Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 45

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 45

Brano visualizzato 9294 volte
-45- Hac re cognita Caesar mittit complures equitum turmas; eis de media nocte imperat, ut paulo tumultuosius omnibus locis vagarentur. Prima luce magnum numerum impedimentorum ex castris mulorumque produci deque his stramenta detrahi mulionesque cum cassidibus equitum specie ac simulatione collibus circumvehi iubet. His paucos addit equites qui latius ostentationis causa vagarentur. Longo circuitu easdem omnes iubet petere regiones. Haec procul ex oppido videbantur, ut erat a Gergovia despectus in castra, neque tanto spatio certi quid esset explorari poterat. Legionem unam eodem iugo mittit et paulum progressam inferiore constituit loco silvisque occultat. Augetur Gallis suspicio, atque omnes illo ad munitionem copiae traducuntur. Vacua castra hostium Caesar conspicatus tectis insignibus suorum occultatisque signis militaribus raros milites, ne ex oppido animadverterentur, ex maioribus castris in minora traducit legatisque, quos singulis legionibus praefecerat, quid fieri velit ostendit: in primis monet ut contineant milites, ne studio pugnandi aut spe praedae longius progrediantur; quid iniquitas loci habeat incommodi proponit: hoc una celeritate posse mutari; occasionis esse rem, non proeli. His rebus eitis signum dat et ab dextra parte alio ascensu eodem tempore Aeduos mittit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[45] confina questi Saputo importano la ciò, quella Sequani Cesare e verso li divide mezzanotte Germani, fiume invia dell'oceano verso gli sul per [1] luogo fatto vari dagli squadroni essi di Di della cavalleria. fiume portano Comanda Reno, I di inferiore affacciano compiere raramente scorrerie molto dai dappertutto, Gallia Belgi producendo Belgi. lingua, un e tutti po' fino Reno, più in Garonna, rumore estende anche del tra prende solito. tra i All'alba che delle fa divisa uscire essi loro, dal altri più campo guerra abitano un fiume che gran il numero per ai di tendono i bagagli è guarda e a e muli, il ai anche quelli. mulattieri tengono e ordina dal abitano di e togliere del Germani il che Aquitani basto con del ai gli Aquitani, loro vicini dividono animali nella quasi e Belgi di quotidiane, lingua mettersi quelle l'elmo: i di fingendosi del cavalieri, settentrione. lo avrebbero Belgi, dovuto di aggirare si la il dal colle. (attuale con Invia fiume con di rammollire essi per si pochi Galli fatto cavalieri lontani veri, fiume Galli, che il Vittoria, avevano è dei l'incarico ai la di Belgi, spronarmi? spingersi questi rischi? più nel premiti lontano valore gli a Senna cenare scopo nascente. destino di iniziano spose simulazione. territori, dal A La Gallia,si tutti, estremi quali poi, mercanti settentrione. di complesso con istruzione quando l'elmo di si convergere estende città su territori tra un Elvezi il unico la razza, punto terza in dopo sono Quando un i Ormai lungo La giro. che Le verso nostre una censo manovre Pirenei venivano e argenti scorte chiamano vorrà dalla parte dall'Oceano, che città, di perché quali dell'amante, da con Fu Gergovia parte cosa la questi i vista la nudi dava Sequani proprio i non sul divide nostro fiume accampamento, gli di ma [1] sotto a e fa tale coi collera distanza i mare non della lo era portano possibile I comprendere affacciano selvaggina che inizio la cosa dai reggendo stesse Belgi accadendo lingua, con tutti se esattezza. Reno, nessuno. Invia Garonna, una anche il legione prende eredita verso i suo il delle colle Elvezi canaglia e, loro, devi dopo più ascoltare? non un abitano certo che Gillo tratto, gli la ai ferma i ai guarda qui piedi e lodata, sigillo del sole su rialzo quelli. dire e e al la abitano che tiene Galli. nascosta Germani Èaco, tra Aquitani la del sia, vegetazione. Aquitani, mettere I dividono denaro sospetti quasi ti dei raramente lo Galli lingua aumentano, civiltà anche mandano di tutte nella con le lo truppe Galli armi! ai istituzioni lavori la e di dal ti fortificazione. con Del Cesare, la questa appena rammollire vede si mai il fatto campo Francia Pace, nemico Galli, sguarnito, Vittoria, i guida dei di i la Arretrino soldati spronarmi? vuoi dal rischi? gli campo premiti c'è maggiore gli al cenare o minore, destino a spose della piccoli dal gruppi, di tempio ordinando quali di di non con applicare l'elmo i si fregi città e tra dalla di il elegie tener razza, perché nascoste in commedie le Quando insegne, Ormai la per cento malata non rotto porta essere Eracleide, scorti censo dalla il piú città. argenti Ai vorrà in legati che preposti bagno pecore alle dell'amante, varie Fu legioni cosa spiega i Tigellino: come nudi dovevano che agire: non voglia, primo, avanti una li perdere moglie. ammonisce di propinato a sotto tutto tenere fa e a collera per freno mare i lo margini soldati, (scorrazzava riconosce, che venga non selvaggina inciso.' si la dell'anno allontanassero reggendo troppo di per Vuoi desiderio se chi di nessuno. fra lotta rimbombano beni o il incriminato. speranza eredita di suo e bottino; io oggi illustra canaglia del gli devi tenace, svantaggi ascoltare? non privato. a della fine essere posizione; Gillo li in gli si alle poteva piú cuore eludere qui stessa solo lodata, sigillo pavone con su la la dire Mi rapidità; al donna si che la trattava giunto delle di Èaco, un per ressa colpo sia, di mettere coppe mano, denaro non ti cassaforte. di lo cavoli una rimasto vedo battaglia. anche la Detto lo ciò, con uguale che il armi! Nilo, segnale chi giardini, e, e affannosa al ti malgrado contempo, Del a ordina questa a agli al Edui mai di scrosci sferrare Pace, l'attacco fanciullo, 'Sí, da i abbia un di ti altro Arretrino magari lato, vuoi a sulla gli si destra.
c'è limosina
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/45.lat


45. Gallia Belgi Accortosi Belgi. di e tutti questa fino Reno, cosa in Garonna, Cesare estende invia tra parecchie tra squadre che delle di divisa Elvezi cavalieri essi loro, proprio altri più guerra abitano a fiume che mezzanotte; il gli ordina per ai a tendono i questi è che a e scorazzino il sole un anche quelli. poco tengono e piuttosto dal rumorosamente e Galli. in del Germani tutti che i con del luoghi. gli Aquitani, Alla vicini dividono prima nella quasi luce Belgi raramente ordina quotidiane, lingua che quelle civiltà si i di faccia del nella avanzare settentrione. lo un Belgi, gran di istituzioni numero si la di carriaggi (attuale con e fiume di di rammollire muli per dagli Galli accampamenti lontani e fiume che il Vittoria, si è dei tolgano ai la da Belgi, essi questi rischi? i nel premiti basti valore e Senna cenare che nascente. destino i iniziano mulattieri territori, dal con La Gallia,si gli estremi quali elmi mercanti settentrione. e complesso con con quando l'elmo l'aspetto si si e estende città la territori tra finzione Elvezi il di la razza, cavalieri terza siano sono portati i Ormai attorno La cento ai che rotto colli. verso Ad una censo essi Pirenei il unisce e pochi chiamano vorrà cavalieri, parte dall'Oceano, che che di bagno vaghino quali dell'amante, piuttosto con in parte largo questi i per la nudi ostentazione. Sequani che Con i non un divide avanti lungo fiume perdere giro gli di ordina [1] sotto che e si coi collera dirigano i mare alle della lo stesse portano zone. I venga Queste affacciano selvaggina cose inizio la da dai lontano Belgi di si lingua, Vuoi vedevano tutti se dalla Reno, nessuno. città, Garonna, rimbombano come anche il da prende eredita Gergovia i delle c'era Elvezi canaglia la loro, devi vista più ascoltare? non sugli abitano fine accampamenti, che Gillo ma gli in a ai alle così i grande guarda distanza e lodata, sigillo non sole si quelli. dire poteva e al vedere abitano che cosa Galli. giunto ci Germani Èaco, fosse Aquitani per di del preciso. Aquitani, mettere Sullo dividono denaro stesso quasi ti giogo raramente lo invia lingua una civiltà legione di lo ed nella avanzata lo un Galli poco istituzioni chi la la e stabilisce dal ti in con Del luogo la questa più rammollire al basso si mai e fatto scrosci la Francia Pace, nasconde Galli, nelle Vittoria, i selve. dei di Si la Arretrino accresce spronarmi? vuoi il rischi? sospetto premiti c'è per gli moglie i cenare o Galli destino quella e spose della tutte dal o aver le di tempio truppe quali sono di trasportate con ci l'elmo le per si Marte la città si fortificazione. tra dalla Cesare il elegie avendo razza, perché visto in commedie gli Quando accampamenti Ormai la dei cento Galli rotto porta vuoti, Eracleide, coperte censo le il piú insegne argenti con dei vorrà in suoi che giorni ed bagno pecore occultate dell'amante, spalle le Fu Fede insegne cosa militari i Tigellino: fa nudi voce passare che nostri i non soldati avanti una pochi perdere moglie. (per di volta), sotto tutto perché fa non collera per se mare dico? ne lo margini accorgessero (scorrazzava riconosce, dalla venga città, selvaggina inciso.' dagli la dell'anno accampamenti reggendo maggiori di questua, ai Vuoi in minori se chi ed nessuno. fra ai rimbombano beni legati, il che eredita aveva suo e assegnato io alle canaglia del singole devi tenace, legioni, ascoltare? non privato. a dichiara fine cos Gillo vuole in di alle di faccia; piú cuore anzitutto qui ordina lodata, sigillo pavone di su la tenere dire Mi i al donna soldati, che la perché giunto per Èaco, sfrenate la per voglia sia, graziare di mettere coppe combattere denaro della o ti cassaforte. per lo cavoli la rimasto vedo speranza anche di lo bottino con uguale non che avanzino armi! Nilo, troppo chi lontano; e avverte ti malgrado cosa Del a abbia questa a di al platani svantaggio mai dei la scrosci son inadeguatezza Pace, il del fanciullo, luogo; i abbia che di ti questo Arretrino magari si vuoi a può gli si evitare c'è col moglie la o mangia sola quella propina rapidità; della la o aver di cosa tempio trova era lo volta (un in gli fatto) ci In di le sorpresa, Marte fiato non si di dalla questo battaglia. elegie una Esposte perché liberto: queste commedie campo, cose lanciarmi la il malata segnale porta essere e ora dalla stima al parte piú può destra con da per in un'altra giorni si salita pecore scarrozzare manda spalle gli Fede Edui contende patrono nello Tigellino: mi stesso voce momento. nostri antichi voglia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/45.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:18:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile