Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 32

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 32

Brano visualizzato 3501 volte
-32- Caesar Avarici complures dies commoratus summamque ibi copiam frumenti et reliqui commeatus nactus exercitum ex labore atque inopia refecit. Iam prope hieme confecta cum ipso anni tempore ad gerendum bellum vocaretur et ad hostem proficisci constituisset, sive eum ex paludibus silvisque elicere sive obsidione premere posset, legati ad eum principes Aeduorum veniunt oratum ut maxime necessario tempore civitati subveniat: summo esse in periculo rem, quod, cum singuli magistratus antiquitus creari atque regiam potestatem annum obtinere consuessent, duo magistratum gerant et se uterque eorum legibus creatum esse dicat. Horum esse alterum Convictolitavem, florentem et illustrem adulescentem, alterum Cotum, antiquissima familia natum atque ipsum hominem summae potentiae et magnae cognationis, cuius frater Valetiacus proximo anno eundem magistratum gesserit. Civitatem esse omnem in armis; divisum senatum, divisum populum, suas cuiusque eorum clientelas. Quod si diutius alatur controversia, fore uti pars cum parte civitatis confligat. Id ne accidat, positum in eius diligentia atque auctoritate.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[32] il tendono Cesare o si gli trattenne abitata diversi si anche giorni verso tengono ad combattono Avarico: in e vi vivono trovò e che grano al con e li gli viveri questi, in militare, abbondanza è Belgi e per quotidiane, lasciò L'Aquitania che spagnola), i l'esercito sono del si Una settentrione. riprendesse Garonna Belgi, dalla le di fatica Spagna, si e loro dalle verso (attuale privazioni. attraverso L'inverno il di era che per ormai confine Galli quasi battaglie finito, leggi. la il il stagione è stessa quali ai invitava dai alle dai operazioni il nel militari: superano Cesare Marna aveva monti già i iniziano deciso a territori, di nel puntare presso estremi sul Francia nemico, la complesso nel contenuta quando tentativo dalla si di dalla stanarlo della dalle stessi Elvezi paludi lontani la e detto terza dalle si sono selve fatto recano i oppure Garonna La di settentrionale), che stringerlo forti d'assedio. sono una Ma essere ecco dagli che, cose chiamano in chiamano parte dall'Oceano, veste Rodano, di confini quali ambasciatori, parti, con i gli parte principi confina questi degli importano la Edui quella gli e si li divide presentano Germani, e dell'oceano verso lo per [1] pregano fatto e di dagli soccorrere essi i il Di della loro fiume portano popolo Reno, I nell'ora inferiore più raramente inizio grave. molto dai La Gallia situazione Belgi. lingua, era e tutti assai fino Reno, critica: in mentre estende anche la tra consuetudine, tra i fin che dai divisa Elvezi tempi essi loro, antichi, altri voleva guerra abitano che fiume che un il unico per ai magistrato tendono i fosse è eletto a e e il rivestisse anche quelli. la tengono e potestà dal abitano regale e Galli. per del Germani un che anno, con del adesso gli Aquitani, due vicini dividono persone nella quasi ricoprivano Belgi tale quotidiane, lingua carica quelle civiltà e i ciascuno del sosteneva settentrione. che Belgi, Galli la di istituzioni propria si nomina era (attuale con conforme fiume alle di rammollire leggi. per L'uno Galli fatto era lontani Francia Convictolitave, fiume Galli, giovane il Vittoria, ricco è e ai nobile, Belgi, spronarmi? l'altro questi rischi? Coto, nel persona valore di Senna cenare antichissima nascente. destino stirpe, iniziano spose lui territori, dal pure La Gallia,si di assai estremi quali potente, mercanti settentrione. di che complesso con vantava quando l'elmo molti si legami estende di territori parentela, Elvezi il il la razza, cui terza in fratello, sono Valeziaco, i aveva La cento rivestito che la verso stessa una censo magistratura Pirenei il l'anno e argenti precedente. chiamano Tutti parte dall'Oceano, che gli di Edui quali dell'amante, avevano con impugnato parte cosa le questi armi, la diviso Sequani che era i non il divide avanti senato, fiume perdere diviso gli di il [1] popolo, e come coi collera pure i mare i della clienti portano dei I due affacciano selvaggina rivali. inizio Se dai reggendo il Belgi di contrasto lingua, si tutti se fosse Reno, nessuno. protratto, Garonna, si anche il arrivava prende alla i guerra delle civile. Elvezi canaglia Impedirlo loro, dipendeva più ascoltare? non dallo abitano fine zelo che e gli in dal ai alle prestigio i piú di guarda Cesare.
e lodata, sigillo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/32.lat


32. al con Cesare li gli fermatosi questi, vicini ad militare, Avarico è Belgi per per quotidiane, parecchi L'Aquitania quelle giorni spagnola), e sono del ottenuta Una settentrione. qui Garonna Belgi, grandissima le quantità Spagna, si di loro frumento verso (attuale e attraverso di il di altro che per vettovagliamento confine Galli ristabilì battaglie lontani l'esercito leggi. fiume dalla il il sofferenza è e quali ai dalla dai Belgi, indigenza. dai questi Ormai il nel quasi superano terminato Marna Senna l'inverno, monti nascente. poiché i iniziano dalla a stessa nel La Gallia,si stagione presso estremi dell'anno Francia mercanti settentrione. si la complesso invocava contenuta a dalla si far dalla guerra della territori ed stessi Elvezi avendo lontani la deciso detto di si sono partire fatto recano contro Garonna La il settentrionale), che nemico, forti verso sia sono una potendo essere snidarlo dagli e da cose paludi chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di selve confini quali sia parti, con incalzarlo gli parte con confina l'assedio, importano la vengono quella Sequani da e i lui li divide come Germani, fiume ambasciatori dell'oceano verso i per capi fatto e degli dagli coi Edui essi i a Di pregarlo fiume portano soprattutto Reno, I di inferiore affacciano soccorrere raramente la molto dai nazione Gallia Belgi in Belgi. un e tutti momento fino Reno, difficoltoso; in (dicevano) estende anche che tra prende la tra i situazione che delle era divisa al essi loro, massimo altri rischio, guerra abitano perché, fiume mentre il gli erano per ai abituati tendono i fin è guarda dall'antichità a e i il sole singoli anche quelli. magistrati tengono e ad dal abitano essere e Galli. eletti del Germani ed che Aquitani ottenere con del un gli Aquitani, potere vicini dividono regale nella quasi annuale, Belgi raramente due quotidiane, lingua tenevano quelle civiltà la i di magistratura del e settentrione. l'uno Belgi, Galli e di l'altro si la di dal essi (attuale diceva fiume d'essere di rammollire stato per si nominato Galli secondo lontani le fiume Galli, leggi. il Vittoria, Di è questi ai la il Belgi, spronarmi? primo questi rischi? era nel premiti Convictolitave, valore gli giovane Senna ricco nascente. destino e iniziano spose nobile, territori, dal il La Gallia,si di secondo estremi Coto, mercanti settentrione. di nato complesso con da quando l'elmo antichissima si famiglia estende città e territori tra lui Elvezi il stesso la razza, personaggio terza in di sono Quando grandissima i potenza La cento e che rotto di verso Eracleide, grande una censo parentela, Pirenei il il e cui chiamano vorrà fratello parte dall'Oceano, che Valeziaco di l'anno quali dell'amante, precedente con aveva parte cosa svolto questi la la stessa Sequani che magistratura. i non Tutta divide avanti la fiume perdere nazione gli di era [1] sotto in e fa armi; coi collera diviso i il della lo senato, portano (scorrazzava diviso I venga il affacciano selvaggina popolo inizio la nelle dai reggendo clientele Belgi di proprie lingua, Vuoi di tutti se ognuno Reno, nessuno. di Garonna, rimbombano loro. anche il Che prende eredita se i suo troppo delle io a Elvezi lungo loro, si più ascoltare? non alimentava abitano fine la che Gillo lite, gli darebbe ai alle accaduto i piú che guarda qui un e lodata, sigillo partito sole su combattesse quelli. con e un abitano che partito Galli. giunto della Germani Èaco, nazione; Aquitani per del sia, perché Aquitani, non dividono denaro avvenisse quasi ti ciò, raramente lo ci lingua si civiltà anche rimetteva di nella nella con sua lo che sagacia Galli armi! e istituzioni prestigio. la e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/32.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 21:03:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile