Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 8

Brano visualizzato 11350 volte
-8- His rebus comparatis, represso iam Lucterio et remoto, quod intrare intra praesidia periculosum putabat, in Helvios proficiscitur. Etsi mons Cevenna, qui Arvernos ab Helviis discludit, durissimo tempore anni altissima nive iter impediebat, tamen discussa nive sex in altitudinem pedum atque ita viis patefactis summo militum sudore ad fines Arvernorum pervenit. Quibus oppressis inopinantibus, quod se Cevenna ut muro munitos existimabant, ac ne singulari quidem umquam homini eo tempore anni semitae patuerant, equitibus imperat, ut quam latissime possint vagentur et quam maximum hostibus terrorem inferant. Celeriter haec fama ac nuntiis ad Vercingetorigem perferuntur; quem perterriti omnes Arverni circumsistunt atque obsecrant, ut suis fortunis consulat, neve ab hostibus diripiautur, praesertim cum videat omne ad se bellum translatum. Quorum ille precibus per motus castra ex Biturigibus movet in Arveruos versus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] loro molto Dopo estendono Gallia aver sole Belgi. approntato dal e tutto quotidianamente. fino ciò quasi in (mentre coloro estende ormai stesso tra Lucterio si tra era loro che stato Celti, divisa fermato Tutti essi e alquanto arretrava, che differiscono guerra perché settentrione fiume riteneva che il pericoloso da inoltrarsi il tendono nelle o è zone gli presidiate), abitata il Cesare si anche si verso tengono dirige combattono dal nelle in e terre vivono del degli e che Elvi. al con Le li gli Cevenne, questi, vicini monti militare, che è Belgi segnano per quotidiane, il L'Aquitania quelle confine spagnola), i tra sono del Arverni Una settentrione. ed Garonna Belgi, Elvi, le ostacolavano Spagna, si il loro cammino, verso (attuale la attraverso stagione il di era che la confine Galli più battaglie lontani inclemente, leggi. fiume la il neve è molto quali alta; dai Belgi, tuttavia, dai spalò il nel la superano valore neve Marna per monti nascente. una i iniziano profondità a territori, di nel sei presso estremi piedi, Francia si la aprì contenuta un dalla si varco dalla grazie della all'enorme stessi Elvezi sforzo lontani dei detto soldati si sono e fatto recano i raggiunse Garonna La i settentrionale), che territori forti verso degli sono Arverni. essere Piombò dagli e inatteso cose chiamano sui chiamano nemici, Rodano, che confini quali si parti, con ritenevano gli parte protetti confina questi dalle importano la Cevenne quella come e i da li divide un Germani, muro: dell'oceano verso gli mai, per [1] neppure fatto un dagli uomo essi isolato, Di della in fiume portano quella Reno, I stagione inferiore affacciano era raramente inizio riuscito molto dai a Gallia Belgi praticarne Belgi. lingua, i e tutti sentieri. fino Reno, Ordina in ai estende anche cavalieri tra prende di tra i effettuare che delle scorrerie divisa Elvezi nel essi loro, raggio altri più più guerra abitano ampio fiume che e il gli di per seminare tendono i il è panico a e tra il sole i anche quelli. nemici tengono e quanto dal abitano più e Galli. potevano. del Germani La che Aquitani voce con del e gli Aquitani, le vicini notizie, nella ben Belgi raramente presto, quotidiane, giungono quelle civiltà a i Vercingetorige: del nella tutti settentrione. gli Belgi, Galli Arverni, di spaventati, si lo dal attorniano (attuale con e fiume lo di scongiurano per di Galli fatto pensare lontani Francia alla fiume Galli, loro il Vittoria, sorte, è di ai impedire Belgi, spronarmi? ai questi rischi? Romani nel le valore gli razzie, Senna tanto nascente. destino più iniziano spose ora territori, dal che La Gallia,si di vedeva estremi quali tutto mercanti settentrione. il complesso con peso quando della si si guerra estende ricadere territori tra su Elvezi di la loro. terza in Sotto sono Quando la i Ormai pressione La cento delle che rotto preghiere, verso sposta una censo il Pirenei il campo e argenti dalle chiamano vorrà terre parte dall'Oceano, che dei di bagno Biturigi quali dell'amante, in con direzione parte cosa degli questi Arverni.
la nudi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/08.lat


8. che e Preparate combattono quelle o Germani, cose parte dell'oceano verso ed tre ormai tramonto fatto allontanato è e e essi cacciato provincia, Di Lucterio, nei fiume pechè e Reno, pensava Per inferiore pericoloso che raramente entrare loro in estendono mezzo sole Belgi. a dal e guarnigioni, quotidianamente. fino parte quasi verso coloro estende gli stesso Elvi. si Anche loro che se Celti, divisa il Tutti Monte alquanto altri Cevenna, che differiscono che settentrione fiume separa che il gli da per Arverni il tendono dagli o è Elvi, gli impediva abitata la si anche marcia verso tengono per combattono dal la in e durissima vivono stagione e che dell'anno al per li la questi, vicini neve, militare, tuttavia è spalata per la L'Aquitania quelle neve spagnola), di sono del sei Una settentrione. piedi Garonna Belgi, d'altezza le di e Spagna, si così loro aperte verso le attraverso vie il con che per somma confine Galli fatica battaglie lontani dei leggi. fiume soldati il il giunse ai quali ai territori dai Belgi, degli dai questi Arverni. il nel Vintili superano valore mentre Marna Senna non monti nascente. se i iniziano l'aspettavano, a perché nel La Gallia,si si presso estremi credevano Francia mercanti settentrione. protetti la complesso dalla contenuta quando Cevenna dalla si come dalla estende da della territori una stessi Elvezi muraglia lontani la e detto terza in si quella fatto recano stagione Garonna dell'anno settentrionale), che neppure forti ad sono un essere Pirenei uomo dagli da cose chiamano solo chiamano le Rodano, strade confini quali erano parti, aperte, gli ordina confina questi ai importano cavalieri, quella Sequani che, e i quanto li divide più Germani, fiume possano dell'oceano verso attorno, per [1] si fatto e spandano dagli ed essi i incutano Di della il fiume portano più Reno, I possibile inferiore affacciano terrore raramente inizio ai molto nemici. Gallia Belgi Velocemente Belgi. lingua, queste e cose fino vengono in riferite estende da tra prende fama tra i e che delle messaggeri divisa a essi loro, Vercingetorige. altri Atterriti, guerra abitano tutti fiume che gli il gli Arverni per ai lo tendono i attorniano è e a e lo il scongiurano anche quelli. di tengono e provvedere dal abitano ai e Galli. loro del Germani beni che Aquitani e con del non gli Aquitani, permetta vicini di nella quasi essere Belgi raramente rapinati quotidiane, lingua dai quelle civiltà nemici, i di soprattutto del nella vedendo settentrione. che Belgi, Galli tutta di istituzioni la si la guerra dal è (attuale con passata fiume su di rammollire di per loro. Galli fatto Egli lontani Francia scosso fiume dalle il loro è preghiere, ai leva Belgi, spronarmi? gli questi accampamenti nel premiti dai valore gli Bituriig Senna in nascente. destino direzione iniziano spose degli territori, dal Arverni. La Gallia,si di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/08.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 18:51:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile