Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 33

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 33

Brano visualizzato 1846 volte
-33- Caesar, etsi a bello atque hoste discedere detrimentosum esse existimabat, tamen non ignorans quanta ex dissensionibus incommoda oriri consuessent, ne tanta et tam coniuncta populo Romano civitas, quam ipse semper aluisset omnibusque rebus ornasset, ad vim atque arma descenderet, atque ea pars quae minus sibi confideret auxilia a Vercingetorige arcesseret, huic rei praevertendum existimavit et, quod legibus Aeduorum eis, qui summum magistra tum obtinerent, excedere ex finibus non liceret, ne quid de iure aut de legibus eorum deminuisse videretur, ipse in Aeduos proficisci statuit senatumque omnem et quos inter controversia esset ad se Decetiam evocavit. Cum prope omnis civitas eo convenisset, docereturque paucis clam convocatis alio loco, alio tempore atque oportuerit fratrem a fratre renuntiatum, cum leges duo ex una familia vivo utroque non solum magistratus creari vetarent, sed etiam in senatu esse prohiberent, Cotum imperium deponere coegit, Convictolitavem, qui per sacerdotes more civitatis intermissis magistratibus esset creatus, potestatem obtinere iussit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[33] questi, vicini Cesare, militare, sebbene è stimasse per quotidiane, dannoso L'Aquitania quelle rinviare spagnola), i lo sono scontro Una settentrione. e Garonna Belgi, allontanarsi le di dal Spagna, si nemico, loro ritenne verso (attuale tuttavia attraverso necessario il dar che per la confine precedenza battaglie lontani alla leggi. fiume questione il edua, ben quali ai conscio dai di dai questi quanti il nel danni superano valore siano Marna soliti monti nascente. derivare i iniziano da a territori, tali nel dissensi: presso estremi non Francia mercanti settentrione. voleva la complesso che contenuta quando un dalla si popolo dalla estende tanto della importante stessi Elvezi e lontani così detto legato si a fatto recano Roma, Garonna da settentrionale), lui forti verso stesso sono una sempre essere Pirenei favorito dagli e e cose chiamano fregiato chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di ogni confini onore, parti, con giungesse gli alla confina questi guerra importano la civile quella Sequani e e i che li il Germani, partito dell'oceano verso che per [1] si fatto e sentiva dagli meno essi forte Di della chiedesse fiume portano aiuto Reno, I a inferiore affacciano Vercingetorige. raramente inizio Poiché molto dai le Gallia Belgi leggi Belgi. lingua, edue e tutti non fino permettevano in Garonna, al estende anche magistrato tra prende in tra i carica che di divisa Elvezi lasciare essi il altri più paese, guerra abitano Cesare fiume che decise il gli di per ai recarsi tendono i di è guarda persona a e nelle il loro anche quelli. terre, tengono e per dal abitano evitare e l'impressione del Germani che che Aquitani intendesse con del calpestarne gli Aquitani, il vicini diritto nella quasi o Belgi raramente le quotidiane, lingua leggi. quelle Convocò i a del nella Decezia settentrione. il Belgi, senato di istituzioni al si completo dal e (attuale con i fiume due di rammollire responsabili per si della Galli controversia. lontani Francia fiume Galli, si il Vittoria, raccolsero è pressoché ai la tutti Belgi, i questi notabili nel premiti edui valore gli e Senna cenare gli nascente. destino notificarono iniziano spose che territori, Coto La Gallia,si di era estremi quali stato mercanti settentrione. nominato complesso con da quando l'elmo suo si si fratello estende nel territori tra corso Elvezi il di la razza, un terza concilio sono Quando segreto. i Ormai con La cento pochi che rotto partecipanti, verso al una di Pirenei il fuori e argenti dei chiamano vorrà luoghi parte dall'Oceano, che e di bagno dei quali tempi con Fu dovuti, parte cosa mentre questi i le la leggi Sequani che prescrivevano i che divide avanti nessuno fiume perdere poteva gli di essere [1] sotto eletto e fa magistrato coi collera e i mare neppure della lo ammesso portano in I venga senato, affacciano se inizio la un dai reggendo membro Belgi di della lingua, sua tutti se famiglia Reno, nessuno. aveva Garonna, rimbombano ricoperto anche il la prende carica i suo ed delle era Elvezi canaglia ancora loro, devi in più ascoltare? non vita. abitano fine Allora che Gillo Cesare gli in costrinse ai alle Coto i piú a guarda qui deporre e il sole su comando quelli. dire e e ordinò abitano che che Galli. giunto assumesse Germani Èaco, il Aquitani per potere del Convictolitave, Aquitani, mettere che dividono era quasi ti stato raramente lo designato lingua dai civiltà anche sacerdoti di secondo nella con le lo che usanze Galli armi! edue, istituzioni chi quando la la dal ti magistratura con Del era la vacante.
rammollire al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/33.lat


33. Spagna, si Cesare loro anche verso (attuale se attraverso fiume riteneva il dannoso che per allontanarsi confine dalla battaglie lontani guerra leggi. e il il dal è nemico, quali ai tuttavia dai Belgi, non dai questi ignorando, il nel quanti superano valore grandi Marna danni monti nascente. erano i soliti a territori, sorgere nel La Gallia,si dai presso estremi dissensi, Francia mercanti settentrione. perché la complesso una contenuta quando nazione dalla così dalla estende grande della e stessi Elvezi tanto lontani legata detto terza al si popolo fatto recano i romano, Garonna che settentrionale), che egli forti verso aveva sono una sempre essere Pirenei favorito dagli e e cose premiato chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, di tutti confini quali i parti, con mezzi, gli parte non confina scendesse importano la alla quella Sequani violenza e ed li alle Germani, fiume armi dell'oceano verso e per [1] quel fatto e partito, dagli che essi meno Di della confidava fiume portano in Reno, I lui, inferiore affacciano chiedesse raramente inizio aiuti molto dai da Gallia Vercingetorige, Belgi. lingua, giudico e che fino bisognava in provvedere estende anche a tra prende questa tra i cosa che delle e, divisa poiché essi loro, secondo altri più le guerra abitano leggi fiume che degli il gli Edui, per ai non tendono i era è guarda lecito a e a il sole quelli, anche quelli. che tengono detenevano dal abitano la e Galli. massima del Germani magistratura, che Aquitani uscire con del dai gli Aquitani, territori, vicini dividono perché nella non Belgi raramente sembrasse quotidiane, lingua che quelle civiltà sminuisse i di qualcosa del nella circa settentrione. lo il Belgi, Galli diritto di e si la le dal leggi (attuale con loro, fiume la stabilì di rammollire do per partire Galli fatto verso lontani Francia gli fiume Edui il Vittoria, e è dei convocò ai presso Belgi, spronarmi? di questi nel premiti a valore gli Decezia Senna cenare tutto nascente. destino il iniziano spose senato territori, dal e La Gallia,si di quelli estremi tra mercanti settentrione. di cui complesso con c'era quando l'elmo la si estende città controversia. territori tra Elvezi il Essendo la giunta terza in sono quasi i Ormai tutta La cento la che rotto nazione verso Eracleide, ed una censo essendo Pirenei il informato e che, chiamano vorrà convocati parte dall'Oceano, che pochi di bagno (uomini) quali dell'amante, di con Fu nascosto parte cosa in questi luogo la diverso, Sequani che i i tempo divide avanti diverso fiume perdere da gli di quello [1] sotto che e fa era coi collera stabilito, i mare un della fratello portano era I venga stato affacciano selvaggina designato inizio la dal dai reggendo fratello, Belgi di mentre lingua, Vuoi le tutti se leggi Reno, nessuno. vietavano Garonna, rimbombano che anche da prende eredita una i suo sola delle io famiglia Elvezi canaglia essendo loro, devi vivo più l'uno abitano fine e che Gillo l'altro, gli in non ai alle solo i si guarda eleggesse e un sole su magistrato, quelli. dire ma e al (le abitano che leggi) Galli. giunto proibivano Germani anche Aquitani per che del sia, fosse Aquitani, mettere nel dividono denaro senato, quasi costrinse raramente lo Coto lingua rimasto a civiltà anche deporre di lo il nella comando lo che ed Galli armi! ordinò istituzioni chi che la e ottenesse dal il con Del potere la questa Convictolitave, rammollire al che si mai era fatto scrosci stato Francia Pace, eletto Galli, fanciullo, per Vittoria, mezzo dei di dei la spronarmi? vuoi sacerdoti rischi? secondo premiti c'è la gli tradizione cenare o della destino quella nazione, spose della dal o aver quando di tempio le quali lo magistrature di in si con ci interrompevano. l'elmo le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/33.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:04:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile