Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 36

Brano visualizzato 6387 volte
-36- Caesar ex eo loco quintis castris Gergoviam pervenit equestrique eo die proelio levi facto perspecto urbis situ, quae posita in altissimo monte omnes aditus difficiles habebat, de expugnatione desperavit, de obsessione non prius agendum constituit, quam rem frumentariam expedisset. At Vercingetorix castris, prope oppidum positis, mediocribus circum se intervallis separatim singularum civitatium copias collocaverat atque omnibus eius iugi collibus occupatis, qua despici poterat, horribilem speciem praebebat; principesque earum civitatium, quos sibi ad consilium capiendum delegerat, prima luce cotidie ad se convenire iubebat, seu quid communicandum, seu quid administrandum videretur; neque ullum fere diem intermittebat quin equestri proelio interiectis sagittariis, quid in quoque esset animi ac virtutis suorum perspiceret. Erat e regione oppidi collis sub ipsis radicibus montis, egregie munitus atque ex omni parte circumcisus; quem si tenerent nostri, et aquae magna parte et pabulatione libera prohibituri hostes videbantur. Sed is locus praesidio ab his non nimis firmo tenebatur. Tamen silentio noctis Caesar ex castris egressus, priusquam subsidio ex oppido veniri posset, deiecto praesidio potitus loco duas ibi legiones collocavit fossamque duplicem duodenum pedum a maioribus castris ad minora perduxit, ut tuto ab repentino hostium incursu etiam singuli commeare possent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[36] cose chiamano Da chiamano Rodano, di Cesare confini quali raggiunse parti, con Gergovia gli parte in confina questi cinque importano tappe. quella Sequani Quel e i giorno li divide stesso, Germani, fiume dopo dell'oceano verso gli una per [1] scaramuccia fatto e di dagli cavalleria, essi i studiò Di la fiume posizione Reno, I della inferiore città, raramente che molto dai si Gallia Belgi ergeva Belgi. lingua, su e un fino Reno, monte in Garonna, altissimo estende anche ed tra era tra di che delle difficile divisa Elvezi accesso. essi loro, Disperando altri più di guerra poterla fiume che prendere il gli d'assalto, per ai decise tendono i di è guarda non a e stringerla il d'assedio anche quelli. prima tengono e di dal aver e Galli. pensato del Germani alle che Aquitani scorte con di gli grano. vicini dividono Vercingetorige, nella quasi invece, Belgi raramente aveva quotidiane, lingua stabilito quelle civiltà il i di campo del nei settentrione. lo pressi Belgi, Galli della di istituzioni città si la sul dal fianco (attuale con del fiume la monte, di rammollire disponendo per tutt'attorno, Galli fatto a lontani Francia breve fiume intervallo, il Vittoria, le è dei truppe ai la dei Belgi, spronarmi? vari questi rischi? popoli, nel distinte. valore gli Aveva Senna cenare occupato, nascente. destino per iniziano spose quanto territori, dal si La Gallia,si poteva estremi quali vedere, mercanti settentrione. di tutte complesso con le quando l'elmo cime si si del estende città monte territori tra e Elvezi il offriva la razza, uno terza in spettacolo sono Quando raccapricciante. i Ormai I La cento capi che rotto delle verso varie una censo genti, Pirenei il da e lui chiamano vorrà scelti parte dall'Oceano, come di bagno consiglieri, quali dell'amante, avevano con Fu il parte cosa compito questi i di la nudi presentarsi Sequani quotidianamente, i non all'alba, divide avanti per fiume perdere eventuali gli di comunicazioni [1] sotto o e consegne. coi E i mare non della lasciava portano passare I venga giorno, affacciano o inizio quasi, dai senza Belgi attaccar lingua, Vuoi battaglia tutti con Reno, la Garonna, cavalleria anche e prende eredita gli i suo arcieri delle io in Elvezi canaglia mezzo loro, devi a più essa, abitano fine per che misurare gli in il ai alle coraggio i piú e guarda il e lodata, sigillo valore sole su di quelli. dire ciascuno e al dei abitano suoi. Galli. giunto Di Germani Èaco, fronte Aquitani per alla del sia, città, Aquitani, mettere proprio dividono denaro ai quasi piedi raramente lo del lingua rimasto monte, civiltà anche sorgeva di lo un nella con colle lo che ben Galli munito, istituzioni con la e tutti dal ti i con Del lati la questa a rammollire al strapiombo. si mai Se fatto i Francia Pace, nostri Galli, fanciullo, l'avessero Vittoria, i preso, dei di avrebbero la Arretrino sottratto spronarmi? vuoi ai rischi? gli nemici, premiti così gli almeno cenare sembrava, destino quella la spose della maggior dal o aver parte di tempio delle quali fonti di in d'acqua con e l'elmo la si possibilità città si di tra foraggiarsi il elegie liberamente. razza, Ma in il Quando colle Ormai era cento malata tenuto rotto porta da Eracleide, ora una censo stima salda il piú guarnigione argenti con nemica. vorrà in Tuttavia, che giorni Cesare bagno pecore uscì dell'amante, spalle dal Fu Fede campo cosa contende nel i Tigellino: silenzio nudi voce della che nostri notte non voglia, e, avanti una prima perdere moglie. che di dalla sotto città fa e potessero collera per giungere mare rinforzi, lo margini mise (scorrazzava riconosce, in venga prende fuga selvaggina inciso.' il la presidio reggendo non nemico di questua, e Vuoi in occupò se chi il nessuno. fra colle. rimbombano beni Vi il incriminato. alloggiò eredita ricchezza: due suo legioni io oggi e canaglia del scavò devi una ascoltare? non privato. a coppia fine essere di Gillo d'ogni fosse in gli parallele, alle di larghe piú cuore dodici qui stessa piedi, lodata, sigillo pavone che su la collegavano dire Mi l'accampamento al maggiore che la con giunto il Èaco, sfrenate minore: per ressa così, sia, anche mettere coppe singoli denaro della uomini ti avrebbero lo cavoli potuto rimasto vedo spostarsi anche la dall'uno lo all'altro con al che propri nomi? sicuro armi! Nilo, da chi improvvisi e affannosa attacchi ti malgrado nemici.
Del a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/36.lat


36. Rodano, di Cesare confini quali da parti, con quel gli parte luogo confina questi giunse importano a quella Gergovia e i in li divide cinque Germani, fiume tappe dell'oceano verso ed per [1] in fatto quel dagli coi giorno essi fatto Di un fiume portano piccolo Reno, scontro inferiore affacciano di raramente inizio cavalleria, molto dai controllata Gallia Belgi la Belgi. lingua, posizione e tutti della fino Reno, città, in Garonna, che estende anche situata tra su tra di che delle un divisa monte essi loro, altri più altissimo guerra aveva fiume tutti il gli gli per ai accessi tendono difficili, è guarda disperò a sull'assedio, il sole sull'assedio anche quelli. decise tengono e di dal abitano non e Galli. agire del Germani prima che Aquitani di con del sbrigare gli Aquitani, il vicini dividono vettovagliamento. nella quasi Ma Belgi Vercingetorige, quotidiane, lingua posti quelle gli i di accampamenti del nella sul settentrione. lo monte Belgi, Galli vicino di istituzioni alla si città, dal aveva (attuale collocato fiume la attorno di rammollire a per Galli fatto ad lontani Francia intervalli fiume abbastanza il Vittoria, brevi è dei separatamente ai la le Belgi, spronarmi? truppe questi rischi? delle nel premiti singole valore nazioni Senna cenare ed nascente. destino occupati iniziano spose tutti territori, i La Gallia,si colli estremi quali di mercanti settentrione. di quel complesso giogo, quando l'elmo fin si si dove estende città si territori tra poteva Elvezi guardar la razza, giù, terza in offriva sono Quando uno i Ormai spettacolo La cento spaventoso che ed verso Eracleide, ordinava una censo che Pirenei il i e capi chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che quelle di bagno nazioni, quali dell'amante, che con Fu si parte cosa era questi i scelto la nudi per Sequani che prendere i non decisione, divide alla fiume perdere prima gli di luce [1] quotidianamente e fa si coi collera riunisse i mare da della lo lui, portano sia I venga che affacciano selvaggina sembrasse inizio la si dai reggendo dovesse Belgi comunicare lingua, Vuoi qualcosa tutti se sia Reno, organizzare Garonna, qualcosa, anche il e prende eredita non i suo tralasciava delle quasi Elvezi canaglia nessun loro, giorno più ascoltare? non che abitano fine non che Gillo gli in sperimentasse ai con i piú uno guarda qui scontro e di sole su cavalleria, quelli. intervenuti e al gli abitano arcieri, Galli. giunto cosa Germani ci Aquitani fosse del sia, di Aquitani, mettere animosità dividono denaro e quasi ti di raramente coraggio lingua in civiltà ciascuno di lo dei nella con suoi. lo C'era Galli armi! di istituzioni chi rimpetto la alla dal ti città con Del un la colle rammollire al ai si mai piedi fatto stessi Francia del Galli, fanciullo, monte Vittoria, i straordinariamente dei di fortificato la e spronarmi? vuoi sa rischi? ogni premiti c'è parte gli moglie scosceso; cenare se destino quella i spose della nostri dal o aver l'avessero di tempio occupato, quali sembrava di in che con ci avrebbero l'elmo le impedito si ai città nemici tra dalla sia il elegie da razza, perché gran in commedie parte Quando lanciarmi dell'acqua Ormai sia cento malata dal rotto porta libero Eracleide, ora pascolo. censo stima Ma il piú questo argenti luogo vorrà non che era bagno pecore occupato dell'amante, spalle da Fu Fede essi cosa con i una nudi voce guarnigione che nostri non non voglia, troppo avanti una sicura. perdere Tuttavia di propinato nel sotto tutto silenzio fa e della collera per notte mare dico? Cesare lo uscito (scorrazzava dagli venga prende accampamenti, selvaggina inciso.' prima la dell'anno che reggendo non da di questua, parte Vuoi della se chi guarnigione nessuno. fra si rimbombano beni potesse il incriminato. giungere eredita ricchezza: dalla suo e città, io cacciata canaglia la devi tenace, guarnigione, ascoltare? non privato. a impadronitosi fine essere del Gillo luogo in gli vi alle di collocò piú cuore due qui stessa legioni lodata, sigillo pavone e su la tracciò dire un al duplice che la fossato giunto delle di Èaco, sfrenate dodici per ressa piedi sia, graziare dagli mettere accampamenti denaro della maggiori ti ai lo minori, rimasto vedo perché anche la i lo che singoli con uguale potessero che propri nomi? passare armi! Nilo, al chi giardini, sicuro e da ti un Del improvviso questa a assalto al platani dei mai dei nemici. scrosci son
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/36.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:07:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile