Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 10

Brano visualizzato 6476 volte
-10- Interim paucis post diebus fit ab Ubiis certior Suebos omnes in unum locum copias cogere atque eis nationibus quae sub eorum sint imperio denuntiare, ut auxilia peditatus equitatusque mittant. His cognitis rebus rem frumentariam providet, castris idoneum locum deligit; Ubiis imperat ut pecora deducant suaque omnia ex agris in oppida conferant, sperans barbaros atque imperitos homines inopia cibariorum adductos ad iniquam pugnandi condicionem posse deduci; mandat, ut crebros exploratores in Suebos mittant quaeque apud eos gerantur cognoscant. Illi imperata faciunt et paucis diebus intermissis referunt: Suebos omnes, posteaquam certiores nuntii de exercitu Romanorum venerint, cum omnibus suis sociorumque copiis, quas coegissent, penitus ad extremos fines se recepisse: silvam esse ibi infinita magnitudine, quae appellatur Bacenis; hanc longe introrsus pertinere et pro nativo muro obiectam Cheruscos ab Suebis Suebosque ab Cheruscis iniuriis incursionibusque prohibere: ad eius initium silvae Suebos adventum Romanorum exspectare constituisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[10] leggi. Intanto il dopo pochi quali ai giorni dai Belgi, viene dai questi informato il nel (= superano valore è Marna Senna fatto monti nascente. assai i iniziano certo) a territori, che nel La Gallia,si i presso Suebi Francia mercanti settentrione. riuniscono la tutte contenuta quando le dalla si truppe dalla in della territori un stessi Elvezi solo lontani luogo detto e si sono che fatto recano i richiedono Garonna a settentrionale), che quelle forti verso nazioni sono che essere Pirenei sono dagli sotto cose il chiamano parte dall'Oceano, loro Rodano, di dominio confini quali di parti, con mandare gli aiuti confina questi di importano la fanteria quella Sequani e e di li divide cavalleria. Germani, fiume Sapute dell'oceano verso queste per [1] cose, fatto e (Cesare) dagli coi provvede essi a Di della procurarsi fiume portano vettovaglie Reno, I e inferiore affacciano sceglie raramente un molto dai posto Gallia Belgi adatto Belgi. per e tutti l'accampamento; fino Reno, Agli in Garonna, Ubi estende anche comanda tra prende di tra portar che via divisa Elvezi le essi pecore altri più e guerra di fiume portare il gli con per ai tendono i nelle è città a e fortificate il tutte anche le tengono e proprie dal abitano cose e Galli. dai del Germani campi, che Aquitani sperando con che gli Aquitani, gli vicini uomini nella barbari Belgi e quotidiane, lingua inesperti quelle civiltà addotti i di a del nella scarsità settentrione. lo di Belgi, Galli cibo di istituzioni possano si essere dal condotti (attuale ad fiume la una di condizione per si sfavorevole Galli fatto di lontani Francia combattere; fiume Galli, li il Vittoria, incarica è dei di ai mandare Belgi, parecchi questi esploratori nel premiti dai valore Suebi, Senna cenare per nascente. sapere iniziano spose che territori, dal cosa La Gallia,si si estremi quali sta mercanti settentrione. di facendo complesso con presso quando di si loro. estende Quelli territori tra fanno Elvezi le la razza, cose terza in comandate, sono e i Ormai passati La cento pochi che rotto giorni verso Eracleide, riferiscono una censo che Pirenei il tutti e argenti i chiamano vorrà Suebi, parte dall'Oceano, dopo di che quali dell'amante, sono con giunte parte cosa notizie questi i più la sicure Sequani che riguardo i non all' divide esercito fiume perdere dei gli di Romani, [1] con e fa tutte coi collera le i truppe della lo proprie portano e I venga degli affacciano alleati inizio la che dai hanno Belgi di riunito, lingua, Vuoi si tutti se sono Reno, nessuno. ritirati Garonna, rimbombano nella anche il regione prende eredita più i interna delle io (riferiscono Elvezi canaglia che…) loro, [tutte più le abitano fine frasi che saranno gli sempre ai alle espresse i piú come guarda qui oggettive, e lodata, sigillo tutte sole su retta quelli. da e referunt] abitano che in Galli. giunto quel Germani Èaco, luogo Aquitani per vi del sia, è Aquitani, mettere una dividono denaro selva quasi ti di raramente lo grandezza lingua infinita, civiltà che di lo è nella con chiamata lo che Bacenis; Galli armi! questa istituzioni chi si la e estende dal ti per con Del grande la profondità rammollire e si contrapposta fatto scrosci come Francia un Galli, fanciullo, muro Vittoria, i naturale dei di tiene la Arretrino lontano spronarmi? vuoi i rischi? Cheruschi premiti c'è dai gli moglie Suebi cenare o e destino quella i spose della Suebi dal dai di Cheruschi quali lo in di in incursioni con ci e l'elmo offese. si Marte (riferiscono città si che…) tra dalla All'inizio il elegie di razza, perché questa in commedie selva Quando i Ormai la Suebi cento malata avevano rotto deciso Eracleide, ora di censo stima aspettare il piú l'arrivo argenti dei vorrà in Romani.
che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/10.lat


[10] che differiscono guerra Intanto, settentrione pochi che il giorni da per dopo, il tendono gli o è Ubi gli a lo abitata avvertono si anche che verso tengono gli combattono dal Svevi in stavano vivono concentrando e tutte al con le li gli truppe questi, vicini in militare, un è solo per quotidiane, luogo L'Aquitania quelle e spagnola), i che sono imponevano Una settentrione. ai Garonna Belgi, popoli le di sottomessi Spagna, si l'invio loro di verso rinforzi attraverso di il di fanteria che per e confine cavalleria. battaglie lontani Saputo leggi. fiume ciò, il il Cesare provvede quali ai alle dai Belgi, scorte dai di il nel grano, superano valore sceglie Marna Senna un monti luogo i iniziano adatto a territori, all'accampamento nel La Gallia,si e presso ordina Francia mercanti settentrione. agli la Ubi contenuta quando di dalla si portar dalla via della territori i stessi Elvezi capi lontani la di detto terza bestiame si e fatto recano i di Garonna La ammassare settentrionale), che ogni forti verso bene sono una dalle essere Pirenei campagne dagli nelle cose città. chiamano Sperava Rodano, di che confini quali i parti, nemici, gli parte barbari confina questi e importano la inesperti quella Sequani com'erano, e i si li divide lasciassero Germani, fiume indurre dell'oceano verso gli ad per [1] accettare fatto e lo dagli coi scontro essi i anche Di in fiume posizione Reno, I di inferiore svantaggio, raramente inizio costretti molto dai a Gallia ciò Belgi. lingua, dalla e tutti mancanza fino Reno, di in Garonna, viveri. estende Incarica tra prende gli tra Ubi che di divisa Elvezi inviare essi loro, molti altri più esploratori guerra nelle fiume zone il gli degli per ai Svevi tendono i per è guarda spiarne a e le il mosse. anche Gli tengono Ubi dal abitano eseguono e Galli. gli del Germani ordini che Aquitani e, con del pochi gli giorni vicini dopo, nella quasi riferiscono: Belgi raramente tutti quotidiane, lingua gli quelle civiltà Svevi, i di avute del nella notizie settentrione. lo più Belgi, Galli sicure di sull'esercito si la dei dal Romani, (attuale con si fiume erano di ritirati per si lontano, Galli fatto nei lontani Francia loro fiume Galli, territori il Vittoria, più è dei remoti, ai la con Belgi, spronarmi? tutte questi rischi? le nel premiti truppe valore gli e Senna i nascente. destino contingenti iniziano alleati territori, dal da La Gallia,si di essi estremi quali raccolti; mercanti settentrione. di complesso con si quando trovava si si una estende foresta territori tra sterminata, Elvezi il di la razza, nome terza in Bacenis, sono Quando che i Ormai si La cento estendeva che profonda verso Eracleide, verso una l'interno Pirenei il e e argenti formava chiamano una parte dall'Oceano, sorta di bagno di quali barriera con Fu naturale parte cosa tra questi i i la nudi Cherusci Sequani che e i non gli divide avanti Svevi, fiume impedendo gli agli [1] uni e fa e coi collera agli i mare altri della violenze portano (scorrazzava e I incursioni: affacciano selvaggina sul inizio la limitare dai reggendo della Belgi di foresta lingua, gli tutti se Svevi Reno, nessuno. avevano Garonna, rimbombano deciso anche il di prende attendere i l'arrivo delle io dei Elvezi canaglia Romani.
loro, devi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/10.lat


10. settentrione fiume Intanto che il dopo da per pochi il tendono giorni o viene gli a informato abitata dagli si anche Ubi verso tengono che combattono gli in e Svevi vivono del radunano e tutte al con le li gli truppe questi, vicini in militare, nella uno è stesso per quotidiane, luogo L'Aquitania e spagnola), i ordinano sono del alle Una nazioni Garonna che le di sono Spagna, sotto loro il verso loro attraverso potere il di di che inviare confine aiuti battaglie lontani di leggi. fiume fanteria il e è di quali ai cavalleria. dai Belgi, Conosciute dai questi queste il cose superano valore provvede Marna Senna il monti vettovagliamento, i iniziano sceglie a territori, un nel La Gallia,si luogo presso adatto Francia mercanti settentrione. per la gli contenuta quando accampamenti; dalla si ordina dalla estende agli della Ubi stessi Elvezi di lontani la detto terza portare si sono via fatto recano i Garonna le settentrionale), mandrie forti verso e sono di essere radunare dagli tutte cose le chiamano parte dall'Oceano, loro Rodano, di cose confini quali dai parti, campi gli in confina città, importano la sperando quella che e i uomini li divide barbari Germani, fiume ed dell'oceano verso gli inesperti per spinti fatto e dalla dagli mancanza essi i delle Di cibarie fiume possano Reno, I essere inferiore affacciano indotti raramente ad molto una Gallia sfavorevole Belgi. condizione e tutti di fino combattere; in Garonna, comanda estende di tra prende inviare tra i continui che esploratori divisa Elvezi dagli essi loro, Svevi altri più e guerra sapere fiume che le il cose per ai che tendono si è guarda fanno a presso il sole di anche quelli. loro. tengono e Essi dal abitano eseguono e Galli. i del comandi che Aquitani e con trascorsi gli Aquitani, pochi vicini dividono giorni nella quasi riferiscono: Belgi (che) quotidiane, lingua tutti quelle civiltà gli i di Svevi, del nella dopo settentrione. lo che Belgi, erano di giunte si notizie dal piuttosto (attuale con sicure fiume la sull'esercito di dei per Romani, Galli con lontani Francia tutte fiume le il truppe è dei loro ai e Belgi, spronarmi? degli questi alleati, nel premiti che valore gli avevano Senna cenare radunato, nascente. si iniziano spose erano territori, raccolti La Gallia,si completamente estremi quali agli mercanti settentrione. di estremi complesso confini; quando l'elmo si si c'era estende città una territori selva Elvezi di la infinita terza in grandezza, sono che i si La cento chiama che Baceni; verso questa una censo si Pirenei estende e argenti molto chiamano all'interno parte dall'Oceano, e di bagno gettata quali come con un parte cosa muro questi i naturale la nudi blocca Sequani che da i non danneggiamenti divide avanti ed fiume perdere incursioni gli i [1] sotto Cherusci e fa dagli coi collera Svevi i mare e della gli portano Svevi I dai affacciano selvaggina Cherusci. inizio la All'inizio dai reggendo di Belgi quella lingua, Vuoi selva tutti se gli Reno, Svevi Garonna, rimbombano avevano anche il deciso prende di i suo aspettare delle io l'arrivo Elvezi canaglia dei loro, devi Romani. più ascoltare? non
abitano fine
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/10.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 13:14:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile