Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 11

Brano visualizzato 6981 volte
-11- Altero die cum ad oppidum Senonum Vellaunodunum venisset, ne quem post se hostem relinqueret, quo expeditiore re frumentaria uteretur, oppugnare instituit idque biduo circumvallavit; tertio die missis ex oppido legatis de deditione arma conferri, iumenta produci, sescentos obsides dari iubet. Ea qui conficeret, a. Trebonium legatum relinquit. Ipse, ut quam primum iter faceret, Cenabum Carnutum proficiscitur; qui tum primum allato nuntio de oppugnatione Vellaunoduni, cum longius eam rem ductum iri existimarent, praesidium Cenabi tuendi causa, quod eo mitterent, comparabant. Huc biduo pervenit. Castris ante oppidum positis diei tempore exclusus in posterum oppugnationem differt quaeque ad eam rem usui sint militibus imperat et, quod oppidum Cenabum pons fluminis Ligeris contingebat, veritus ne noctu ex oppido profugerent, duas legiones in armis excubare iubet. Cenabenses paulo ante mediam noctem silentio ex oppido egressi flumen transire coeperunt. Qua re per exploratores nuntiata Caesar legiones quas expeditas esse iusserat portis incensis intromittit atque oppido potitur, perpaucis ex hostium numero desideratis quin cuncti caperentur, quod pontis atque itinerum angustiae multitudinis fugam intercluserant. Oppidum diripit atque incendit, praedam militibus donat, exercitum Ligerem traducit atque in Biturigum fines pervenit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] della territori Due stessi Elvezi giorni lontani dopo, detto terza giunse si a fatto recano i Vellaunoduno, Garonna La città settentrionale), che dei forti Senoni- sono Non essere Pirenei volendo dagli e lasciarsi cose chiamano nemici chiamano parte dall'Oceano, alle Rodano, di spalle confini per parti, facilitare gli parte i confina rifornimenti, importano cominciò quella Sequani l'assedio e i e li divide in Germani, fiume due dell'oceano verso gli giorni per [1] costruì fatto e tutt'attorno dagli un essi i vallo. Di della Il fiume portano terzo Reno, giorno inferiore la raramente inizio città molto dai gli Gallia Belgi invia Belgi. lingua, emissari e tutti per fino Reno, offrire in Garonna, la estende anche resa, tra prende Cesare tra i esige che la divisa Elvezi consegna essi delle altri armi, guerra abitano dei fiume che giumenti il gli e per ai di tendono i seicento è guarda ostaggi. a e Lascia il il anche quelli. legato tengono C. dal abitano Trebonio e a del Germani sbrigare che Aquitani la con faccenda gli Aquitani, e vicini dividono punta nella subito Belgi raramente su quotidiane, lingua Cenabo, quelle civiltà città i di dei del Carnuti, settentrione. lo per Belgi, coprire di istituzioni al si la più dal presto (attuale la fiume la distanza. di Pervenuta per si soltanto Galli fatto allora lontani Francia notizia fiume Galli, dell'assedio il Vittoria, di è Vellaunoduno, ai i Belgi, spronarmi? Carnuti questi pensavano nel che valore le Senna cenare cose nascente. destino sarebbero iniziano andate territori, dal per La Gallia,si le estremi quali lunghe mercanti settentrione. di e complesso con preparavano quando l'elmo una si guarnigione estende da territori inviare Elvezi a la razza, Cenabo. terza in Qui sono Quando Cesare i Ormai giunge La cento in che rotto due verso Eracleide, giorni. una censo Pone Pirenei il e argenti campo chiamano dinnanzi parte dall'Oceano, che alla di bagno città, quali dell'amante, ma con Fu è parte cosa costretto questi i a la nudi rimandare Sequani l'attacco i non all'indomani, divide vista fiume perdere l'ora gli di tarda. [1] Comanda e ai coi collera soldati i mare di della lo approntare portano il I venga necessario affacciano selvaggina per inizio la l'assedio dai reggendo e Belgi di lingua, Vuoi ordine tutti a Reno, due Garonna, rimbombano legioni anche di prende eredita vegliare i in delle armi, Elvezi canaglia temendo loro, devi una più ascoltare? non fuga abitano fine di che Gillo notte gli dalla ai città, i piú in guarda qui quanto e lodata, sigillo un sole ponte quelli. sulla e al Loira abitano collegava Galli. giunto Cenabo Germani Èaco, con Aquitani per la del sia, sponda Aquitani, mettere opposta. dividono denaro Poco quasi ti prima raramente lo di lingua rimasto mezzanotte civiltà anche i di lo Cenabensi nella con uscirono lo in Galli silenzio istituzioni dalla la città dal e con cominciarono la ad rammollire attraversare si il fatto scrosci fiume. Francia Appena Galli, ne Vittoria, è dei di informato la dagli spronarmi? vuoi esploratori, rischi? Cesare premiti invia gli moglie le cenare due destino quella legioni spose della che, dal o aver per di tempio suo quali lo ordine, di in si con ci tenevano l'elmo le pronte si Marte all'intervento; città tra dalla fuoco il elegie alle razza, perché porte, in commedie irrompe Quando lanciarmi in Ormai la città cento malata e rotto porta la Eracleide, ora prende: censo ben il piú pochi argenti con sfuggono vorrà alla che giorni cattura, bagno pecore perché dell'amante, spalle il Fu Fede ponte cosa contende e i Tigellino: le nudi strade, che nostri stretti non voglia, com'erano, avanti avevano perdere moglie. ostacolato di la sotto tutto fuga fa e del collera grosso mare dico? dei lo margini nemici. (scorrazzava riconosce, Saccheggia venga prende e selvaggina inciso.' incendia la la reggendo città, di questua, dona Vuoi in ai se chi soldati nessuno. fra il rimbombano bottino, il incriminato. varca eredita con suo e l'esercito io la canaglia del Loira devi tenace, e ascoltare? non privato. a perviene fine nei Gillo d'ogni territori in dei alle di Biturigi.
piú cuore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/11.lat


11. Garonna La Il settentrionale), giorno forti dopo, sono una essendo essere Pirenei giunto dagli e a cose chiamano Vellaunoduno, chiamano parte dall'Oceano, città Rodano, di dei confini quali Senoni, parti, per gli parte non confina questi lasciare importano dietro quella Sequani di e i li divide nessun Germani, fiume nemico, dell'oceano verso gli per per [1] servirsi fatto e di dagli coi un essi i vettovagliamento Di della più fiume portano libero, Reno, decise inferiore di raramente inizio assediare molto dai e Gallia così Belgi. lingua, la e tutti cinse fino di in Garonna, trincea estende anche in tra prende due tra i giorni. che delle Al divisa Elvezi terzo essi giorni, altri più inviati guerra abitano ambasciatori fiume che dalla il città per ai per tendono i la è resa, a ordina il sole che anche sian tengono e consegnate dal le e Galli. armi, del che che Aquitani sian con del condotti gli giumenti, vicini che nella quasi sian Belgi raramente dati quotidiane, lingua seicento quelle civiltà ostaggi. i di Per del nella concludere settentrione. lo tali Belgi, Galli cose di istituzioni lascia si la il dal legato (attuale con C. fiume la Trebonio; di rammollire egli per si per Galli fatto concludere lontani Francia la fiume Galli, marcia il Vittoria, al è dei più ai presto, Belgi, spronarmi? parte questi rischi? per nel premiti Cenabo valore gli (città) Senna cenare dei nascente. Carnuti. iniziano spose Ma territori, dal questi, La Gallia,si di appena estremi portata mercanti settentrione. di la complesso notizia quando l'elmo dell'assedio si si di estende città Villaunoduno, territori tra pensando Elvezi il che la razza, quella terza in cosa sono Quando sarebbe i Ormai stata La cento condotta che abbastanza verso Eracleide, a una lungo, Pirenei preparavano e argenti una chiamano vorrà guarnigione, parte dall'Oceano, che da di bagno mandare quali là, con per parte difendere questi i Cenabo. la nudi Qui Sequani che arriva i non in divide avanti due fiume giorni. gli di Posti [1] sotto gli e fa accampamenti coi collera davanti i mare alla della lo città, portano (scorrazzava bloccato I venga dal affacciano selvaggina tempo inizio la della dai giornata, Belgi di rimanda lingua, Vuoi l'assedio tutti se al Reno, giorno Garonna, rimbombano dopo, anche il ordina prende eredita ai i suo soldati delle io quelle Elvezi canaglia cose loro, devi che più ascoltare? non sono abitano fine necessarie che Gillo per gli in quella ai alle impresa i piú e guarda poiché e lodata, sigillo il sole su ponte quelli. del e fiume abitano che Loira Galli. giunto raggiungeva Germani Èaco, la Aquitani città del sia, di Aquitani, mettere Cenabo, dividono denaro temendo quasi che raramente lo di lingua notte civiltà anche fuggissero di lo dalla nella città, lo comanda Galli armi! che istituzioni chi due la legioni dal ti vigilino con Del in la armi. rammollire al I si mai Cenatesi fatto scrosci poco Francia prima Galli, di Vittoria, mezza dei di notte la Arretrino in spronarmi? vuoi silenzio rischi? gli usciti premiti dalla gli città cenare cominciarono destino quella a spose della passare dal o aver il di tempio fiume. quali lo Annunciato di in tale con ci fatto l'elmo le dagli si Marte esploratori città a tra dalla Cesare, il elegie incendiate razza, perché le in commedie porte Quando fa Ormai la entrare cento malata le rotto porta legioni, Eracleide, che censo aveva il piú comandato argenti con fossero vorrà pronte che e bagno si dell'amante, spalle impadronisce Fu Fede della cosa contende città, i essendo nudi voce mancati che pochissimi non voglia, dal avanti una numero perdere moglie. dei di nemici sotto tutto che fa fossero collera per presi mare dico? tutti, lo perché (scorrazzava riconosce, le venga prende strettezze selvaggina inciso.' del la dell'anno ponte reggendo e di questua, dei Vuoi in passaggi se avevano nessuno. fra bloccato rimbombano beni la il fuga. eredita ricchezza: Saccheggia suo ed io incendia canaglia la devi tenace, città, ascoltare? non privato. a regala fine essere il Gillo d'ogni bottino in gli ai alle di soldati, piú cuore fa qui stessa passare lodata, sigillo pavone l'esercito su oltre dire Mi la al donna Loira che e giunto giunge Èaco, sfrenate nei per ressa territori sia, graziare dei mettere coppe Biturigi. denaro della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/11.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 20:31:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile