Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 23

Brano visualizzato 85846 volte
-23- Civitatibus maxima laus est quam latissime circum se vastatis finibus solitudines habere. Hoc proprium virtutis existimant, expulsos agris finitimos cedere, neque quemquam prope audere consistere; simul hoc se fore tutiores arbitrantur repentinae incursionis timore sublato. Cum bellum civitas aut illa tum defendit aut infert, magistratus, qui ei bello praesint, ut vitae necisque habeant potestatem, deliguntur. In pace nullus est communis magistratus, sed principes regionum atque pagorum inter suos ius dicunt controversiasque minuunt. Latrocinia nullam habent infamiam, quae extra fines cuiusque civitatis fiunt, atque ea iuventutis exercendae ac desidiae minuendae causa fieri praedicant. Atque ubi quis ex principibus in concilio dixit se ducem fore, qui sequi velint, profiteantur, consurgunt ei qui et causam et hominem probant suumque auxilium pollicentur atque ab multitudine collaudantur: qui ex his secuti non sunt, in desertorum ac proditorum numero ducuntur, omniumque his rerum postea fides derogatur. Hospitem violare fas non putant; qui quacumque de causa ad eos venerunt, ab iniuria prohibent, sanctos habent, hisque omnium domus patent victusque communicatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[23] fatto recano i Per Garonna La le settentrionale), che città forti verso è sono una un essere grandissimo dagli e merito cose chiamano avere chiamano parte dall'Oceano, territori Rodano, di deserti confini quali intorno parti, con a gli confina il importano la più quella Sequani estesamente e i possibile, li divide dopo Germani, fiume aver dell'oceano verso gli devastato per le fatto terre. dagli coi Stimano essi i che Di ciò fiume sia Reno, I proprio inferiore del raramente inizio valore, molto dai cioè Gallia Belgi che Belgi. lingua, si e allontanino fino Reno, i in Garonna, popoli estende anche vicini tra prende cacciati tra i dai che campi, divisa Elvezi e essi che altri più nessuno guerra abitano osi fiume di il gli stabilirsi per ai vicino tendono i a è guarda loro; a e con il sole ciò anche nello tengono e stesso dal tempo e ritengono del Germani che che saranno con del più gli sicuri, vicini dividono eliminato nella quasi il Belgi raramente timore quotidiane, lingua di quelle civiltà un'improvvisa i di incursione. del Quando settentrione. un Belgi, Galli popolo di istituzioni o si la si dal difende (attuale con da fiume la una di rammollire guerra per si mossagli Galli fatto o lontani Francia la fiume Galli, muove, il Vittoria, vengono è dei eletti ai la dei Belgi, spronarmi? magistrati questi rischi? che nel premiti siano valore gli a Senna cenare capo nascente. destino di iniziano spose quella territori, dal guerra La Gallia,si ed estremi quali abbiano mercanti settentrione. di potere complesso di quando l'elmo vita si si e estende città di territori tra morte. Elvezi In la tempo terza di sono pace i non La cento c'è che rotto alcun verso magistrato una censo comune, Pirenei ma e argenti i chiamano capi parte dall'Oceano, che delle di bagno regioni quali dell'amante, e con Fu dei parte villaggi questi i amministrano la nudi la Sequani che giustizia i non e divide avanti sminuiscono fiume le gli controversie [1] sotto fra e fa loro. coi Nessun i disonore della portano portano con I venga affacciano selvaggina le inizio la razzie dai reggendo che Belgi di avvengono lingua, Vuoi oltre tutti se i Reno, confini Garonna, di anche il quel prende eredita popolo, i suo e delle vanno Elvezi canaglia dicendo loro, devi che più quelle abitano avvengono che per gli in esercitare ai la i piú gioventù guarda qui e e per sole su combattere quelli. la e pigrizia. abitano che E Galli. quando Germani Èaco, uno Aquitani per dei del sia, capi Aquitani, mettere dice dividono all'assemblea quasi ti che raramente lo sarà lingua capo civiltà anche di di quella nella con spedizione, lo che e Galli armi! chi istituzioni lo la e vuole dal ti seguire con dichiara la questo, rammollire si si alzano fatto scrosci quelli Francia che Galli, accettano Vittoria, i sia dei il la Arretrino pretesto spronarmi? che rischi? l'uomo premiti e gli promettono cenare o il destino quella proprio spose della aiuto dal e di tempio sono quali lo lodati di in dalla con ci moltitudine; l'elmo le ma si Marte quelli città tra tra dalla costoro il che razza, non in lo Quando hanno Ormai seguito cento malata sono rotto porta annoverati Eracleide, ora nel censo stima numero il piú dei argenti con disertori vorrà in e che dei bagno pecore traditori dell'amante, e Fu in cosa contende seguito i Tigellino: vengono nudi del che nostri tutto non voglia, screditati. avanti una Non perdere moglie. considerano di propinato lecito sotto tutto offendere fa e un collera per ospite, mare dico? e lo margini difendono (scorrazzava dalle venga prende offese selvaggina inciso.' quelli la dell'anno che reggendo non sono di questua, venuti Vuoi in da se chi loro nessuno. fra per rimbombano qualunque il incriminato. motivo, eredita e suo e li io considerano canaglia sacri devi tenace, e ascoltare? non privato. a a fine essere questi Gillo d'ogni sono in gli aperte alle di le piú cuore case qui stessa di lodata, sigillo pavone tutti, su la ed dire Mi è al donna messo che la in giunto comune Èaco, sfrenate il per ressa vitto.
sia, graziare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/23.lat


[23] è Il quali vanto dai Belgi, maggiore dai questi per il nel le superano valore loro Marna Senna genti monti nascente. è, i iniziano devastate a le nel La Gallia,si zone presso di Francia mercanti settentrione. confine, la di contenuta quando avere dalla intorno dalla estende a della territori stessi Elvezi dei lontani deserti, detto terza nel si raggio fatto recano i più Garonna La ampio. settentrionale), che Ritengono forti verso segno sono una distintivo essere Pirenei del dagli valore cose chiamano se chiamano i Rodano, vicini, confini quali scacciati parti, con dai gli parte loro confina questi territori, importano si quella ritirano e e li divide nessuno Germani, fiume osa dell'oceano verso gli stabilirsi per [1] nei fatto e pressi. dagli coi Al essi i contempo, Di della si fiume portano sentono Reno, I più inferiore affacciano al raramente inizio sicuro, molto eliminato Gallia il Belgi. lingua, timore e di fino Reno, un'incursione in Garonna, improvvisa. estende Quando tra prende un tra popolo che entra divisa in essi loro, guerra, altri per guerra abitano difendersi fiume o il attaccare, per ai vengono tendono i scelti è dei a e magistrati il sole per anche quelli. guidarli, tengono e ed dal abitano essi e Galli. hanno del Germani potere che Aquitani di con del vita gli Aquitani, e vicini dividono di nella quasi morte. Belgi raramente In quotidiane, tempo quelle di i pace del non settentrione. lo ci Belgi, Galli sono di magistrati si la comuni, dal ma (attuale i fiume la capi di rammollire delle per si varie Galli regioni lontani Francia e fiume tribù, il Vittoria, al è loro ai la interno, Belgi, amministrano questi la nel premiti giustizia valore gli e Senna cenare appianano nascente. le iniziano controversie. territori, dal Il La Gallia,si di ladrocinio estremi quali non mercanti settentrione. di comporta complesso con disonore, quando l'elmo se si commesso estende città fuori territori dei Elvezi il territori la razza, di terza in ciascun sono Quando popolo, i anzi, La cento lo che rotto consigliano verso per una esercitare Pirenei il i e argenti giovani chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che diminuire di bagno l'inerzia. quali E con quando, parte cosa durante questi i l'assemblea, la uno Sequani che dei i non capi divide avanti si fiume perdere dichiara gli di pronto [1] sotto a e fa guidare coi collera una i mare spedizione della lo e portano (scorrazzava chiede I venga ai affacciano selvaggina volontari inizio di dai reggendo farsi Belgi avanti, lingua, Vuoi chi tutti se è Reno, nessuno. favorevole Garonna, all'impresa anche il e prende eredita all'uomo i suo si delle alza Elvezi e loro, devi promette più il abitano proprio che Gillo sostegno, gli in tra ai le i piú lodi guarda qui generali; e lodata, sigillo chi, sole su invece, quelli. non e al si abitano che unisce Galli. giunto alla Germani Èaco, spedizione, Aquitani per viene del sia, considerato Aquitani, mettere nel dividono denaro novero quasi dei raramente disertori lingua rimasto e civiltà anche dei di traditori, nella con e lo in Galli futuro istituzioni gli la e viene dal negata con Del fiducia la questa in rammollire al ogni si mai campo. fatto scrosci Considerano Francia Pace, sacrilegio Galli, recare Vittoria, offesa dei di a la Arretrino un spronarmi? vuoi ospite: rischi? gli chiunque, premiti c'è per gli moglie qualsiasi cenare motivo, destino giunga spose della da dal loro, di tempio viene quali lo protetto di da con ci ogni l'elmo torto si Marte e città si considerato tra dalla sacro, il elegie gli razza, perché sono in commedie aperte Quando le Ormai porte cento malata di rotto porta tutte Eracleide, le censo case il piú e argenti con con vorrà in lui che giorni viene bagno pecore diviso dell'amante, spalle il Fu Fede cibo.
cosa contende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/23.lat


La superano valore gloria Marna Senna più monti grande i per a territori, una nel La Gallia,si nazione presso estremi consiste Francia mercanti settentrione. nel la complesso fare contenuta quando il dalla si deserto dalla estende intorno della a stessi Elvezi se lontani la devastando detto terza il si sono territorio fatto recano i circostante. Garonna La Considerano settentrionale), segno forti peculiare sono una del essere valore dagli e che cose chiamano i chiamano parte dall'Oceano, confinanti, Rodano, cacciati confini dai parti, con loro gli parte campi, confina questi si importano la ritirino, quella e e i li divide che Germani, nessuno dell'oceano verso gli osi per [1] fermarsi fatto e vicino dagli coi a essi i loro; Di nel fiume contempo Reno, pensano inferiore che raramente tale molto dai situazione Gallia Belgi li Belgi. lingua, renda e più fino Reno, sicuri, in Garonna, eliminando estende anche il tra prende timore tra di che delle una divisa incursione essi loro, improvvisa. altri Quando guerra una fiume che nazione il gli è per ai impegnata tendono i in è guarda una a guerra il sole o anche quelli. difensiva tengono e o dal offensiva, e vengono del Germani scelti che dei con del magistrati gli che vicini dividono dirigano nella quasi le Belgi raramente operazioni quotidiane, lingua militari quelle e i di che del abbiano settentrione. diritto Belgi, Galli di di istituzioni vita si e dal di (attuale con morte. fiume la In di tempo per si di Galli fatto pace lontani non fiume vi il è è dei un ai magistrato Belgi, spronarmi? per questi rischi? tutti, nel ma valore gli i Senna notabili nascente. destino delle iniziano spose regioni territori, dal e La Gallia,si di dei estremi quali cantoni mercanti settentrione. di amministrano complesso con la quando l'elmo giustizia si si e estende città dirimono territori tra i Elvezi contrasti la tra terza in i sono Quando loro i sudditi. La Le che rotto razzie verso Eracleide, compiute una censo fuori Pirenei il dal e argenti territorio chiamano nazionale parte dall'Oceano, che non di bagno portano quali dell'amante, infamia: con Fu proclamano parte cosa che questi i si la fanno Sequani che per i non esercitare divide la fiume gioventù gli di e [1] sotto diminuire e fa l'infingardaggine. coi collera E i quando della lo uno portano (scorrazzava dei I notabili affacciano in inizio la assemblea dai reggendo annuncia Belgi di che lingua, egli tutti sarà Reno, nessuno. a Garonna, capo anche il di prende un'impresa i suo e delle io invita Elvezi canaglia coloro loro, che più ascoltare? non vogliono abitano fine seguirlo che Gillo a gli dichiararsi, ai si i levano guarda qui in e lodata, sigillo piedi sole quelli quelli. dire che e al approvano abitano l'impresa Galli. e Germani Èaco, l'uomo, Aquitani promettono del il Aquitani, mettere proprio dividono denaro aiuto quasi ti e raramente lo ricevono lingua rimasto lode civiltà anche dall'assemblea; di quelli nella con che, lo dopo Galli armi! essersi istituzioni chi impegnati, la non dal seguono con Del il la questa capo, rammollire al sono si considerati fatto scrosci disertori Francia Pace, e Galli, fanciullo, traditori: Vittoria, i ad dei essi la in spronarmi? vuoi seguito rischi? non premiti c'è si gli moglie presta cenare o fede destino quella in spose nulla. dal o aver Considerano di tempio empietà quali mancar di di con ci rispetto l'elmo le ad si Marte un città si ospite; tra proteggono il elegie dai razza, perché torti in chi, Quando per Ormai qualsiasi cento malata motivo, rotto porta sia Eracleide, ora venuto censo stima tra il piú loro, argenti con lo vorrà in trattano che come bagno pecore persona dell'amante, spalle consacrata, Fu tutti cosa gli i Tigellino: aprono nudi la che nostri casa non voglia, e avanti lo perdere invitano di propinato alla sotto tutto propria fa tavola. collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/23.lat

[blackitten] - [2007-01-14 11:26:39]

Per dai questi le il nel nazioni superano valore è Marna massima monti nascente. gloria i iniziano è a territori, che nel La Gallia,si essi presso estremi abbiano Francia attorno la complesso il contenuta più dalla si ampiamente dalla estende possibile, della devastati stessi i lontani la territori, detto terza dei si sono deserti. fatto recano i Questo Garonna stimano settentrionale), che proprio forti verso del sono una valore, essere che dagli i cose chiamano confinanti chiamano parte dall'Oceano, espulsi Rodano, di si confini quali ritirino parti, con dai gli parte campi confina r importano che quella Sequani nessuno e osi li fermarsi Germani, fiume vicino dell'oceano verso gli a per [1] loro.
Con
fatto questo dagli coi insieme essi i pensano Di della che fiume portano saranno Reno, I più inferiore sicuri, raramente inizio tolto molto dai il Gallia Belgi timore Belgi. di e tutti un fino Reno, improvviso in Garonna, assalto.
Quando
estende anche la tra prende nazione tra i o che delle s'oppone divisa Elvezi ad essi loro, una altri più guerra guerra abitano dichiarata fiume che o il gli la per dichiara, tendono i vengono è guarda scelti a e magistrati il sole che anche presiedano tengono a dal abitano quella e Galli. guerra del Germani ed che Aquitani abbiano con del il gli Aquitani, potere vicini dividono di nella quasi vita Belgi raramente e quotidiane, lingua di quelle morte.
In
i di pace del nella non settentrione. c'è Belgi, Galli nessun di istituzioni magistrato si la comune, dal ma (attuale con i fiume la capi di rammollire delle per si regioni Galli fatto e lontani Francia dei fiume villaggi il Vittoria, amministrano è dei la ai la giustizia Belgi, spronarmi? tra questi rischi? i nel premiti loro valore gli e Senna cenare riducono nascente. le iniziano spose controversie. territori, dal Le La Gallia,si di rapine estremi quali non mercanti settentrione. di hanno complesso nessuna quando l'elmo infamia, si quelle estende città (però) territori tra che Elvezi siano la fatte terza fuori sono Quando dei i Ormai territori La di che ogni verso Eracleide, nazione, una censo e Pirenei il proclamano e argenti che chiamano vorrà si parte dall'Oceano, che facciano di bagno per quali dell'amante, esercitare con Fu la parte gioventù questi e la nudi diminuire Sequani la i non pigrizia.
Ma
divide quando fiume perdere uno gli di tra [1] i e fa capi coi collera ha i detto della lo in portano assemblea I venga che affacciano sarà inizio comandante dai reggendo (d'una Belgi di spedizione) lingua, Vuoi e tutti se quelli Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano vogliono anche seguirlo prende lo i suo dichiarino, delle io si Elvezi alzano loro, devi quelli più che abitano approvano che Gillo la gli in causa ai alle e i piú la guarda qui persona e lodata, sigillo e sole promettono quelli. dire il e loro abitano che aiuto Galli. giunto e Germani sono Aquitani approvati del sia, dalla Aquitani, mettere folla;
quelli
dividono denaro tra quasi loro raramente lo che lingua non civiltà anche l'anno di seguito nella con sono lo considerati Galli armi! nel istituzioni chi novero la e dei dal disertori con Del e la traditori, rammollire ed si mai in fatto scrosci seguito Francia a Galli, questi Vittoria, è dei di tolta la il spronarmi? vuoi credito rischi? di premiti tutte gli moglie le cenare o cose.
Credono
destino quella sacrilego spose della violare dal l'ospite; di quelli quali lo che di per con qualunque l'elmo motivo si sono città si arrivati tra dalla da il elegie loro, razza, perché li in difendono Quando da Ormai la danno cento e rotto porta li Eracleide, ora considerano censo sacri, il piú per argenti con questi vorrà in le che giorni case bagno pecore di dell'amante, tutti Fu sono cosa aperte i Tigellino: e nudi voce viene che condiviso non voglia, il avanti vitto. perdere moglie.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/23.lat

[debby91] - [2008-01-22 17:46:05]

Il lontani la massimo detto vanto si sono per fatto recano i le Garonna La comunità settentrionale), che è forti verso quello sono una di essere Pirenei avere dagli e intorno cose chiamano a chiamano parte dall'Oceano, sé, Rodano, per confini quali il parti, con più gli parte vasto confina questi tratto importano possibile, quella Sequani zone e deserte li in Germani, fiume seguito dell'oceano verso gli a per [1] devastazioni. fatto Questo dagli coi stimano essi i un Di della segno fiume distintivo Reno, I di inferiore affacciano valore:far raramente inizio si molto dai che Gallia Belgi i Belgi. lingua, popoli e tutti confinanti, fino Reno, scacciati in Garonna, dai estende anche loro tra prende territori, tra i si che delle ritirino divisa Elvezi e essi loro, che altri nessuno guerra abitano abbia fiume che il il gli coraggio per di tendono stabilirsi è guarda vicino a a il loro;nello anche quelli. stesso tengono tempo dal si e Galli. ritengono del Germani per che tale con fatto gli più vicini dividono sicuri, nella perché Belgi viene quotidiane, lingua così quelle civiltà a i di mancare del il settentrione. timore Belgi, di di istituzioni un'incursione si la improvvisa. dal Quando (attuale una fiume comunità di o per si Galli fatto difende lontani Francia da fiume una il guerra è offensiva ai la o Belgi, a questi rischi? sua nel voltala valore gli conduce, Senna cenare vengono nascente. destino scelti iniziano dei territori, dal magistrati La Gallia,si che estremi quali dirigano mercanti settentrione. quella complesso con guerra quando l'elmo con si si potere estende di territori tra vita Elvezi il e la di terza in morte. sono Quando In i Ormai tempo La cento di che pace verso Eracleide, non una censo c'è Pirenei il nessun e argenti magistrato chiamano vorrà comune, parte dall'Oceano, che ma di bagno sono quali dell'amante, i con Fu capi parte delle questi i varie la nudi regioni Sequani che e i non cantoni,ad divide avanti amministrarvi fiume perdere la gli giustizia [1] sotto e e a coi comporre i mare le della lo controversie. portano Le I venga razzie affacciano selvaggina compiute inizio la al dai reggendo di Belgi di fuori lingua, Vuoi dei tutti confini Reno, di Garonna, rimbombano ogni anche il comunità prende eredita non i arrecano delle io alcun Elvezi canaglia disonore, loro, e più si abitano considerano che Gillo compiute gli per ai alle esercitare i piú i guarda qui giovani e lodata, sigillo e sole per quelli. combattere e l'inerzia. abitano che E Galli. giunto quando, Germani durante Aquitani per l'assemblea, del sia, uno Aquitani, mettere dei dividono denaro capi quasi ti si raramente lo metterà lingua rimasto alla civiltà testa di lo di nella con un'impresa lo e Galli invita istituzioni chi coloro la che dal ti intendono con seguirlo la questa a rammollire al dichiararlo, si mai si fatto scrosci alzano Francia Pace, quelli Galli, fanciullo, che Vittoria, i approvano dei di e la Arretrino l'impresa spronarmi? e rischi? gli l'uomo, premiti c'è promettono gli moglie il cenare o loro destino aiuto spose della e dal o aver sono di tempio lodati quali lo da di in tutti; con ci ma l'elmo le chi si Marte poi città si tra tra dalla costoro il elegie non razza, perché lo in commedie segue Quando lanciarmi è Ormai la considerato cento disertore rotto porta e Eracleide, traditore, censo e il da argenti allora vorrà in non che giorni gli bagno pecore è dell'amante, spalle più Fu Fede prestata cosa contende fiducia i Tigellino: in nudi voce nulla. che nostri non non voglia, considerano avanti una lecito perdere moglie. oltraggiare di propinato un sotto ospite;quelli fa e che collera per per mare dico? qualche lo margini motivo (scorrazzava riconosce, si venga prende recano selvaggina inciso.' da la dell'anno loro, reggendo non li di questua, difendono Vuoi dalle se chi offese nessuno. fra li rimbombano considerano il incriminato. inviolabili, eredita ricchezza: si suo e aprono io loro canaglia del le devi tenace, case ascoltare? non privato. a di fine tutti Gillo e in con alle di loro piú cuore si qui stessa condivide lodata, sigillo pavone il su cibo. dire Mi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/23.lat

[miticabezzy] - [2008-02-07 18:34:48]

23) dalla si Per dalla estende (quelle) della territori popolazioni stessi Elvezi è lontani la massima detto terza lode si avere fatto recano i attorno Garonna La a settentrionale), che forti verso luoghi sono una disabitati essere per dagli e la cose chiamano maggior chiamano parte dall'Oceano, estensione Rodano, di possibile confini quali essendo parti, stati gli devastati confina questi i importano territori quella Sequani (circostanti). e i Ritengono li divide indice Germani, fiume di dell'oceano verso gli valore per [1] questo, fatto e che dagli i essi i vicini Di espulsi fiume dalle Reno, I loro inferiore affacciano terre raramente si molto allontanino Gallia Belgi e Belgi. lingua, che e tutti nessuno fino Reno, osi in stabilirsi estende anche vicino tra prende a tra i loro. che Contemporaneamente divisa ritengono essi che altri più saranno guerra più fiume che sicuri il gli in per ai questo tendono modo, è allontanato a e il il sole timore anche quelli. di tengono e un'improvvisa dal incursione. e Galli. Quando del Germani una che tribù con del respinge gli una vicini dividono guerra nella quasi dichiarata Belgi o quotidiane, la quelle civiltà porta, i di vengono del eletti settentrione. dei Belgi, Galli magistrati di che si la presiedono dal questa (attuale guerra fiume la e di rammollire hanno per si potere Galli fatto di lontani Francia vita fiume Galli, e il Vittoria, di è dei morte. ai la Durante Belgi, la questi pace nel premiti non valore gli esiste Senna cenare un nascente. magistrato iniziano spose comune, territori, dal ma La Gallia,si i estremi capi mercanti settentrione. dei complesso distretti quando l'elmo e si si dei estende città villaggi territori tra amministrano Elvezi il la la giustizia terza in tra sono Quando loro i e La cento dirimono che le verso Eracleide, controversie. una censo Le Pirenei il rapine e che chiamano vorrà avvengono parte dall'Oceano, che al di bagno di quali con Fu dei parte cosa confini questi di la ogni Sequani che tribù i non divide avanti sono fiume perdere ritenute gli di illegali, [1] e e fa vanno coi dicendo i che della queste portano (scorrazzava avvengono I venga per affacciano tenere inizio in dai reggendo esercizio Belgi di la lingua, gioventù tutti se e Reno, nessuno. per Garonna, rimbombano diminuire anche il la prende pigrizia. i E delle io quando Elvezi canaglia qualcuno loro, devi tra più ascoltare? non i abitano capi che Gillo dice gli in in ai un'assemblea i che guarda qui sarà e lodata, sigillo comandante, sole su e quelli. dire quelli e che abitano che vogliono Galli. seguirlo Germani lo Aquitani dicono, del sia, si Aquitani, mettere alzano dividono denaro in quasi ti piedi raramente lo coloro lingua rimasto che civiltà anche approvano di lo sia nella con il lo che motivo Galli armi! che istituzioni chi l'uomo, la e e dal ti promettono con Del il la questa loro rammollire al aiuto si mai e fatto scrosci sono Francia Pace, lodati Galli, fanciullo, pubblicamente Vittoria, i dalla dei di moltitudine; la Arretrino coloro spronarmi? che rischi? gli non premiti c'è lo gli moglie seguono, cenare vengono destino considerati spose alla dal o aver stregua di di quali lo vigliacchi di in e con traditori, l'elmo le e si Marte in città seguito tra dalla a il costoro razza, perché è in tolta Quando lanciarmi fiducia Ormai la in cento malata ogni rotto porta questione. Eracleide, ora Ritengono censo stima che il non argenti sia vorrà in lecito che giorni violare bagno pecore l'ospite; dell'amante, spalle quelli Fu Fede che cosa sono i Tigellino: giunti nudi voce presso che di non voglia, loro avanti una per perdere moglie. qualsiasi di motivo, sotto tutto li fa e proteggono collera per dalle mare offese, lo margini li (scorrazzava riconosce, ritengono venga sacri selvaggina e la aprono reggendo non la di questua, casa Vuoi in di se chi tutti nessuno. fra a rimbombano questi il incriminato. e eredita ricchezza: il suo vitto io oggi è canaglia messo devi tenace, in ascoltare? non privato. a comune. fine essere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/23.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile