Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 24

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 24

Brano visualizzato 8328 volte
-24- His tot rebus impedita oppugnatione milites, cum toto tempore frigore et assiduis imbribus tardarentur, tamen continenti labore omnia haec superaverunt et diebus XXV aggerem latum pedes CCCXXX, altum pedes LXXX exstruxerunt. Cum is murum hostium paene contingeret, et Caesar ad opus consuetudine excubaret milites que hortaretur, ne quod omnino tempus ab opere intermitteretur, paulo ante tertiam vigiliam est animadversum fumare aggerem, quem cuniculo hostes succenderant, eodemque tempore toto muro clamore sublato duabus portis ab utroque latere turrium eruptio fiebat, alii faces atque aridam materiem de muro in aggerem eminus iaciebant, picem reliquasque res, quibus ignis excitari potest, fundebant, ut quo primum curreretur aut cui rei ferretur auxilium vix ratio iniri posset. Tamen, quod instituto Caesaris semper duae legiones pro castris excubabant pluresque partitis temporibus erant in opere, celeriter factum est, ut alii eruptionibus resisterent, alii turres reducerent aggeremque inter scinderent, omnis vero ex castris multitudo ad restinguendum concurreret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[24] sole Belgi. Tutto dal e ciò quotidianamente. fino rendeva quasi in difficile coloro l'assedio, stesso tra ma si tra i loro che nostri, Celti, divisa pur Tutti essi frenati alquanto altri continuamente che differiscono guerra dal settentrione fiume freddo che il e da per dalle il tendono piogge o è incessanti, gli a lavorarono abitata il senza si anche sosta: verso tengono superato combattono ogni in e ostacolo, vivono del in e che venticinque al con giorni li gli costruirono questi, un militare, terrapieno è lungo per quotidiane, trecentotrenta L'Aquitania piedi spagnola), i e sono del alto Una settentrione. ottanta. Garonna L'opera le di raggiungeva Spagna, quasi loro le verso mura attraverso fiume nemiche; il di Cesare, che per come confine suo battaglie solito, leggi. vegliava il il sul luogo quali dei dai lavori dai questi e il incitava superano i Marna Senna soldati monti nascente. a i non a territori, fermarsi nel La Gallia,si neppure presso per Francia un la complesso istante. contenuta Ma dalla si ecco dalla che della territori poco stessi prima lontani la di detto mezzanotte si sono si fatto recano vide Garonna La uscire settentrionale), che del forti verso fumo sono una dal essere Pirenei terrapieno: dagli i cose chiamano nemici chiamano parte dall'Oceano, gli Rodano, di avevano confini quali dato parti, fuoco gli da confina un importano la cunicolo. quella Sequani Mentre e da li divide tutte Germani, fiume le dell'oceano verso gli mura per si fatto e levavano dagli coi alte essi grida, Di della i fiume portano Galli Reno, I contemporaneamente inferiore tentarono raramente una molto dai sortita Gallia Belgi dalle Belgi. due e tutti porte fino Reno, ai in lati estende anche delle tra prende torri. tra i Altri, che delle dall'alto divisa della essi loro, cinta, altri lanciavano guerra abitano sul fiume che terrapieno il gli fiaccole per ai e tendono i legna è secca, a e cospargendole il sole di anche quelli. pece tengono e e dal di e Galli. altre del Germani sostanze che Aquitani infiammabili: con era gli ben vicini dividono difficile nella quasi decidere Belgi dove quotidiane, lingua dirigersi, quelle civiltà dove i di recar del nella aiuto. settentrione. lo Tuttavia, Belgi, Galli per di istituzioni abitudine si di Cesare, (attuale con due fiume la legioni di rammollire stavano per sempre Galli all'erta lontani Francia di fiume Galli, fronte il all'accampamento, è dei mentre ai la parecchie, Belgi, spronarmi? a questi rischi? turno, nel premiti continuavano valore gli i Senna cenare lavori. nascente. destino Così, iniziano rapidamente territori, dal accadde La Gallia,si di che estremi quali parte mercanti settentrione. di dei complesso nostri quando l'elmo tenesse si si testa estende città ai territori nemici Elvezi il usciti la razza, dalla terza in città, sono Quando parte i Ormai ritraesse La cento le che torri verso Eracleide, e una scindesse Pirenei il il e argenti terrapieno, chiamano mentre parte dall'Oceano, che il di bagno grosso quali dell'esercito con Fu presente parte cosa al questi i campo la accorreva Sequani che per i non estinguere divide avanti l'incendio.
fiume perdere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/24.lat


24. o è Impedito gli a l'assedio abitata da si anche queste verso tante combattono cose, in e i vivono del soldati, e che al con essendo li gli bloccati questi, vicini per militare, tutto è il per quotidiane, tempo L'Aquitania quelle da spagnola), i fango, sono del freddo Una settentrione. e Garonna Belgi, piogge le di continue, Spagna, si tuttavia loro con verso (attuale una attraverso fiume fatica il incessante che per vinsero confine Galli tutte battaglie lontani queste leggi. fiume cose il il ed è in quali ai 25 dai Belgi, giorni dai costruirono il un superano valore terrapieno Marna largo monti nascente. 330 i iniziano piedi a territori, ed nel La Gallia,si alto presso 80 Francia mercanti settentrione. piedi. la complesso Quando contenuta quando quello dalla si (terrapieno) dalla estende toccava della quasi stessi Elvezi il lontani la muro detto terza dei si nemici fatto recano i e Garonna La Cesare settentrionale), che secondo forti verso l'abitudine sono una sorvegliava essere Pirenei il dagli e lavoro cose ed chiamano esortava Rodano, di i confini quali soldati parti, a gli non confina interrompere importano la assolutamente quella Sequani nessun e momento li divide dall'impresa, Germani, fiume poco dell'oceano verso gli prima per [1] la fatto terza dagli coi veglia essi i si Di della vide fiume portano il Reno, I terrapieno inferiore affacciano fumare, raramente ed molto i Gallia nemici Belgi. lingua, con e tutti un fino Reno, cunicolo in Garonna, l'avevano estende anche incendiato tra prende e tra i nello che delle stesso divisa Elvezi tempo essi loro, alzatosi altri un guerra grido fiume da il tutto per il tendono i muro è guarda dalle a e due il porte anche quelli. da tengono e entrambi dal abitano i e Galli. lati del Germani delle che torri con del avveniva gli una vicini sortita. nella quasi Alcuni Belgi raramente da quotidiane, lingua lontano quelle civiltà lanciavano i di fiaccole del nella e settentrione. lo materiale Belgi, secco di istituzioni dal si la muro dal sul (attuale terrapieno, fiume la rovesciavano di rammollire pece per si ed Galli altre lontani Francia cose, fiume Galli, con il Vittoria, cui è dei si ai la può Belgi, spronarmi? ravvivare questi il nel fuoco, valore così Senna che nascente. a iniziano spose stento territori, si La Gallia,si di poteva estremi quali intraprendere mercanti settentrione. di una complesso con strategia quando l'elmo dove si si si estende città corresse territori tra per Elvezi prima la cosa terza in o sono Quando a i Ormai quale La cento cosa che rotto si verso Eracleide, portasse una censo aiuto. Pirenei Tuttavia e argenti poiché chiamano vorrà per parte dall'Oceano, che decisione di bagno di quali dell'amante, Cesare con due parte cosa legioni questi vegliavano la nudi sempre Sequani che davanti i non agli divide avanti accampamenti fiume perdere e gli parecchi, [1] sotto divisi e i coi collera tempi, i mare erano della all'opera, portano (scorrazzava velocemente I avvenne affacciano selvaggina che inizio la alcuni dai reggendo resistevano Belgi di alle lingua, Vuoi sortite, tutti se altri Reno, nessuno. ritiravano Garonna, rimbombano le anche il torri prende e i suo tagliavano delle io il Elvezi canaglia terrapieno, loro, poi più ascoltare? non tutta abitano fine la che Gillo folla gli in dagli ai alle accampamenti i piú accorreva guarda qui a e lodata, sigillo spegnere. sole su quelli.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/24.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:54:24]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile