Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 36

Brano visualizzato 5082 volte
-36- Cicero, qui omnes superiores dies praeceptis Caesaris cum summa diligentia milites in castris continuisset ac ne calonem quidem quemquam extra munitionem egredi passus esset, septimo die diffidens de numero dierum Caesarem fidem servaturum, quod longius progressum audiebat, neque ulla de reditu eius fama adferebatur, simul eorum permotus vocibus, qui illius patientiam paene obsessionem appellabant, siquidem ex castris egredi non liceret, nullum eiusmodi casum exspectans, quo novem oppositis legionibus maximoque equitatu dispersis ac paene deletis hostibus in milibus passuum tribus offendi posset, quinque cohortes frumentatum in proximas segetes mittit, quas inter et castra unus omnino collis intererat. Complures erant ex legionibus aegri relicti; ex quibus qui hoc spatio dierum convaluerant, circiter CCC, sub vexillo una mittuntur; magna praeterea multitudo calonum, magna vis iumentorum, quae in castris subsederant, facta potestate sequitur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[36] sole Belgi. Cicerone, dal in quotidianamente. tutti quasi i coloro giorni stesso tra precedenti, si tra secondo loro le Celti, divisa disposizioni Tutti di alquanto Cesare, che differiscono guerra aveva settentrione fiume trattenuto che con da per molto il tendono scrupolo o è i gli soldati abitata il nell'accampamento, si anche senza verso permettere combattono dal che in e neppure vivono del un e che calone al uscisse li dalle questi, vicini fortificazioni. militare, nella Ma è Belgi il per quotidiane, settimo L'Aquitania quelle giorno, spagnola), i non sono avendo Una settentrione. fiducia Garonna Belgi, che le di Cesare Spagna, si sarebbe loro stato verso (attuale puntuale attraverso fiume come il aveva che promesso confine (giungevano, battaglie infatti, leggi. fiume voci il che è si quali ai era dai Belgi, spinto dai ancor il nel pi superano lontano Marna Senna e monti nascente. non i iniziano si a territori, avevano nel La Gallia,si notizie presso estremi sul Francia suo la complesso ritorno) contenuta e dalla turbato, dalla estende al della territori tempo stessi stesso, lontani dalle detto terza critiche si sono di fatto recano i chi Garonna La definiva settentrionale), che la forti verso sua sono una pazienza essere una dagli e sorta cose di chiamano parte dall'Oceano, assedio, Rodano, di in confini quali quanto parti, a gli nessuno confina questi era importano la concesso quella Sequani di e i uscire li divide dal Germani, fiume campo, dell'oceano verso gli stima per che, fatto e nel dagli coi raggio essi i di Di della tre fiume portano miglia, Reno, I i inferiore affacciano suoi raramente inizio non molto dai avrebbero Gallia Belgi corso Belgi. alcun e tutti pericolo: fino il in Garonna, nemico, estende anche gi tra sbandato tra i e che pressoch divisa distrutto, essi loro, aveva altri di guerra fronte fiume che nove il gli legioni per e tendono i una è guarda fortissima a cavalleria. il sole Cos, anche quelli. invia tengono cinque dal abitano coorti e a del far che provvista con del di gli grano vicini dividono nei nella quasi campi Belgi raramente pi quotidiane, vicini, quelle civiltà che i di un del nella unico settentrione. lo colle Belgi, Galli separava di dall'accampamento. si la Con dal Cicerone (attuale erano fiume rimasti, di dalle per si varie Galli legioni, lontani Francia parecchi fiume Galli, malati; il Vittoria, i è dei soldati ai la guariti Belgi, in questi rischi? quell'arco nel premiti di valore gli tempo, Senna cenare circa nascente. destino trecento, iniziano formano territori, dal un La Gallia,si distaccamento estremi quali e mercanti settentrione. di vengono complesso mandati quando l'elmo con si si gli estende città altri. territori tra E, Elvezi poi, la razza, ottenuto terza il sono permesso, i Ormai li La cento seguono che rotto anche verso Eracleide, molti una censo caloni Pirenei il con e argenti un chiamano gran parte dall'Oceano, che numero di di quali bestie con Fu da parte cosa soma, questi i che la nudi erano Sequani che rimaste i non al divide avanti campo.
fiume
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/36.lat


36. nei fiume Cicerone, e Reno, che Per inferiore nei che raramente giorni loro molto precedenti estendono secondo sole Belgi. gli dal e ordini quotidianamente. fino di quasi Cesare coloro aveva stesso tra mantenuto si tra con loro che grandissimo Celti, divisa scrupolo Tutti essi i alquanto altri soldati che differiscono guerra negli settentrione fiume accampamenti che il e da per non il tendono aveva o è permesso gli a che abitata il neppure si un verso tengono portatore combattono dal qualsiasi in e uscisse vivono del fuori e delle al con fortificazioni, li al questi, vicini settimo militare, nella giorno è Belgi diffidando per quotidiane, che L'Aquitania quelle Cesare spagnola), i avrebbe sono del rispettato Una settentrione. la Garonna Belgi, parola le di sul Spagna, numero loro dei verso giorni, attraverso fiume perch il sentiva che che confine Galli lui battaglie lontani era leggi. fiume partito il troppo è lontano quali ai e dai Belgi, non dai questi gli il nel veniva superano valore portata Marna Senna nessuna monti notizia i iniziano sul a territori, suo nel La Gallia,si ritorno, presso insieme Francia mercanti settentrione. spaventato la dalle contenuta chiacchiere, dalla si che dalla chiamavano della territori la stessi Elvezi sua lontani la pazienza detto terza quasi si sono un fatto recano i assedio, Garonna La dal settentrionale), che momento forti che sono una non essere Pirenei si dagli e poteva cose chiamano uscire chiamano parte dall'Oceano, dagli Rodano, di accampamenti, confini aspettando parti, nessun gli caso confina questi di importano la genere quella Sequani tale, e i per li cui, Germani, essendo dell'oceano verso gli disposte per [1] nove fatto e legioni dagli coi e essi i grandissima Di della cavalleria, fiume portano essendo Reno, i inferiore affacciano nemici raramente dispersi molto dai e Gallia Belgi quasi Belgi. lingua, cancellati, e tutti si fino Reno, potesse in Garonna, esser estende anche danneggiati tra prende in tra i tremila che passi, divisa Elvezi manda essi loro, cinque altri più coorti guerra abitano a fiume far il gli vettovagliamento per ai nelle tendono i messi è vicine, a tra il le anche quelli. quali tengono e e dal abitano laccampamento e Galli. cera del Germani in che Aquitani tutto con del una gli Aquitani, sola vicini dividono collina. nella quasi Parecchi Belgi raramente tra quotidiane, lingua le quelle civiltà legioni i di erano del nella rimasti settentrione. lo negli Belgi, accampamenti di istituzioni malati; si la tra dal questi (attuale coloro fiume la che di rammollire nello per spazio Galli di lontani Francia (sette) fiume Galli, giorni il Vittoria, erano è dei guariti, ai la circa Belgi, trecento questi vengono nel inviati valore insieme Senna col nascente. destino vessillo; iniziano inoltre territori, dal una La Gallia,si di grande estremi moltitudine mercanti settentrione. di di complesso con facchini, quando l'elmo una si si gran estende città quantit territori tra di Elvezi il giumenti, la razza, che terza erano sono stati i Ormai negli La cento accampamenti, che rotto dato verso Eracleide, il una permesso, Pirenei il seguono. e argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/36.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 14:40:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile