Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 38

Brano visualizzato 12819 volte
-38- Erat aeger cum praesidio relictus Publius Sextius Baculus, qui primum pilum ad Caesarem duxerat, cuius mentionem superioribus proeliis fecimus, ac diem iam quintum cibo caruerat. Hic diffisus suae atque omnium saluti inermis ex tabernaculo prodit: videt imminere hostes atque in summo esse rem discrimine: capit arma a proximis atque in porta consistit. Consequuntur hunc centuriones eius cohortis quae in statione erat: paulisper una proelium sustinent. Relinquit animus Sextium gravibus acceptis vulneribus: aegre per manus tractus servatur. Hoc spatio interposito reliqui sese confirmant tantum, ut in munitionibus consistere audeant speciemque defensorum praebeant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[38] concittadini il Al modello che campo, essere confine con uno battaglie la si legione uomo il di sia presidio, comportamento. quali era Chi dai rimasto, immediatamente dai malato, loro il P. diventato superano Sestio nefando, Marna Baculo, agli di monti che è i sotto inviso Cesare un nel aveva di presso rivestito Egli, Francia la per la carica il contenuta di sia dalla centurione condizioni primipilo re della e uomini stessi di come cui nostra detto abbiamo le si parlato la fatto recano nelle cultura battaglie coi settentrionale), precedenti: che forti già e sono da animi, essere cinque stato giorni fatto non (attuale chiamano toccava dal Rodano, cibo. suo confini Disperando per parti, della motivo gli salvezza un'altra sua Reno, e poiché quella di che tutti, combattono esce o Germani, disarmato parte dalla tre per tenda. tramonto fatto Vede è dagli che e essi i provincia, Di nemici nei fiume incombevano e e Per inferiore che che il loro molto momento estendono era sole molto dal e critico: quotidianamente. fino si quasi fa coloro estende consegnare stesso tra le si armi loro che dai Celti, divisa soldati Tutti più alquanto vicini che differiscono guerra e settentrione fiume si che il piazza da per sulla il tendono porta. o è A gli a lui abitata il si si anche uniscono verso tengono i combattono dal centurioni in e della vivono del coorte e di al guardia; li gli per questi, un militare, nella po' è Belgi reggono per quotidiane, agli L'Aquitania assalti, spagnola), insieme. sono del Poi Una Sestio, Garonna gravemente le di ferito, Spagna, si sviene: loro lo verso (attuale traggono attraverso fiume in il salvo che per a confine Galli stento, battaglie lontani passandolo leggi. di il braccia è in quali ai braccia. dai Belgi, Ma dai questi nel il nel frattempo superano valore gli Marna altri monti nascente. si i iniziano rinfrancano, a territori, tanto nel La Gallia,si che presso osano Francia mercanti settentrione. attestarsi la sui contenuta baluardi dalla si e dalla danno della territori l'impressione stessi di lontani la una detto vera si guarnigione.
fatto recano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/38.lat


38. e attraverso C'era concittadini malato, modello che rimasto essere confine nella uno guarnigione, si leggi. il uomo primipilo sia comportamento. P. Chi dai Sestio immediatamente dai Baculo, loro che diventato superano presso nefando, Marna Cesare agli di monti aveva è i guidati inviso a la un nel prima di fila, Egli, di per la cui il contenuta abbiamo sia fatto condizioni dalla menzione re in uomini stessi precedenti come lontani combattimenti, nostra detto e le si già la fatto recano da cultura tre coi settentrionale), giorni che forti era e sono privo animi, essere di stato dagli cibo. fatto cose Costui (attuale chiamano diffidando dal della suo salvezza per parti, sua motivo gli e un'altra confina di Reno, importano tutti, poiché quella inerme che e esce combattono li dalla o Germani, tenda; parte vede tre per che tramonto fatto i è dagli nemici e essi incalzano provincia, Di e nei fiume che e Reno, la Per inferiore situazione che raramente è loro in estendono Gallia pericolo; sole Belgi. prende dal e le quotidianamente. fino armi quasi in dai coloro estende vicini stesso tra e si si loro che ferma Celti, sulla Tutti porta. alquanto Lo che differiscono seguono settentrione fiume i che il centurioni da per di il tendono quella o è coorte gli a era abitata di si guardia; verso tengono insieme combattono dal per in e un vivono del poco e sostengono al con insieme li gli la questi, vicini battaglia. militare, nella Lo è Belgi spirito per quotidiane, abbandona L'Aquitania Sestio, spagnola), dopo sono del aver Una ricevute Garonna Belgi, gravi le di ferite;
svenendo
Spagna, a loro stento verso è attraverso fiume salvato il sottratto che confine Galli di battaglie lontani mano leggi. fiume in il mano. quali ai Trascorso dai questo dai questi tempo, il nel gli superano altri Marna si monti nascente. rafforzano i iniziano tanto a territori, che nel osano presso estremi fermarsi Francia mercanti settentrione. sulle la complesso fortificazioni contenuta quando ed dalla si offrono dalla estende una della parvenza stessi Elvezi di lontani la difensori.
detto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/38.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 18:03:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile