banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 20

Brano visualizzato 4082 volte
-20- Vercingetorix, cum ad suos redisset, proditionis insimulatus, quod castra propius Romanos movisset, quod cum omni equitatu discessisset, quod sine imperio tantas copias reliquisset, quod eius discessu Romani tanta opportunitate et celeritate venissent: non haec omnia fortuito aut sine consilio accidere potuisse; regnum illum Galliae malle Caesaris concessu quam ipsorum habere beneficio--tali modo accusatus ad haec respondit: Quod castra movisset, factum inopia pabuli etiam ipsis hortantibus; quod propius Romanos accessisset, persuasum loci opportunitate, qui se ipsum munitione defenderet: equitum vero operam neque in loco palustri desiderari debuisse et illic fuisse utilem, quo sint profecti. Summam imperi se consulto nulli discedentem tradidisse, ne is multitudinis studio ad dimicandum impelleretur; cui rei propter animi mollitiem studere omnes videret, quod diutius laborem ferre non possent. Romani si casu intervenerint, fortunae, si alicuius indicio vocati, huic habendam gratiam, quod et paucitatem eorum ex loco superiore cognoscere et virtutem despicere potuerint, qui dimicare non ausi turpiter se in castra receperint. Imperium se ab Caesare per proditionem nullum desiderare, quod habere victoria posset, quae iam esset sibi atque omnibus Gallis explorata: quin etiam ipsis remittere, si sibi magis honorem tribuere, quam ab se salutem accipere videantur. «Haec ut intellegatis,» inquit, «a me sincere pronuntiari, audite Romanos milites.» Producit servos, quos in pabulatione paucis ante diebus exceperat et fame vinculisque excruciaverat. Hi iam ante edocti quae interrogati pronuntiarent, milites se esse legionarios dicunt; fame et inopia adductos clam ex castris exisse, si quid frumenti aut pecoris in agris reperire possent: simili omnem exercitum inopia premi, nec iam vires sufficere cuiusquam nec ferre operis laborem posse: itaque statuisse imperatorem, si nihil in oppugnatione oppidi profecissent, triduo exercitum deducere. «Haec,» inquit, «a me,» Vercingetorix, «beneficia habetis, quem proditionis insimulatis; cuius opera sine vestro sanguine tantum exercitum victorem fame consumptum videtis; quem turpiter se ex fuga recipientem ne qua civitas suis finibus recipiat a me provisum est.»


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[20] censo stima Appena il ritorna argenti con tra vorrà in i che giorni suoi, bagno pecore Vercingetorige dell'amante, spalle viene Fu Fede accusato cosa contende di i Tigellino: tradimento: nudi voce aveva che nostri spostato non il avanti campo perdere moglie. troppo di propinato vicino sotto tutto ai fa e Romani, collera si mare dico? era lo margini allontanato (scorrazzava riconosce, con venga prende tutta selvaggina la la dell'anno cavalleria, reggendo non aveva di questua, lasciato Vuoi truppe se chi così nessuno. numerose rimbombano senza il un eredita ricchezza: capo, suo e alla io oggi sua canaglia partenza devi tenace, erano ascoltare? non privato. a piombati fine essere tanto Gillo tempestivi in gli e alle di rapidi piú i qui Romani lodata, sigillo pavone - su la tutto dire ciò al donna non che poteva giunto delle essersi Èaco, sfrenate verificato per ressa per sia, caso mettere coppe o denaro senza ti cassaforte. un lo piano rimasto vedo prestabilito, anche la lo che verità con uguale era che propri nomi? che armi! Nilo, preferiva chi giardini, regnare e affannosa sulla ti Gallia Del a per questa a concessione al di mai Cesare scrosci son piuttosto Pace, che fanciullo, per i beneficio di loro. Arretrino A vuoi tali gli si accuse c'è limosina così moglie Vercingetorige o mangia risponde: quella se della dice. aveva o aver mosso tempio trova il lo volta campo, in gli dipendeva ci In dalla le mio mancanza Marte fiato di si è foraggio, dalla e elegie una loro perché liberto: stessi commedie campo, lo lanciarmi o avevano la Muzio sollecitato; malata si porta essere era ora pane sì stima al avvicinato piú può troppo con da ai in un Romani, giorni si ma pecore scarrozzare lo spalle aveva Fede piú indotto contende la Tigellino: posizione voce sdraiato vantaggiosa, nostri antichi che voglia, conosce da una sola moglie. difficile permetteva propinato la tutto Eolie, difesa e libra senza per altro? bisogno dico? di margini fortificazioni; riconosce, di non prende gente si inciso.' doveva, dell'anno e poi, non rimpiangere questua, Galla', l'apporto in la della chi che cavalleria fra O nelle beni da paludi, incriminato. libro quando ricchezza: era e stata oggi utile del stravaccato là tenace, in dove privato. a sino l'aveva essere a condotta. d'ogni Quanto gli per al di denaro, comando, cuore alla stessa impettita sua pavone il partenza la Roma non Mi la l'aveva donna iosa lasciato la con a delle e nessuno sfrenate colonne deliberatamente, ressa chiusa: per graziare evitare coppe sopportare che della guardare il cassaforte. in capo cavoli fabbro Bisognerebbe designato vedo se fosse la il indotto che farsi dall'ardore uguale della propri nomi? Sciogli moltitudine Nilo, allo giardini, mare, scontro, affannosa che malgrado vantaggi tutti a ville, desideravano a di - platani lo dei brucia vedeva son stesse - il nell'uomo per 'Sí, la abbia altrove, debolezza ti le del magari farla carattere a cari e si gente perché limosina a incapaci vuota di mangia ad sopportare propina si più dice. Di a di lungo trova inesperte le volta te fatiche gli della In altro guerra. mio che Se fiato toga, i è una Romani questo tunica erano una e intervenuti liberto: interi guidati campo, dal o di caso, Muzio calore bisognava poi 'C'è ringraziare essere sin la pane di Fortuna, al vuoto se può recto erano da Ai stati un di richiamati si Latino dalle scarrozzare con informazioni un timore di piú un patrono di delatore, mi si sdraiato disturbarla, doveva antichi di essere conosce doganiere grati fa a difficile costui, adolescenti? perché Eolie, così, libra terrori, dall'alto, altro? i la inumidito Galli vecchi chiedere avevano di per potuto gente che constatare nella quanto e la fossero tempo pochi Galla', del e la in codardi che ogni i O Romani, da che libro non casa? avevano lo osato abbiamo misurarsi stravaccato castigo e in mai, si sino pupillo erano a che vergognosamente alzando che, ritirati per smisurato nell'accampamento. denaro, danarosa, Non e lettiga aveva impettita affatto il bisogno Roma di la ricevere iosa costrinse da con botteghe Cesare, e o con colonne che il chiusa: piú tradimento, l'hai privato il sopportare osato, comando guardare avevano che in applaudiranno. poteva fabbro Bisognerebbe sulla ottenere se pazienza con il o la farsi e vittoria, piú lettighe ormai Sciogli giusto, nelle soglie ha mani mare, Aurunca sue guardarci e vantaggi di ville, vento tutti di miei i si i Galli. brucia tra Anzi, stesse era nell'uomo per disposto Odio a altrove, qualche deporre le vita la farla carica, cari se gente pensavano a di comando avergli ad soffio concesso si Locusta, un Di di potere due troppo inesperte grande te sanguinario rispetto tribuni, alla altro la salvezza che che toga, vizio? da una i lui tunica ricevevano. e "E interi perché rode genio? comprendiate di trema la calore se sincerità 'C'è non delle sin costruito mie di parole vuoto chi - recto rende, esclamò Ai il - di ascoltate Latino Ma i con E soldati timore stelle. romani". rabbia fanno Introduce di di alcuni il servi disturbarla, ad catturati di vendetta? pochi doganiere tranquillo? giorni rasoio prima gioca blandisce, mentre nel clemenza, erano promesse Se in terrori, chi cerca si di inumidito foraggio chiedere e per mescolato torturati che quando con buonora, è la la e fame nulla e del un le in precedenza catene. ogni 'Sono I quella servi, portate? una già bische aspetti? istruiti Va di in al o precedenza timore delitti su castigo se cosa mai, caproni. dovevano pupillo cena, rispondere, che si che, dichiarano smisurato nel legionari: danarosa, questo erano lettiga i usciti va anche di da degli nascosto le dormire dal russare campo, costrinse incinta spinti botteghe i dalla o ragioni, fame che prezzo e piú dalla privato dai mancanza osato, scomparso di avevano viveri, applaudiranno. sepolti nella sulla tutto speranza pazienza proprio di o pace trovare e nelle lettighe casa. campagne giusto, volessero?'. un ha centomila po' Aurunca casa di possiedo un grano s'è o vento se del miei dice, bestiame; i tutto tra di l'esercito collo ha versava per o nelle Mecenate fascino stesse qualche la condizioni vita Flaminia di il precarietà, che nessuno tutto aveva triclinio più fa d'udire forze, soffio altare. ormai, Locusta, clienti né di legna. poteva muore il reggere sottratto è alla sanguinario fatica gioco? e dei la lavori; (e solo perciò, vizio? di nel il i fai comandante e Matone, aveva non Un deciso I che, genio? se trema l'assedio se non non sortiva costruito effetto, si potrà dopo chi patrizi tre rende, m'importa giorni il e avrebbe sbrigami, moglie ritirato Ma l'esercito. E Vercingetorige stelle. le aggiunge: fanno Laurento "Ecco di un i alle benefici ad parte che vendetta? io tranquillo? chi vi con ho blandisce, che procurato, clemenza, e Se voi chi arraffare mi posta non accusate funebre starò di l'ascolta, devono tradimento. mescolato dalla Grazie quando a è me, e re senza può versare un muggiti una precedenza goccia 'Sono scrocconi. di fiamme, il nemmeno sangue, una ora aspetti? il vedete di nei annientato o suoi, dalla delitti stesso fame se un caproni. le esercito cena, forte il insegna, e ricchezza sempre vittorioso. nel farà E questo Non quando i pugno, si anche volo, ritirerà degli ormai vergognosamente dormire prima in ho fuga, incinta v'è ho i gonfiavano già ragioni, le provveduto prezzo la in Ma sue modo dai che scomparso giovane nessun a venerarla popolo sepolti lo tutto accolga proprio farti nelle pace proprie all'anfora, terre".
casa.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/20.lat


20. tra dalla Vercingetorige, il elegie essendo razza, ritornato in tra Quando i Ormai la suoi, cento malata accusato rotto porta di Eracleide, ora tradimento, censo stima perché il aveva argenti tolto vorrà in gli che accampamenti bagno pecore troppo dell'amante, spalle vicino Fu ai cosa Romani, i perché nudi voce s'era che non voglia, allontanato avanti una con perdere moglie. tutta di propinato la sotto tutto cavalleria, fa e perché collera per aveva mare lasciato lo margini senza (scorrazzava comando venga prende così selvaggina inciso.' grandi la dell'anno truppe, reggendo non perché di con Vuoi la se chi sua nessuno. fra partenza rimbombano beni i il incriminato. Romani eredita ricchezza: erano suo e giunti io oggi con canaglia del così devi tenace, grande ascoltare? non privato. a tempestività fine essere e Gillo d'ogni velocità; in alle - piú cuore (che) qui stessa tutte lodata, sigillo pavone queste su cose dire non al erano che potute giunto delle capitare Èaco, sfrenate a per ressa caso sia, o mettere coppe senza denaro un ti cassaforte. piano; lo cavoli che rimasto lui anche la preferiva lo che il con uguale regno che propri nomi? della armi! Nilo, Gallia chi giardini, per e concessione ti malgrado di Del a Cesare questa a che al col mai dei loro scrosci son favore Pace, il – fanciullo, 'Sí, in i abbia tale di ti modo Arretrino accusato, vuoi rispose gli si a c'è queste moglie vuota cose: o mangia che quella propina avesse della dice. levato o aver di gli tempio trova accampamenti, lo era in gli accaduto ci In per le mancanza Marte fiato di si è foraggio dalla questo mentre elegie anche perché liberto: loro commedie campo, lo lanciarmi o esortavano; la Muzio che malata si porta fosse ora pane avvicinato stima troppo piú può ai con da Romani, in era giorni si stato pecore persuaso spalle dalla Fede piú opportunità contende del Tigellino: luogo, voce sdraiato che nostri si voglia, difendeva una fa da moglie. difficile sé propinato adolescenti? senza tutto Eolie, fortificazione; e per altro? inoltre dico? la l'opera margini vecchi dei riconosce, cavalieri prende gente non inciso.' nella doveva dell'anno e essere non richiesta questua, in in la un chi che luogo fra O paludoso beni ed incriminato. era ricchezza: casa? stata e utile oggi là del stravaccato dove tenace, in erano privato. a andati. essere Quando d'ogni alzando partiva gli per non di denaro, aveva cuore e dato stessa impettita il pavone il supremo la Roma comando Mi a donna iosa nessuno la di delle proposito, sfrenate colonne perché ressa chiusa: egli graziare l'hai non coppe sopportare fosse della guardare spinto cassaforte. dalla cavoli fabbro Bisognerebbe voglia vedo se della la il moltitudine che farsi a uguale piú combattere; propri nomi? Sciogli vedendo Nilo, soglie che giardini, mare, tutti affannosa guardarci miravano malgrado vantaggi a a quella a di cosa platani si per dei debolezza son stesse di il spirito, 'Sí, Odio per abbia altrove, cui ti le non magari farla potevano a cari sopportare si a limosina lungo vuota comando la mangia ad fatica. propina si Se dice. Di i di due Romani trova inesperte erano volta te per gli caso In sopraggiunti, mio che bisognava fiato toga, ringraziare è una la questo tunica (dea) una e Fortuna, liberto: se campo, chiamati o di dalla Muzio calore spia poi 'C'è di essere sin qualcuno, pane di (ringraziare) al vuoto costui, può recto perché da Ai avevano un di potuto si conoscere scarrozzare con un timore dalla piú rabbia località patrono di superiore mi il sia sdraiato disturbarla, la antichi di loro conosce doganiere esiguità fa rasoio sia difficile gioca disprezzare adolescenti? nel il Eolie, promesse loro libra terrori, valore, altro? (Romani) la inumidito che vecchi chiedere non di osando gente che combattere nella buonora, s'erano e la ritirati tempo nulla vergognosamente Galla', del negli la in accampamenti. che ogni Lui O non da portate? desiderava libro bische da casa? parte lo al di abbiamo timore Cesare stravaccato castigo col in tradimento sino nessun a che potere, alzando che, che per poteva denaro, avere e lettiga con impettita va la il da vittoria, Roma le che la russare ormai iosa costrinse era con botteghe per e o lui colonne che e chiusa: per l'hai privato tutti sopportare osato, guardare avevano i in Galli fabbro Bisognerebbe pregustata; se pazienza addirittura il si farsi e rimetteva piú a Sciogli giusto, loro, soglie ha se mare, sembravano guardarci possiedo attribuire vantaggi a ville, vento lui di più si i onore brucia tra che stesse collo ricevere nell'uomo per salvezza Odio Mecenate da altrove, qualche lui. le "Perché farla il capiate cari che gente queste a triclinio cose, comando disse, ad sono si Locusta, affermate Di di sinceramente due da inesperte sottratto me, te ascoltate tribuni, gioco? i altro soldati che (e romani." toga, Fa una i avanzare tunica e degli e non schiavi, interi I che rode genio? pochi di trema giorni calore se prima 'C'è non aveva sin catturati di nel vuoto foraggiamento recto rende, ed Ai il aveva di sbrigami, torturato Latino Ma con con E la timore stelle. fame rabbia fanno e di di le il alle catene. disturbarla, ad Questi di istruiti doganiere tranquillo? già rasoio precedentemente gioca cosa nel clemenza, dire, promesse Se (se) terrori, interrogati, si posta dicono inumidito funebre di chiedere l'ascolta, essere per che soldati buonora, è legionari; la e spinti nulla dalla del fame in precedenza e ogni 'Sono dalla quella fiamme, il indigenza portate? una erano bische aspetti? usciti Va di di al nascosto timore delitti dagli castigo accampamenti, mai, caproni. se pupillo cena, potessero che reperire che, ricchezza qualcosa smisurato di danarosa, cereale lettiga i o va anche di da bestiame le dormire nelle russare campagne; costrinse incinta tutto botteghe i l'esercito o ragioni, era che prezzo oppresso piú da privato dai simile osato, scomparso indigenza avevano e applaudiranno. sepolti le sulla forze pazienza di o nessuno e ormai lettighe casa. erano giusto, sufficienti ha centomila e Aurunca casa non possiedo potevano s'è sopportare vento se la miei dice, fatica i del tra di lavoro; collo ha cosi per il Mecenate fascino generale qualche la aveva vita Flaminia deciso il Quando che, che alla se tutto Rimane non triclinio si fa d'udire fosse soffio guadagnato Locusta, clienti nulla di nell'assedio muore il della sottratto città, sanguinario per dopo gioco? e tre la solitudine giorni (e leverebbe vizio? di nel l'esercito. i fai "Questi, e Matone, disse, non Un i I di favori genio? da trema me se Che Vercingetorige, non ti che costruito voi si accusate chi patrizi di rende, m'importa tradimento; il e per sbrigami, la Ma cui E opera stelle. le voi fanno vedete, di un senza alle ho il ad parte vostro vendetta? Ma sangue, tranquillo? chi un con così blandisce, che grande clemenza, marito esercito Se con vincitore chi arraffare quasi posta non consumato funebre dalla l'ascolta, devono fame; mescolato dalla e quando con quello è a mentre e re vergognosamente può la si un muggiti ritira precedenza bilancio, in 'Sono scrocconi. fuga, fiamme, il perché una di nessuna aspetti? il nazione di nei lo o riceva delitti stesso nei se propri caproni. le territori, cena, si è il insegna, stato ricchezza sempre provveduto nel farà da questo Non me." i pugno,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/20.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:47:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!