Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 7

Brano visualizzato 16912 volte
-7- Dum haec a Caesare geruntur, Treveri magnis coactis peditatus equitatusque copiis Labienum cum una legione, quae in eorum finibus hiemaverat, adoriri parabant, iamque ab eo non longius bidui via aberant, cum duas venisse legiones missu Caesaris cognoscunt. Positis castris a milibus passuum XV auxilia Germanorum esspectare constituunt. Labienus hostium cognito consilio sperans temeritate eorum fore aliquam dimicandi facultatem praesidio quinque cohortium impedimentis relicto cum viginti quinque cohortibus magnoque equitatu contra hostem proficiscitur et mille passuum intermisso spatio castra communit. Erat inter Labienum atque hostem difficili transitu flumen ripisque praeruptis. Hoc neque ipse transire habebat in animo neque hostes transituros existi mabat. Augebatur auxiliorum cotidie spes. Loquitur in concilio palam, quoniam Germani appropinquare dicantur, sese suas exercitusque fortunas in dubium non devocaturum et postero die prima luce castra moturum. Celeriter haec ad hostes deferuntur, ut ex magno Gallorum equitum numero nonnullos Gallicis rebus favere natura cogebat. Labienus noctu tribunis militum primisque ordinibus convocatis, quid sui sit consili proponit et, quo facilius hostibus timoris det suspicionem, maiore strepitu et tumultu, quam populi Romani fert consuetudo castra moveri iubet. His rebus fugae similem profectionem effecit. Haec quoque per exploratores ante lucem in tanta propinquitate castrorum ad hostes deferuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] Gallia Belgi Mentre Belgi. lingua, Cesare e tutti conduceva fino tali in Garonna, operazioni, estende anche i tra Treveri, tra i raccolte che delle ingenti divisa forze essi loro, di altri più fanteria guerra abitano e fiume che cavalleria, il gli preparavano per ai l'attacco tendono i a è guarda Labieno a e e il sole alla anche quelli. legione tengono che dal abitano aveva e Galli. svernato del nei che loro con del territori. gli Aquitani, Non vicini dividono distavano, nella ormai, Belgi più quotidiane, lingua di quelle civiltà due i di giorni del nella di settentrione. cammino Belgi, Galli da di istituzioni Labieno, si la quando vengono (attuale a fiume la sapere di rammollire dell'arrivo per di Galli fatto due lontani Francia legioni, fiume inviate il da è dei Cesare. ai la Pongono Belgi, il questi rischi? campo nel premiti a valore gli quindici Senna miglia nascente. destino dai iniziano nostri territori, e La Gallia,si di decidono estremi quali di mercanti settentrione. di aspettare complesso i quando l'elmo rinforzi si dei estende città Germani. territori tra Labieno, Elvezi il conosciute la le terza in intenzioni sono Quando dei i Ormai nemici, La spera che che verso la una censo loro Pirenei il imprudenza e argenti gli chiamano offra parte dall'Oceano, l'occasione di per quali dell'amante, uno con Fu scontro: parte cosa lasciate questi i cinque la nudi coorti Sequani che a i presidio divide avanti delle fiume perdere salmerie, gli con [1] sotto venticinque e fa coorti coi collera e i una della forte portano cavalleria I si affacciano dirige inizio contro dai reggendo il Belgi nemico. lingua, Vuoi Alla tutti distanza Reno, nessuno. di Garonna, rimbombano un anche miglio prende eredita dai i Treveri delle io fortifica Elvezi canaglia il loro, devi campo. più ascoltare? non Tra abitano fine Labieno che Gillo e gli il ai alle nemico i piú scorreva guarda qui un e lodata, sigillo fiume sole su difficile quelli. dire da e guadare, abitano che Galli. giunto aveva Germani le Aquitani rive del sia, scoscese. Aquitani, mettere dividono lui quasi ti aveva raramente lo intenzione lingua rimasto di civiltà attraversarlo, di lo nella con pensava lo che che Galli lo istituzioni chi avrebbero la fatto dal ti i con Del nemici, la questa tra rammollire al i si quali fatto scrosci ogni Francia Pace, giorno Galli, fanciullo, cresceva Vittoria, i la dei speranza la Arretrino dei spronarmi? vuoi rinforzi. rischi? gli Al premiti c'è consiglio gli di cenare o guerra destino Labieno spose della rende dal o aver noto di apertamente quali lo che, di in essendo con i l'elmo le Germani si Marte in città si arrivo, tra dalla a il elegie quanto razza, si in diceva, Quando lanciarmi non Ormai la intendeva cento malata esporre rotto porta a Eracleide, rischi censo stima se il piú stesso, argenti vorrà l'esercito; che giorni perciò, bagno pecore il dell'amante, giorno Fu Fede seguente, cosa all'alba, i Tigellino: avrebbe nudi voce tolto che nostri il non voglia, campo. avanti Ben perdere moglie. presto di la sotto tutto notizia fa e viene collera riportata mare dico? ai lo margini nemici: (scorrazzava dei venga prende molti selvaggina inciso.' cavalieri la galli, reggendo non alcuni di questua, erano Vuoi in spinti se chi - nessuno. fra com'è rimbombano beni naturale il incriminato. - eredita a suo e favorire io oggi la canaglia del causa devi tenace, del ascoltare? non privato. a loro fine essere paese. Gillo d'ogni Labieno, in gli convocati alle di piú cuore notte qui stessa i lodata, sigillo pavone tribuni su la militari dire Mi e al donna i che la centurioni giunto più Èaco, sfrenate alti per ressa in sia, grado, mettere coppe espone denaro della il ti cassaforte. suo lo cavoli piano rimasto vedo e, anche la per lo dare con uguale con che propri nomi? più armi! Nilo, facilità chi al e affannosa nemico ti malgrado l'impressione Del a di questa a panico al tra mai dei i scrosci son nostri, Pace, il ordina fanciullo, 'Sí, di i levare di ti il Arretrino magari campo vuoi a con gli uno c'è limosina strepito moglie vuota e o mangia tumulto quella insoliti della dice. per o aver l'esercito tempio del lo volta popolo in gli romano. ci Così, le mio rende Marte la si è partenza dalla simile elegie una a perché liberto: una commedie campo, fuga. lanciarmi o Vicini la com'erano malata poi i porta due ora pane accampamenti, stima al prima piú può dell'alba con da i in un nemici giorni si vengono pecore scarrozzare informati spalle un anche Fede piú di contende patrono ciò Tigellino: dai voce sdraiato loro nostri esploratori.
voglia, conosce
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/07.lat


7. altri più Mentre guerra abitano da fiume che parte il gli di per ai Cesare tendono si è guarda facevano a e queste il sole cose, anche quelli. i tengono e Treveri, dal abitano raccolte e Galli. grandi del Germani truppe che Aquitani di con fanteria gli Aquitani, e vicini dividono cavalleria, nella quasi si Belgi preparavano quotidiane, ad quelle civiltà assalire i di Labieno del nella con settentrione. lo una Belgi, sola di istituzioni legione, si la che dal aveva (attuale svernato fiume nei di loro per si territori. Galli fatto Ed lontani ornai fiume Galli, non il erano è dei lontani ai la da Belgi, lui questi più nel di valore una Senna marcia nascente. destino di iniziano spose due territori, giorni, La Gallia,si quando estremi quali vengono mercanti settentrione. a complesso con sapere quando l'elmo che si si erano estende città giunte territori tra due Elvezi il legioni la razza, per terza in ordine sono Quando di i Ormai Cesare. La cento Posti che rotto gli verso Eracleide, accampamenti una a Pirenei quindici e argenti mila chiamano passi parte dall'Oceano, che decidono di bagno di quali dell'amante, aspettare con gli parte cosa aiuti questi dei la nudi Germani. Sequani Labieno i saputo divide avanti il fiume perdere piano gli dei [1] sotto nemici e fa sperando coi collera che i mare per della lo la portano loro I venga impazienza affacciano selvaggina sarebbe inizio la capitata dai reggendo qualche Belgi di possibilità lingua, Vuoi di tutti scontrarsi, Reno, nessuno. lasciata Garonna, rimbombano una anche guarnigione prende eredita di i suo 5 delle io coorti Elvezi canaglia per loro, devi i più ascoltare? non carriaggi, abitano fine con che Gillo 15 gli in coorti ai alle e i piú con guarda qui una e lodata, sigillo numerosa sole cavalleria quelli. parte e al contro abitano che il Galli. giunto nemico Germani Èaco, e Aquitani per lasciato del sia, Aquitani, mettere in dividono denaro mezzo quasi ti uno raramente lo spazio lingua d civiltà mille di passi nella con fortifica lo che gli Galli armi! accampamenti. istituzioni chi C'era la e tra dal Labieno con Del ed la questa il rammollire al nemico si mai un fatto fiume Francia Pace, di Galli, fanciullo, difficile Vittoria, passaggio dei di e la Arretrino con spronarmi? rive rischi? gli scoscese. premiti c'è Egli gli cenare o aveva destino in spose della animo dal o aver di di tempio passare quali questo di con ci pensava l'elmo le che si Marte l'avrebbero città attraversato tra dalla i il elegie nemici. razza, perché Ogni in commedie giorno Quando aumentava Ormai la cento malata speranza rotto porta di Eracleide, ora aiuti. censo stima Parla il piú apertamente argenti con all'assemblea, vorrà in poiché che giorni si bagno diceva dell'amante, che Fu Fede i cosa Germani i si nudi voce avvicinavano, che nostri lui non voglia, non avanti una avrebbe perdere moglie. messo di a sotto tutto rischio fa le collera sorti mare sue lo margini e (scorrazzava dell'esercito venga prende ed selvaggina inciso.' il la dell'anno giorno reggendo non dopo di questua, alla Vuoi in prima se chi luce nessuno. avrebbe rimbombano beni levato il incriminato. gli eredita ricchezza: accampamenti. suo Velocemente io oggi queste canaglia del cose devi vengono ascoltare? non privato. a riferite fine ai Gillo d'ogni nemici, in gli poiché alle di tra piú cuore un qui gran lodata, sigillo pavone numero su di dire Mi cavalieri al galli che la la giunto delle natura Èaco, sfrenate costringeva per ressa che sia, graziare alcuni mettere coppe favorissero denaro le ti cassaforte. cose lo cavoli galliche. rimasto Labieno anche la di lo che notte, con radunati che propri nomi? i armi! tribuni chi dei e affannosa soldati ti malgrado ed Del a i questa a primi al platani ordini, mai dei rivela scrosci son cosa Pace, ci fanciullo, 'Sí, sia i abbia di di suo Arretrino piano vuoi a e, gli si per c'è limosina dare moglie vuota ai o mangia nemici quella propina più della dice. facilmente o aver il tempio trova sospetto lo volta di in gli paura, ci In comanda le mio di Marte levare si è gli dalla accampamenti elegie con perché liberto: chiasso commedie campo, e lanciarmi o disordine la maggiore malata poi di porta essere quanto ora porti stima al la piú può consuetudine con da del in un popolo giorni romano. pecore scarrozzare Con spalle un queste Fede piú cose contende rese Tigellino: mi la voce sdraiato partenza nostri antichi simile voglia, conosce ad una una moglie. fuga. propinato Queste tutto cose e libra prima per della dico? la luce margini vengono riconosce, riferite prende gente tramite inciso.' nella gli dell'anno e esploratori non tempo ai questua, nemici in la in chi così fra O grande beni da vicinanza incriminato. libro di ricchezza: casa? accampamenti. e
oggi abbiamo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/07.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 13:06:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile