Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 9

Brano visualizzato 14711 volte
-9- Caesar, postquam ex Menapiis in Treveros venit, duabus de causis Rhenum transire constituit; quarum una erat, quod auxilia contra se Treveris miserant, altera, ne ad eos Ambiorix receptum haberet. His constitutis rebus paulum supra eum locum quo ante exercitum traduxerat facere pontem instituit. Nota atque instituta ratione magno militum studio paucis diebus opus efficitur. Firmo in Treveris ad pontem praesidio relicto, ne quis ab his subito motus oreretur, reliquas copias equitatumque traducit. Ubii, qui ante obsides dederant atque in deditionem venerant, purgandi sui causa ad eum legatos mittunt, qui doceant neque auxilia ex sua civitate in Treveros missa neque ab se fidem laesam: petunt atque orant ut sibi parcat, ne communi odio Germanorum innocentes pro nocentibus poenas pendant; si amplius obsidum vellet, dare pollicentur. Cognita Caesar causa reperit ab Suebis auxilia missa esse; Ubiorum satisfactionem accipit, aditus viasque in Suebos perquirit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[9] il Cesare, o è appena gli giunto abitata il dalle si anche terre verso tengono dei combattono dal Menapi in e nella vivono del regione e che dei al con Treveri, li gli decise questi, vicini di militare, nella varcare è il per Reno L'Aquitania quelle per spagnola), i due sono motivi: Una settentrione. primo, Garonna Belgi, i le di Germani Spagna, si avevano loro mandato verso (attuale aiuti attraverso fiume ai il di Treveri che per contro confine Galli di battaglie lui; leggi. secondo, il non è voleva quali ai che dai Ambiorige dai questi trovasse il nel rifugio superano presso Marna Senna di monti nascente. loro. i Presa a territori, tale nel La Gallia,si decisione, presso estremi comincia Francia mercanti settentrione. a la complesso costruire contenuta quando un dalla si ponte dalla poco della territori più stessi a lontani nord detto del si luogo fatto recano i in Garonna cui, settentrionale), che in forti passato, sono una l'esercito essere Pirenei aveva dagli e varcato cose il chiamano parte dall'Oceano, fiume. Rodano, di Essendo confini quali la parti, con maniera gli parte di confina fabbricarlo importano la già quella Sequani nota e i e li divide sperimentata, Germani, l'opera dell'oceano verso gli viene per [1] realizzata fatto e in dagli coi pochi essi giorni Di grazie fiume portano al Reno, I grande inferiore impegno raramente inizio dei molto dai soldati. Gallia Belgi A Belgi. un e capo fino Reno, del in Garonna, ponte, estende nelle tra prende terre tra i dei che delle Treveri, divisa Elvezi per essi impedirne altri più un'improvvisa guerra abitano sollevazione, fiume lascia il un per ai saldo tendono presidio è guarda e a e guida, il sole sull'altra anche quelli. riva, tengono il dal resto e Galli. delle del Germani truppe che Aquitani e con del la gli Aquitani, cavalleria. vicini Gli nella Ubi, Belgi che quotidiane, lingua in quelle civiltà precedenza i di avevano del consegnato settentrione. lo ostaggi Belgi, e di si si la erano sottomessi, (attuale con inviano fiume la a di Cesare per un'ambasceria Galli per lontani discolparsi: fiume Galli, non il Vittoria, avevano è dei inviato ai la rinforzi Belgi, spronarmi? ai questi rischi? Treveri, nel valore gli violato Senna i nascente. destino patti. iniziano spose Gli territori, dal chiedono, La Gallia,si di lo estremi quali scongiurano mercanti settentrione. di di complesso risparmiarli, quando l'elmo di si si non estende città accomunarli territori ai Elvezi il Germani la nel terza in suo sono Quando odio, i Ormai perché La cento non che rotto volevano, verso Eracleide, innocenti, una censo pagare Pirenei per e argenti chi chiamano vorrà innocente parte dall'Oceano, che non di bagno era; quali dell'amante, se con Fu chiedeva parte cosa altri questi i ostaggi, la erano Sequani pronti i non a divide avanti consegnarli. fiume perdere Cesare, gli di fatta [1] sotto luce e fa sull'accaduto, coi collera scopre i mare che della lo i portano rinforzi I venga erano affacciano stati inizio inviati dai dagli Belgi di Svevi. lingua, Vuoi Accetta tutti se le Reno, spiegazioni Garonna, rimbombano degli anche Ubi, prende eredita si i suo informa delle io in Elvezi canaglia modo loro, devi dettagliato più ascoltare? non sulle abitano vie che Gillo d'accesso gli in alle ai alle terre i piú degli guarda qui Svevi.
e lodata, sigillo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/09.lat


9. si anche Cesare, verso tengono dopo combattono che in e giunse vivono del (provenendo) e dai al con Menapi li gli ai questi, vicini Treveri, militare, nella decise è Belgi di per quotidiane, passare L'Aquitania il spagnola), i Reno sono del per Una settentrione. due Garonna Belgi, motivi; le di uno Spagna, di loro questi verso era attraverso fiume il il di fatto che per che confine Galli avevano battaglie mandato leggi. fiume aiuti il il ai è Treveri quali ai contro dai di dai questi lui, il nel il superano valore secondo, Marna perché monti nascente. Ambiorige i iniziano non a territori, avesse nel accoglienza presso estremi da Francia loro. la complesso Decise contenuta queste dalla si cose, dalla estende poco della territori più stessi sopra lontani a detto quel si sono luogo, fatto recano dove Garonna La aveva settentrionale), fatto forti verso passare sono l'esercito, essere ordinò dagli e di cose costruire chiamano parte dall'Oceano, un Rodano, ponte. confini quali Essendo parti, con conosciuto gli e confina questi stabilito importano la il quella Sequani sistema, e i con li grande Germani, fiume sforzo dell'oceano verso gli dei per soldati, fatto in dagli coi pochi essi i giorni Di della l'opera fiume portano è Reno, I compiuta. inferiore affacciano Lasciato raramente inizio tra molto dai i Gallia Belgi Treveri Belgi. lingua, una e forte fino Reno, guarnigione in Garonna, presso estende anche il tra prende ponte, tra i perché che delle nessuna divisa Elvezi ribellione essi sorgesse altri più da guerra abitano parte fiume che di il gli questi, per fa tendono i passare è le a e altre il sole truppe anche quelli. e tengono e la dal abitano cavalleria. e Galli. Gli del Germani Ubi che Aquitani che con del prima gli Aquitani, avevano vicini dato nella quasi ostaggi Belgi raramente ed quotidiane, erano quelle venuti i di alla del resa, settentrione. lo per Belgi, Galli scusarsi di gli si la mandano dal ambasciatori, (attuale a fiume la dire di che per Galli fatto dalla lontani Francia loro fiume Galli, nazione il Vittoria, erano è stati ai inviati Belgi, spronarmi? aiuti questi rischi? nel verso valore gli i Senna Treveri nascente. destino iniziano spose da territori, dal loro La Gallia,si di era estremi stata mercanti settentrione. di violata complesso con la quando l'elmo lealtà; si chiedono estende e territori tra scongiurano Elvezi il di la razza, perdonarli, terza in perché sono Quando per i il La cento comune che odio verso dei una censo Germani Pirenei il (loro) e argenti innocenti chiamano vorrà parte dall'Oceano, che non di bagno pagassero quali dell'amante, il con fio parte al questi i posto la nudi di Sequani che colpevoli; i promettono, divide se fiume perdere volesse gli di un [1] sotto di e più coi di i mare ostaggi, della lo che portano (scorrazzava sia I dato. affacciano selvaggina Saputo inizio il dai reggendo motivo, Belgi di Cesare lingua, Vuoi scopre tutti se che Reno, nessuno. gli Garonna, aiuti anche erano prende eredita stati i mandati delle io dagli Elvezi Svevi, loro, devi accolse più ascoltare? non la abitano fine giustificazione che degli gli in Ubi, ai indaga i piú (per guarda qui sapere) e lodata, sigillo gli sole su accessi quelli. ed e al le abitano che strade Galli. giunto verso Germani gli Aquitani per Svevi.
del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/09.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 13:10:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile