Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 35

Brano visualizzato 9111 volte
-35- Haec in omnibus Eburonum partibus gerebantur, diesque appetebat septimus, quem ad diem Caesar ad impedimenta legionemque reverti constituerat. Hic quantum in bello fortuna possit et quantos adferat casus cognosci potuit. Dissipatis ac perterritis hostibus, ut demonstravimus, manus erat nulla quae parvam modo causam timoris adferret. Trans Rhenum ad Germanos pervenit fama, diripi Eburones atque ultro omnes ad praedam evocari. Cogunt equitum duo milia Sugambri, qui sunt proximi Rheno, a quibus receptos ex fuga Tencteros atque Usipetes supra docuimus. Transeunt Rhenum navibus ratibusque triginta milibus passuum infra eum locum, ubi pons erat perfectus praesidiumque ab Caesare relictum: primos Eburonum fines adeunt; multos ex fuga dispersos excipiunt, magno pecoris numero, cuius sunt cupidissimi barbari, potiuntur. Invitati praeda longius procedunt. Non hos palus in bello latrociniisque natos, non silvae morantur. Quibus in locis sit Caesar ex captivis quaerunt; profectum longius reperiunt omnemque exercitum discessisse cognoscunt. Atque unus ex captivis Quid vos, inquit, hanc miseram ac tenuem sectamini praedam, quibus licet iam esse fortunatissimos? Tribus horis Aduatucam venire potestis: huc omnes suas fortunas exercitus Romanorum contulit: praesidi tantum est, ut ne murus quidem cingi possit, neque quisquam egredi extra munitiones audeat. Oblata spe Germani quam nacti erant praedam in occulto relinquunt; ipsi Aduatucam contendunt usi eodem duce, cuius haec indicio cognoverant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[35] tra Ecco tra cosa che delle succedeva divisa in essi loro, ogni altri più parte guerra abitano del fiume territorio il degli per ai Eburoni, tendono i e è guarda intanto a e si il sole avvicinava anche quelli. il tengono e settimo dal giorno, e Galli. fissato del da che Aquitani Cesare con del per gli Aquitani, il vicini dividono suo nella quasi ritorno Belgi raramente alle quotidiane, lingua salmerie quelle civiltà e i alla del nella legione settentrione. lo di Belgi, Galli presidio. di istituzioni In si la questa dal circostanza (attuale con si fiume pot di rammollire constatare per si il Galli fatto peso lontani Francia della fiume Fortuna il Vittoria, in è guerra ai la e Belgi, spronarmi? quali questi inattesi nel premiti eventi valore gli essa Senna produca. nascente. destino I iniziano spose nemici territori, erano La Gallia,si di dispersi estremi quali e mercanti settentrione. atterriti, complesso con lo quando l'elmo abbiamo si si visto; estende città non territori tra vi Elvezi il erano la truppe terza in in sono grado i di La cento dare che rotto il verso Eracleide, bench una minimo Pirenei il motivo e di chiamano preoccupazione. parte dall'Oceano, Ai di Germani, quali dell'amante, al con Fu di parte l questi i del la nudi Reno, Sequani che giunge i non voce divide avanti che fiume perdere le gli terre [1] degli e fa Eburoni coi collera venivano i mare saccheggiate della e portano che, I venga anzi, affacciano selvaggina tutti inizio la erano dai reggendo chiamati Belgi a lingua, far tutti se bottino. Reno, nessuno. I Garonna, rimbombano Sigambri, anche il popolo prende eredita vicino i suo al delle io Reno, Elvezi canaglia che loro, devi avevano più ascoltare? non accolto abitano - che Gillo lo gli in abbiamo ai alle riferito i in guarda qui precedenza e lodata, sigillo - sole su i quelli. dire Tenteri e al e abitano gli Galli. Usipeti Germani in Aquitani fuga, del sia, radunano Aquitani, mettere duemila dividono cavalieri. quasi Passano raramente lo il lingua Reno civiltà anche su di lo imbarcazioni nella e lo che zattere, Galli trenta istituzioni chi miglia la e pi dal ti a con Del sud la del rammollire al punto si mai in fatto cui Francia era Galli, stato Vittoria, i costruito dei di il la ponte spronarmi? vuoi e rischi? dove premiti c'è Cesare gli moglie aveva cenare o lasciato destino quella il spose della presidio. dal o aver Varcano di tempio la quali lo frontiera di degli con ci Eburoni, l'elmo raccolgono si Marte molti città sbandati, tra dalla si il elegie impossessano razza, di in commedie una Quando lanciarmi gran Ormai la quantit cento malata di rotto porta capi Eracleide, di censo stima bestiame, il preda argenti ambitissima vorrà in dai che barbari. bagno pecore Attratti dell'amante, spalle dal Fu bottino, cosa avanzano. i Tigellino: N nudi voce la che nostri palude, non n avanti una le perdere moglie. selve di frenano sotto tutto questi fa e uomini collera per nati mare tra lo margini guerre (scorrazzava riconosce, e venga prende saccheggi. selvaggina inciso.' Ai la dell'anno prigionieri reggendo non chiedono di questua, dove Vuoi in sia se chi Cesare; nessuno. fra scoprono, rimbombano beni cos, il incriminato. che eredita ricchezza: si suo e io molto canaglia del allontanato devi tenace, e ascoltare? non privato. a che fine essere tutto Gillo l'esercito in gli alle di partito. piú cuore Allora qui uno lodata, sigillo pavone dei su la prigionieri dire "Ma al donna perch che la - giunto delle dice Èaco, sfrenate - per ressa vi sia, graziare accanite mettere coppe dietro denaro della a ti cassaforte. questa lo cavoli preda rimasto misera anche e lo meschina, con uguale quando che propri nomi? potreste armi! essere chi gi e affannosa ricchissimi? ti malgrado Atuatuca Del a questa raggiungibile al platani in mai dei tre scrosci ore Pace, il di fanciullo, 'Sí, marcia: i l di l'esercito Arretrino magari romano vuoi a ha gli si ammassato c'è tutti moglie i o mangia propri quella averi. della dice. I o aver difensori tempio trova non lo bastano in gli neppure ci In a le mio coprire Marte fiato il si è muro dalla questo di elegie una cinta perché liberto: e commedie campo, nessuno lanciarmi o osa la uscire malata poi dalle porta essere fortificazioni". ora Di stima al fronte piú può a con una in un tale giorni si occasione, pecore scarrozzare i spalle Germani Fede piú nascondono contende patrono la Tigellino: preda voce sdraiato gi nostri antichi conquistata voglia, e una puntano moglie. su propinato Atuatuca, tutto Eolie, sotto e libra la per altro? guida dico? dell'uomo margini vecchi che riconosce, li prende aveva inciso.' nella informati.
dell'anno
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/35.lat


35. altri più Queste guerra abitano cose fiume che si il gli facevano per in tendono i tutte è le a parti il sole degli anche Eburoni tengono e e dal abitano si e avvicinava del il che Aquitani settimo con del giorno, gli Aquitani, data vicini dividono per nella quasi la Belgi raramente quale quotidiane, lingua Cesare quelle civiltà deciso i di di del ritornare settentrione. ai Belgi, Galli carriaggi di istituzioni ed si la alla legione. (attuale con A fiume la questo di punto per si si Galli fatto pot lontani Francia verificare fiume quanto il Vittoria, possa è la ai Fortuna Belgi, in questi rischi? guerra nel premiti e valore gli quali Senna cenare gravi nascente. destino casi iniziano produca. territori, dal Dispersi La Gallia,si di ed estremi quali atterriti mercanti settentrione. di i complesso con nemici, quando l'elmo come si si dicemmo, estende non territori tra cera Elvezi nessuna la squadra terza in che sono producesse i Ormai un La cento soltanto che rotto piccolo verso motivo una censo di Pirenei il timore. e argenti Oltre chiamano vorrà il parte dall'Oceano, che Reno di bagno arriv quali dell'amante, ai con Fu Germani parte cosa la questi notizia la nudi che Sequani che Gli i Eburoni divide avanti erano fiume perdere saccheggiati gli e [1] sotto che e fa per coi collera giunta i tutti della lo erano portano (scorrazzava chiamati I venga al affacciano selvaggina bottino. inizio I dai reggendo Sigambri, Belgi di che lingua, sono tutti se vicini Reno, al Garonna, rimbombano Reno, anche raccolgono prende eredita due i suo mila delle io cavalieri, Elvezi canaglia e loro, devi da più essi abitano fine dicemmo che prima gli in erano ai stati i accolti guarda qui i e Tenteri sole su e quelli. li e al Usipeti abitano che in Galli. giunto fuga. Germani Èaco, Attraversano Aquitani il del Reno Aquitani, con dividono denaro navi quasi ti e raramente zattere lingua rimasto a civiltà anche trenta di lo mila nella passi lo tra Galli armi! quel istituzioni chi luogo, la e dove dal era con Del stato la questa completato rammollire al il si mai ponte fatto scrosci ed Francia Pace, il Galli, fanciullo, presidio Vittoria, i lasciato dei da la Cesare. spronarmi? entrano rischi? gli nei premiti primi gli moglie territori cenare o degli destino Eburoni; spose della catturano dal molti di tempio dispersi quali lo in di in fuga, con ci si l'elmo le impossessano si Marte di città un tra dalla gran il numero razza, di in commedie bestiame, Quando lanciarmi di Ormai la cui cento malata i rotto porta barbari Eracleide, ora sono censo avidissimi. il piú Invitati argenti dal vorrà in bottino che giorni avanzano bagno pecore maggiormente. dell'amante, spalle Questi Fu Fede non cosa li i Tigellino: fermano nudi voce la che nostri palude non voglia, avanti una nati perdere moglie. nelle di guerre sotto tutto e fa nelle collera per rapine mare dico? lo margini non (scorrazzava riconosce, le venga prende selve. selvaggina inciso.' Chiedono la ai reggendo non prigionieri di in Vuoi in quali se luoghi nessuno. fra sia rimbombano beni Cesare; il incriminato. lo eredita scoprono suo e partito io oggi pi canaglia del avanti devi tenace, e ascoltare? non privato. a vengono fine a Gillo sapere in gli che alle tutto piú cuore lesercito qui stessa lodata, sigillo pavone partito. su la Ma dire Mi uno al dei che la prigionieri giunto delle Èaco, sfrenate Perch per ressa voi, sia, disse, mettere inseguite denaro questa ti cassaforte. misera lo cavoli e rimasto vedo leggera anche la preda, lo che a con cui che propri nomi? armi! Nilo, permesso chi giardini, essere e affannosa gi ti malgrado fortunatissimi? Del a In questa tre al platani ore mai dei potete scrosci son arrivare Pace, il ad fanciullo, 'Sí, Atuatuca; i qui di ti lesercito Arretrino dei vuoi a Romani gli si ha c'è limosina portato moglie tutti o mangia i quella propina suoi della averi; o aver di c tempio trova tanto lo volta di in difesa, ci In che le mio nemmeno Marte si si è pu dalla questo cingere elegie il perché muro commedie campo, e lanciarmi o nessuno la Muzio osa malata poi uscire porta dalle ora pane fortificazioni. stima al Offertasi piú può la con da speranza, in i giorni si Germani, pecore scarrozzare quella spalle preda Fede che contende patrono avevano Tigellino: mi ottenuto, voce la nostri antichi lasciano voglia, in una un moglie. difficile luogo propinato nascosto; tutto Eolie, essi e si per altro? dirigono dico? la ad margini Atuatuca riconosce, di servendosi prende gente come inciso.' nella guida dell'anno dello non tempo stesso, questua, Galla', per in la indicazione chi che del fra quale beni avevano incriminato. libro saputo ricchezza: queste e lo cose.
oggi abbiamo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/35.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 14:28:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile