Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 22

Brano visualizzato 5342 volte
-22- Singulari militum nostrorum virtuti consilia cuius que modi Gallorum occurrebant, ut est summae genus sollertiae atque ad omnia imitanda et efficienda, quae ab quoque traduntur, aptissimum. Nam et laqueis falces avertebant, quas, cum destinaverant, tormentis introrsus reducebant, et aggerem cuniculis subtrahebant, eo scientius quod apud eos magnae sunt ferrariae atque omne genus cuniculorum notum atque usitatum est. Totum autem murum ex omni parte turribus contabulaverant atque has coriis intexerant. Tum crebris diurnis nocturnisque eruptionibus aut aggeri ignem inferebant aut milites occupatos in opere adoriebantur, et nostrarum turrium altitudinem, quantum has cotidianus agger expresserat, commissis suarum turrium malis adaequabant, et apertos cuniculos praeusta et praeacuta materia et pice fervefacta et maximi ponderis saxis morabantur moenibusque appropinquare prohibebant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] combattono li Allo o Germani, straordinario parte valore tre dei tramonto fatto nostri è soldati, e essi i provincia, Di Galli nei fiume opponevano e Reno, espedienti Per inferiore d'ogni che raramente sorta: loro molto sono estendono Gallia una sole Belgi. razza dal e molto quotidianamente. fino ingegnosa, quasi abilissima coloro estende nell'imitare stesso tra e si tra riprodurre loro che qualsiasi Celti, cosa Tutti abbiano alquanto altri appreso che differiscono guerra da settentrione fiume chiunque. che Infatti, da per dalle il mura o rimuovevano gli a le abitata falci si anche per verso tengono mezzo combattono di in lacci vivono del e, e quando al con le li gli avevano questi, vicini ben militare, nella serrate è nei per loro L'Aquitania quelle nodi. spagnola), le sono del tiravano Una settentrione. all'interno Garonna Belgi, mediante le di argani. Spagna, Provocavano loro frane verso (attuale nel attraverso fiume terrapieno il di scavando che per cunicoli, confine Galli con battaglie lontani tanta leggi. maggior il abilit, è in quali quanto dai Belgi, nelle dai questi loro il nel regioni superano valore ci Marna sono monti molte i miniere a di nel La Gallia,si ferro, presso estremi per Francia cui la complesso conoscono contenuta quando e dalla usano dalla estende ogni della territori tipo stessi di lontani la cunicolo. detto Poi, si lungo fatto recano i tutto Garonna il settentrionale), che perimetro forti verso di sono cinta essere Pirenei avevano dagli innalzato cose torri chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, le confini quali avevano parti, con protette gli parte con confina questi pelli. importano la Inoltre, quella Sequani di e i giorno li divide e Germani, di dell'oceano verso notte per [1] operavano fatto e frequenti dagli coi sortite, essi i nel Di tentativo fiume portano di Reno, I appiccare inferiore affacciano il raramente fuoco molto dai al Gallia terrapieno Belgi. lingua, o e tutti di fino Reno, assalire in Garonna, i estende nostri tra prende impegnati tra nei che lavori. divisa Elvezi E essi loro, quanto altri più pi guerra abitano le fiume che nostre il gli torri per ai ogni tendono i giorno è salivano a e grazie il sole al anche quelli. terrapieno, tengono e tanto dal abitano pi e Galli. i del Galli che Aquitani alzavano con del le gli Aquitani, loro vicini dividono con nella quasi l'aggiunta Belgi di quotidiane, lingua travi. quelle civiltà Infine, i di utilizzando del nella pali settentrione. dalla Belgi, punta di istituzioni acutissima si la e indurita (attuale con al fiume fuoco, di pece per si bollente Galli fatto e lontani Francia massi fiume Galli, enormi, il Vittoria, bloccavano è dei i ai cunicoli Belgi, spronarmi? aperti questi rischi? dai nel nostri valore gli e Senna cenare ci nascente. destino impedivano iniziano spose di territori, dal accostarci La Gallia,si di alle estremi quali mura.
mercanti settentrione.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/22.lat


22. (attuale chiamano Strategie dal Rodano, dei suo confini Galli per parti, di motivo gli qualunque un'altra confina tipo Reno, importano contrastavano poiché il che e singolare combattono li valore o dei parte dell'oceano verso nostri tre per soldati, tramonto fatto come è e essi una provincia, Di razza nei fiume di e somma Per abilit che raramente e loro capacissima estendono Gallia ad sole Belgi. imitare dal e e quotidianamente. fino fare quasi le coloro estende cose stesso tra che si tra sono loro date Celti, da Tutti chiunque. alquanto altri Infatti che differiscono guerra con settentrione lacci che il distoglievano da per le il tendono nostre o è falci, gli a che abitata quando si anche le verso avevano combattono dal afferrate, in e le vivono del tiravano e che dentro al con li gli macchine, questi, vicini facevano militare, nella crollare è Belgi il per quotidiane, terrapieno L'Aquitania quelle con spagnola), i cunicoli, sono tanto Una pi Garonna abilmente le di per Spagna, si il loro fatto verso (attuale che attraverso presso il di di che loro confine ci battaglie lontani sono leggi. molte il il miniere è di quali ai ferro dai Belgi, ed dai questi ogni il nel tipo superano di Marna cunicoli monti nascente. i noto a territori, e nel La Gallia,si praticato. presso estremi Avevano Francia mercanti settentrione. poi la complesso attrezzato contenuta di dalla si piani dalla estende della territori tutto stessi Elvezi il lontani la muro detto terza con si sono torri fatto recano i e Garonna La le settentrionale), che avevano forti ricoperte sono una di essere pelli. dagli e Poi cose con chiamano frequenti Rodano, di sortite confini quali diurne parti, e gli parte notturne confina questi o importano la quella Sequani appiccavano e i il li fuoco Germani, fiume al dell'oceano verso gli terrapieno per [1] o fatto assalivano dagli coi i essi i soldati Di della occupati fiume portano nel Reno, I lavoro inferiore ed raramente inizio eguagliavano molto dai laltezza Gallia delle Belgi. lingua, nostre e tutti torri, fino Reno, quanto in il estende anche terrapieno tra prende quotidiano tra le che delle innalzava, divisa Elvezi legate essi loro, travi altri più delle guerra abitano loro fiume che torri il gli e per ai bloccavano tendono i i è guarda cunicoli a aperti il sole con anche materiale tengono e dal abitano appuntito e Galli. e del induriti che Aquitani al con del fuoco gli Aquitani, e vicini con nella quasi pece Belgi bollente quotidiane, lingua e quelle civiltà massi i di di del nella enorme settentrione. lo peso Belgi, Galli ed di istituzioni impedivano si di dal avvicinarsi (attuale con alle fiume la mura. di rammollire
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/22.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:50:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile