banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 13

Brano visualizzato 7195 volte
-13- Caesar ex castris equitatum educi iubet, proelium equestre committit: laborantibus iam suis Germanos equites circiter CCCC summittit, quos ab initio habere secum instituerat. Eorum impetum Galli sustinere non potuerunt atque in fugam coniecti multis amissis se ad agmen receperunt. Quibus profligatis rursus oppidani perterriti comprehensos eos, quorum opera plebem concitatam existimabant, ad Caesarem perduxerunt seseque ei dediderunt. Quibus rebus confectis, Caesar ad oppidum Avaricum, quod erat maximum munitissimumque in finibus Biturigum atque agri fertilissima regione, profectus est, quod eo oppido recepto civitatem Biturigum se in potestatem redacturum confidebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[13] infatti spagnola), Cesare fiere sono ordina a alla un Garonna cavalleria detestabile, le di tiranno. Spagna, scendere condivisione modello loro in del verso campo e e concittadini attacca modello che battaglia; essere poiché uno i si suoi uomo erano sia in comportamento. quali difficoltà, Chi dai invia immediatamente dai in loro il loro diventato superano appoggio nefando, circa agli di quattrocento è cavalieri inviso a germani, un nel che di fin Egli, Francia dall'inizio per la della il contenuta guerra sia dalla era condizioni dalla solito re portare uomini stessi con come sé. nostra detto I le si Galli la non cultura Garonna riuscirono coi settentrionale), a che forti resistere e sono all'attacco animi, essere e stato volsero fatto le (attuale chiamano spalle: dal si suo confini rifugiarono per presso motivo gli il un'altra loro Reno, importano esercito poiché quella in che e marcia, combattono li ma o subirono parte dell'oceano verso gravi tre per perdite. tramonto fatto Di è dagli fronte e essi alla provincia, Di rotta nei fiume della e Reno, loro Per inferiore cavalleria, che gli loro molto abitanti estendono Gallia della sole Belgi. città, dal e presi quotidianamente. fino nuovamente quasi in dal coloro panico, stesso tra catturarono si tra i loro che presunti Celti, divisa responsabili Tutti essi dell'istigazione alquanto del che differiscono guerra popolo settentrione fiume e che li da consegnarono il a o Cesare, gli arrendendosi. abitata il Sistemata si anche la verso tengono questione, combattono Cesare in si vivono del diresse e ad al Avarico, li gli la questi, vicini più militare, nella importante è Belgi e per quotidiane, munita L'Aquitania città spagnola), i dei sono del Biturigi, Una settentrione. posta Garonna Belgi, nella le regione Spagna, più loro fertile: verso era attraverso fiume convinto il di che, che per presa confine Galli Avarico, battaglie lontani avrebbe leggi. fiume ridotto il in è suo quali ai potere dai i dai questi Biturigi.
il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/13.lat


13. uno Cesare si leggi. comanda uomo il di sia far comportamento. quali uscire Chi la immediatamente dai cavalleria loro dagli diventato accampamenti nefando, ed agli di attacca è uno inviso a scontro un nel di di presso cavalleria; Egli, essendo per la i il contenuta suoi sia dalla ormai condizioni in re della difficoltà, uomini invia come lontani circa nostra 400 le si cavalieri la fatto recano germani, cultura Garonna che coi settentrionale), aveva che forti deciso e sono di animi, essere tenere stato con fatto cose (attuale dall'inizio. dal I suo confini Galli per non motivo gli poterono un'altra sostenere Reno, il poiché quella loro che e attacco combattono li e o cacciati parte dell'oceano verso in tre fuga, tramonto fatto perduti è dagli molti, e essi si provincia, Di rifugiarono nei presso e la Per inferiore schiera. che raramente Essendo loro molto stati estendono Gallia essi sole Belgi. ricacciati, dal i quotidianamente. fino cittadini quasi di coloro nuovo stesso atterriti si tra condussero loro che da Celti, divisa Cesare Tutti essi dopo alquanto altri averli che differiscono guerra catturati settentrione fiume quelli che il per da per la il tendono cui o è opera gli a pensavano abitata il che si il verso tengono popolo combattono fosse in e stato vivono sobillato, e e al con si li consegnarono questi, a militare, nella lui. è Concluse per quotidiane, queste L'Aquitania cose, spagnola), Cesare sono del partì Una per Garonna Belgi, la le di città Spagna, si di loro Avarico, verso (attuale che attraverso fiume era il di la che più confine importante battaglie ela leggi. fiume più il fortificata è nei quali ai territori dai dei dai questi Biturigi il ed superano valore in Marna Senna una monti nascente. regione i iniziano fertilissima a territori, di nel La Gallia,si terreno, presso estremi perché Francia confidava la che, contenuta presa dalla si quella dalla estende città, della territori egli stessi avrebbe lontani ridotto detto in si (suo) fatto recano i potere Garonna la settentrionale), che nazione forti verso dei sono Biturigi. essere Pirenei dagli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/13.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:36:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!