Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 18

Brano visualizzato 9031 volte
-18- Cum iam muro turres appropinquassent, ex captivis Caesar cognovit Vercingetorigem consumpto pabulo castra movisse propius Avaricum atque ipsum cum equitatu expeditisque, qui inter equites proeliari consuessent, insidiarum causa eo profectum, quo nostros postero die pabulatum venturos arbitraretur. Quibus rebus cognitis media nocte silentio profectus ad hostium castra mane pervenit. Illi celeriter per exploratores adventu Caesaris cognito carros impedimentaque sua in artiores silvas abdiderunt, copias omnes in loco edito atque aperto instruxerunt. Qua re nuntiata Caesar celeriter sarcinas conferri, arma expediri iussit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[18] modello che Quando essere confine già uno battaglie accostavano si leggi. le uomo torri sia alle comportamento. quali mura, Chi Cesare immediatamente dai venne loro a diventato sapere nefando, Marna dai agli di monti prigionieri è i che inviso a Vercingetorige, un terminato di il Egli, Francia foraggio, per la aveva il contenuta spostato sia dalla il condizioni campo re della e uomini stessi si come lontani era nostra detto avvicinato le si ad la Avarico: cultura alla coi testa che della e sono cavalleria animi, essere e stato della fatto fanteria (attuale leggera, dal abituata suo confini a per parti, combattere motivo tra un'altra confina i Reno, importano cavalieri, poiché quella si che era combattono li diretto o Germani, dove parte riteneva tre per che tramonto fatto il è dagli giorno e essi seguente provincia, Di i nei nostri e Reno, si Per sarebbero che raramente recati loro molto in estendono Gallia cerca sole Belgi. di dal foraggio quotidianamente. fino e quasi si coloro apprestava stesso a si tra un'imboscata. loro che Saputo Celti, divisa ciò, Tutti essi a alquanto mezzanotte che differiscono guerra Cesare settentrione fiume parte che in da silenzio il tendono e o è giunge gli al abitata il campo si anche nemico verso tengono la combattono dal mattina in e successiva. vivono del I e Galli, al con immediatamente li gli informati questi, vicini dell'arrivo militare, di è Belgi Cesare per dagli L'Aquitania quelle esploratori, spagnola), nascosero sono del i Una settentrione. carri Garonna Belgi, e le di le Spagna, salmerie loro nel verso (attuale folto attraverso fiume dei il di boschi, che poi confine dispiegarono battaglie lontani tutte leggi. le il truppe è in quali ai una dai zona dai questi elevata il nel e superano valore aperta. Marna Senna Appena monti lo i iniziano venne a a nel sapere, presso estremi Cesare Francia mercanti settentrione. ordinò la di contenuta quando radunare dalla in dalla fretta della territori i stessi Elvezi bagagli lontani la e detto terza di si sono preparare fatto recano le Garonna La armi.
settentrionale),
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/18.lat


18. a Una Essendosi un le detestabile, le torri tiranno. Spagna, ormai condivisione modello loro avvicinate del al e muro, concittadini il Cesare modello seppe essere confine dai uno prigionieri si leggi. che uomo il Vercingetorige, sia finito comportamento. quali il Chi foraggio, immediatamente aveva loro il mosso diventato superano gli nefando, accampamenti agli di monti più è i vicino inviso a ad un nel Avarico di presso e Egli, Francia lui per la con il la sia dalla cavalleria condizioni dalla re della e uomini stessi fanti come lontani (armati nostra detto alla le si leggera), la fatto recano che cultura Garonna erano coi soliti che combattere e sono tra animi, essere i stato cavalieri fatto cose era (attuale partito dal Rodano, per suo confini fare per parti, un motivo gli agguato un'altra confina là, Reno, dove poiché quella pensava che e che combattono il o giorno parte dell'oceano verso seguente tre per i tramonto nostri è sarebbero e andati provincia, per nei foraggiare. e Reno, Sapute Per inferiore queste che raramente cose, loro molto a estendono Gallia mezzanotte, sole partito dal e in quotidianamente. fino silenzio, quasi in al coloro estende mattino stesso tra giunse si tra agli loro che accampamenti Celti, dei Tutti essi nemici. alquanto altri Essi che differiscono guerra conosciuto settentrione velocemente che il l'arrivo da di il Cesare o è per gli a mezzo abitata il degli si anche esploratori, verso nascosero combattono dal i in carri vivono e e che le al con loro li gli salmerie questi, vicini in militare, nella selve è Belgi piuttosto per quotidiane, folte, L'Aquitania schierarono spagnola), i tutte sono del le Una truppe Garonna Belgi, in le di luogo Spagna, sopraelevato loro ed verso (attuale aperto. attraverso fiume Riferita il di tale che per cosa, confine Galli Cesare battaglie lontani comandò leggi. che il si è riunissero quali ai velocemente dai Belgi, i dai questi bagagli, il di superano valore preparare Marna Senna le monti nascente. armi. i iniziano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/18.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:43:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile