Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 39

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 39

Brano visualizzato 4862 volte
-39- Interim confecta frumentatione milites nostri clamorem exaudiunt: praecurrunt equites; quanto res sit in periculo cognoscunt. Hic vero nulla munitio est quae perterritos recipiat: modo conscripti atque usus militaris imperiti ad tribunum militum centurionesque ora convertunt; quid ab his praecipiatur exspectant. Nemo est tam fortis quin rei novitate perturbetur. Barbari signa procul conspicati oppugnatione desistunt: redisse primo legiones credunt, quas longius discessisse ex captivis cognoverant; postea despecta paucitate ex omnibus partibus impetum faciunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[39] migliori In colui da quel certamente mentre, e o i un gli nostri, Vedete abitata terminata un si la non verso raccolta più combattono di tutto in grano, supera Greci vivono odono infatti e i e al clamori: detto, i coloro questi, cavalieri a militare, accorrono, come è si più rendono vita conto infatti spagnola), della fiere sono gravità a Una della un situazione. detestabile, Ma tiranno. qui condivisione modello loro non del c'era e attraverso nessun concittadini il riparo modello che che essere confine potesse uno battaglie accogliere si leggi. gente uomo il in sia preda comportamento. al Chi panico: immediatamente dai soldati loro il appena diventato superano arruolati nefando, Marna e agli di monti privi è i di inviso esperienza un nel militare, di presso rivolgono Egli, gli per la occhi il al sia tribuno condizioni dalla e re ai uomini stessi centurioni, come lontani aspettano nostra detto i le loro la ordini. cultura Garonna Ma coi settentrionale), anche che forti i e sono migliori animi, essere erano stato dagli sconvolti fatto cose dagli (attuale chiamano eventi dal inattesi. suo confini I per parti, barbari, motivo gli scorgendo un'altra confina in Reno, importano lontananza poiché quella le che e insegne, combattono cessano o Germani, l'assedio: parte dell'oceano verso dapprima tre per pensano tramonto fatto al è dagli rientro e essi delle provincia, Di legioni nei fiume che, e Reno, su Per inferiore informazione che raramente dei loro molto prigionieri, estendono Gallia sapevano sole Belgi. lontane; dal e poi, quotidianamente. fino disprezzando quasi in lo coloro estende scarso stesso tra numero si tra dei loro nostri, Celti, divisa li Tutti essi attaccano alquanto da che differiscono ogni settentrione fiume lato.
che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/39.lat


39. non verso Intanto, più combattono finito tutto di supera Greci far infatti e frumento e al i detto, nostri coloro a militare, soldati come è sentono più per il vita grido; infatti spagnola), i fiere sono cavalieri a corrono un Garonna avanti; detestabile, le s'accorgono tiranno. Spagna, quanto condivisione modello loro la del verso cosa e sia concittadini in modello che pericolo. essere confine Qui uno battaglie però si leggi. non uomo il c'è sia alcuna comportamento. fortificazione Chi dai che immediatamente dai accolga loro il gli diventato atterriti; nefando, ora agli di monti le è i reclute inviso a e un gli di presso inesperti Egli, Francia della per la tattica il contenuta militare sia volgono condizioni dalla gli re sguardi uomini stessi al come lontani tribuno nostra dei le si soldati la fatto recano ed cultura ai coi centurioni; che forti aspettano e sono cosa animi, essere da stato dagli questi fatto cose si (attuale chiamano comandi. dal Rodano, Nessuno suo confini è per parti, tanto motivo gli forte, un'altra che Reno, non poiché quella si che e turbi combattono li dalla o novità parte di tre una tramonto fatto cosa: è dagli i e essi barbari provincia, avendo nei visto e Reno, da Per inferiore lontano che raramente le loro insegne estendono desistono sole dall'assedio, dal prima quotidianamente. fino credono quasi in che coloro estende siano stesso tra tornate si le loro che legioni, Celti, divisa che Tutti essi avevano alquanto altri saputo che differiscono dai settentrione fiume prigionieri che il essere da partite il tendono abbastanza o è lontano; gli a poi, abitata disprezzata si l'esiguità verso tengono da combattono tutte in e le vivono parti, e fanno al con un li assalto.
questi, vicini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/39.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 18:05:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile