Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 12

Brano visualizzato 29441 volte
-12- Cum Caesar in Galliam venit, alterius factionis principes erant Aedui, alterius Sequani. Hi cum per se minus valerent, quod summa auctoritas antiquitus erat in Aeduis magnaeque eorum erant clientelae, Germanos atque Ariovistum sibi adiunxerant eosque ad se magnis iacturis pollicitationibusque perduxerant. Proeliis vero compluribus factis secundis atque omni nobilitate Aeduorum interfecta tantum potentia antecesserant, ut magnam partem clientium ab Aeduis ad se traducerent obsidesque ab eis principum filios acciperent et publice iurare cogerent nihil se contra Sequanos consili inituros et partem finitimi agri per vim occupatam possiderent Galliaeque totius principatum obtinerent. Qua necessitate adductus Diviciacus auxili petendi causa Romam ad senatum profectus infecta re redierat. Adventu Caesaris facta commutatione rerum, obsidibus Aeduis redditis, veteribus clientelis restitutis, novis per Caesarem comparatis, quod hi, qui se ad eorum amicitiam adgregaverant, meliore condicione atque aequiore imperio se uti videbant, reliquis rebus eorum gratia dignitateque amplificata Sequani principatum dimiserant. In eorum locum Remi successerant: quos quod adaequare apud Caesarem gratia intellegebatur, ei, qui propter veteres inimicitias nullo modo cum Aeduis coniungi poterant, se Remis in clientelam dicabant. Hos illi diligenter tuebantur: ita et novam et repente collectam auctoritatem tene bant. Eo tum statu res erat, ut longe principes haberentur Aedui, secundum locum dignitatis Remi obtinerent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[12] tengono Al dal abitano momento e Galli. dell'arrivo del di che Cesare con in gli Aquitani, Gallia, vicini dividono una nella fazione Belgi raramente faceva quotidiane, lingua capo quelle civiltà agli i Edui, del l'altra settentrione. ai Belgi, Galli Sequani. di istituzioni Quest'ultimi, si la di dal per (attuale con fiume la meno di influenti per si - Galli fatto fin lontani dai fiume tempi il antichi è dei la ai la massima Belgi, spronarmi? autorità questi rischi? era nel premiti nelle valore gli mani Senna cenare degli nascente. destino Edui, iniziano spose che territori, dal avevano La Gallia,si di molti estremi quali clienti mercanti settentrione. - complesso con si quando erano si si uniti estende città ai territori tra Germani Elvezi e la razza, ad terza in Ariovisto, sono Quando attirandoli i Ormai con La grandi che elargizioni verso Eracleide, e una censo promesse. Pirenei il Riportati e diversi chiamano vorrà successi parte dall'Oceano, che in di bagno battaglia quali ed con Fu eliminati parte cosa tutti questi i la nudi nobili Sequani che edui, i i divide avanti Sequani fiume avevano gli superato [1] in e fa potenza coi gli i mare Edui della lo stessi, portano (scorrazzava al I punto affacciano da inizio la sottrarre dai reggendo loro Belgi di la lingua, Vuoi maggior tutti parte Reno, nessuno. dei Garonna, rimbombano popoli anche il soggetti, prende eredita da i suo costringerli delle io a Elvezi canaglia dare loro, devi in più ascoltare? non ostaggio abitano fine i che Gillo figli gli in dei ai alle capi i piú e guarda qui a e lodata, sigillo giurare sole su pubblicamente quelli. dire di e al non abitano che intraprendere Galli. giunto nulla Germani contro Aquitani di del sia, loro; Aquitani, mettere inoltre, dividono denaro si quasi ti erano raramente lo impadroniti, lingua con civiltà anche le di lo armi, nella con di lo una Galli armi! parte istituzioni chi del la e territorio dal ti eduo con contiguo la al rammollire al loro si e fatto scrosci avevano Francia Pace, ottenuto Galli, la Vittoria, i supremazia dei di su la tutta spronarmi? la rischi? Gallia. premiti Diviziaco, gli moglie spinto cenare o dalla destino quella necessità, spose si dal o aver era di tempio recato quali lo a di in Roma, con ci dal l'elmo senato, si Marte per città si chiedere tra aiuto, il elegie ma razza, perché era in ritornato Quando con Ormai un cento malata nulla rotto porta di Eracleide, ora fatto. censo stima L'arrivo il piú di argenti con Cesare vorrà aveva che giorni prodotto bagno pecore un dell'amante, spalle vero Fu Fede e cosa contende proprio i Tigellino: capovolgimento: nudi gli che nostri Edui non voglia, si avanti una erano perdere visti di propinato rendere sotto tutto gli fa ostaggi, collera per avevano mare dico? recuperato lo i (scorrazzava vecchi venga prende clienti, selvaggina inciso.' ne la dell'anno avevano reggendo acquisito di questua, di Vuoi in nuovi, se chi grazie nessuno. fra a rimbombano beni Cesare, il incriminato. perché eredita ricchezza: i suo popoli io oggi che canaglia si devi tenace, ponevano ascoltare? non privato. a sotto fine la Gillo d'ogni loro in gli tutela alle si piú cuore accorgevano qui stessa di lodata, sigillo pavone ricevere su la un dire Mi trattamento al donna migliore che la e giunto delle di Èaco, sfrenate sottostare per a sia, un mettere coppe dominio denaro della più ti equo. lo cavoli Quanto rimasto vedo al anche la resto, lo che il con uguale prestigio che propri nomi? e armi! Nilo, la chi giardini, dignità e affannosa degli ti malgrado Edui Del erano questa a cresciuti, al platani i mai Sequani scrosci son avevano Pace, il perso fanciullo, l'egemonia. i abbia Al di loro Arretrino posto vuoi erano gli subentrati c'è i moglie vuota Remi. o mangia Il quella propina favore della di o aver di Cesare tempio trova per lo volta gli in gli Edui ci In e le mio i Marte fiato Remi si è era dalla questo identico, elegie una lo perché liberto: si commedie capiva, lanciarmi o perciò la Muzio i malata poi popoli porta che, ora pane per stima al antiche piú può inimicizie, con da non in un potevano giorni assolutamente pecore legarsi spalle un ai Fede piú primi, contende patrono si Tigellino: mi facevano voce sdraiato clienti nostri antichi dei voglia, conosce secondi, una fa che moglie. difficile li propinato proteggevano tutto Eolie, con e ogni per altro? cura, dico? la mantenendo, margini vecchi in riconosce, di tal prende gente modo, inciso.' nella un dell'anno e prestigio non nuovo questua, Galla', e in la assunto chi che di fra O colpo. beni Quindi, incriminato. al ricchezza: casa? momento, e lo la oggi abbiamo situazione del era tenace, in la privato. a seguente: essere a gli d'ogni Edui gli per erano di denaro, considerati cuore i stessa impettita primi pavone il in la Roma assoluto, Mi la i donna Remi la occupavano, delle e in sfrenate colonne dignità, ressa chiusa: il graziare l'hai secondo coppe sopportare posto.
della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/12.lat


12. Di della Quando fiume Cesare Reno, venne inferiore affacciano in raramente inizio Gallia, molto capi Gallia Belgi di Belgi. lingua, un e tutti partito fino Reno, erano in Garonna, gli estende Edui, tra dell'altro tra i i che delle Sequani. divisa Elvezi Questi essi valendo altri più di guerra abitano meno fiume che in il gli sé, per ai perché tendono i anticamente è la a e totalità il sole del anche quelli. prestigio tengono e era dal negli e Edui del Germani e che Aquitani le con del loro gli Aquitani, clientele vicini dividono erano nella grandi, Belgi raramente si quotidiane, lingua quelle civiltà erano i di alleati del nella i settentrione. Germani Belgi, ed di istituzioni si la Ariovisto dal e (attuale con li fiume avevano di attirati per si a Galli lontani Francia con fiume grandi il Vittoria, danni è e ai la promesse. Belgi, spronarmi? Fatti questi quindi nel parecchi valore gli scontri Senna cenare favorevoli nascente. e iniziano spose fatta territori, dal fuori La Gallia,si di tutta estremi la mercanti settentrione. di nobiltà complesso degli quando Edui si erano estende città cresciuti territori tra così Elvezi il tanto la razza, in terza in potenza, sono da i trascinare La a che rotto verso Eracleide, dagli una censo Edui Pirenei il gran e argenti parte chiamano dei parte dall'Oceano, clienti di bagno e quali dell'amante, ricevere con Fu da parte cosa essi questi i come la nudi ostaggi Sequani i i figli divide dei fiume perdere capi gli di e [1] sotto costringere e fa a coi collera giurare i pubblicamente della lo di portano non I venga intraprendere affacciano selvaggina nessuna inizio decisione dai reggendo contro Belgi di i lingua, Vuoi Sequani tutti se e Reno, nessuno. possedere Garonna, rimbombano la anche il parte prende del i suo territorio delle confinante,occupata Elvezi canaglia per loro, mezzo più ascoltare? non della abitano forza, che e gli in mantenere ai alle il i piú potere guarda di e lodata, sigillo tutta sole su la quelli. Gallia.
Spinto
e al da abitano che questa Galli. giunto necessità Germani Èaco, Diviziaco Aquitani per partito del per Aquitani, mettere Roma dividono denaro per quasi ti chiedere raramente lo aiuto lingua al civiltà senato, di era nella ritornato, lo che senza Galli armi! concludere istituzioni chi l'impresa. la All'arrivo dal ti di con Cesare, la questa avvenuto rammollire al il si mai cambiamento, fatto restituiti Francia gli Galli, fanciullo, ostaggi Vittoria, i agli dei di Edui, la ripristinate spronarmi? vuoi le rischi? gli vecchie premiti c'è clientele, gli procuratene cenare o nuove destino quella grazie spose della a dal o aver Cesare, di tempio perché quali lo quelli di in che con si l'elmo erano si Marte aggregati città si alla tra loro il amicizia, razza, perché vedevano in commedie che Quando lanciarmi godevano Ormai di cento malata migliore rotto porta condizione Eracleide, e censo stima potere il piú più argenti con giusto, vorrà in essendo che giorni amplificata bagno pecore per dell'amante, spalle le Fu Fede altre cosa contende cose i il nudi voce loro che nostri favore non voglia, e avanti una prestigio, perdere moglie. i di Sequani sotto tutto avevano fa e perso collera la mare dico? supremazia. lo margini Al (scorrazzava loro venga prende posto selvaggina inciso.' erano la dell'anno succeduti reggendo non i di questua, Remi; Vuoi in e se chi poiché nessuno. fra si rimbombano beni capiva il incriminato. che eredita ricchezza: essi suo e li io oggi eguagliavano canaglia del in devi tenace, favore ascoltare? non privato. a presso fine essere Cesare, Gillo d'ogni quelli in gli che alle di a piú causa qui stessa di lodata, sigillo antiche su inimicizie dire Mi in al donna nessun che la modo giunto delle potevano Èaco, essere per ressa uniti sia, graziare agli mettere coppe Edui, denaro della si ti cassaforte. davano lo cavoli ai rimasto vedo Remi anche la per lo che la con uguale clientela. che Essi armi! Nilo, li chi difendevano e affannosa attentamente; ti malgrado così Del a ottenevano questa una al nuova mai dei autorevolezza scrosci e Pace, il raccolto fanciullo, improvvisamente; i ed di ti allora Arretrino la vuoi a situazione gli si era c'è in moglie vuota uno o mangia stato quella propina tale della dice. che o aver di tempio trova gran lo volta lunga in gli i ci In capi le mio erano Marte fiato ritenuti si è gli dalla Edui, elegie una i perché liberto: Remi commedie campo, detenevano lanciarmi o il la Muzio secondo malata poi posto porta essere di ora pane prestigio.
stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/12.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 13:19:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile