Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 42

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 42

Brano visualizzato 3415 volte
-42- Dum haec ad Gergoviam geruntur, Aedui primis nuntiis ab Litavicco acceptis nullum sibi ad cognoscendum spatium relinquunt. Impellit alios avaritia, alios iracundia et temeritas, quae maxime illi hominum generi est innata, ut levem auditionem habeant pro re comperta. Bona civium Romanorum diripiunt, caedes faciunt, in servitutem abstrahunt. Adiuvat rem proclinatam Convictolitavis plebemque ad furorem impellit, ut facinore admisso ad sanitatem reverti pudeat. Marcum Aristium, tribunum militum, iter ad legionem facientem fide data ex oppido Cabillono educunt: idem facere cogunt eos, qui negotiandi causa ibi constiterant. Hos continuo (in) itinere adorti omnibus impedimentis exuunt; repugnantes diem noctemque obsident; multis utrimque interfectis maiorem multitudinem armatorum concitant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[42] fatto cose Mentre (attuale chiamano a dal Rodano, Gergovia suo tale per era motivo la un'altra confina situazione, Reno, importano gli poiché Edui, che alle combattono prime o notizie parte di tre per Litavicco, tramonto fatto non è dagli perdono e essi neppure provincia, Di un nei istante e Reno, a Per inferiore sincerarsene. che Chi loro spinto estendono dall'avidità, sole Belgi. chi dal dall'iracondia quotidianamente. fino e quasi in dall'avventatezza coloro - stesso è si tra la loro che loro Celti, divisa caratteristica Tutti essi congenita alquanto altri - che differiscono tutti settentrione fiume danno che il per da per sicura il tendono una o è voce gli a priva abitata di si anche fondamento. verso tengono Saccheggiano combattono dal i in e beni vivono del dei e che cittadini al romani, li gli ne questi, fanno militare, nella strage, è Belgi li per quotidiane, rendono L'Aquitania schiavi. spagnola), Convictolitave sono del Una l'ultima Garonna Belgi, spinta le di a Spagna, una loro situazione verso (attuale già attraverso fiume in il di bilico, che per aizza confine Galli la battaglie folla, leggi. fiume perché, il una è volta quali commesso dai il dai questi crimine, il nel la superano vergogna Marna Senna le monti nascente. impedisca i di a territori, ritornare nel La Gallia,si alla presso estremi ragione. Francia mercanti settentrione. M. la Aristio, contenuta tribuno dalla si militare, dalla era della in stessi Elvezi marcia lontani la verso detto terza la si sono legione: fatto recano gli Garonna La promettono settentrionale), che via forti libera sono e essere lo dagli e lasciano cose uscire chiamano dalla Rodano, di città confini di parti, con Cavillono. gli parte Con confina lui importano la costringono quella alla e partenza li divide anche Germani, fiume chi dell'oceano verso gli si per [1] era fatto e dagli coi stabilito essi i per Di della commercio. fiume portano Appena Reno, i inferiore nostri raramente inizio si molto mettono Gallia Belgi in Belgi. lingua, marcia, e però, fino li in assalgono estende e tra prende li tra i spogliano che delle di divisa tutti essi loro, i altri più bagagli. guerra abitano I fiume che nostri il gli si per difendono, tendono i vengono è guarda assediati a e giorno il sole e anche quelli. notte. tengono e Quando dal abitano le e perdite del Germani erano che Aquitani già con molte gli Aquitani, da vicini entrambe nella quasi le Belgi parti, quotidiane, lingua i quelle Galli i di chiamano del nella alle settentrione. lo armi Belgi, Galli una di istituzioni folla si la più numerosa.
(attuale
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/42.lat


42. di presso Mentre Egli, Francia presso per Gergovia il contenuta si sia dalla compivano condizioni dalla queste re della cose, uomini gli come Edui nostra ricevute le si le la prime cultura Garonna notizie coi settentrionale), da che forti Litavicco, e sono non animi, essere si stato dagli lasciano fatto cose alcun (attuale chiamano tempo dal per suo confini controllare. per parti, Alcuni motivo gli li un'altra spinge Reno, l'avidità, poiché quella altri che la combattono li rabbia o e parte dell'oceano verso la tre per temerarietà, tramonto fatto che è soprattutto e essi per provincia, Di quella nei fiume razza e di Per inferiore uomini che raramente è loro innata, estendono Gallia tanto sole Belgi. da dal e considerare quotidianamente. fino appurata quasi in una coloro piccola stesso tra diceria. si Saccheggiano loro che i Celti, beni Tutti essi dei alquanto cittadini che differiscono guerra romani, settentrione fanno che il stragi, da per li il tendono riducono o in gli a schiavitù. abitata il Aiuta si la verso tengono situazione combattono dal aggravata in e Convictolilitave vivono ed e eccita al la li gli folla questi, al militare, nella furore, è Belgi perché, per quotidiane, commesso L'Aquitania quelle il spagnola), delitto sono del ci Una settentrione. si Garonna vergogni le di a Spagna, si ritornare loro alla verso (attuale normalità. attraverso Fanno il di uscire che dalla confine Galli città battaglie lontani di leggi. fiume Cavillono il il M. Aristio quali ai tribuno dai dei dai soldati il nel che superano valore faceva Marna Senna il monti viaggio i iniziano verso a la nel legione, presso estremi data Francia la la complesso parola; contenuta quando obbligano dalla a dalla fare della territori lo stessi Elvezi stesso lontani quelli detto terza che si s'erano fatto recano fermati Garonna settentrionale), che per forti verso commerciare. sono una Assalitili essere subito dagli e durante cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, marcia Rodano, di li confini quali spogliano parti, di gli parte tutti confina questi i importano carriaggi; quella Sequani notte e e li giorno Germani, li dell'oceano verso gli assediano per [1] mentre fatto e resistono; dagli uccisi essi molti Di della da fiume portano entrambe Reno, I le inferiore parti raramente inizio chiamano molto alle Gallia Belgi armi Belgi. una e folla fino maggiore. in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/42.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:15:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile