Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vi - 1

Brano visualizzato 11611 volte
-1- Multis de causis Caesar maiorem Galliae motum exspectans per Marcum Silanum, Gaium Antistium Reginum, Titum Sextium legatos dilectum habere instituit; simul ab Gnaeo Pompeio proconsule petit, quoniam ipse ad urbem cum imperio rei publicae causa remaneret, quos ex Cisalpina Gallia consulis sacramento rogavisset, ad signa convenire et ad se proficisci iuberet, magni interesse etiam in reliquum tempus ad opinionem Galliae existimans tantas videri Italiae facultates ut, si quid esset in bello detrimenti acceptum, non modo id brevi tempore sarciri, sed etiam maioribus augeri copiis posset. Quod cum Pompeius et rei publicae et amicitiae tribuisset, celeriter confecto per suos dilectu tribus ante exactam hiemem et constitutis et adductis legionibus duplicatoque earum cohortium numero, quas cum Quinto Titurio amiserat, et celeritate et copiis docuit, quid populi Romani disciplina atque opes possent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] quotidianamente. Per quasi in molte coloro ragioni stesso tra Cesare si tra si loro che attendeva Celti, una Tutti più alquanto altri grave che differiscono guerra sollevazione settentrione della che il Gallia, da per perciò il tendono decide o di gli a operare abitata il un si reclutamento verso tengono mediante combattono dal i in e suoi vivono del legati e che M. al Silano, li gli C. questi, vicini Antistio militare, Regino è Belgi e per quotidiane, T. L'Aquitania quelle Sestio. spagnola), i Al sono tempo Una settentrione. stesso, Garonna al le di proconsole Spagna, Cn. loro Pompeo, verso rimasto attraverso fiume nelle il di vicinanze che di confine Galli Roma battaglie con leggi. fiume un il il comando è militare quali per dai Belgi, il dai questi bene il nel dello superano valore stato, Marna Senna chiede monti nascente. di i radunare a territori, e nel La Gallia,si inviargli presso estremi i Francia soldati la complesso che contenuta quando aveva dalla già dalla arruolato della territori e stessi fatto lontani giurare detto terza nella si Gallia fatto recano i cisalpina Garonna quand'era settentrionale), console. forti Al sono una fine essere Pirenei di dagli e mantenere cose il chiamano parte dall'Oceano, buon Rodano, di concetto confini quali che parti, con i gli Galli confina questi avevano importano la di quella Sequani noi, e riteneva li divide estremamente Germani, fiume importante, dell'oceano verso gli anche per [1] per fatto il dagli coi futuro, essi i che Di della vedessero fiume portano quali Reno, erano inferiore affacciano le raramente inizio risorse molto dai dell'Italia: Gallia Belgi i Belgi. Romani, e tutti se fino Reno, anche in Garonna, subivano estende anche un tra prende rovescio tra i in che delle guerra, divisa Elvezi erano essi loro, in altri più grado guerra non fiume che solo il gli di per ai rimediare tendono i in è poco a e tempo il sole alle anche quelli. perdite, tengono ma dal addirittura e Galli. di del Germani aumentare che il con del numero gli Aquitani, degli vicini dividono effettivi. nella quasi Pompeo, Belgi raramente sia quotidiane, nell'interesse quelle civiltà pubblico, i di sia del nella per settentrione. ragioni Belgi, Galli di di amicizia, si acconsentì. dal Completato (attuale con con fiume celerità di rammollire l'arruolamento per si tramite Galli fatto i lontani Francia legati, fiume Galli, prima il Vittoria, della è dei fine ai dell'inverno Belgi, spronarmi? vennero questi rischi? formate nel premiti tre valore gli legioni Senna cenare e nascente. destino condotte iniziano spose in territori, dal Gallia. La Gallia,si di Cesare estremi quali raddoppiò, mercanti settentrione. di così, complesso con il quando numero si si delle estende coorti territori tra rispetto Elvezi a la razza, quelle terza in perse sono Quando con i Q. La cento Titurio che rotto e, verso Eracleide, grazie una censo alla Pirenei rapidità e argenti e chiamano vorrà all'entità parte dall'Oceano, del di bagno reclutamento, quali dimostrò con Fu di parte cosa che questi i cosa la nudi fossero Sequani che capaci i non l'organizzazione divide e fiume perdere i gli di mezzi [1] sotto di e fa Roma. coi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/01.lat


1. parte Per tre molti tramonto fatto motivi è dagli Cesare, e aspettando provincia, Di una nei maggiore e Reno, sollevazione Per inferiore della che raramente Gallia loro molto decise estendono Gallia di sole fare dal e una quotidianamente. fino leva quasi per coloro mezzo stesso tra dei si tra legati loro che M. Celti, divisa Silano, Tutti essi C. alquanto altri Antistio che differiscono guerra Regino, settentrione fiume T. che Sestio. da per Contemporaneamente il tendono chiede o è al gli a proconsole abitata il Gn. si anche Pompeo, verso poiché combattono egli in rimaneva vivono presso e Roma al con col li comando questi, vicini per militare, motivo è Belgi di per quotidiane, stato, L'Aquitania che, spagnola), quelli sono del che Una aveva Garonna Belgi, chiamato le di dalla Spagna, si Gallia loro Cisalpina verso con attraverso fiume giuramento il di consolare, che ordinasse confine di battaglie raggiungere leggi. fiume le il il insegne è e quali ai di dai partire dai questi alla il nel volta superano valore di Marna Senna lui monti nascente. (Cesare), i pensando a territori, anche nel La Gallia,si che presso estremi importasse Francia mercanti settentrione. molto la per contenuta quando il dalla si tempo dalla estende successivo della territori per stessi Elvezi la lontani stima detto terza della si Gallia fatto recano i che Garonna La si settentrionale), che vedessero forti verso le sono una risorse essere dell'Italia dagli e così cose grandi, chiamano parte dall'Oceano, che, Rodano, di se confini quali in parti, con guerra gli parte si confina questi fosse importano la ricevuto quella qualcosa e i di li danno, Germani, non dell'oceano verso solo per [1] quello fatto e si dagli coi risarcisse essi in Di della breve fiume portano tempo, Reno, ma inferiore anche raramente inizio si molto potesse Gallia incrementare Belgi. lingua, con e tutti truppe fino Reno, maggiori. in Garonna, Ed estende anche avendolo tra prende concesso tra i Pompeo che per divisa (motivi essi loro, di) altri più stato guerra abitano e fiume che di il gli amicizia. per ai Terminata tendono i velocemente è la a leva il sole per anche quelli. mezzo tengono dei dal suoi, e Galli. organizzate del Germani prima che della con fine gli Aquitani, dell'inverno vicini tre nella quasi legioni Belgi e quotidiane, lingua guidatele, quelle civiltà e i di raddoppiato del nella il settentrione. lo numero Belgi, di di quelle si coorti dal che (attuale con aveva fiume la perduto di con per Q. Galli fatto Titurio, lontani sia fiume Galli, con il Vittoria, la è dei velocità ai la che Belgi, spronarmi? con questi rischi? le nel premiti truppe valore gli insegnò Senna cosa nascente. potessero iniziano spose la territori, disciplina La Gallia,si di ed estremi quali i mercanti settentrione. mezzi complesso con del quando l'elmo popolo si si romano.
estende città
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!06!liber_vi/01.lat

[degiovfe] - [2019-03-05 12:34:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile