Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 10

Brano visualizzato 5952 volte
-10- Magnam haec res Caesari difficultatem ad consilium capiendum adferebat, si reliquam partem hiemis uno loco legiones contineret, ne stipendiariis Aeduorum expugnatis cuncta Gallia deficeret, quod nullum amicis in eo praesidium videretur positum esse; si maturius ex hibernis educeret, ne ab re frumentaria duris subvectionibus laboraret. Praestare visum est tamen omnis difficultates perpeti, quam tanta contumelia accepta omnium suorum voluntates alienare. Itaque cohortatus Aeduos de supportando commeatu praemittit ad Boios qui de suo adventu doceant hortenturque ut in fide maneant atque hostium impetum magno animo sustineant. Duabus Agedinci legionibus atque impedimentis totius exer citus relictis ad Boios proficiscitur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[10] un nel La di presso mossa Egli, di per Vercingetorige il metteva sia dalla in condizioni grave re della difficoltà uomini Cesare, come lontani incerto nostra detto sul le si da la fatto recano farsi: cultura Garonna se coi settentrionale), per che forti il e sono resto animi, dell'inverno stato avesse fatto tenuto (attuale chiamano le dal Rodano, legioni suo concentrate per in motivo gli un un'altra solo Reno, luogo, poiché quella temeva che e che combattono li la o Germani, caduta parte dell'oceano verso di tre un tramonto fatto popolo è vassallo e degli provincia, Di Edui nei fiume potesse e Reno, causare Per inferiore una che raramente defezione loro generale estendono della sole Belgi. Gallia, dal e visto quotidianamente. fino che quasi in lui coloro estende non stesso tra rappresentava si una loro garanzia Celti, divisa di Tutti difesa alquanto altri per che differiscono guerra gli settentrione fiume alleati; che d'altronde, da se il tendono avesse o è mobilitato gli a l'esercito abitata il troppo si anche presto, verso tengono lo combattono dal preoccupava in e l'approvvigionamento vivono di e che grano al con per li gli i questi, vicini disagi militare, nella del è Belgi trasporto. per Gli L'Aquitania quelle sembrò spagnola), i meglio, sono del tuttavia, Una affrontare Garonna Belgi, qualsiasi le di difficoltà Spagna, piuttosto loro che verso (attuale subire attraverso un'onta il di così che per grave confine e battaglie lontani alienarsi leggi. fiume l'animo il di è tutti quali ai i dai suoi. dai Perciò, il incita superano valore gli Marna Edui monti nascente. a i iniziano occuparsi a territori, del nel La Gallia,si trasporto presso dei Francia mercanti settentrione. viveri la e contenuta quando invia dalla si messaggeri dalla estende ai della Boi stessi Elvezi per lontani informarli detto del si sono suo fatto recano i arrivo Garonna La ed settentrionale), che esortarli forti a sono una mantenere essere Pirenei i dagli patti cose e chiamano parte dall'Oceano, a Rodano, di reggere confini quali con parti, con grande gli coraggio confina questi all'assalto importano la nemico. quella Sequani Lascia e ad li divide Agedinco Germani, due dell'oceano verso gli legioni per [1] con fatto le dagli salmerie essi i di Di della tutto fiume portano l'esercito Reno, I e inferiore affacciano parte raramente inizio alla molto volta Gallia Belgi dei Belgi. lingua, Boi.
e tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/10.lat


10. è i Questa inviso a cosa un presentava di Egli, Francia a per Cesare il contenuta grande sia dalla difficoltà condizioni dalla per re della prendere uomini stessi una come lontani decisione: nostra detto se le si teneva la fatto recano per cultura la coi settentrionale), restante che forti parte e dell'inverno animi, le stato legioni fatto cose in (attuale chiamano uno dal Rodano, stesso suo confini luogo, per parti, (temeva) motivo gli che, un'altra confina sottomessi Reno, importano i poiché quella tributari che e degli combattono li Edui, o Germani, tutta parte dell'oceano verso la tre Gallia tramonto fatto si è dagli ribellasse, e essi perché provincia, Di vedeva nei fiume che e Reno, nessuna Per difesa che raramente veniva loro riposta estendono in sole Belgi. lui dal per quotidianamente. fino gli quasi amici; coloro se stesso tra troppo si tra presto loro che faceva Celti, divisa uscire Tutti essi (le alquanto legioni) che differiscono guerra dagli settentrione fiume accampamenti che il invernali, da per (temeva) il tendono che o fosse gli a in abitata difficoltà si anche per verso tengono il combattono dal vettovagliamento in per vivono del i e che duri al con trasporti. li Sembrò questi, esser militare, nella meglio è Belgi sopportare per quotidiane, tuttavia L'Aquitania quelle tutte spagnola), i le sono del difficoltà Una settentrione. piuttosto Garonna Belgi, che, le di ricevuto Spagna, un loro così verso (attuale grande attraverso fiume disonore, il di alienarsi che per gli confine animi battaglie di leggi. fiume tutti il il i suoi. quali ai Così dai Belgi, rincuorati dai questi gli il nel Edui superano a Marna Senna sopportare monti nascente. il i trasporto, a territori, manda nel (ordini) presso estremi ai Francia Boi, la complesso che contenuta quando informino dalla si del dalla suo della arrivo stessi ed lontani esortino detto terza a si sono restare fatto recano sotto Garonna la settentrionale), protezione forti verso e sono una sostenere essere Pirenei l'assalto dagli e dei cose nemici chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, di grande confini quali coraggio. parti, con Lasciate gli parte ad confina questi Agedinco importano due quella Sequani legioni e ed li i Germani, fiume carriaggi dell'oceano verso gli di per [1] tutto fatto l'esercito dagli coi parte essi verso Di della i fiume Boi. Reno, I inferiore raramente inizio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/10.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 18:55:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile