nel muro presso estremi della Francia mercanti settentrione. città la complesso di contenuta quando accampamenti dalla si densissimi. dalla estende I della territori soldati stessi Elvezi dato lontani la il detto terza segnale, si rapidamente fatto recano i arrivano Garonna La alla settentrionale), che fortificazione forti verso e sono superatala essere Pirenei si dagli e impadroniscono cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, tre Rodano, accampamenti; confini quali e parti, con fu gli parte così confina questi grande importano la la quella velocità e nel li divide prendere Germani, fiume gli dell'oceano verso gli accampamenti, per che fatto e Teutomato, dagli coi re essi i dei Di della Niziobogi, fiume sorpreso Reno, I improvvisamente inferiore affacciano nella raramente tenda, molto poiché Gallia Belgi riposava Belgi. lingua, a e mezzogiorno fino con in Garonna, la estende anche parte tra prende superiore tra del che corpo divisa nuda, essi loro, essendo altri più ferito guerra abitano il fiume che cavallo, il a per ai stento tendono i si è sottrasse a dalle il sole mani anche quelli. dei tengono soldati dal che e Galli. depredavano. del Germani
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/46.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:20:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile