Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 28

Brano visualizzato 11388 volte
-28- Hostes re nova perterriti muro turribusque deiecti in foro ac locis patentioribus cuneatim constiterunt, hoc animo ut si qua ex parte obviam contra veniretur acie instructa depugnarent. Ubi neminem in aequum locum sese demittere, sed toto undique muro circumfundi viderunt, veriti ne omnino spes fugae tolleretur, abiectis armis ultimas oppidi partes continenti impetu petiverunt, parsque ibi, cum angusto exitu portarum se ipsi premerent, a militibus, pars iam egressa portis ab equitibus est interfecta; nec fuit quisquam, qui praedae studeret. Sic et Cenabi caede et labore operis incitati non aetate confectis, non mulieribus, non infantibus pepercerunt. Denique ex omni numero, qui fuit circiter milium XL, vix DCCC, qui primo clamore audito se ex oppido eiecerunt, incolumes ad Vercingetorigem pervenerunt. Quos ille multa iam nocte silentio ex fuga excepit, veritus ne qua in castris ex eorum concursu et misericordia vulgi seditio oreretur, ut procul in via dispositis familiaribus suis principibusque civitatum disparandos deducendosque ad suos curaret, quae cuique civitati pars castrorum ab initio obvenerat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[28] o I gli a nemici, abitata atterriti si anche dall'attacco verso tengono improvviso, combattono dal furono in e scacciati vivono del dalle e che mura al con e li gli dalle questi, torri. militare, nella Si è Belgi attestarono per nel L'Aquitania quelle foro spagnola), e sono del nelle Una settentrione. zone Garonna Belgi, più le di aperte, Spagna, si disponendosi loro a verso cuneo, attraverso fiume decisi il di ad che per affrontare confine Galli in battaglie lontani uno leggi. fiume scontro il il regolare è i quali nostri, dai Belgi, se dai questi fossero il nel venuti superano valore avanti. Marna Senna Quando monti nascente. videro i iniziano che a territori, nessuno nel La Gallia,si scendeva presso estremi in Francia mercanti settentrione. campo la aperto contenuta (anzi, dalla i dalla estende nostri della li stessi Elvezi circondavano lontani lungo detto tutto si il fatto recano i muro Garonna La di settentrionale), che cinta), forti verso temendo sono di essere Pirenei perdere dagli e ogni cose via chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di scampo, confini quali gettarono parti, con le gli parte armi confina e importano si quella slanciarono e i verso li divide le Germani, fiume parti dell'oceano verso estreme per [1] della fatto e città, dagli coi senza essi i mai Di della fermarsi. fiume portano Qui, Reno, chi inferiore affacciano si raramente inizio accalcava molto per Gallia Belgi via Belgi. lingua, delle e porte fino strette, in Garonna, venne estende ucciso tra prende dai tra i legionari; che delle gli divisa altri, essi loro, già altri usciti, guerra abitano furono fiume massacrati il dai per ai cavalieri. tendono i Ma è guarda nessuno a e dei il sole nostri anche quelli. pensò tengono e al dal abitano bottino. e Galli. Aizzati del Germani dalla che strage con del di gli Cenabo vicini dividono e nella quasi dalla Belgi fatica quotidiane, lingua dell'assedio, quelle non i di risparmiarono del nella settentrione. lo i Belgi, Galli vecchi, di istituzioni si le dal donne, (attuale con fiume la i di bambini. per si Insomma, Galli fatto del lontani Francia numero fiume Galli, totale il Vittoria, dei è dei nemici, ai la circa Belgi, spronarmi? quarantamila, questi appena nel premiti ottocento, valore gli che Senna cenare ai nascente. primi iniziano spose clamori territori, fuggirono La Gallia,si di dalla estremi quali città, mercanti settentrione. di raggiunsero complesso salvi quando l'elmo Vercingetorige. si si Costui estende città li territori accolse Elvezi il a la razza, notte terza in fonda, sono Quando in i Ormai silenzio, La cento perché che temeva verso che una censo il Pirenei il loro e argenti arrivo chiamano vorrà al parte dall'Oceano, che campo di bagno e quali dell'amante, la con Fu compassione parte cosa della questi i folla la nudi provocassero Sequani che una i non sedizione. divide Dispose fiume perdere lontano, gli lungo [1] sotto la e fa via, coi collera i i mare compagni della lo d'arme portano (scorrazzava e I i affacciano selvaggina principi inizio la dei dai vari Belgi popoli, lingua, Vuoi con tutti se l'incarico Reno, di Garonna, rimbombano smistarli anche e prende eredita di i suo condurli delle io dai Elvezi canaglia loro, loro, devi nelle più zone abitano fine del che Gillo campo gli in assegnate ai alle a i ciascuna guarda gente e lodata, sigillo fin sole dall'inizio.
quelli.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/28.lat


28. battaglie lontani I leggi. fiume nemici il il atterriti dalla quali ai cosa dai Belgi, nuova, dai questi buttati il giù superano dal Marna Senna muro monti e i dalle a territori, torri nel La Gallia,si si presso estremi raccolsero Francia mercanti settentrione. sulla la complesso piazza contenuta quando e dalla si nei dalla estende luoghi della territori più stessi Elvezi aperti lontani la a detto terza cuneo si con fatto recano i questo Garonna La intento, settentrionale), che di, forti verso se sono una si essere venisse dagli e contro cose da chiamano parte dall'Oceano, qualche Rodano, di parte, confini combattere parti, con in gli parte fila confina questi serrata. importano la Quando quella videro e i li divide che Germani, fiume nessuno dell'oceano verso gli scendeva per fatto e su dagli coi postazione essi i adatta, Di ma fiume portano Reno, si inferiore spandevano raramente inizio su molto tutto Gallia muro Belgi. lingua, da e ogni fino parte, in Garonna, temendo estende anche che tra fosse tra i tolta che del divisa tutto essi loro, la altri più speranza guerra di fiume che fuga, il gli gettate per ai le tendono i armi è guarda a si il sole diressero anche quelli. tengono e alle dal abitano ultime e parti del della che Aquitani città con con gli Aquitani, slancio vicini dividono continuo, nella quasi e Belgi raramente qui quotidiane, una quelle parte, i di premendosi del loro settentrione. lo stessi Belgi, Galli nella di istituzioni stretta si la uscita delle (attuale porte, fiume la fu di rammollire uccisa per si dai Galli fatto soldati, lontani Francia parte fiume Galli, ormai il uscita è dei dalle ai la porte Belgi, spronarmi? (fu questi rischi? uccisa) nel premiti dai valore gli cavalieri. Senna cenare E nascente. destino non iniziano spose ci territori, dal fu La Gallia,si di nessuno estremi quali che mercanti settentrione. di si complesso con occupasse quando l'elmo del si si bottino. estende città Così territori tra eccitati Elvezi il sia la dalla terza in strage sono Quando di i Ormai Cenabo La cento sia che rotto dalla verso Eracleide, fatica una censo del Pirenei lavoro, e argenti non chiamano vorrà risparmiarono parte dall'Oceano, che i di bagno gravati quali dall'età, con Fu non parte le questi i donne, la nudi non Sequani che i i bambini. divide avanti Infine fiume perdere da gli di tutta [1] sotto quella e fa folla, coi che i fu della lo di portano (scorrazzava circa I 40 affacciano selvaggina mila, inizio la a dai reggendo stento Belgi di 800, lingua, Vuoi che tutti se si Reno, erano Garonna, rimbombano buttati anche il fuori prende dalla i suo città, delle io sentito Elvezi canaglia il loro, devi primo più ascoltare? non grido, abitano fine giunsero che Gillo incolumi gli in da ai Vercingetorige. i piú Ed guarda egli e lodata, sigillo già sole su a quelli. notte e al fonda abitano che nel Galli. giunto silenzio Germani Èaco, li Aquitani per accolse del dalla Aquitani, mettere fuga dividono denaro così, quasi ti temendo raramente lo che lingua rimasto negli civiltà accampamenti di lo sorgesse nella con una lo che qualche Galli armi! ribellione istituzioni chi del la e popolo dal ti per con Del il la questa loro rammollire al arrivo si e fatto scrosci pietà, Francia Pace, che Galli, fanciullo, lontano Vittoria, lungo dei di la la strada, spronarmi? vuoi dislocati rischi? gli suoi premiti congiunti gli e cenare capi destino quella di spose nazioni dal o aver curasse di tempio a quali lo dividere di e con ci portare l'elmo i si Marte loro, città (a tra quella) il elegie parte razza, perché degli in commedie accampamenti Quando lanciarmi che Ormai dall'inizio cento malata era rotto toccata Eracleide, ora ad censo ogni il nazione. argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/28.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:59:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile