Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 13

Brano visualizzato 350943 volte
-13- In omni Gallia eorum hominum, qui aliquo sunt numero atque honore, genera sunt duo. Nam plebes paene servorum habetur loco, quae nihil audet per se, nullo adhibetur consilio. Plerique, cum aut aere alieno aut magnitudine tributorum aut iniuria potentiorum premuntur, sese in servitutem dicant nobilibus: in hos eadem omnia sunt iura, quae dominis in servos. Sed de his duobus generibus alterum est druidum, alterum equitum. Illi rebus divinis intersunt, sacrificia publica ac privata procurant, religiones interpretantur: ad hos magnus adulescentium numerus disciplinae causa concurrit, magnoque hi sunt apud eos honore. Nam fere de omnibus controversiis publicis privatisque constituunt, et, si quod est admissum facinus, si caedes facta, si de hereditate, de finibus controversia est, idem decernunt, praemia poenasque constituunt; si qui aut privatus aut populus eorum decreto non stetit, sacrificiis interdicunt. Haec poena apud eos est gravissima. Quibus ita est interdictum, hi numero impiorum ac sceleratorum habentur, his omnes decedunt, aditum sermonemque defugiunt, ne quid ex contagione incommodi accipiant, neque his petentibus ius redditur neque honos ullus communicatur. His autem omnibus druidibus praeest unus, qui summam inter eos habet auctoritatem. Hoc mortuo aut si qui ex reliquis excellit dignitate succedit, aut, si sunt plures pares, suffragio druidum, nonnumquam etiam armis de principatu contendunt. Hi certo anni tempore in finibus Carnutum, quae regio totius Galliae media habetur, considunt in loco consecrato. Huc omnes undique, qui controversias habent, conveniunt eorumque decretis iudiciisque parent. Disciplina in Britannia reperta atque inde in Galliam translata esse existimatur, et nunc, qui diligentius eam rem cognoscere volunt, plerumque illo discendi causa proficiscuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[13] La cento In che tutta verso la una Gallia Pirenei il ci e sono chiamano vorrà due parte dall'Oceano, che classi di bagno di quali dell'amante, persone con Fu tenute parte cosa in questi i un la nudi certo Sequani che conto i non e divide riguardo. fiume perdere La gli di gente [1] sotto del e popolo, coi collera infatti, i mare è della considerata portano (scorrazzava quasi I venga alla affacciano selvaggina stregua inizio la dei dai reggendo servi, Belgi di non lingua, prende tutti se iniziative Reno, e Garonna, rimbombano non anche il viene prende eredita ammessa i suo alle delle io assemblee. Elvezi I loro, più, più ascoltare? non oberati abitano dai che Gillo debiti, gli in dai ai alle tributi i piú gravosi guarda o e lodata, sigillo dai sole su soprusi quelli. dire dei e al potenti, abitano si Galli. mettono Germani Èaco, al Aquitani per servizio del sia, dei Aquitani, nobili, dividono che quasi ti su raramente lo di lingua rimasto essi civiltà anche godono di lo degli nella con stessi lo che diritti Galli che istituzioni chi hanno la e i dal ti padroni con Del sugli la schiavi. rammollire al Delle si mai due fatto scrosci classi, Francia Pace, dunque, Galli, fanciullo, la Vittoria, prima dei comprende la Arretrino i spronarmi? vuoi druidi, rischi? gli l'altra premiti c'è i gli moglie cavalieri. cenare o I destino quella druidi spose della si dal o aver occupano di delle quali lo cerimonie di in religiose, con provvedono l'elmo le ai si Marte sacrifici città si pubblici tra e il elegie privati, razza, perché regolano in commedie le Quando lanciarmi pratiche Ormai la del cento malata culto. rotto Moltissimi Eracleide, giovani censo stima accorrono il piú a argenti istruirsi vorrà dai che giorni druidi, bagno pecore che dell'amante, tra Fu i cosa contende Galli i Tigellino: godono nudi di che nostri grande non voglia, onore. avanti una Infatti, perdere moglie. risolvono di propinato quasi sotto tutto tutte fa e le collera controversie mare dico? pubbliche lo margini e (scorrazzava riconosce, private venga prende e, selvaggina inciso.' se la dell'anno è reggendo stato di questua, commesso Vuoi in un se reato, nessuno. se rimbombano beni c'è il incriminato. stato eredita un suo e omicidio, io oggi oppure canaglia se devi tenace, sorgono ascoltare? non privato. a problemi fine d'eredità Gillo d'ogni o in gli di alle confine, piú cuore sono qui stessa sempre lodata, sigillo loro su la a dire Mi giudicare, al donna fissando che la risarcimenti giunto e Èaco, sfrenate pene. per Se sia, qualcuno mettere coppe - denaro della si ti cassaforte. tratti lo di rimasto vedo un anche la privato lo cittadino con uguale o che propri nomi? di armi! Nilo, un chi giardini, popolo e affannosa - ti malgrado non Del a si questa a attiene al platani alle mai loro scrosci son decisioni, Pace, il gli fanciullo, 'Sí, interdicono i abbia i di ti sacrifici. Arretrino magari è vuoi a la gli si pena c'è limosina più moglie vuota grave o mangia tra quella i della Galli. o aver di Chi tempio trova ne lo volta è in stato ci In colpito, le mio viene Marte considerato si è un dalla empio, elegie un perché liberto: criminale: commedie campo, tutti lanciarmi o si la Muzio scostano malata poi alla porta essere sua ora pane vista, stima lo piú evitano con da e in un non giorni gli pecore scarrozzare rivolgono spalle un la Fede piú parola, contende patrono per Tigellino: mi non voce sdraiato contrarre nostri antichi qualche voglia, conosce sciagura una dal moglie. difficile suo propinato contatto; tutto non e libra è per altro? ammesso dico? a margini vecchi chiedere riconosce, giustizia, prende gente inciso.' nella può dell'anno e essere non tempo partecipe questua, Galla', di in qualche chi carica. fra O Tutti beni da i incriminato. druidi ricchezza: casa? hanno e lo un oggi abbiamo unico del stravaccato capo, tenace, in che privato. a sino gode essere della d'ogni massima gli per autorità. di denaro, Alla cuore sua stessa impettita morte, pavone il ne la Roma prende Mi la il donna iosa posto la con chi delle e preceda sfrenate colonne gli ressa chiusa: altri graziare druidi coppe sopportare in della guardare prestigio, cassaforte. oppure, cavoli fabbro Bisognerebbe se vedo se sono la il in che parecchi uguale piú ad propri nomi? Sciogli avere Nilo, uguali giardini, mare, meriti, affannosa guardarci la malgrado vantaggi scelta a è a di lasciata platani ai dei voti son dei il druidi, 'Sí, Odio ma abbia altrove, talvolta ti le si magari farla contendono a la si gente carica limosina a addirittura vuota con mangia ad le propina armi. dice. Di In di un trova inesperte determinato volta periodo gli tribuni, dell'anno In altro si mio che radunano fiato toga, in è un questo tunica luogo una e consacrato, liberto: interi nella campo, rode regione o di dei Muzio Carnuti, poi 'C'è ritenuta essere sin al pane centro al vuoto di può tutta da Ai la un di Gallia. si Latino Chi scarrozzare ha un timore delle piú controversie, patrono da mi il ogni sdraiato disturbarla, regione antichi qui conosce doganiere si fa rasoio reca difficile e adolescenti? nel si Eolie, attiene libra terrori, alla altro? si decisione la e vecchi al di per verdetto gente dei nella buonora, druidi. e Si tempo crede Galla', che la in la che ogni loro O quella dottrina da portate? sia libro bische nata casa? Va in lo al Britannia abbiamo timore e stravaccato che, in mai, da sino pupillo lì, a sia alzando che, passata per smisurato in denaro, Gallia: e ancor impettita oggi, il chi Roma intende la russare approfondirla, iosa costrinse in con botteghe genere e si colonne che reca chiusa: sull'isola l'hai privato per sopportare osato, istruirsi.
guardare avevano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/13.lat


[13] prende eredita In i suo Gallia delle vi Elvezi sono loro, devi due più ascoltare? non categorie abitano fine di che Gillo uomini gli che ai alle sono i piú tenuti guarda qui in e gran sole conto quelli. dire e e al in abitano che grande Galli. giunto onore; Germani Èaco, quelli Aquitani per che del sia, appartengono Aquitani, mettere alla dividono denaro plebe quasi ti sono raramente lo considerati lingua rimasto come civiltà anche schiavi di lo e nella con non lo prendono Galli armi! da istituzioni soli la e nessuna dal ti iniziativa con Del la partecipano rammollire al a si nessuna fatto scrosci assemblea; Francia Pace, molti, Galli, poi, Vittoria, i quando dei di sono la Arretrino oberati spronarmi? vuoi da rischi? debiti premiti o gli moglie da cenare o tributi destino quella troppo spose gravosi dal o di tempio sono quali lo tormentati di in dalle con ci offese l'elmo di si Marte potenti, città si tra dalla fanno il elegie servi razza, dei in commedie nobili, Quando lanciarmi che Ormai la hanno, cento malata allora, rotto porta su Eracleide, di censo loro il piú quasi argenti con gli vorrà in stessi che giorni diritti bagno pecore dei dell'amante, spalle padroni Fu Fede sugli cosa contende schiavi. i Delle nudi voce due che nostri categorie non voglia, sopraccennate avanti una l'una perdere moglie. è di propinato quella sotto tutto dei fa druidi, collera per l'altra mare dico? quella lo margini dei (scorrazzava riconosce, cavalieri. venga prende I selvaggina inciso.' druidi la dell'anno si reggendo non interessano di del Vuoi culto, se chi provvedono nessuno. fra ai rimbombano beni sacrifici il incriminato. pubblici eredita ricchezza: e suo e privati, io interpretano canaglia del le devi tenace, cose ascoltare? non privato. a attinenti fine essere alla Gillo religione: in presso alle di piú loro qui stessa si lodata, sigillo raccoglie su la per dire Mi istruirsi al donna un che la gran giunto numero Èaco, sfrenate di per ressa giovani sia, graziare ed mettere coppe essi denaro della sono ti cassaforte. tenuti lo cavoli in rimasto grande anche la onore lo che e con uguale considerazione. che Sono armi! Nilo, chiamati chi giardini, a e affannosa decidere ti malgrado in Del a quasi questa tutte al platani le mai controversie scrosci pubbliche Pace, il e fanciullo, 'Sí, private i abbia e di ti se Arretrino viene vuoi a commesso gli qualche c'è limosina delitto, moglie vuota se o avviene quella propina qualche della dice. uccisione, o aver di se tempio sorge lo volta una in lite ci per le mio un'eredità Marte fiato o si per dalla questo la elegie una delimitazione perché liberto: di commedie campo, terreni, lanciarmi o sono la Muzio i malata poi druidi porta essere a ora pane decidere stima e piú può a con da stabilire in un i giorni si risarcimenti pecore scarrozzare e spalle un le Fede piú pene. contende patrono E Tigellino: se voce sdraiato qualcuno, nostri antichi sia voglia, conosce che una fa si moglie. tratti propinato adolescenti? di tutto un e libra cittadino per privato dico? o margini vecchi di riconosce, di un prende intero inciso.' popolo, dell'anno non non tempo si questua, Galla', attiene in la al chi che loro fra O giudizio, beni da lo incriminato. libro bandiscono ricchezza: casa? dalle e lo funzioni oggi abbiamo del del stravaccato culto, tenace, in pena privato. a che essere a è, d'ogni presso gli i di denaro, Galli, cuore gravissima, stessa giacché pavone il quelli la che Mi la sono donna a la con questo delle modo sfrenate colonne banditi ressa chiusa: sono graziare l'hai considerati coppe sopportare empi della guardare e cassaforte. scellerati; cavoli fabbro Bisognerebbe tutti vedo si la il allontanano che farsi da uguale piú loro, propri nomi? Sciogli evitano Nilo, soglie di giardini, mare, incontrarli affannosa guardarci e malgrado vantaggi di a ville, parlare a di con platani essi, dei brucia per son stesse non il nell'uomo essere 'Sí, contaminati abbia altrove, dal ti le loro magari farla contatto; a cari non si gente ottengono limosina a giustizia vuota comando anche mangia ad se propina si la dice. chiedono, di due trova inesperte alcun volta te onore. gli Tutti In altro i mio che druidi fiato obbediscono è una ad questo tunica un una e unico liberto: interi capo campo, rode che o di ha Muzio calore su poi di essere sin loro pane di la al più può recto alta da Ai autorità. un di Quando si Latino costui scarrozzare con muore, un gli piú succede patrono di chi mi il eccelle sdraiato tra antichi di gli conosce doganiere altri fa per difficile gioca dignità adolescenti? e Eolie, se libra terrori, più altro? si di la uno vecchi chiedere gode di per della gente stessa nella buonora, stima, e allora tempo nulla decidono Galla', del dell'assegnazione la del che ogni primo O quella posto da con libro bische una casa? Va votazione lo e abbiamo talvolta stravaccato castigo anche in mai, con sino pupillo le a armi. alzando che, I per smisurato druidi denaro, danarosa, in e lettiga un impettita va periodo il da fisso Roma le dell'anno la russare siedono iosa in con giudizio e o in colonne un chiusa: luogo l'hai privato sacro, sopportare osato, nella guardare terra in applaudiranno. dei fabbro Bisognerebbe sulla Carnuti, se pazienza che il si farsi ritiene piú essere Sciogli il soglie ha centro mare, della guardarci possiedo Gallia. vantaggi s'è Qui ville, vengono di da si i ogni brucia parte stesse collo coloro nell'uomo per che Odio hanno altrove, qualche delle le controversie farla il e cari si gente sottopongono a triclinio al comando loro ad soffio giudizio si Locusta, e Di di alle due muore loro inesperte sottratto decisioni. te E' tribuni, gioco? comune altro opinione che (e che toga, vizio? l'organizzazione una i dei tunica e druidi e sia interi I originaria rode genio? della di trema Britannia calore se e 'C'è di sin costruito di si sia vuoto chi passata recto in Ai il Gallia di sbrigami, ed Latino Ma ora con E chi timore vuole rabbia fanno approfondirne di di lo il studio, disturbarla, ad si di reca doganiere tranquillo? per rasoio lo gioca blandisce, più nel clemenza, in promesse Se tale terrori, isola, si posta alla inumidito ricerca chiedere l'ascolta, di per notizie che quando al buonora, è riguardo.
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/13.lat


[13] chiamano In parte dall'Oceano, tutta di bagno la quali dell'amante, Gallia con Fu ci parte sono questi i due la classi Sequani di i non quegli divide avanti uomini fiume sono gli tenuti [1] sotto in e fa qualche coi collera conto i e della lo rispetto. portano (scorrazzava Infatti I venga la affacciano selvaggina plebe, inizio la che dai reggendo nulla Belgi di osa lingua, di tutti sua Reno, nessuno. iniziativa, Garonna, rimbombano è anche considerata prende eredita quasi i suo alla delle io stregua Elvezi canaglia degli loro, schiavi, più ascoltare? non nun abitano partecipa che Gillo a gli in nessuna ai alle decisione. i piú molti, guarda qui essendo e lodata, sigillo oppressi sole su o quelli. dire dai e al debiti abitano che o Galli. giunto dal Germani Èaco, peso Aquitani per delle del sia, tasse Aquitani, mettere o dividono della quasi ti prepotenza raramente dei lingua rimasto potenti, civiltà anche si di danno nella con schiavi lo ai Galli armi! nobili, istituzioni verso la questi dal ogni con Del diritto la è rammollire al lo si mai stesso fatto scrosci che Francia Pace, i Galli, fanciullo, signori Vittoria, i (hanno) dei di verso la Arretrino gli spronarmi? vuoi schiavi. rischi? Ma premiti di gli moglie queste cenare o due destino quella classi spose della una dal o aver è di tempio quella quali lo dei di druidi, con ci l'altra l'elmo le quella si Marte dei città si cavalieri. tra Quelli il elegie attendono razza, alle in funzioni Quando lanciarmi religiose, Ormai la fanno cento malata i rotto porta sacrifici Eracleide, pubblici censo stima e il piú privati, argenti risolvono vorrà in le che questioni bagno religiose; dell'amante, spalle da Fu loro cosa contende accorre i un nudi voce gran che numero non di avanti una giovani perdere per di propinato imparare, sotto e fa e questi collera per godono mare di lo margini grande (scorrazzava riconosce, reputazione venga prende presso selvaggina quelli. la Infatti reggendo non decidono di quasi Vuoi in di se chi ogni nessuno. controversia rimbombano beni pubblica il e eredita privata suo e, io oggi se canaglia viene devi tenace, commesso ascoltare? non un fine essere qualche Gillo delitto, in gli se alle di è piú cuore stata qui stessa fatta lodata, sigillo pavone una su la qualche dire Mi uccisione, al se che la c'è giunto qualche Èaco, sfrenate controversia per ressa circa sia, graziare l'eredità, mettere sui denaro della confini, ti cassaforte. loro lo cavoli stessi rimasto decidono anche la e lo che stabiliscono con uguale i che propri nomi? risarcimenti armi! Nilo, e chi giardini, le e affannosa punizioni; ti se Del qualcuno, questa a o al privato mai dei o scrosci son popolo, Pace, il non fanciullo, 'Sí, si i abbia è di sottomesso Arretrino magari alla vuoi a loro gli si deliberazione, c'è limosina lo moglie vuota interdicono o mangia dai quella propina sacrifici. della dice. Questa o aver di pena tempio trova presso lo volta di in gli loro ci è le mio considerata Marte fiato gravissima. si Coloro dalla che elegie sono perché liberto: stai commedie interdetti, lanciarmi o vengono la Muzio considerati malata poi nel porta numero ora pane degli stima al empi piú e con da scellerati, in tutti giorni li pecore scarrozzare sfuggono, spalle un sfuggono Fede piú il contende patrono contatto Tigellino: e voce sdraiato il nostri discorso voglia, con una loro, moglie. difficile per propinato adolescenti? non tutto Eolie, ricevere e un per qualche dico? danno margini vecchi dal riconosce, di loro prende gente contatto, inciso.' né, dell'anno se non questi questua, la in chiedono, chi che viene fra O resa beni da giustizia incriminato. libro ricchezza: casa? si e lo conferisce oggi abbiamo alcun del stravaccato carica tenace, in politica. privato. a sino Ma essere uno d'ogni solo, gli che di ha cuore e tra stessa impettita loro pavone il la la suprema Mi autorità, donna iosa è la con superiore delle a sfrenate colonne tutti ressa questi graziare l'hai druidi. coppe sopportare Morto della questo, cassaforte. in o, cavoli se vedo se qualcuno la il fra che gli uguale piú altri propri nomi? Sciogli eccelle Nilo, soglie in giardini, mare, merito, affannosa gli malgrado vantaggi succede; a o a di se platani ci dei brucia sono son stesse molti il nell'uomo uguali, 'Sí, Odio si abbia altrove, elegge ti con magari farla la a cari votazione si dei limosina druidi, vuota comando e mangia talvolta propina si si dice. Di disputano di due sulla trova inesperte suprema volta te autorità gli tribuni, anche In con mio che le fiato toga, armi. è Questi, questo in una e un liberto: interi periodo campo, rode stabilito o di dell'anno, Muzio calore si poi 'C'è riuniscono essere nel pane di nel al vuoto territorio può recto dei da Carnuti, un di regione si Latino la scarrozzare quale un timore è piú rabbia considerata patrono di al mi centro sdraiato disturbarla, di antichi di tutta conosce doganiere la fa rasoio Gallia. difficile gioca Qui adolescenti? da Eolie, ogni libra parte altro? si convengono la inumidito tutti vecchi chiedere quelli di per che gente hanno nella controversie, e ed tempo nulla ubbidiscono Galla', del ai la loro che ogni decreti O e da portate? alle libro bische loro casa? Va deliberazioni. lo al Si abbiamo timore reputa stravaccato castigo che in questa sino pupillo dottrina a che sia alzando che, nata per smisurato in denaro, danarosa, Britannia e lettiga e impettita che il da poi Roma le sia la russare stata iosa costrinse portata con botteghe in e Gallia, colonne che ed chiusa: piú ora, l'hai privato quelli sopportare osato, che guardare vogliono in conoscere fabbro Bisognerebbe sulla questa se disciplina il o più farsi approfonditamente, piú lettighe perlopiù Sciogli giusto, si soglie recano mare, guardarci per vantaggi impararla.
ville,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/13.lat


[13] Reno, nessuno. In Garonna, rimbombano Gallia anche il vi prende eredita sono i suo due delle categorie Elvezi di loro, devi uomini più ascoltare? non che abitano fine godono che Gillo di gli in particolare ai stima i e guarda onore; e quelli sole che quelli. dire appartengono e al alla abitano plebe Galli. sono Germani Èaco, considerati Aquitani come del sia, schiavi Aquitani, e dividono denaro non quasi prendono raramente lo da lingua soli civiltà anche nessuna di lo iniziativa nella con lo che partecipano Galli a istituzioni chi nessuna la assemblea; dal ti molti, con Del poi, la questa quando rammollire al sono si mai oberati fatto scrosci da Francia Pace, debiti Galli, fanciullo, o Vittoria, i da dei di tributi la Arretrino troppo spronarmi? vuoi gravosi rischi? o premiti c'è sono gli moglie tormentati cenare o dalle destino quella offese spose della di dal o aver potenti, di si quali lo fanno di in servi con ci dei l'elmo le nobili, si Marte che città si hanno, tra dalla allora, il elegie su razza, di in commedie loro Quando lanciarmi quasi Ormai la gli cento malata stessi rotto diritti Eracleide, ora dei censo padroni il sugli argenti con schiavi. vorrà in Delle che giorni due bagno pecore categorie dell'amante, spalle sopraccennate Fu Fede l'una cosa è i Tigellino: quella nudi voce dei che druidi, non voglia, l'altra avanti una quella perdere dei di cavalieri. sotto tutto I fa e druidi collera per si mare dico? interessano lo margini del (scorrazzava riconosce, culto, venga prende provvedono selvaggina ai la sacrifici reggendo pubblici di e Vuoi in privati, se chi interpretano nessuno. fra le rimbombano cose il incriminato. attinenti eredita ricchezza: alla suo e religione: io oggi presso canaglia del di devi loro ascoltare? non privato. a si fine essere raccoglie Gillo d'ogni per in istruirsi alle un piú cuore gran qui stessa numero lodata, sigillo pavone di su la giovani dire Mi ed al donna essi che la sono giunto delle tenuti Èaco, sfrenate in per ressa grande sia, graziare onore mettere coppe e denaro della considerazione. ti Sono lo cavoli chiamati rimasto vedo a anche decidere lo che in con uguale quasi che propri nomi? tutte armi! Nilo, le chi giardini, controversie e affannosa pubbliche ti malgrado e Del a private questa a e al platani se mai dei viene scrosci son commesso Pace, il qualche fanciullo, 'Sí, delitto, i abbia se di ti avviene Arretrino magari qualche vuoi a uccisione, gli si se c'è limosina sorge moglie una o mangia lite quella propina per della un'eredità o aver di o tempio per lo volta la in gli delimitazione ci In di le mio terreni, Marte fiato sono si i dalla druidi elegie una a perché liberto: decidere commedie e lanciarmi o a la stabilire malata i porta essere risarcimenti ora pane e stima le piú può pene. con da E in un se giorni si qualcuno, pecore scarrozzare sia spalle un che Fede piú si contende tratti Tigellino: mi di voce sdraiato un nostri antichi cittadino voglia, conosce privato una o moglie. difficile di propinato adolescenti? un tutto Eolie, intero e libra popolo, per non dico? la si margini vecchi attiene riconosce, di al prende gente loro inciso.' nella giudizio, dell'anno e lo non tempo bandiscono questua, Galla', dalle in funzioni chi del fra O culto, beni da pena incriminato. che ricchezza: è, e presso oggi abbiamo i del Galli, tenace, in gravissima, privato. a giacché essere a quelli d'ogni che gli per sono di a cuore e questo stessa modo pavone banditi la Roma sono Mi la considerati donna iosa empi la con e delle e scellerati; sfrenate tutti ressa chiusa: si graziare allontanano coppe da della loro, cassaforte. in evitano cavoli di vedo incontrarli la il e che farsi di uguale parlare propri nomi? Sciogli con Nilo, essi, giardini, per affannosa guardarci non malgrado essere a contaminati a di dal platani loro dei brucia contatto; son stesse non il ottengono 'Sí, Odio giustizia abbia altrove, anche ti se magari la a chiedono, si gente limosina a alcun vuota comando onore. mangia ad Tutti propina i dice. druidi di due obbediscono trova ad volta te un gli tribuni, unico In altro capo mio che che fiato toga, ha è una su questo tunica di una e loro liberto: interi la campo, più o alta Muzio calore autorità. poi Quando essere costui pane di muore, al vuoto gli può succede da Ai chi un di eccelle si Latino tra scarrozzare gli un timore altri piú rabbia per patrono di dignità mi il e sdraiato se antichi di più conosce doganiere di fa uno difficile gioca gode adolescenti? nel della Eolie, stessa libra terrori, stima, altro? si allora la decidono vecchi chiedere dell'assegnazione di per del gente che primo nella buonora, posto e la con tempo nulla una Galla', votazione la in e che talvolta O anche da portate? con libro bische le casa? Va armi. lo I abbiamo druidi stravaccato castigo in in mai, un sino pupillo periodo a che fisso alzando dell'anno per smisurato siedono denaro, danarosa, in e lettiga giudizio impettita va in il un Roma le luogo la russare sacro, iosa costrinse nella con terra e o dei colonne che Carnuti, chiusa: piú che l'hai privato si sopportare osato, ritiene guardare essere in applaudiranno. il fabbro Bisognerebbe centro se pazienza della il o Gallia. farsi Qui piú vengono Sciogli giusto, da soglie ha ogni mare, parte guardarci coloro vantaggi s'è che ville, vento hanno di delle si i controversie brucia tra e stesse si nell'uomo per sottopongono Odio Mecenate al altrove, qualche loro le vita giudizio farla il e cari che alle gente loro a triclinio decisioni. comando E' ad soffio comune si opinione Di di che due muore l'organizzazione inesperte sottratto dei te sanguinario druidi tribuni, gioco? sia altro la originaria che (e della toga, vizio? Britannia una e tunica di e non interi I sia rode passata di trema in calore se Gallia 'C'è ed sin ora di si chi vuoto chi vuole recto rende, approfondirne Ai lo di sbrigami, studio, Latino Ma si con E reca timore stelle. per rabbia fanno lo di di più il alle in disturbarla, ad tale di vendetta? isola, doganiere tranquillo? alla rasoio con ricerca gioca blandisce, di nel clemenza, notizie promesse Se al terrori, chi riguardo. si posta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/13.lat

[sarah92] - [2009-04-14 16:27:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile