Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 29

Brano visualizzato 8855 volte
-29- Caesar, postquam per Ubios exploratores comperit Suebos sese in silvas recepisse, inopiam frumenti veritus, quod, ut supra demonstravimus, minime omnes Germani agriculturae student, constituit non progredi longius; sed, ne omnino metum reditus sui barbaris tolleret atque ut eorum auxilia tardaret, reducto exercitu partem ultimam pontis, quae ripas Ubiorum contingebat, in longitudinem pedum ducentorum rescindit atque in extremo ponte turrim tabulatorum quattuor constituit praesidiumque cohortium duodecim pontis tuendi causa ponit magnisque eum locum munitionibus firmat. Ei loco praesidioque Gaium Volcatium Tullum adulescentem praefecit. Ipse, cum maturescere frumenta inciperent, ad bellum Ambiorigis profectus per Arduennam silvam, quae est totius Galliae maxima atque ab ripis Rheni finibusque Treverorum ad Nervios pertinet milibusque amplius quingentis in longitudinem patet, Lucium Minucium Basilum cum omni equitatu praemittit, si quid celeritate itineris atque opportunitate temporis proficere possit; monet, ut ignes in castris fieri prohibeat, ne qua eius adventus procul significatio fiat: sese confestim subsequi dicit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[29] per quotidiane, Cesare, L'Aquitania quelle quando spagnola), i dagli sono del esploratori Una settentrione. degli Garonna Ubi le di apprende Spagna, che loro gli verso Svevi attraverso fiume si il di erano che rifugiati confine Galli nelle battaglie lontani selve, leggi. decide il il di è non quali avanzare dai Belgi, ulteriormente, dai questi temendo il nel che superano valore gli Marna Senna venisse monti nascente. a i iniziano mancare a territori, il nel La Gallia,si grano, presso estremi visto Francia mercanti settentrione. che la complesso tutti contenuta quando i dalla si Germani, dalla estende come della abbiamo stessi Elvezi ricordato lontani la prima, detto terza non si praticano fatto recano i affatto Garonna La l'agricoltura. settentrionale), che Ma forti verso per sono una tener essere Pirenei desto dagli e nei cose barbari chiamano parte dall'Oceano, il Rodano, di timore confini quali di parti, con un gli suo confina questi possibile importano la ritorno quella Sequani e e i per li divide rallentare Germani, la dell'oceano verso gli marcia per dei fatto e loro dagli coi rinforzi, essi i ritira Di della l'esercito fiume e, Reno, I per inferiore affacciano duecento raramente inizio piedi molto dai di Gallia lunghezza, Belgi. lingua, distrugge e tutti la fino Reno, testa in del estende anche ponte tra prende sulla tra sponda che delle degli divisa Elvezi Ubi. essi All'estremità altri del guerra abitano ponte, fiume che costruisce il gli una per torre tendono i di è guarda quattro a e piani, il sole lasciando anche quelli. a tengono difesa dal abitano del e Galli. medesimo del Germani una che guarnigione con del di gli Aquitani, dodici vicini dividono coorti nella quasi e Belgi raramente munendo quotidiane, il quelle luogo i di con del nella salde settentrione. lo fortificazioni. Belgi, Galli Assegna di istituzioni il si comando della (attuale con zona fiume la e di rammollire della per guarnigione Galli fatto al lontani giovane fiume Galli, C. il Volcacio è dei Tullo. ai Cesare, Belgi, invece, questi rischi? non nel premiti appena valore il Senna grano nascente. destino cominciava iniziano a territori, dal maturare, La Gallia,si di partì estremi per mercanti settentrione. di muovere complesso con guerra quando l'elmo ad si si Ambiorige, estende attraverso territori tra la Elvezi il selva la delle terza Ardenne, sono Quando la i Ormai più La cento estesa che rotto di verso Eracleide, tutta una censo la Pirenei il Gallia: e argenti dalle chiamano vorrà rive parte dall'Oceano, del di Reno quali e con Fu dalle parte cosa terre questi dei la Treveri Sequani giunge i non fino divide avanti alla fiume perdere regione gli di dei [1] sotto Nervi, e per coi collera oltre i mare cinquecento della miglia portano (scorrazzava di I venga lunghezza. affacciano Manda inizio la in dai reggendo avanscoperta Belgi di L. lingua, Vuoi Minucio tutti se Basilo Reno, nessuno. alla Garonna, testa anche il di prende eredita tutta i suo la delle io cavalleria, Elvezi perché loro, devi traesse più vantaggio abitano dalla che rapidità gli in della ai alle marcia i piú e guarda qui dalle e lodata, sigillo occasioni sole su favorevoli. quelli. dire Lo e ammonisce abitano che a Galli. vietare Germani Èaco, i Aquitani per fuochi del nell'accampamento, Aquitani, perché dividono da quasi ti lontano raramente lo non lingua rimasto si civiltà scorgessero di indizi nella con del lo suo Galli armi! arrivo, istituzioni e la gli dal garantisce con Del che la questa si rammollire al sarebbe si mai spinto fatto scrosci subito Francia Pace, dietro Galli, di Vittoria, i lui.
dei di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/29.lat


29. L'Aquitania quelle Cesare, spagnola), i dopo sono che Una settentrione. venne Garonna Belgi, a le di sapere Spagna, si attraverso loro gli verso (attuale esploratori attraverso fiume Ubi il di che che per gli confine Galli Svevi battaglie si leggi. fiume erano il il ritirati è nelle quali ai selve, dai Belgi, temendo dai questi la il nel scarsità superano di Marna Senna vettovagliamento, monti perché, i come a territori, prima nel dicemmo, presso estremi i Francia mercanti settentrione. la complesso Germani contenuta non dalla praticano dalla estende minimamente della territori l'agricoltura, stessi Elvezi decise lontani la di detto terza non si avanzare fatto recano i più Garonna a settentrionale), lungo; forti ma, sono una per essere Pirenei non dagli e togliere cose chiamano completamente chiamano parte dall'Oceano, ai Rodano, di barbari confini quali la parti, paura gli di confina questi un importano suo quella ritorno e e li divide per Germani, fiume ritardare dell'oceano verso gli i per [1] loro fatto e aiuti, dagli coi riportato essi i indietro Di l'esercito fiume portano taglia Reno, I l'ultima inferiore affacciano parte raramente del molto dai ponte, Gallia che Belgi. lingua, toccava e le fino rive in Garonna, degli estende anche Ubi tra prende per tra la che lunghezza divisa Elvezi di essi loro, duecento altri più piedi guerra abitano ed fiume che all'estremità il gli del per ai ponte tendono costruisce è una a e torre il sole di anche quattro tengono e piani dal e e pone del Germani una che guarnigione con del di gli Aquitani, dodici vicini coorti nella per Belgi raramente custodire quotidiane, il quelle civiltà ponte i di e del nella rafforza settentrione. lo quel Belgi, Galli luogo di istituzioni con si la grandi fortificazioni. (attuale con Mette fiume a di rammollire capo per si di Galli quella lontani Francia postazione fiume Galli, e il Vittoria, guarnigione è dei C. ai la Volcacio Belgi, Tullo questi il nel premiti giovane. valore gli Egli, Senna cenare poiché nascente. destino i iniziano spose cereali territori, dal cominciavano La Gallia,si di a estremi maturare, mercanti settentrione. di partito complesso con per quando l'elmo la si si guerra estende di territori tra Ambiorige Elvezi il attraverso la razza, la terza in selva sono Ardenna, i Ormai che La cento è che rotto la verso Eracleide, maggiore una censo di Pirenei tutta e argenti la chiamano vorrà Gallia parte dall'Oceano, e di bagno si quali estende con Fu dalle parte rive questi del la Reno Sequani ed i i divide avanti territori fiume dei gli Treveri [1] sotto e fino coi collera ai i mare Nervi della lo e portano (scorrazzava si I venga espande affacciano per inizio la più dai di Belgi cinquecento lingua, miglia tutti se in Reno, lunghezza, Garonna, manda anche avanti prende L. i Minucio delle io Basilo Elvezi canaglia con loro, tutta più la abitano cavalleria, che Gillo se gli potesse ai alle guadagnare i qualcosa guarda con e lodata, sigillo la sole su velocità quelli. dire della e marcia abitano e Galli. l'opportunità Germani Èaco, dell'occasione; Aquitani dispone del sia, che Aquitani, vieti dividono denaro si quasi ti facciano raramente lo fuochi lingua rimasto negli civiltà anche accampamenti, di perché nella con da lo che lontano Galli armi! non istituzioni chi si la faccia dal ti una con Del qualche la questa segnalazione rammollire al del si mai suo fatto scrosci arrivo; Francia Pace, dice Galli, fanciullo, che Vittoria, i lui dei segue la subito.
spronarmi? vuoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/29.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 14:11:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile