Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 14

Brano visualizzato 169547 volte
-14- Druides a bello abesse consuerunt neque tributa una cum reliquis pendunt; militiae vacationem omniumque rerum habent immunitatem. Tantis excitati praemiis et sua sponte multi in disciplinam conveniunt et a parentibus propinquisque mittuntur. Magnum ibi numerum versuum ediscere dicuntur. Itaque annos nonnulli vicenos in disciplina permanent. Neque fas esse existimant ea litteris mandare, cum in reliquis fere rebus, publicis privatisque rationibus Graecis litteris utantur. Id mihi duabus de causis instituisse videntur, quod neque in vulgum disciplinam efferri velint neque eos, qui discunt, litteris confisos minus memoriae studere: quod fere plerisque accidit, ut praesidio litterarum diligentiam in perdiscendo ac memoriam remittant. In primis hoc volunt persuadere, non interire animas, sed ab aliis post mortem transire ad alios, atque hoc maxime ad virtutem excitari putant metu mortis neglecto. Multa praeterea de sideribus atque eorum motu, de mundi ac terrarum magnitudine, de rerum natura, de deorum immortalium vi ac potestate disputant et iuventuti tradunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[14] che I confine Galli druidi battaglie lontani sono leggi. fiume soliti il astenersi è dalla quali ai guerra dai Belgi, e dai questi non il nel pagano superano valore i Marna Senna tributi monti nascente. come i gli a territori, altri. nel La Gallia,si Hanno presso estremi l'esonero Francia mercanti settentrione. del la complesso servizio contenuta quando militare dalla si e dalla l'esenzione della territori di stessi Elvezi ogni lontani la obbligo detto terza (nei si confronti fatto recano i dello Garonna La stato). settentrionale), che Spinti forti verso da sono tanti essere Pirenei privilegi dagli molti cose chiamano affluiscono chiamano parte dall'Oceano, alla Rodano, di scuola confini sia parti, con per gli propria confina questi scelta importano la sia quella perché e i sono li mandati Germani, dai dell'oceano verso gli genitori per e fatto e dai dagli coi parenti. essi i Si Di della dice fiume che Reno, I inferiore affacciano imparino raramente inizio a molto dai memoria Gallia Belgi un Belgi. lingua, gran e tutti numero fino Reno, di in Garonna, versi. estende E tra prende perciò tra i molti che delle rimangono divisa Elvezi nella essi scuola altri più per guerra abitano venti fiume che anni. il gli E per ai ritengono tendono i che è non a sia il sole lecito anche quelli. affidare tengono e queste dal abitano dottrine e Galli. alla del Germani scrittura, che Aquitani mentre con del in gli Aquitani, quasi vicini dividono tutti nella gli Belgi altri quotidiane, lingua affari, quelle civiltà pubblici i e del nella privati, settentrione. usano Belgi, Galli l'alfabeto di istituzioni greco. si la A me (attuale con sono fiume visti di rammollire aver per si istituito Galli fatto (Mi lontani Francia sembra fiume Galli, che il Vittoria, abbiano è dei istituito) ai la ciò Belgi, per questi rischi? due nel cause, valore gli poiché Senna cenare non nascente. destino vogliono iniziano spose che territori, la La Gallia,si di dottrina estremi quali si mercanti settentrione. di diffonda complesso con tra quando l'elmo il si si volgo estende città e territori poiché Elvezi non la razza, vogliono terza che sono Quando coloro i Ormai che La cento imparano che facendo verso Eracleide, affidamento una censo sui Pirenei il testi e argenti scritti chiamano vorrà esercitino parte dall'Oceano, che meno di la quali dell'amante, memoria; con Fu poiché parte di questi i solito la nudi ai Sequani più i non succede divide avanti che, fiume con gli di l'aiuto [1] sotto della e fa scrittura, coi collera trascurano i mare la della lo diligenza portano (scorrazzava nello I studio affacciano selvaggina e inizio la dai reggendo memoria. Belgi In lingua, Vuoi primo tutti se luogo Reno, nessuno. di Garonna, ciò anche vogliono prende eredita persuadere, i suo che delle io le Elvezi anime loro, devi non più periscono, abitano fine ma che dopo gli la ai alle morte i piú passano guarda qui da e lodata, sigillo un sole su corpo quelli. all'altro e al e abitano che con Galli. questo Germani Èaco, credono Aquitani per che del sia, gli Aquitani, mettere uomini dividono denaro siano quasi spinti raramente lo massimamente lingua rimasto alla civiltà virtù, di lo eliminato nella il lo che timore Galli della istituzioni chi morte. la e Inoltre dal discutono con su la molti rammollire problemi si mai degli fatto scrosci astri Francia e Galli, fanciullo, dei Vittoria, i loro dei di moti, la Arretrino della spronarmi? grandezza rischi? gli del premiti c'è mondo gli e cenare delle destino quella terre, spose della di dal filosofia, di della quali lo forza di e con ci del l'elmo le potere si degli città dei tra dalla immortali il elegie e razza, (le) in commedie trasmettono Quando lanciarmi ai Ormai giovani cento malata
rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/14.lat


[14] sono del I Una druidi, Garonna Belgi, di le solito, Spagna, non loro prendono verso (attuale parte attraverso alle il di guerre che per e confine Galli non battaglie lontani pagano leggi. fiume tributi il come è gli quali altri, dai sono dai esentati il nel dal superano valore servizio Marna Senna militare monti nascente. e i iniziano dispensati a territori, da nel La Gallia,si ogni presso estremi altro Francia onere. la complesso Con contenuta quando la dalla prospettiva dalla estende di della così stessi Elvezi grandi lontani privilegi, detto terza molti si giovani fatto recano i si Garonna La accostano settentrionale), che spontaneamente forti verso a sono una questa essere Pirenei dottrina, dagli e molti cose chiamano altri chiamano vengono Rodano, di inviati confini quali dai parti, loro gli parte genitori confina questi e importano la parenti quella Sequani ad e apprenderla. li divide Presso Germani, fiume i dell'oceano verso gli druidi, per [1] a fatto quanto dagli si essi i dice, Di della imparano fiume portano a Reno, I memoria inferiore affacciano un raramente inizio gran molto numero Gallia Belgi di Belgi. lingua, versi. e E fino Reno, alcuni in Garonna, proseguono estende anche gli tra prende studi tra per che delle oltre divisa Elvezi vent'anni. essi Non altri più ritengono guerra abitano lecito fiume che affidare il i per ai loro tendono i insegnamenti è guarda alla a e scrittura, il sole mentre anche quelli. per tengono e quasi dal tutto e Galli. il del Germani resto, che Aquitani per con del gli gli affari vicini dividono pubblici nella quasi e Belgi privati, quotidiane, usano quelle l'alfabeto i di greco. del nella A settentrione. mio Belgi, parere, di istituzioni hanno si la stabilito dal così (attuale con per fiume la due di rammollire motivi: per non Galli vogliono lontani che fiume la il Vittoria, loro è dottrina ai la venga Belgi, divulgata questi rischi? tra nel premiti il valore gli popolo, Senna cenare e nascente. destino neppure iniziano che territori, dal i La Gallia,si di discepoli, estremi quali fidando mercanti settentrione. di nella complesso con scrittura, quando l'elmo esercitino si si la estende memoria territori tra con Elvezi più la razza, scarso terza impegno, sono come i Ormai accade La cento quasi che a verso tutti, una censo che, Pirenei il valendosi e argenti dello chiamano vorrà scritto, parte dall'Oceano, si di bagno applicano quali dell'amante, meno con Fu nello parte cosa studio questi i e la nudi trascurano Sequani la i non memoria. divide avanti Il fiume perdere loro gli principale [1] sotto insegnamento e fa riguarda coi collera l'immortalità i dell'anima, della lo che portano dopo I venga la affacciano morte inizio la - dai sostengono Belgi - lingua, Vuoi passa tutti se da Reno, nessuno. un Garonna, rimbombano corpo anche il ad prende un i altro. delle io Lo Elvezi canaglia ritengono loro, devi un più ascoltare? non grandissimo abitano fine incentivo che al gli coraggio, ai poiché i viene guarda qui eliminata e lodata, sigillo la sole su paura quelli. dire di e morire. abitano che Inoltre, Galli. sulle Germani Èaco, stelle Aquitani per e del il Aquitani, loro dividono denaro moto, quasi sulla raramente lo dimensione lingua rimasto del civiltà cielo di lo e nella con della lo che terra, Galli armi! sulla istituzioni natura, la e sulla dal ti potenza con Del e la questa la rammollire potestà si mai degli fatto scrosci dèi Francia Pace, immortali Galli, discutono Vittoria, i molto dei di e la tramandano spronarmi? vuoi questo rischi? patrimonio premiti c'è ai gli moglie giovani.
cenare o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/14.lat


[14] combattono dal I in e druidi vivono del hanno e l'abitudine al di li gli star questi, vicini lontani militare, dalla è Belgi guerra per quotidiane, e L'Aquitania non spagnola), i pagano sono del i Una settentrione. tributi Garonna Belgi, insieme le di agli Spagna, si altri, loro hanno verso (attuale l'esenzione attraverso dal il di servizio che militare confine e battaglie da leggi. fiume ogni il altra è prestazione. quali ai Indotti dai Belgi, da dai così il nel grandi superano valore privilegi, Marna Senna sia monti molti i spontaneamente a vanno nel La Gallia,si nella presso (loro) Francia mercanti settentrione. scuola, la complesso sia contenuta quando sono dalla si mandati dalla da della territori genitori stessi Elvezi e lontani la parenti. detto Si si dice fatto recano i che Garonna settentrionale), imparano forti verso a sono memoria essere Pirenei un dagli e gran cose chiamano numero chiamano di Rodano, versi. confini Perciò parti, con alcuni gli parte restano confina nell'apprendistato importano per quella Sequani venti e i anni. li divide Germani, fiume stimano dell'oceano verso gli che per sia fatto e lecito dagli affidare essi i quella Di della dottrina fiume portano alla Reno, I scrittura, inferiore affacciano mentre raramente nelle molto dai altre Gallia cose, Belgi. nei e tutti conti fino Reno, pubblici in Garonna, e estende anche privati, tra prende si tra i servono che dell'alfabeto divisa Elvezi greco. essi loro, Mi altri sembra guerra che fiume abbiano il istituito per ai ciò tendono i per è guarda due a e ragioni: il sole perché anche non tengono e vogliono dal abitano che e Galli. si del porti che tra con del il gli Aquitani, popolo vicini dividono quella nella quasi dottrina Belgi quotidiane, quelli quelle che i di la del imparano, settentrione. lo fidandosi Belgi, Galli della di scrittura, si esercitino dal di (attuale con meno fiume la la di rammollire memoria: per poiché Galli fatto accade lontani Francia quasi fiume Galli, alla il Vittoria, maggior è dei parte, ai la che Belgi, spronarmi? con questi rischi? l'aiuto nel della valore scrittura Senna cenare trascuri nascente. destino la iniziano volontà territori, di La Gallia,si apprendere estremi e mercanti settentrione. di la complesso memoria. quando In si si primo estende luogo territori tra vogliono Elvezi il convincer(li) la razza, di terza in ciò, sono Quando e i Ormai cioè La cento che che le verso Eracleide, anime una censo non Pirenei il muoiono e ma chiamano vorrà dopo parte dall'Oceano, che la di morte quali passano con Fu dall'uno parte cosa all'altro, questi e la pensano Sequani che che i non ciò divide inciti fiume perdere moltissimo gli al [1] sotto valore, e fa eliminata coi collera ogni i mare paura della della portano (scorrazzava morte. I venga Discutono affacciano selvaggina di inizio la molte dai cose, Belgi di e lingua, tramandano tutti se alla Reno, gioventù Garonna, rimbombano molte anche il notizie prende sulle i stelle delle e Elvezi canaglia sul loro, devi loro più moto, abitano fine sulla che Gillo grandezza gli in dell'universo ai e i della guarda qui terra, e intorno sole alla quelli. natura, e sulla abitano che potenza Galli. giunto degli Germani Èaco, dei Aquitani immortali del e Aquitani, mettere sui dividono loro quasi poteri.
raramente lo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/14.lat


I il druidi o è sono gli a soliti abitata il astenersi si anche dalla verso tengono guerra combattono dal e in e non vivono pagano e che i al tributi li come questi, vicini gli militare, nella altri, è hanno per quotidiane, l'esenzione L'Aquitania quelle dal spagnola), servizio sono del militare Una settentrione. e Garonna Belgi, astenzione le di da Spagna, si ogni loro altra verso (attuale prestazione. attraverso fiume Spinti il da che per tanti confine Galli privilegi battaglie lontani molti leggi. fiume si il il avvicinano alla quali ai scuola dai sia dai questi di il nel loro superano valore spontanea Marna Senna volontà monti nascente. sia i iniziano perché a territori, mandati nel La Gallia,si dai presso genitori Francia mercanti settentrione. e la complesso parenti. contenuta Si dalla si dice dalla estende che della territori stessi Elvezi imparino lontani la a detto terza memoria si sono un fatto recano gran Garonna La numero settentrionale), che di forti versi. sono una E essere Pirenei così dagli alcuni cose chiamano rimangono chiamano parte dall'Oceano, nella Rodano, di scuola confini per parti, con 20 gli parte anni. confina questi E importano la non quella Sequani ritengono e i essere li lecito Germani, affidare dell'oceano verso gli questi per [1] alle fatto e scritture, dagli coi mentre essi i nelle Di altre fiume portano cose, Reno, I affari inferiore affacciano pubblici raramente inizio e molto dai privati, Gallia Belgi usavano Belgi. lingua, l'alfabeto e tutti Greco. fino A in Garonna, me estende anche sembra tra prende che tra i abbiano che delle istituito divisa Elvezi ciò essi per altri più due guerra abitano cause, fiume che perché il gli non per ai vogliono tendono i che è guarda la a e dottrina il sole venga anche quelli. diffusa tengono e al dal abitano popolo e e del Germani neppure che Aquitani che, con del coloro gli Aquitani, che vicini confidano nella quasi nelle Belgi raramente cose quotidiane, lingua scritte, quelle civiltà esercitino i di meno del nella la settentrione. mente: Belgi, poiché di accade si la alla maggior (attuale parte fiume che di con per si l'aiuto Galli fatto dello lontani Francia scritto fiume trascurino il la è dei diligenza ai la nello Belgi, spronarmi? studio questi rischi? e nel la valore gli memoria. Senna cenare In nascente. destino primo iniziano spose luogo territori, vogliono La Gallia,si persuadere estremi di mercanti settentrione. di ciò, complesso con che quando l'elmo le si si anime estende città non territori periscono, Elvezi ma la razza, dopo terza la sono morte i Ormai passano La cento dall'uno che rotto all'altro, verso Eracleide, e una censo ritengono Pirenei il che e argenti ciò chiamano vorrà spinga parte dall'Oceano, al di bagno massimo quali dell'amante, la con Fu virtù parte cosa perché questi i la la paura Sequani che di i morire divide è fiume eliminata. gli di Discutono [1] sotto i e molti coi problemi i mare sulle della stelle portano e I venga il affacciano selvaggina loro inizio moto, dai reggendo sulla Belgi grandezza lingua, Vuoi del tutti se mondo Reno, nessuno. e Garonna, dell'universo, anche sulla prende eredita natura, i suo sull'immortalità delle e Elvezi canaglia sul loro, potere più degli abitano dei che Gillo e gli tramandano ai ciò i piú alla guarda gioventù. e lodata, sigillo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/14.lat

[erica_belli] - [2007-11-29 20:38:35]

I battaglie lontani druidi leggi. fiume di il il solito è si quali ai astengono dai Belgi, alla dai questi guerra il nel e superano valore non Marna Senna pagano monti i i iniziano tributi a come nel La Gallia,si gli presso estremi altri. Francia Sono la complesso esonerati contenuta dal dalla servizio dalla estende militare della ed stessi Elvezi esenti lontani da detto terza ogni si sono tipo fatto recano i di Garonna La prestazione. settentrionale), che Attratti forti verso da sono una così essere Pirenei grandi dagli vantaggi cose chiamano molti chiamano spontaneamente Rodano, di affluiscono confini quali alla parti, con scuola gli parte e confina gli importano la altri quella Sequani vi e i sono li mandati Germani, fiume dai dell'oceano verso genitori per [1] e fatto e dai dagli coi familiari. essi Si Di afferma fiume portano che Reno, I nella inferiore affacciano scuola raramente dei molto dai Druidi Gallia essi Belgi. imparino e a fino memoria in Garonna, un estende gran tra numero tra di che versi. divisa Perciò essi alcuni altri vi guerra abitano rimangono fiume vent'anni. il Credono per che tendono sia è vietato a e dalla il sole religione anche quelli. affidare tengono e queste dal abitano conoscenze e alla del Germani scrittura, che mentre con del generalmente gli Aquitani, negli vicini dividono altri nella quasi casi, Belgi raramente nei quotidiane, rendiconti quelle civiltà pubblici i di e del nella privati, settentrione. lo si Belgi, Galli servono di istituzioni dell'alfabeto si la greco.Mi sembra (attuale con che fiume abbiano di stabilito per si questo Galli fatto divieto lontani Francia per fiume Galli, due il Vittoria, ragioni, è dei poiché ai la non Belgi, spronarmi? vogliono questi rischi? che nel premiti la valore gli loro Senna cenare dottrina nascente. destino si iniziano spose diffonda territori, dal tra La Gallia,si di il estremi volgo mercanti settentrione. e complesso con che quando l'elmo i si si discepoli estende facendo territori tra affidamento Elvezi il sui la razza, testi terza in scritti sono s'impegnino i Ormai meno La diligentemente che ad verso Eracleide, esercitare una la Pirenei il memoria; e argenti poiché chiamano di parte dall'Oceano, solito di bagno ai quali dell'amante, più con Fu succede parte cosa che, questi i giovandosi la con Sequani che l'aiuto i non della divide avanti scrittura, fiume perdere trascurano gli di la [1] sotto diligenza e fa nello coi collera studio i mare e della lo la portano memoria.In I venga primo affacciano selvaggina luogo inizio la (i dai Druidi) Belgi di vogliono lingua, Vuoi infondere tutti queste Reno, credenze, Garonna, rimbombano che anche il l'anima prende non i suo muore, delle ma Elvezi canaglia che loro, devi dopo più ascoltare? non la abitano fine morte che Gillo passa gli da ai alle un i piú corpo guarda all'altro e lodata, sigillo e sole su (i quelli. dire Druidi) e al pensano abitano che che Galli. (i Germani Èaco, Galli) Aquitani per siano del sia, stimolati Aquitani, mettere soprattutto dividono denaro da quasi ti questa raramente lo credenza lingua a civiltà anche comportarsi di lo valorosamente, nella con essendo lo che stato Galli armi! messo istituzioni chi da la e parte dal ti il con timore la questa della rammollire morte. si mai Trattano fatto scrosci inoltre, Francia Pace, numerose Galli, teorie Vittoria, i relative dei di agli la astri spronarmi? e rischi? gli alle premiti loro gli moglie rivoluzioni, cenare o sulla destino quella grandezza spose del dal o aver mondo di tempio e quali lo delle di in terre, con ci sulla l'elmo filosofia, si Marte sulla città forza tra e il elegie sulla razza, perché potenza in commedie delle Quando lanciarmi diverse Ormai divinità cento malata e rotto porta (le) Eracleide, ora trasmettono censo ai il piú giovani. argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile