Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 48

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 48

Brano visualizzato 13682 volte
-48- Caesar consilio eius probato, etsi opinione trium legionum deiectus ad duas redierat, tamen unum communis salutis auxilium in celeritate ponebat. Venit magnis itineribus in Nerviorum fines. Ibi ex captivis cognoscit, quae apud Ciceronem gerantur, quantoque in periculo res sit. Tum cuidam ex equitibus Gallis magnis praemiis persuadet uti ad Ciceronem epistolam deferat. Hanc Graecis conscriptam litteris mittit, ne intercepta epistola nostra ab hostibus consilia cognoscantur. Si adire non possit, monet ut tragulam cum epistola ad amentum deligata intra munitionem castrorum abiciat. In litteris scribit se cum legionibus profectum celeriter adfore; hortatur ut pristinam virtutem retineat. Gallus periculum veritus, ut erat praeceptum, tragulam mittit. Haec casu ad turrim adhaesit neque ab nostris biduo animadversa tertio die a quodam milite conspicitur, dempta ad Ciceronem defertur. Ille perlectam in conventu militum recitat maximaque omnes laetitia adficit. Tum fumi incendiorum procul videbantur; quae res omnem dubitationem adventus legionum expulit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[48] Una settentrione. Cesare Garonna Belgi, approvò le la Spagna, si decisione loro di verso (attuale Labieno attraverso fiume e, il di benché, che per così, confine caduta battaglie lontani la leggi. fiume speranza il di è contare quali su dai tre dai legioni, il dovesse superano valore accontentarsi Marna Senna di monti due, i iniziano continuava a territori, a nel La Gallia,si pensare presso estremi che Francia mercanti settentrione. l'unica la via contenuta quando di dalla salvezza dalla estende comune della territori consistesse stessi Elvezi nella lontani rapidità detto terza di si azione. fatto recano i A Garonna marce settentrionale), che forzate forti verso raggiunge sono la essere Pirenei regione dagli e dei cose chiamano Nervi. chiamano parte dall'Oceano, Qui, Rodano, dai confini prigionieri parti, con apprende gli parte che confina cosa importano la succede quella Sequani nel e i campo li divide di Germani, fiume Cicerone dell'oceano verso gli e per [1] come fatto e la dagli coi situazione essi i sia Di della critica. fiume portano Allora, Reno, I offrendogli inferiore un raramente forte molto compenso, Gallia persuade Belgi. lingua, uno e dei fino cavalieri in Garonna, galli estende anche a tra prende portare tra i a che Cicerone divisa Elvezi una essi lettera. altri più La guerra scrive fiume che in il gli greco, per ai per tendono i evitare è guarda che a e i il sole nemici, anche quelli. in tengono caso dal di e Galli. intercettazione, del Germani scoprissero che Aquitani i con del nostri gli Aquitani, piani. vicini dividono nella quasi ordine Belgi raramente al quotidiane, lingua Gallo, quelle se i non del fosse settentrione. riuscito Belgi, Galli a di istituzioni penetrare si nel campo (attuale con romano, fiume di di rammollire scagliare per si all'interno Galli fatto delle lontani Francia fortificazioni fiume una il Vittoria, tragula, è dei con ai la la Belgi, spronarmi? lettera questi rischi? legata nel premiti alla valore gli correggia. Senna cenare Nella nascente. destino missiva iniziano spose scrive territori, dal che La Gallia,si di era estremi quali già mercanti settentrione. in complesso con marcia quando l'elmo con si si le estende legioni territori e Elvezi il che la razza, presto terza sarebbe sono giunto; i Ormai esorta La cento Cicerone che a verso Eracleide, mostrarsi una censo all'altezza Pirenei dell'antico e valore. chiamano Il parte dall'Oceano, che Gallo, di bagno temendo quali dell'amante, il con Fu pericolo, parte cosa scaglia questi i la la tragula Sequani che secondo i non gli divide avanti ordini fiume perdere ricevuti. gli Il [1] caso e fa volle coi che i mare si della lo conficcasse portano (scorrazzava in I venga una affacciano selvaggina torre inizio la e dai reggendo che Belgi di per lingua, Vuoi due tutti giorni Reno, nessuno. i Garonna, rimbombano nostri anche il non prende eredita se i ne delle io accorgessero. Elvezi canaglia Il loro, devi terzo più ascoltare? non giorno abitano fine viene che Gillo notata gli in da ai un i piú soldato, guarda qui divelta e lodata, sigillo e sole consegnata quelli. a e al Cicerone. abitano Egli Galli. giunto legge Germani attentamente Aquitani per la del sia, missiva Aquitani, mettere e dividono denaro poi quasi ti ne raramente lo comunica lingua il civiltà contenuto di lo pubblicamente, nella con con lo che grande Galli gioia istituzioni chi di la e tutti. dal ti Al con Del tempo la stesso rammollire al si si mai scorgevano, fatto scrosci in Francia lontananza, Galli, fumi Vittoria, di dei di fuochi: la Arretrino ogni spronarmi? vuoi dubbio rischi? sull'arrivo premiti c'è delle gli legioni cenare venne destino quella fugato.
spose
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/48.lat


48. dal e Cesare, quotidianamente. fino approvata quasi in la coloro sua stesso tra decisione, si tra anche loro che se Celti, deluso Tutti dall'idea alquanto altri di che differiscono tre settentrione fiume legioni che era da ritornato il tendono a o è due, gli a tuttavia abitata il poneva si l'unico verso aiuto combattono dal della in comune vivono del salvezza e nella al con velocità. li gli questi, vicini Viene militare, a è marce per quotidiane, forzate L'Aquitania quelle nei spagnola), i territori sono del dei Una Nervi. Garonna Belgi, Qui le sa Spagna, si dai loro prigionieri verso quelle attraverso cose il di che che per avvengono confine presso battaglie lontani Cicerone leggi. fiume e il il in è quanto quali ai grave dai pericolo dai questi sia il nel la superano situazione. Marna Senna Allora monti nascente. persuade i uno a dei nel cavalieri presso estremi galli Francia mercanti settentrione. con la grandi contenuta premi,
che
dalla si porti dalla una della territori lettera stessi Elvezi a lontani la Cicerone. detto terza Manda si sono questa fatto recano scritta Garonna in settentrionale), alfabeto forti greco, sono perché, essere Pirenei intercettata dagli e la cose chiamano nostra chiamano parte dall'Oceano, lettera, Rodano, di i confini quali piani parti, con non gli fossero confina questi scoperti importano la dai quella Sequani nemici. e i Se li divide non Germani, potesse dell'oceano verso giungere, per [1] avverte fatto e di dagli coi lanciare essi un Di della giavellotto fiume con Reno, la inferiore affacciano lettera raramente inizio legata molto dai alla Gallia correggia Belgi. dentro e tutti le fino Reno, fortificazioni in degli estende anche accampamenti. tra Nella tra lettera che delle scrive divisa Elvezi che essi loro, partito altri più con guerra le fiume legioni il sarebbe per ai arrivato tendono velocemente; è guarda esorta a e che il sole mantenga anche quelli. l'antico tengono valore. dal Il e gallo del temendo che Aquitani il con del pericolo gli Aquitani, manda vicini la nella lettera Belgi raramente come quotidiane, era quelle stato i di ordinato. del Questa settentrione. lo per Belgi, Galli caso di istituzioni si si la infisse alla (attuale con torre fiume la e di non per si notata Galli fatto dai lontani nostri fiume Galli, per il Vittoria, due è dei giorni, ai la al Belgi, spronarmi? terzo questi giorno nel è valore gli vista Senna cenare da nascente. destino un iniziano spose soldato, territori, dal tolta La Gallia,si di è estremi quali portata mercanti settentrione. di a complesso Cicerone. quando Egli si si la estende città legge territori tra nell'assemblea Elvezi il dei la razza, soldati terza in ed sono una i Ormai grandissima La gioia che rotto prende verso Eracleide, tutti. una Allora Pirenei il si e vedevano chiamano vorrà attorno parte dall'Oceano, i di bagno fumi quali dell'amante, degli con incendi, parte cosa questo questi i fatto la nudi cacciò Sequani che ogni i dubbio divide dell'arrivo fiume perdere delle gli legioni.
[1] sotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/48.lat

[degiovfe] - [2019-03-03 19:05:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile