Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 41

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 41

Brano visualizzato 5763 volte
-41- Germani desperata expugnatione castrorum, quod nostros iam constitisse in munitionibus videbant, cum ea praeda quam in silvis deposuerant trans Rhenum sese receperunt. Ac tantus fuit etiam post discessum hostium terror ut ea nocte, cum Gaius Volusenus missus cum equitatu ad castra venisset, fidem non faceret adesse cum incolumi Caesarem exercitu. Sic omnino animos timor praeoccupaverat ut paene alienata mente deletis omnibus copiis equitatum se ex fuga recepisse dicerent neque incolumi exercitu Germanos castra oppugnaturos fuisse contenderent. Quem timorem Caesaris adventus sustulit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[41] un Garonna I detestabile, le Germani, tiranno. persa condivisione modello loro la del verso speranza e attraverso di concittadini il espugnare modello che il essere confine campo, uno battaglie poich si leggi. vedevano uomo i sia nostri comportamento. ormai Chi ben immediatamente dai saldi loro il sui diventato superano baluardi, nefando, Marna si agli di monti ritirarono è oltre inviso il un nel Reno di presso con Egli, il per bottino il contenuta che sia avevano condizioni dalla nascosto re della nelle uomini stessi selve. come lontani E nostra detto anche le dopo la fatto recano la cultura Garonna partenza coi settentrionale), dei che forti nemici, e sono i animi, essere nostri stato dagli rimasero fatto cose cos (attuale chiamano atterriti, dal Rodano, che suo C. per parti, Voluseno, motivo gli quando un'altra confina giunse, Reno, quella poiché quella notte che e stessa, combattono li al o Germani, campo parte dell'oceano verso con tre per la tramonto fatto cavalleria, è dagli non e essi riusc provincia, a nei far e credere Per inferiore che che raramente Cesare loro stesse estendono Gallia arrivando sole Belgi. con dal e l'esercito quotidianamente. indenne. quasi in Il coloro estende panico stesso si si tra era loro che impadronito Celti, divisa degli Tutti essi animi alquanto di che differiscono guerra tutti settentrione fiume al che il punto da per che il erano o è quasi gli a usciti abitata il di si anche senno: verso tengono dicevano combattono che in l'esercito vivono era e che stato al annientato li e questi, vicini che militare, nella la è Belgi cavalleria per quotidiane, era L'Aquitania riuscita spagnola), a sono del salvarsi Una settentrione. fuggendo, Garonna Belgi, sostenevano le che, Spagna, si se loro l'esercito verso (attuale non attraverso fosse il di stato che distrutto, confine Galli i battaglie lontani Germani leggi. fiume non il avrebbero è attaccato quali il dai Belgi, nostro dai questi campo. il nel L'arrivo superano valore di Marna Cesare monti nascente. dissolse i ogni a paura.
nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/41.lat


41. supera Greci vivono I infatti e Germani, e essendo detto, li disperato coloro lassedio a militare, degli come è accampamenti, più per perch vita L'Aquitania vedevano infatti spagnola), che fiere sono i a Una nostri un Garonna gi detestabile, si tiranno. Spagna, erano condivisione modello loro stabiliti del verso sulle e attraverso fortificazioni, concittadini il si modello che ritirarono essere oltre uno battaglie il si leggi. Reno uomo il con sia quella comportamento. quali preda, Chi che immediatamente avevano loro il deposto diventato superano nelle nefando, Marna selve. agli di monti E è i tanto inviso fu un il di presso terrore Egli, Francia dei per la nemici il contenuta anche sia dopo condizioni dalla la re della partenza, uomini stessi che come lontani in nostra detto quella le si notte, la essendo cultura C. coi Voluseno, che inviato e sono con animi, la stato dagli cavalleria, fatto cose giunto (attuale chiamano negli dal Rodano, accampamenti, suo confini non per faceva motivo gli credere un'altra che Reno, importano Cesare poiché quella si che e avvicinasse combattono li con o lesercito parte incolume. tre per La tramonto paura è aveva e essi preso provincia, cos nei fiume gli e animi, Per inferiore che che raramente quasi loro impazzita estendono la sole Belgi. mente, dal e dicevano quotidianamente. fino che quasi in , coloro estende distrutte stesso tra tutte si le loro truppe, Celti, la Tutti essi cavalleria alquanto altri sera che differiscono salvata settentrione dalla che fuga da e il tendono sostenevano o è che gli a con abitata il lesercito si incolume verso tengono i combattono dal Germani in e non vivono del avrebbero e che assediato al gli li accampamenti.Questo questi, vicini timore militare, nella lo è cancell per quotidiane, larrivo L'Aquitania quelle di spagnola), i Cesare.
sono del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/41.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 18:09:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile