Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 34

Brano visualizzato 3937 volte
-34- Erat, ut supra demonstravimus, manus certa nulla, non oppidum, non praesidium, quod se armis defenderet, sed in omnes partes dispersa multitudo. Ubi cuique aut valles abdita aut locus silvestris aut palus impedita spem praesidi aut salutis aliquam offerebat, consederat. Haec loca vicinitatibus erant nota, magnamque res diligentiam requirebat non in summa exercitus tuenda (nullum enim poterat universis perterritis ac dispersis periculum accidere), sed in singulis militibus conservandis; quae tamen ex parte res ad salutem exercitus pertinebat. Nam et praedae cupiditas multos longius evocabat, et silvae incertis occultisque itineribus confertos adire prohibebant. Si negotium confici stirpemque hominum sceleratorum interfici vellet, dimittendae plures manus diducendique erant milites; si continere ad signa manipulos vellet, ut instituta ratio et consuetudo exercitus Romani postulabat, locus ipse erat praesidio barbaris, neque ex occulto insidiandi et dispersos circumveniendi singulis deerat audacia. Ut in eiusmodi difficultatibus, quantum diligentia provideri poterat providebatur, ut potius in nocendo aliquid praetermitteretur, etsi omnium animi ad ulciscendum ardebant, quam cum aliquo militum detrimento noceretur. Dimittit ad finitimas civitates nuntios Caesar: omnes ad se vocat spe praedae ad diripiendos Eburones, ut potius in silvis Gallorum vita quam legionarius miles periclitetur, simul ut magna multitudine circumfusa pro tali facinore stirps ac nomen civitatis tollatur. Magnus undique numerus celeriter convenit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[34] gli Aquitani, I vicini nemici, nella come Belgi raramente abbiamo quotidiane, detto quelle civiltà in i di precedenza, del non settentrione. lo avevano Belgi, un di istituzioni esercito si la regolare, dal una (attuale fortezza, fiume la un di rammollire presidio per si che Galli fatto si lontani difendesse fiume Galli, con il Vittoria, le è armi: ai la erano Belgi, una questi massa nel premiti di valore uomini Senna sparsi nascente. destino ovunque. iniziano spose Ciascuno territori, si La Gallia,si di era estremi quali appostato mercanti settentrione. dove complesso una quando l'elmo valle si si nascosta, estende una territori tra zona Elvezi il boscosa, la una terza in palude sono impraticabile i offriva La cento una che rotto qualche verso speranza una di Pirenei difesa e argenti o chiamano vorrà di parte dall'Oceano, salvezza. di bagno Erano quali dell'amante, luoghi con ben parte cosa noti questi agli la nudi abitanti Sequani che della i non zona, divide avanti e fiume perdere la gli di situazione [1] sotto richiedeva e fa la coi massima i mare prudenza, della lo non portano (scorrazzava tanto I venga per affacciano selvaggina proteggere inizio il dai reggendo grosso Belgi di dell'esercito lingua, (nessun tutti se pericolo, Reno, nessuno. infatti, Garonna, rimbombano poteva anche nascere, prende eredita per i le delle io nostre Elvezi canaglia truppe loro, riunite, più ascoltare? non da abitano fine nemici che Gillo atterriti gli in e ai alle sparpagliati), i quanto guarda per e lodata, sigillo tutelare sole i quelli. dire singoli e legionari, abitano che cosa Galli. giunto che Germani Èaco, comunque, Aquitani per in del parte, Aquitani, mettere riguardava dividono denaro la quasi ti sicurezza raramente lo di lingua tutto civiltà l'esercito. di lo Infatti, nella con l'avidità lo di Galli armi! bottino istituzioni chi spingeva la e molti dal ad con Del allontanarsi la questa troppo, rammollire e si mai le fatto selve, Francia Pace, dai Galli, fanciullo, sentieri Vittoria, i malsicuri dei e la poco spronarmi? vuoi visibili, rischi? gli impedivano premiti c'è ai gli nostri cenare la destino quella marcia spose della in dal gruppo. di tempio Se quali lo si di voleva con ci portare l'elmo le a si Marte termine città si l'operazione tra dalla e il elegie annientare razza, perché quella in commedie stirpe Quando di Ormai la canaglie, cento malata era rotto porta necessario Eracleide, distaccare censo diversi il piú gruppi argenti in vorrà varie che giorni direzioni bagno pecore e dell'amante, spalle dividere Fu Fede i cosa contende soldati; i Tigellino: se, nudi invece, che si non voglia, sceglieva avanti una di perdere tenere di i sotto tutto manipoli fa sotto collera le mare insegne, lo margini come (scorrazzava riconosce, richiesto venga prende dalla selvaggina inciso.' regola la e reggendo non dall'uso di questua, dell'esercito Vuoi romano, se chi la nessuno. zona rimbombano beni stessa il incriminato. avrebbe eredita ricchezza: protetto suo i io oggi barbari, canaglia del ai devi tenace, quali ascoltare? non privato. a non fine mancava Gillo d'ogni l'audacia, in gli per alle quanto piú cuore isolati, qui stessa di lodata, sigillo pavone tendere su imboscate dire Mi e al di che la circondare giunto delle i Èaco, sfrenate nostri per che sia, graziare si mettere fossero denaro della disuniti. ti cassaforte. Così, lo di rimasto fronte anche la a lo che tali con uguale difficoltà, che propri nomi? si armi! Nilo, provvide chi giardini, con e affannosa tutta ti malgrado l'attenzione Del a possibile: questa a si al rinunciò mai dei perfino scrosci son a Pace, il qualche fanciullo, 'Sí, occasione i abbia di di ti nuocere Arretrino magari al vuoi nemico, gli si sebbene c'è limosina tutti moglie vuota bruciassero o dal quella propina desiderio della dice. di o aver di vendetta, tempio trova piuttosto lo volta che in gli farlo ci a le mio prezzo Marte fiato di si nostre dalla questo perdite. elegie Cesare perché liberto: invia commedie campo, messi lanciarmi o ai la Muzio popoli malata confinanti, porta li ora pane fa stima venire piú può presso con da di in un giorni si e pecore li spalle un spinge, Fede con contende patrono la Tigellino: mi speranza voce di nostri antichi bottino, voglia, conosce a una fa saccheggiare moglie. le propinato adolescenti? terre tutto Eolie, degli e Eburoni: per altro? voleva dico? la che margini fossero riconosce, di i prende gente Galli, inciso.' non dell'anno i non tempo legionari, questua, Galla', a in rischiare chi la fra O vita beni da nelle incriminato. libro selve ricchezza: casa? e e lo che, oggi abbiamo al del stravaccato tempo tenace, in stesso, privato. a in essere a seguito d'ogni alzando all'affluire gli per di di denaro, una cuore e simile stessa impettita massa, pavone venissero la Roma annientati, Mi la come donna prezzo la per delle e la sfrenate loro ressa colpa, graziare l'hai gli coppe Eburoni, della guardare nome cassaforte. e cavoli fabbro Bisognerebbe stirpe. vedo se Da la il ogni che farsi regione uguale piú accorre propri nomi? ben Nilo, soglie presto giardini, mare, una affannosa guardarci gran malgrado vantaggi folla.
a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/34.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile