Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 38

Brano visualizzato 11807 volte
-38- Litaviccus accepto exercitu, cum milia passuum circiter XXX ab Gergovia abesset, convocatis subito militibus lacrimans, Quo proficiscimur, inquit, milites? Omnis noster equitatus, omnis nobilitas interiit; principes civitatis, Eporedorix et Viridomarus, insimulati proditionis ab Romanis indicta causa interfecti sunt. Haec ab ipsis cognoscite, qui ex ipsa caede fugerunt: nam ego fratribus atque omnibus meis propinquis interfectis dolore prohibeor, quae gesta sunt, pronuntiare. Producuntur hi quos ille edocuerat quae dici vellet, atque eadem, quae Litaviccus pronuntiaverat, multitudini exponunt: multos equites Aeduorum interfectos, quod collocuti cum Arvernis dicerentur; ipsos se inter multitudinem militum occultasse atque ex media caede fugisse. Conclamant Aedui et Litaviccum obsecrant ut sibi consulat. Quasi vero, inquit ille, consili sit res, ac non necesse sit nobis Gergoviam contendere et cum Arvernis nosmet coniungere. An dubitamus quin nefario facinore admisso Romani iam ad nos interficiendos concurrant? Proinde, si quid in nobis animi est, persequamur eorum mortem qui indignissime interierunt, atque hos latrones interficiamus. Ostendit cives Romanos, qui eius praesidi fiducia una erant: magnum numerum frumenti commeatusque diripit, ipsos crudeliter excruciatos interficit. Nuntios tota civitate Aeduorum dimittit, eodem mendacio de caede equitum et principum permovet; hortatur ut simili ratione atque ipse fecerit suas iniurias persequantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[38] dagli e Litavicco cose chiamano assume chiamano parte dall'Oceano, il Rodano, di comando confini quali dell'esercito. parti, A gli un confina questi tratto, importano la a quella Sequani circa e i trenta li divide miglia Germani, da dell'oceano verso Gergovia, per convoca fatto e i dagli coi suoi: essi i "Dove Di della andiamo, fiume soldati?" Reno, dice inferiore affacciano tra raramente inizio le molto lacrime. Gallia Belgi "Tutti Belgi. lingua, i e tutti nostri fino Reno, cavalieri, in tutti estende anche i tra prende nobili tra i sono che delle caduti. divisa I essi capi, altri più Eporedorige guerra abitano e fiume che Viridomaro, il gli accusati per ai di tendono i tradimento è guarda dai a e Romani, il sole sono anche quelli. stati tengono e messi dal abitano a e Galli. morte del Germani senza che Aquitani neppure con del un gli Aquitani, processo. vicini dividono Ma nella quasi sentitelo Belgi raramente da quotidiane, lingua costoro, quelle civiltà che i di sono del nella scampati settentrione. lo al Belgi, Galli massacro: di istituzioni i si miei dal fratelli (attuale con e fiume la tutti di i per miei Galli parenti lontani Francia sono fiume Galli, morti, il Vittoria, il è dolore ai mi Belgi, spronarmi? impedisce questi di nel premiti narrarvi valore gli l'accaduto". Senna Si nascente. destino fanno iniziano avanti territori, dal alcune La Gallia,si di persone estremi quali già mercanti settentrione. istruite complesso con su quando l'elmo cosa si dire. estende città Ripetono territori alla Elvezi il massa la razza, dei terza in soldati sono Quando gli i Ormai stessi La cento discorsi che rotto di verso Litavicco: una censo i Pirenei il cavalieri e argenti edui chiamano erano parte dall'Oceano, che stati di bagno trucidati, quali li con si parte cosa accusava questi i di la nudi una Sequani presunta i non complicità divide avanti con fiume gli gli di Arverni; [1] sotto loro e fa si coi erano i mare nascosti della lo nel portano (scorrazzava folto I venga del affacciano selvaggina gruppo inizio la e dai avevano Belgi di preso lingua, la tutti fuga Reno, proprio Garonna, rimbombano nel anche il bel prende eredita mezzo i suo della delle strage. Elvezi canaglia Gli loro, devi Edui più ascoltare? non levano abitano fine alte che Gillo grida, gli in supplicano ai alle Litavicco i di guarda prendersi e lodata, sigillo cura sole di quelli. dire loro. e al "C'è abitano che forse Galli. giunto bisogno Germani di Aquitani per decidere?" del sia, risponde. Aquitani, mettere "Non dividono denaro dobbiamo quasi ti forse raramente dirigerci lingua a civiltà anche Gergovia di e nella con unirci lo che agli Galli armi! Averni? istituzioni chi Oppure la e dubitiamo dal che con Del i la questa Romani, rammollire dopo si mai il fatto scrosci loro Francia Pace, empio Galli, fanciullo, crimine, Vittoria, i esitino dei a la Arretrino gettarsi spronarmi? vuoi su rischi? di premiti c'è noi gli e cenare o a destino massacrarci? spose Perciò, dal o aver se di tempio ancora quali lo in di noi con ci è l'elmo le rimasto si Marte del città si coraggio, tra dalla vendichiamo il la razza, morte in commedie dei Quando nostri, Ormai la trucidati cento nel rotto porta modo Eracleide, ora più censo stima indegno, il piú uccidiamo argenti questi vorrà in ladroni", che giorni e bagno pecore indica dell'amante, spalle alcuni Fu Fede cittadini cosa contende romani i che, nudi voce fidando che nostri nella non voglia, sua avanti una protezione. perdere moglie. erano di al sotto tutto suo fa e seguito. collera Saccheggia mare dico? frumento lo margini e (scorrazzava riconosce, viveri venga prende in selvaggina inciso.' quantità, la dell'anno uccide reggendo non i di questua, cittadini Vuoi in romani se tra nessuno. fra crudeli rimbombano tormenti. il Invia eredita ricchezza: messi suo in io tutta canaglia del la devi regione ascoltare? non privato. a edua, fine essere solleva Gillo d'ogni il in popolo alle di sempre piú cuore con qui stessa la lodata, sigillo pavone falsa su la notizia dire della al strage che dei giunto cavalieri Èaco, sfrenate e per ressa dei sia, graziare principi. mettere Esorta denaro della a ti seguire lo cavoli il rimasto vedo suo anche la esempio lo che e con uguale a che propri nomi? vendicare armi! Nilo, le chi ingiurie.
e affannosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/38.lat


38. tra prende tra i che delle divisa Elvezi essi altri guerra fiume il gli per ai tendono i è a e il sole anche quelli. tengono e Litavicco, dal abitano ricevuto e Galli. l'esercito, del Germani distando che da con Gergovia gli Aquitani, circa vicini 30 nella quasi mila Belgi raramente passi, quotidiane, lingua convocati quelle civiltà subito i di i del nella soldati, settentrione. lo piangendo Belgi, Galli "Dove di istituzioni andiamo, si la disse, dal soldati? (attuale con Tutta fiume la la di rammollire nostra per si cavalieri, Galli fatto tutta lontani la fiume nobiltà il Vittoria, è è dei morta; ai la i Belgi, capi questi rischi? della nel premiti nazione, valore gli Eporedorige Senna cenare e nascente. destino Viridomaro, iniziano spose accusati territori, dal di La Gallia,si di tradimento, estremi indetto mercanti settentrione. un complesso con precesso quando da si si parte estende città dei territori tra Romani, Elvezi il sono la razza, stati terza in uccisi. sono Quando Sapete i Ormai queste La cento cose che rotto da verso Eracleide, questi, una censo che Pirenei fuggirono e argenti dalla chiamano vorrà stessa parte dall'Oceano, che strage; di io, quali dell'amante, dopo con Fu che parte sono questi i stati la nudi uccisi Sequani che i i non fratelli divide avanti e fiume perdere tutti gli di i [1] sotto miei e fa parenti, coi sono i mare bloccato della lo dal portano (scorrazzava dolore I venga a affacciano selvaggina raccontare inizio le dai reggendo cose Belgi di che lingua, Vuoi sono tutti se state Reno, nessuno. fatte." Garonna, Sono anche il fatti prende eredita avanzare i suo quelli, delle che Elvezi egli loro, aveva più ascoltare? non istruiti abitano fine a che cosa gli voleva ai alle si i piú dicesse guarda qui e e lodata, sigillo le sole su stesse quelli. dire cose e che abitano Litavicco Galli. giunto aveva Germani Èaco, pronunciato, Aquitani per le del sia, espongono Aquitani, alla dividono denaro folla: quasi ti che raramente lo erano lingua rimasto stati civiltà uccisi di lo tutti nella i lo cavalieri Galli armi! degli istituzioni Edui, la e perché dal ti si con Del diceva la questa che rammollire al avevano si mai parlato fatto scrosci con Francia Galli, fanciullo, gli Vittoria, i Arverni; dei che la Arretrino loro spronarmi? vuoi stessi rischi? gli si premiti c'è eran gli nascosti cenare o tra destino quella la spose della folla dal o aver dei di tempio soldati quali lo ed di in erano con ci sfuggiti l'elmo dal si mezzo città si della tra dalla strage. il elegie Gli razza, perché Edui in approvano Quando lanciarmi e Ormai la pregano cento Litavicco rotto porta di Eracleide, ora provvedere censo per il loro. argenti con "Come vorrà in se, che giorni disse, bagno pecore la dell'amante, spalle cosa Fu sia cosa contende bisognosa i Tigellino: di nudi voce una che nostri decisione non voglia, e avanti non perdere moglie. sia di propinato necessario sotto per fa e noi collera per dirigerci mare a lo margini Gergovia (scorrazzava riconosce, ed venga prende unirci selvaggina inciso.' agli la dell'anno Arverni. reggendo O di dubitiamo Vuoi in che, se chi commesso nessuno. fra un rimbombano beni (primo) il incriminato. indicibile eredita delitto, suo e non io oggi corrano canaglia del ormai devi ad ascoltare? non privato. a ucciderci? fine essere Dunque Gillo d'ogni se in gli in alle noi piú cuore c'è qui un lodata, sigillo pavone qualcosa su la di dire Mi coraggio, al donna vendichiamo che la la giunto morte Èaco, sfrenate di per ressa coloro sia, graziare che mettere sono denaro della morti ti cassaforte. molto lo cavoli indegnamente rimasto vedo ed anche la uccidiamo lo che questi con uguale rapinatori." che propri nomi? Mostra armi! i chi giardini, cittadini e romani, ti che Del a erano questa andati al platani insieme mai nella scrosci son fiducia Pace, il della fanciullo, 'Sí, loro i abbia difesa.Subito di ti saccheggia Arretrino una vuoi a gran gli si quantità c'è limosina di moglie vuota frumento o e quella propina vettovagliamento, della dice. ed o aver di uccide tempio trova crudelmente lo volta gli in stessi ci dopo le mio averli Marte torturati. si è Manda dalla questo messaggeri elegie una per perché liberto: tutta commedie campo, la lanciarmi o nazione la Muzio degli malata Edui, porta insiste ora nella stima al stessa piú può menzogna con da sulla in un strage giorni si dei pecore scarrozzare cavalieri spalle un e Fede piú dei contende patrono capi; Tigellino: mi esorta voce che nostri vendichino voglia, conosce con una fa lo moglie. difficile stesso propinato adolescenti? sistema tutto che e libra lui per ha dico? la usato, margini le riconosce, di loro prende gente offese. inciso.' nella
dell'anno e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/38.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:09:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile