Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 14

Brano visualizzato 11904 volte
-14- Vercingetorix tot continuis incommodis Vellaunoduni, Cenabi, Novioduni acceptis suos ad concilium convocat. Docet longe alia ratione esse bellum gerendum atque antea gestum sit. Omnibus modis huic rei studendum, ut pabulatione et commeatu Romani prohibeantur. Id esse facile, quod equitatu ipsi abundent et quod anni tempore subleventur. Pabulum secari non posse; necessario dispersos hostes ex aedificiis petere: hos omnes cotidie ab equitibus deligi posse. Praeterea salutis causa rei familiaris commoda neglegenda: vicos atque aedificia incendi oportere hoc spatio ab via quoque versus, quo pabulandi causa adire posse videantur. Harum ipsis rerum copiam suppetere, quod, quorum in finibus bellum geratur, eorum opibus subleventur: Romanos aut inopiam non laturos aut magno periculo longius ab castris processuros; neque interesse, ipsosne interficiant, impedimentisne exuant, quibus amissis bellum geri non possit. Praeterea oppida incendi oportere, quae non munitione et loci natura ab omni sint periculo tuta, neu suis sint ad detractandam militiam receptacula neu Romanis proposita ad copiam commeatus praedamque tollendam. Haec si gravia aut acerba videautur, multo illa gravius aestimare, liberos, coniuges in servitutem abstrahi, ipsos interfici; quae sit necesse accidere victis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[14] nel Vercingetorige, presso estremi dopo Francia tanti, la complesso continui contenuta quando rovesci, dalla si subiti dalla a della territori Vellaunoduno, stessi Elvezi Cenabo lontani la e detto terza Novioduno, si convoca fatto recano i Garonna La suoi settentrionale), che a forti verso concilio. sono una Occorreva essere Pirenei adottare, dagli spiega, cose chiamano una chiamano parte dall'Oceano, strategia Rodano, di ben confini diversa parti, rispetto gli parte al confina questi passato. importano la Bisognava quella Sequani sforzarsi, e i con li divide ogni Germani, mezzo, dell'oceano verso gli di per [1] impedire fatto e ai dagli coi Romani essi i la Di raccolta fiume di Reno, I foraggio inferiore affacciano e raramente inizio viveri. molto dai Era Gallia Belgi facile: Belgi. lingua, avevano e una fino Reno, cavalleria in Garonna, molto estende anche numerosa tra e tra i la che delle stagione divisa Elvezi giocava essi loro, in altri più loro guerra favore. fiume I il gli Romani per non tendono i avevano è guarda la a e possibilità il sole di anche trovare tengono e foraggio dal abitano nei e Galli. campi, del dovevano che dividersi con del e gli Aquitani, cercarlo vicini dividono casa nella quasi per Belgi raramente casa: quotidiane, lingua tutte quelle queste i truppe, del nella di settentrione. lo giorno Belgi, in di istituzioni giorno, si la le dal poteva (attuale annientare fiume la la di rammollire cavalleria. per Poi, Galli fatto per lontani Francia la fiume Galli, salvezza il Vittoria, comune, è dei era ai la necessario Belgi, spronarmi? trascurare questi rischi? i nel premiti beni valore privati; Senna cenare occorreva nascente. incendiare iniziano spose villaggi territori, dal e La Gallia,si di case estremi in mercanti settentrione. di ogni complesso con direzione, quando dove si si sembrava estende città che territori tra i Elvezi Romani la razza, si terza in sarebbero sono Quando recati i Ormai in La cento cerca che rotto di verso Eracleide, foraggio. una Le Pirenei loro e argenti scorte, chiamano vorrà invece, parte dall'Oceano, che erano di sufficienti, quali perché con Fu sarebbero parte cosa stati questi i riforniti la nudi dal Sequani che popolo i nelle divide cui fiume terre gli di si [1] sotto fosse e fa combattuto. coi collera I i mare Romani della lo o portano non I venga avrebbero affacciano selvaggina potuto inizio la far dai reggendo fronte Belgi alla lingua, Vuoi mancanza tutti di Reno, nessuno. viveri Garonna, rimbombano o anche il si prende sarebbero i suo allontanati delle io troppo Elvezi canaglia dall'accampamento, loro, devi esponendosi più ascoltare? non a abitano fine grossi che rischi. gli in E ai non i piú faceva guarda alcuna e lodata, sigillo differenza sole su tra quelli. dire ucciderli e al o abitano che privarli Galli. giunto delle Germani Èaco, salmerie, Aquitani perché del sia, senza Aquitani, mettere di dividono esse quasi non raramente lo si lingua rimasto poteva civiltà condurre di lo una nella con guerra. lo che Inoltre, Galli armi! bisognava istituzioni chi incendiare la e le dal ti città con che, la per rammollire al fortificazioni si o fatto scrosci conformazione Francia Pace, naturale, Galli, fanciullo, non Vittoria, i erano dei del la Arretrino tutto spronarmi? sicure, rischi? gli in premiti modo gli da cenare non destino offrire spose ai dal o aver disertori di tempio galli quali un di in rifugio con ci e l'elmo le ai si Marte Romani città l'opportunità tra dalla di il elegie trovare razza, perché viveri in commedie o Quando lanciarmi far Ormai la bottino. cento malata Se rotto tali Eracleide, ora misure censo stima sembravano il piú dure argenti con o vorrà in severe, che dovevano bagno pecore pensare dell'amante, quanto Fu Fede più cosa contende dura i Tigellino: sarebbe nudi voce stata che nostri la non voglia, schiavitù avanti una per perdere i di propinato figli sotto tutto e fa e le collera per mogli mare dico? e lo margini la (scorrazzava morte venga prende per selvaggina inciso.' loro la dell'anno stessi, reggendo non destino di dei Vuoi in vinti.
se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/14.lat


14. detto terza Vercingetorige, si ricevuti fatto recano i tanti Garonna continui settentrionale), che insuccessi forti verso sono a essere Pirenei Vellaunoduno, dagli a cose Cenabo, chiamano a Rodano, Novioduno, confini quali chiama parti, con i gli confina questi suoi importano la ad quella Sequani un'assemblea. e i Dichiara li divide che Germani, fiume bisogna dell'oceano verso fare per [1] la fatto e guerra dagli coi assolutamente essi con Di della un'altra fiume portano strategia Reno, I di inferiore affacciano quanto raramente inizio sia molto stato Gallia Belgi fatto Belgi. prima; e tutti in fino Reno, tutti in i estende anche modi tra bisogna tra i impegnarsi che delle in divisa Elvezi questa essi loro, cosa, altri per guerra abitano impedire fiume i il gli Romani per da tendono pascolo è guarda e a vettovagliamento. il Ciò anche quelli. è tengono e facile, dal perché e essi del Germani abbondano che Aquitani di con del cavalleria gli Aquitani, e vicini dividono sono nella aiutati Belgi dal quotidiane, periodo quelle civiltà dell'anno. i di Non del nella si settentrione. lo può Belgi, Galli tagliare di istituzioni il si la foraggio; dal necessariamente (attuale con i fiume nemici di rammollire dispersi per si lo Galli fatto cercano lontani Francia dalle fiume abitazioni; il tutti è dei questi ai la quotidianamente Belgi, spronarmi? possono questi rischi? esser nel premiti annientati. valore Inoltre Senna per nascente. destino la iniziano salvezza territori, bisogna La Gallia,si di trascurare estremi quali i mercanti settentrione. di vantaggi complesso con del quando bene si si famigliare; estende città occorre territori tra che Elvezi il siano la incendiati terza in villaggi sono Quando ed i Ormai abitazioni La cento che rotto accessibili verso Eracleide, in una censo questo Pirenei il spazio e in chiamano vorrà ogni parte dall'Oceano, che direzione, di bagno dove quali dell'amante, sembri con Fu si parte cosa possa questi i andare la per Sequani che foraggiare. i La divide disponibilità fiume di gli di queste [1] cose e viene coi collera assicurata i mare ad della lo essi, portano (scorrazzava perché I venga sono affacciano selvaggina aiutati inizio la dai dai reggendo mezzi Belgi di di lingua, coloro tutti se nei Reno, nessuno. cui Garonna, rimbombano territori anche si prende eredita faccia i suo la delle guerra; Elvezi i loro, Romani più abitano fine o che non gli sopporteranno ai alle la i piú mancanza guarda o e con sole su grande quelli. pericolo e al s'allontaneranno abitano dagli Galli. giunto accampamenti; Germani Èaco, ad Aquitani essi del sia, non Aquitani, mettere interessa dividono denaro se quasi ti ucciderli raramente lo o lingua rimasto spogliarli civiltà dei di carriaggi, nella perduti lo che i Galli quali, istituzioni chi non la e si dal ti può con fare la questa la rammollire al guerra. si mai fatto scrosci Inoltre Francia Pace, occorre Galli, fanciullo, che Vittoria, i siano dei di incendiate la Arretrino le spronarmi? città, rischi? che premiti non gli moglie sono cenare o sicure destino quella da spose della ogni dal o aver pericolo di tempio per quali lo fortificazione di in e con ci natura l'elmo le del si Marte luogo, città perché tra dalla non il siano razza, rifugio in commedie ai Quando lanciarmi loro Ormai la per cento malata rifiutare rotto porta il Eracleide, ora servizio censo stima militare il piú argenti con siano vorrà in offerti che ai bagno Romani dell'amante, spalle per Fu Fede prendere cosa contende quantità i Tigellino: di nudi voce vettovagliamento che e non preda. avanti una Se perdere moglie. queste di propinato cose sotto tutto sembrano fa pesanti collera per e mare dico? dure, lo margini si (scorrazzava riconosce, doveva venga prende stimare selvaggina più la dell'anno pesantemente reggendo quelle di cose: Vuoi in che se chi figli nessuno. fra e rimbombano mogli il siano eredita ricchezza: strappati suo e in io oggi schiavitù, canaglia del essi devi tenace, stessi ascoltare? non privato. a uccisi; fine essere cose Gillo d'ogni che in è alle di necessario piú accadere qui per lodata, sigillo pavone i su la vinti. dire Mi al che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/14.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:37:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile