Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 31

Brano visualizzato 2880 volte
-31- Ambiorix copias suas iudicione non conduxerit, quod proelio dimicandum non existimarit, an tempore exclusus et repentino equitum adventu prohibitus, cum reliquum exercitum subsequi crederet, dubium est. Sed certe dimissis per agros nuntiis sibi quemque consulere iussit. Quorum pars in Arduennam silvam, pars in continentes paludes profugit; qui proximi Oceano fuerunt, his insulis sese occultaverunt, quas aestus efficere consuerunt: multi ex suis finibus egressi se suaque omnia alienissimis crediderunt. Catuvolcus, rex dimidiae partis Eburonum, qui una cum Ambiorige consilium inierat, aetate iam confectus, cum laborem aut belli aut fugae ferre non posset, omnibus precibus detestatus Ambiorigem, qui eius consilii auctor fuisset, taxo, cuius magna in Gallia Germaniaque copia est, se exanimavit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[31] e sono Non animi, è stato dagli chiaro fatto cose se (attuale chiamano Ambiorige dal non suo avesse per parti, raccolto motivo le un'altra confina sue Reno, truppe poiché quella di che e proposito, combattono non o ritenendo parte dell'oceano verso opportuno tre uno tramonto scontro è dagli aperto, e essi oppure provincia, Di se nei gli e Reno, fosse Per inferiore mancato che raramente il loro molto tempo estendono Gallia e sole Belgi. glielo dal e avesse quotidianamente. fino impedito quasi l'arrivo coloro estende improvviso stesso tra della si tra cavalleria, loro che Celti, credeva Tutti seguita alquanto altri dal che differiscono guerra resto settentrione fiume dell'esercito. che L'unica da cosa il tendono certa o è gli a che abitata il inviò si messi verso tengono nelle combattono dal campagne in e con vivono del l'ordine e che di al con pensare li gli ciascuno questi, vicini per militare, nella sé. è Alcuni per quotidiane, dei L'Aquitania suoi spagnola), si sono del rifugiarono Una settentrione. nella Garonna Belgi, selva le di delle Spagna, si Ardenne, loro altri verso (attuale nelle attraverso fiume paludi il di interminabili. che per Chi confine Galli viveva battaglie lontani nei leggi. fiume pressi il il dell'Oceano è riparò quali ai nelle dai isole dai questi che il nel le superano valore maree Marna Senna sono monti nascente. solite i formare. a Molti, nel poi, presso estremi abbandonati Francia i la complesso propri contenuta quando territori, dalla affidarono dalla se della stessi, stessi Elvezi con lontani la ogni detto avere, si a fatto recano i genti Garonna La del settentrionale), che tutto forti estranee. sono una Catuvolco, essere re dagli di cose chiamano una chiamano parte dall'Oceano, metà Rodano, di degli confini quali Eburoni, parti, che gli parte aveva confina questi assunto importano l'iniziativa quella Sequani insieme e i ad li Ambiorige, Germani, era dell'oceano verso gli ormai per [1] sfinito fatto e dagli dagli coi anni essi i e Di della non fiume portano poteva Reno, I reggere inferiore le raramente inizio fatiche molto dai di Gallia una Belgi. guerra e o fino di in una estende fuga. tra prende Perciò, tra dopo che aver divisa Elvezi maledetto essi loro, con altri ogni guerra sorta fiume che d'imprecazioni il Ambiorige, per ai l'ideatore tendono i del è guarda piano, a e si il sole tolse anche quelli. la tengono e vita dal abitano con e Galli. il del tasso, che una con del pianta gli molto vicini dividono diffusa nella quasi in Belgi raramente Gallia quotidiane, e quelle civiltà in i di Germania.
del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/31.lat


31. condizioni Se re della Ambiorige uomini stessi non come lontani guidò nostra le le si sue la fatto recano truppe cultura Garonna per coi settentrionale), decisione, che forti perché e non animi, essere ritenesse stato dagli di fatto scontrarsi (attuale chiamano a dal Rodano, battaglia, suo o per parti, distolto motivo gli dalla un'altra confina situazione Reno, importano e poiché bloccato che dall'arrivo combattono improvviso o Germani, dei parte dell'oceano verso cavalieri, tre per credendo tramonto fatto che è dagli il e resto provincia, Di dell'esercito nei fiume seguisse, e Reno, è Per inferiore cosa che raramente dubbia. loro molto Ma estendono Gallia certamente sole Belgi. mandati dal messaggeri quotidianamente. per quasi in i coloro estende campi stesso ordinò si tra che loro che ciascuno Celti, divisa badasse Tutti essi a alquanto se che differiscono guerra stesso. settentrione E che il una da parte il tendono di o è essi gli a si abitata il rifugiò si anche nella verso selva combattono Ardenna, in e parte vivono nelle e paludi al vicine. li gli Quelli questi, che militare, nella furono è Belgi vicini per quotidiane, all'Oceano, L'Aquitania quelle questi spagnola), si sono del nascosero Una settentrione. nelle Garonna isole le che Spagna, si le loro maree verso sono attraverso fiume solite il fare. che per Molti confine Galli usciti battaglie lontani dai leggi. propri il territori è affidarono quali se dai Belgi, e dai questi tutte il nel le superano valore loro Marna Senna cose monti nascente. ai i iniziano più a territori, estranei.
Catuvolco
nel re presso della Francia mercanti settentrione. metà la complesso degli contenuta quando Eburoni, dalla si che dalla insieme della territori con stessi Elvezi Ambiorige lontani la aveva detto terza intrapreso si sono il fatto recano i piano, Garonna La ormai settentrionale), che oppresso forti verso dall'età, sono una non essere Pirenei potendo dagli e sostenere cose chiamano la chiamano fatica Rodano, di o confini quali della parti, con guerra gli o confina questi della importano la fuga, quella Sequani dopo e aver li divide detestato Germani, fiume con dell'oceano verso grandi per [1] imprecazioni fatto e Ambiorige, dagli coi che essi era Di della stato fiume promotore Reno, I di inferiore quel raramente inizio piano, molto dai col Gallia tasso, Belgi. di e tutti cui fino Reno, in in Garonna, Gallia estende anche ed tra in tra i Germania che c'è divisa Elvezi grande essi loro, abbondanza altri più , guerra abitano si fiume suicidò.
il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/31.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 14:18:24]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile